linea-como-lecco-pendolari-sulle-barricate-un-opera-utile
La questione resta aperta (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
3 ore

A caccia di Pfos nella falda idrica. Fuori norma? Il Prà Tiro

Tracce dei composti della famiglia delle sostanze perfluoroalchiliche emerse nel 19% dei campioni nel cantone. A Chiasso si continua a investigare
Ticino
3 ore

Scuola, superamento dei livelli: l’emendamento domani in governo

Giorni cruciali per il destino della sperimentazione proposta dal Decs dopo il rapporto sulla consultazione. La politica discute. Il Ppd apre la porta
Locarnese
3 ore

Il (nuovo) Fevi pubblico-privato e l’ente autonomo Eventi

Grandi manovre attorno alla futura struttura, che sarà ricostruita e gestita in rete assieme agli altri spazi per il segmento congressuale (e non solo)
Bellinzonese
10 ore

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
11 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
12 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
13 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
13 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
13 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
13 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
14 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
15.03.2021 - 17:300
Aggiornamento : 19:06

Linea Como-Lecco, pendolari sulle barricate: 'Un'opera utile'

Le associazioni degli utenti sui due lati del confine reagiscono alle voci critiche sull'elettrificazione della tratta

L'unione fa la forza, si dice. E i pendolari sui due lati del confine hanno deciso di serrare i ranghi in difesa della linea Como-Lecco. O meglio del progetto di elettrificazione e potenziamento che darebbe modo a Tilo (peraltro a metà svizzera, a metà italiana) di ampliare la sua rete a favore del trasporto pubblico in una zona dalla quale provengono parecchi lavoratori frontalieri. Sin qui per il dossier è stato un percorso a ostacoli, alla ricerca dei fondi necessari - circa 80 milioni di euro - per concretizzare l'opera. Ora che sembrava aprirsi uno spiraglio da parte di Rfi, Rete ferroviaria italiana, e che da questa parte del valico, dalle autorità elvetiche - a livello federale e cantonale -, è giunto - nero su bianco - un interesse dichiarato, dall'altra parte salgono voci critiche. Elettrificare la linea? Un'operazione inutile, è rimbalzato dai media comaschi. A questo punto tanto l'Astuti, l'Associazione ticinese degli utenti del trasporto pubblico, che gli Utenti del trasporto pubblico (Utp-Lombardia) e il Comitato pendolari Como-Lecco non ce l'hanno fatta a stare zitti e hanno firmato una nota congiunta per ribattere, argomento su argomento, ai contrari.

Quei 37 chilometri da elettrificare

L'oggetto del contendere sono quei 37 chilometri fra Albate-Camerlata e Lecco che, nei piani, andrebbero elettrificati per restituire un servizio efficiente a un bacino di 250mila persone. E qui sta la questione: il progetto, rendono attenti le tre associazioni, porta con sé anche il miglioramento dell'infrastruttura, a tutto vantaggio, richiamano, dell'accessibilità delle stazioni e dell'efficacia della circolazione ferroviaria. In effetti, ricordano i portavoce degli utenti, questa operazione rappresenta un reale passo avanti per i viaggiatori e non certo per il traffico merci, come lasciano intendere i critici. "Non c'è menzogna più grande", rintuzzano all'indirizzo dei contrari. Anche perché, si spiega nella nota, i treni merci provenienti dalla Svizzera e diretti allo scalo di Lecco Maggianico "oggi percorrono già l'itinerario migliore, cioè via Seregno-Carnate, passando dalla galleria del Monte Olimpino 2 (saltando quindi Como)". Seguire l'altra direttrice metterebbe in seria difficoltà i convogli, assicurano.

E la tipologia dei treni

Un altro nodo è determinato dalla tipologia dei treni utilizzati. Stando agli scettici meglio orientarsi verso treni bimodali o a idrogeno, per le tre associazioni, invece, non c'è che l'elettrificazione per rendere attrattivo il collegamento. Del resto, si fa memoria, "l'approccio di estensione dei servizi Tilo è quello economicamente più sostenibile perché, con pochi treni in più (2 o 3), è possibile raggiungere Erba e Molteno (o Lecco, con la fase 2), collegandole direttamente a tutto il Ticino e non solo al basso Mendrisiotto". Ciò significherebbe, si ribadisce, ottenere "il prolungamento delle linee suburbane e RegioExpress dal Ticino con pochi treni in più e più sostenibili per l'impresa ferroviaria. Al contrario, senza elettrificazione per avere lo stesso servizio occorre un acquisto di molti più treni ibridi, costi di gestione più alti e ostacoli burocratici".

D'altro canto, tirano le somme i rappresentanti dei pendolari, ciò che conta è poter fare riferimento su "un servizio diretto, veloce e frequente da Erba e Lecco a tutto il Canton Ticino". L'impressione, però, è che il 'viaggio' verso la realizzazione del progetto sia ancora lungo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved