ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
34 min

Conferenza sulla ‘casa che vogliamo’ allo Spazio Elle

Relatori di rilievo all’incontro gratuito previsto martedì 27 settembre dalle 20.30 a Locarno
Ticino
1 ora

Opere di urbanizzazione generale, ‘ampliare margine dei Comuni’

Iniziativa di Pini (Plr), Buzzini (Lega) e Franscella (Centro): aumentare la forchetta della quota a carico dei proprietari, minimo 10% invece che 30%
Mendrisiotto
1 ora

Chiasso, l’English Film Club torna con quattro pellicole

La nuova stagione debutta il 6 ottobre al Cinema Excelsior. Cambia il giorno delle proiezioni, previste il giovedì alle 18.15
Luganese
1 ora

Circolo di Lugano Est, Fabrizio Demarchi eletto giudice di pace

Con oltre mille preferenze in più rispetto allo sfidante, Giuseppe Aostalli-Adamini, ha ottenuto complessivamente 2’647 voti
Luganese
2 ore

Luce verde all’Istituto scolastico di Vernate e Neggio

I Consigli comunali hanno approvato il credito di costruzione per l’edificazione delle nuove scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
3 ore

Tilo e arredo stradale, Minusio evita (almeno) il pasticcio

Con l’82,3% di “sì” la popolazione non cade nel tranello di bocciare l’unico credito referendabile, che non riguarda direttamente la fermata Ffs
Grigioni
5 ore

San Vittore, 2 votanti su 3 approvano il credito per la scuola

Passa alle urne l’investimento di 7,1 milioni. A Mesocco ratificata la pianificazione di Pian Doss. A Poschiavo confermato podestà Giovanni Jochum
Luganese
23 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
23 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
1 gior

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
1 gior

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
15.03.2021 - 17:30
Aggiornamento: 19:06

Linea Como-Lecco, pendolari sulle barricate: 'Un'opera utile'

Le associazioni degli utenti sui due lati del confine reagiscono alle voci critiche sull'elettrificazione della tratta

linea-como-lecco-pendolari-sulle-barricate-un-opera-utile
La questione resta aperta (Ti-Press)

L'unione fa la forza, si dice. E i pendolari sui due lati del confine hanno deciso di serrare i ranghi in difesa della linea Como-Lecco. O meglio del progetto di elettrificazione e potenziamento che darebbe modo a Tilo (peraltro a metà svizzera, a metà italiana) di ampliare la sua rete a favore del trasporto pubblico in una zona dalla quale provengono parecchi lavoratori frontalieri. Sin qui per il dossier è stato un percorso a ostacoli, alla ricerca dei fondi necessari - circa 80 milioni di euro - per concretizzare l'opera. Ora che sembrava aprirsi uno spiraglio da parte di Rfi, Rete ferroviaria italiana, e che da questa parte del valico, dalle autorità elvetiche - a livello federale e cantonale -, è giunto - nero su bianco - un interesse dichiarato, dall'altra parte salgono voci critiche. Elettrificare la linea? Un'operazione inutile, è rimbalzato dai media comaschi. A questo punto tanto l'Astuti, l'Associazione ticinese degli utenti del trasporto pubblico, che gli Utenti del trasporto pubblico (Utp-Lombardia) e il Comitato pendolari Como-Lecco non ce l'hanno fatta a stare zitti e hanno firmato una nota congiunta per ribattere, argomento su argomento, ai contrari.

Quei 37 chilometri da elettrificare

L'oggetto del contendere sono quei 37 chilometri fra Albate-Camerlata e Lecco che, nei piani, andrebbero elettrificati per restituire un servizio efficiente a un bacino di 250mila persone. E qui sta la questione: il progetto, rendono attenti le tre associazioni, porta con sé anche il miglioramento dell'infrastruttura, a tutto vantaggio, richiamano, dell'accessibilità delle stazioni e dell'efficacia della circolazione ferroviaria. In effetti, ricordano i portavoce degli utenti, questa operazione rappresenta un reale passo avanti per i viaggiatori e non certo per il traffico merci, come lasciano intendere i critici. "Non c'è menzogna più grande", rintuzzano all'indirizzo dei contrari. Anche perché, si spiega nella nota, i treni merci provenienti dalla Svizzera e diretti allo scalo di Lecco Maggianico "oggi percorrono già l'itinerario migliore, cioè via Seregno-Carnate, passando dalla galleria del Monte Olimpino 2 (saltando quindi Como)". Seguire l'altra direttrice metterebbe in seria difficoltà i convogli, assicurano.

E la tipologia dei treni

Un altro nodo è determinato dalla tipologia dei treni utilizzati. Stando agli scettici meglio orientarsi verso treni bimodali o a idrogeno, per le tre associazioni, invece, non c'è che l'elettrificazione per rendere attrattivo il collegamento. Del resto, si fa memoria, "l'approccio di estensione dei servizi Tilo è quello economicamente più sostenibile perché, con pochi treni in più (2 o 3), è possibile raggiungere Erba e Molteno (o Lecco, con la fase 2), collegandole direttamente a tutto il Ticino e non solo al basso Mendrisiotto". Ciò significherebbe, si ribadisce, ottenere "il prolungamento delle linee suburbane e RegioExpress dal Ticino con pochi treni in più e più sostenibili per l'impresa ferroviaria. Al contrario, senza elettrificazione per avere lo stesso servizio occorre un acquisto di molti più treni ibridi, costi di gestione più alti e ostacoli burocratici".

D'altro canto, tirano le somme i rappresentanti dei pendolari, ciò che conta è poter fare riferimento su "un servizio diretto, veloce e frequente da Erba e Lecco a tutto il Canton Ticino". L'impressione, però, è che il 'viaggio' verso la realizzazione del progetto sia ancora lungo.

Leggi anche:

In treno da Como a Lecco: 'È la sola soluzione'

In treno da Como a Lecco: 'È la sola soluzione'

Niente fondi per la Como-Lecco. Appello dei pendolari

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved