andare-in-bici-a-nolo-per-il-sottoceneri
Tutti in sella
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
9 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
9 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
10 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
10 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
10 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
10 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
11 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
11 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
11 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
12 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
12 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
12 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
14 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
26.05.2021 - 20:33
Aggiornamento : 20:51

Andare in bici (a nolo) per il Sottoceneri

Varata la rete di bike sharing di Mendrisiotto e Basso Ceresio, che conterà 45 stazioni. In sella potranno salire residenti, turisti e lavoratori

Per chi ama spingere sui pedali, a forza di muscoli o con un aiuto esterno (a watt), si amplia il raggio d'azione. A ben vedere, una volta in sella oggi è possibile persino andare in bici (e a nolo) da Chiasso a Rivera, collegando così l'intero Sottoceneri. Da queste parti le istituzioni locali, del resto, ci hanno creduto fortemente in questa mobilità alternativa. A tal punto da consegnare dopo tre anni di lavoro una rete di bike sharing - grazie a biciclette condivise - che unisce Mendrisiotto e Basso Ceresio e dialoga con Luganese e Riviera. Si è iniziato con 13 stazioni, ma procedendo a tappe entro la fine dell'anno i punti di noleggio saranno 45, mettendo a disposizione in tutto 270 bici, per una metà classiche e per una metà elettriche. Capofila tre Comuni - Chiasso, Mendrisio e Stabio -, a credere in questa operazione sono stati 14 enti locali (su 17), pronti a seguire la Commissione regionale dei trasporti (Crtm) in questo viaggio e a mettere mano al portafoglio. L'investimento globale (sull'arco di 4 anni) è di 2,6 milioni di franchi, ripartito in modo equo.

Mobilità: 'Dalle parole ai fatti'

Andrea Rigamonti, presidente della Crtm, non trattiene il suo orgoglio. Il momento, del resto, è di quelli importanti, perché si toccano con mano sforzi e sacrifici. «Qui - ribadisce -, la politica passa dalle parole ai fatti, soprattutto quando si dice che la mobilità è un tema prioritario. Infatti, i Comuni ci credono e investono, anche somme importanti». Il mezzo milione di franchi messo sul tavolo dal Cantone anche a vantaggio della regione ha stimolato la realtà locale; che potrà contare su un contributo di 427mila franchi. Gli alleati disposti a condividere questa esperienza, d'altro canto, non sono mancati. La rete ha trovato, in effetti, un partner in PubliBike, società oggi 'figlia' della Posta svizzera, che grazie al Mendrisiotto e Basso Ceresio vede raddoppiare la sua offerta in Ticino - che conta 100 postazioni e 700 bici - e issa la realtà ticinese al terzo posto in Svizzera (dopo Berna e Zurigo).

'Mendrisiotto e Basso Ceresio hanno pensato insieme'

Di fronte a palazzo civico a Chiasso, una fila di biciclette fa bella mostra di sé: sono già pronte all'uso. Sono la migliore testimonianza del progetto messo in campo. «La cosa che mi piace di più in tutto questo - riconosce Davide Lurati, municipale di Chiasso e vice presidente della Crtm - è che Mendrisiotto e Basso Ceresio hanno pensato insieme e ora ecco il risultato concreto. E non è l'unico esempio». Lurati ne sa qualcosa, lui che si è impegnato affinché in quattro anni si riuscisse in una impresa rincorsa da tempo: dare vita a un ente sportivo regionale. «Se vogliamo trovarci con un Distretto vincente, noi stretti fra Luganese e Lombardia - chiarisce ancora -, dobbiamo far sì che questa mentalità riesca a sfondare». Lurati parla di bici, confidando che chi fa resistenza all'aggregazione, qui a sud del cantone, intenda.

'È tempo di cambiare'

E chissà che le due ruote non riescano ad abbattere certe barriere. Di sicuro, spostandosi nell'Alto Mendrisiotto, si è «capito subito che si trattava di una carta vincente», chiarisce la vicesindaca di Mendrisio Francesca Luisoni. In Città alla fine saranno 20 le postazioni distribuite sul territorio: sul fondovalle soprattutto e nella Montagna. L'obiettivo, poi, è quello di diffondere la mobilità lenta. «Siamo convinti - sottolinea - che non bisogna accettare la soluzione più comoda, soprattutto ora che abbiamo attraversato cambiamenti forti occorre spingere al cambiamento». Questo, d'altra parte, è il momento, con il trasporto pubblico che è stato potenziato e l'offerta ampliata. Non a caso a Mendrisio, ricorda Luisoni, si sono create ciclopiste e posati semafori ad hoc per i ciclisti. La strada, insomma, è indicata, tanto per la popolazione locale che per i turisti.

'Confidiamo che anche le aziende apprezzino'

Stabio, tra i Comuni capofila, dal canto suo, strizza l'occhio anche al mondo delle imprese. «Abbiamo voluto questo progetto fin dall'inizio - conferma la municipale Katia Fabris -, proprio per dare un servizio migliore alla popolazione. Speriamo, però, che apprezzino pure le aziende. Anche i lavoratori potranno far capo alla rete di bike sharing per recarsi al posto di lavoro, coprendo l'ultimo chilometro in bici, una volta scesi dal treno alla stazione locale». L'intento è chiaro: togliere un po' di traffico veicolare dalle strade. E a quanto pare ditte e industrie non possono accampare scuse. PubliBike, fa sapere il portavoce della Posta Marco Scossa, ha messo a punto un label per i partner. Una iniziativa, annota, alla quale ad oggi «hanno aderito non meno di cento aziende». Il punto di partenza? Il portale web www.publibike.ch o l'App dedicata. E per farsi venire la voglia di pedalare basta aderire alla promozione in corso, che regala i primi 30 minuti di tragitto. 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basso ceresio bici bike sharing mendrisiotto mobilità stazioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved