nel-mendrisiotto-27-milioni-dedicati-alla-sostenibilita
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Locarnese, mai più ciclisti allo sbaraglio

Il PaLoc3 prevede per quest’anno la distribuzione di cartine (probabilmente in concomitanza con SlowUp) dedicate alla mobilità lenta
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, il Palio lancia l’appello: ‘mancano asinelli’

Quest’anno la manifestazione compie 40 anni ma ‘non si trovano esemplari con le caratteristiche giuste per partecipare’. A settembre un evento speciale
Mendrisiotto
4 ore

In mountain bike sul San Giorgio. Ma l’idea non piace a tutti

Da un anno il progetto è fermo. Tra la decina di opposizioni vi sono anche le censure di Pro Natura e della Stan
Luganese
4 ore

Melide entra nella videosorveglianza di Lugano

Sottoscritta una convenzione fra i due Comuni. L’accordo è provvisorio: l’adeguamento della base legale è in corso. Telecamere posate in primavera
Ticino
11 ore

Livelli e sperimentazione, domani il giorno del giudizio

Oggi in Gran Consiglio i gruppi hanno anticipato quanto andrà in scena con l’emendamento del governo: sarà tirata, con possibili sorprese
Luganese
12 ore

Parlamento dei giovani di Lugano, eppur qualcosa si muove

Inattivo dal 2017, giovedì quattro ‘aspiranti politici’ incontreranno la responsabile delle politiche giovanili: ‘Si sono proposti loro’
Bellinzonese
13 ore

A Castione idee alternative per la ciclopista intercantonale

Il co-fondatore dell’Amica, Fabrizio Falconi, nella propria opposizione suggerisce un tracciato più sicuro e l’inserimento di strutture per la popolazione
Luganese
13 ore

Bedano, Stella Maris in rete con la struttura di Mezzovico

Pronto il preventivo 2022 della casa per anziani consorziata. Piace la proposta di accogliere una ventina di utenti per i lavori in Al Vedeggio
Ticino
13 ore

‘La pianificazione ospedaliera non dipende dalla pandemia’

Il consigliere di Stato Raffaele De Rosa conferma il ruolino di marcia: entro la fine dell’estate arriverà il messaggio e per il 2023 i mandati
Ticino
14 ore

‘Carcere, nell’autunno 2023 l’apertura della sezione femminile’

Così Norman Gobbi in Gran Consiglio. Undici celle, di cui una per detenuta con bambino, per le donne in espiazione di pena o in esecuzione anticipata
Luganese
14 ore

Agno-Magliaso, nuotata popolare nella Festa nazionale

I due Comuni ripongono la traversata del golfo che diventa pure benefico con la collaborazione con Greenhope
Luganese
14 ore

Giovani indipendenti, ‘un contributo per tenerli a Lugano’

Il consigliere comunale leghista, Andrea Sanvido, propone in un’interrogazione versamenti di 2500 franchi una tantum
18.05.2021 - 12:290
Aggiornamento : 14:31

Nel Mendrisiotto 27 milioni dedicati alla sostenibilità

Presentato il piano di investimenti per opere di mobilità in grado di offrire anche nel Basso Ceresio 'vere alternative' agli spostamenti e al traffico privato

Mobilità coniugata con sostenibilità. Lo ha detto chiaro alla conferenza stampa tenutasi a Palazzo delle Orsoline a Bellinzona il direttore del Dipartimento del territorio Claudio Zali. Piatto forte un credito di quasi 15 milioni di franchi e l'autorizzazione a effettuare una spesa di oltre 27 per la realizzazione di diverse opere a favore del Mendrisiotto e del Basso Ceresio. E proprio il consigliere di Stato ha voluto aggiungere quel 'sostenibili' ai prossimi progetti «senza dimenticare quello che è stato fatto. Per questo – ha evidenziato Zali – la parola sostenibilità va declinata a 360° essendo questa una tappa che, alla fine, ci vuole tutti più virtuosi, offrendoci concrete alternative per i nostri spostamenti».

Dalla stazione di Mendrisio-San Martino, alla Mendrisio-Varese, passando dalle opere stradali per lo svincolo del capoluogo fino al nodo intermodale della stazione del Magnifico Borgo. Tutte opere, alcune concluse altre in divenire, di una più ampia pianificazione del territorio che non vuole dimenticare il comparto Valera e un altro interessante progetto come la rete di teleriscaldamento che a Mendrisio permetterà di allacciare anche 28 stabili del Cantone. Un credito, dunque, che il 'ministro' ha definito «di un certo rilievo, sostegno tangibile alla nostra economia e dove lo Stato, fungendo da committente, attraverso il contributo della Confederazione, crea un effetto leva negli investimenti».

'Un'iniezione di denaro e di fiducia'

Andrea Rigamonti, presidente della Commissione regionale dei trasporti del Mendrisiotto e Basso Ceresio, ha quindi parlato di "soddisfazione" per questo messaggio: «Un'iniezione di denaro anche pubblico nell'economia reale a favore delle imprese e dei posti di lavoro in un momento particolarmente necessario. Il Piano degli agglomerati diventa importante infatti laddove riesce a stimolare le regioni nell'intraprendere attività rivolte al trasporto pubblico e al trasporto cosiddetto dolce. Perché, per migliorare la mobilità, c'è bisogno soprattutto di opere. Un messaggio di cui ci rallegriamo soprattutto prevedendo opere che hanno il merito di facilitare la fruibilità dell'utenza, opere più che mai necessarie nella nostra regione così che il trasporto pubblico diventi un'alternativa valida al trasporto individuale».

Si è parlato poi di estensione della rete ciclabile e dell'installazione a breve di stazioni di bike sharing per una portata di 230 biciclette: «Sta qui la sinergia! Se il Cantone realizza opere – ha spiegato il presidente – i comuni e la nostra commissione sono chiamati a implementare le diverse reti con sinergie e visioni d'insieme a favore di un territorio che vuole tornare a essere fruibile. Pensiamo alla realizzazione dell'ascensore inclinato dalla stazione di Balerna verso il paese che permetterà un ampio collegamento al trasporto pubblico su gomma e su ferro, il collegamento con le piste ciclabili e naturale fra i parchi. Un messaggio perciò che ci soddisfa e che permette di costruire per il nostro territorio una visione comune dove le opere dialogano fra di loro. C'è ancora tanto da lavorare, ma è questo un ottimo passo nella giusta direzione».

Tre tipologie di mobilità in un messaggio

Un messaggio che raggruppa, come illustrato da Diego Rodoni, capo dell'Area operativa del Sottoceneri, «tutte le tipologie di mobilità, dal trasporto pubblico alla mobilità privata alla mobilità lenta. Siamo ormai alla terza generazione, e a fronte di contributi per 40 milioni di franchi, Cantone e comuni negli anni hanno investito fra i 100 e i 120 milioni. Non è la tappa finale ma è un buon investimento, un ulteriore passo verso quanto previsto nell'ultimo Piano di agglomerato. E se per il Mendrisiotto si è decisa una pausa per l'avvio della quarta generazione, vedremo se nel prossimo futuro potremo pensare già a una quinta. Resta il fatto che con questo nuovo credito si continui nell'obiettivo di dare continuità al processo di realizzazione di opere infrastrutturali nell'agglomerato del Mendrisiotto e Basso Ceresio». 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved