CILIC M. (CRO)
DJOKOVIC N. (SRB)
17:40
 
la-fuga-e-l-incidente-a-balerna-10-mesi-di-carcere
Le due auto dopo lo scontro dello scorso 19 aprile (RescueMedia archivio)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 min

Musica di Minusio, Concerto di gala

Ad aprire la manifestazione sarà la Minibanda Lago Maggiore
Mendrisiotto
15 min

Stabio fa gli auguri a Dolores Keller

Il sindaco Simone Castelletti ha fatto visita alla concittadina per le sue cento candeline
Ticino
23 min

Angelo Piritore e Alessandro Recalcati alla testa di Atio

Rinnovati la presidenza e il comitato dell’Associazione ticinese industria orologiera che raggruppa una quarantina di aziende
Mendrisiotto
32 min

Metalli preziosi, MKS e Pamp rafforzano la loro intesa

La gran parte dei dipendenti (200) saranno impiegati in Ticino. Confermato l’impegno a livello regionale
Luganese
40 min

Lugano, la Moncucco amplia il Consiglio d’amministrazione

Due nuovi membri nel Cda della Clinica Luganese: il dottor Jürg Beer (Kantonsspital Baden) e Bruno Guggisberg (Spital Simmental-Thun-Saanenland)
Bellinzonese
1 ora

Stalvedro, l’ex direttore dovrà andare in carcere sei mesi

Colpevole di aver sottratto un milione di franchi dalla cassaforte dell’area di servizio, è stato condannato a due anni e mezzo, in gran parte sospesi
Luganese
1 ora

Municipio Lugano: ‘Al Parco Saroli proporzionalità rispettata’

L’esecutivo ha fornito (alcune) risposte sui tafferugli dello scorso settembre, durante i quali la Polizia comunale ha usato proiettili di gomma
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisiotto, le vaccinazioni si spostano al Palapenz

La soluzione è provvisoria e durerà un mese. Dalla metà di gennaio il centro delle vaccinazioni tornerà a essere il Mercato Coperto di Mendrisio
Locarnese
1 ora

Viaggio a Betlemme con la Dante Alighieri

Concerto natalizio dei Vent Negru sabato alle 17 all’Oratorio San Giovanni Bosco per i soci dell’Associazione
Locarnese
1 ora

Brissago, chiusura del 500esimo

Discorsi ufficiali, targa commemorativa, musica, conferenza e una mostra curata dagli alunni delle scuole
Locarnese
2 ore

Richiesta tardiva, Berna non aiuta il ‘Cucciolo’ di Locarno

La sentenza del Taf conferma la decisione dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali. Per il nido una partenza non facile
Mendrisiotto
07.07.2021 - 15:500
Aggiornamento : 16:41

La fuga e l'incidente a Balerna, 10 mesi di carcere

Terza condanna per un 28enne italiano, già processato per furti di pneumatici ed espulso per 20 anni dalla Svizzera

L'espulsione di 20 anni dalla Svizzera non è servita come deterrente. E così, dopo le due condanne per furti di pneumatici datate aprile 2019 e aprile 2020, per un 28enne italiano è arrivata una nuova condanna a 10 mesi di detenzione per ripetuta violazione del bando, impedimento di atti dell'autorità e infrazione grave alle norme della circolazione stradale. Questi i principali reati, tutti ammessi, che stamattina lo hanno riportato in aula per i fatti del 19 aprile di quest'anno. Con un'auto noleggiata nel Luganese («mi serviva per cercare un lavoro stabile»), il 28enne stava scendendo da via Torraccia, a Novazzano, quando ha visto una vettura delle Guardie di confine, non si è fermato al posto di controllo e si è immesso sulla via Cereda di Balerna, tagliando la linea continua. Giunto all'altezza di via al Dosso, si è scontrato con un'altra vettura. I due conducenti hanno riportato ferite gravi: l'imputato si aiuta ancora con le stampelle per camminare. A pesare sulla terza condanna, interamente da espiare, sono stati i precedenti. «Non è stata la prima volta e la Corte ha dovuto tenerne conto – sono state le parole del giudice Siro Quadri, presidente della Corte delle Assise correzionali di Mendrisio –. Il bando è stato violato almeno 5 volte a poco tempo della seconda sentenza». Il giovane ha ammesso di aver continuato a varcare il confine «per vari motivi», come le visite ai genitori, ma «non per comprare droga: lo facevo in Italia perché costa meno».

Il precedente in Polizia

L'imputato, come detto, è noto alle forze dell'ordine. «Quando ho visto le luci blu ho rivisto gli agenti che sei mesi prima mi avevano picchiato», ha spiegato. Nel novembre 2019, al momento del suo secondo fermo, mentre si trovava in Gendarmeria a Chiasso il 28enne aveva cercato di scappare da una finestra. Nei confronti degli agenti che lo avrebbero picchiato è ancora pendente un procedimento per abuso d'autorità, lesioni semplici e vie di fatto. «È vero che avevo commesso un reato, ma non volevo ripetere questa brutta esperienza», ha dichiarato. «È stato preso dal panico – è stata la tesi dell'avvocato Giuseppe Gianella, che ha proposto una condanna a 6 mesi di detenzione –. Il motivo della fuga non è stato il volersi sottrarre a una sicura condanna per violazione del bando: ha visto il sorpasso della linea continua quale unica via d'uscita per evitare di essere nuovamente portato in Gendarmeria». Una tesi a cui la Corte ha creduto «solo parzialmente, perché comunque transitava dai valichi ed è venuto in Svizzera a noleggiare una vettura per cercare lavoro».

I momenti prima dell'incidente 

Parlando dei momenti che hanno preceduto lo scontro, il 28enne ha ricordato che «andavo a 60-70 all'ora (in quella zona il limite è di 50, ndr). Nella mia testa ho dato per scontato che l'altro automobilista, avendo lo stop, stesse fermo. Ma me lo sono trovato davanti di colpo e non ho avuto modo di reagire, se non cercando di scansare l'auto sulla sinistra». Chiedendo una condanna di 16 mesi da espiare, la Procuratrice pubblica Valentina Tuoni ha sostenuto che a causare l'incidente è stata «la distrazione dell'altro automobilista che, prima di immettersi, non ha riguardato verso la direzione da dove l'imputato stava arrivando». La Corte ha comunque riconosciuto una grave infrazione alle norme della circolazione nella svolta verso via Cereda. «Una manovra azzardata in pieno giorno, in una zona abitata, a velocità eccessiva e con la mente parzialmente distratta dall'eventuale agire delle Guardie di confine», ha concluso Quadri.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved