ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’

A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
1 ora

Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni

Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
Bellinzonese
1 ora

Bellinzona: chiesto un progetto sociale nell’ex vivaio comunale

Lorenza Röhrenbach, Ronald David e Giulia Petralli chiedono al Municipio se intende valutare di realizzare un orto comunale sul sedime in via San Biagio
gallery
Mendrisiotto
2 ore

Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso

L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
2 ore

Sottopasso Genzana, luce verde unanime dalla Gestione

Firmato il rapporto per la realizzazione di un’opera che rappresenta un tassello del riordino di tutto il comparto della stazione
Luganese
2 ore

Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave

L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Luganese
3 ore

Un ‘Incontro’ per la nuova casa anziani a Melano

La giuria ha premiato il progetto dell’architetto Lorenzo Orsi per la realizzazione della struttura geriatrica che sorgerà al posto del vecchio posteggio
Bellinzonese
3 ore

‘La Resistenza in 100 Canti’ al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona

Sabato 4 febbraio alle 16.15 è prevista la presentazione dell’opera da parte dell’autore e curatore Alessio Lega
Locarnese
3 ore

Giovani e finanze, una conferenza di Cosimo Massaro

Sabato al Palexpo Fevi l’intervento dello scrittore ed esperto di questioni finanziarie, invitato da ‘GenitorInformaTI’
Bellinzonese
3 ore

A Campo Blenio torna la passeggiata enogastronomica  

‘A Scpass in Sorasosct’ in agenda domenica 5 marzo. Iscrizioni aperte a partire dal 1° febbraio
Ticino
3 ore

Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’

Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Bellinzonese
3 ore

EspaceSuisse, assemblea e conferenza a Bellinzona

Giovedì 9 febbraio nella sala del Consiglio comunale è prevista una serata pubblica sul tema ‘La pianificazione del territorio di fronte alle nuove sfide’
Locarnese
3 ore

Gordola fa Carnevale al Centro manifestazioni e nei bar

Da giovedì a sabato con Re e Regina Zeca animazioni per tutte le età, abbondanti libagioni e dj set con entrata gratuita
29.08.2022 - 17:31
Aggiornamento: 19:32

Integrazione digitale a scuola, a Lugano un progetto pilota

‘Tecnologia & Media’ ha formato 22 docenti dell’Istituto scolastico che ora affiancheranno alla didattica l’uso delle moderne tecnologie

di Guido Grilli
integrazione-digitale-a-scuola-a-lugano-un-progetto-pilota
Ti-Press
A tu per tu con il Pc

Non un’ora di informatica inserita nella griglia oraria scolastica, bensì una integrazione delle tecnologie digitali a scuola volta a favorire, a discrezione dei docenti, attività didattiche in presenza con l’ausilio dei moderni strumenti: dal personal computer, all’iPad, ad applicazioni informatiche. Oggi, nel primo giorno di avvio del nuovo anno scolastico, l’Istituto scolastico di Lugano ha illustrato un progetto pilota denominato "Tecnologia & Media" che ha tuttavia mosso i primi passi già nel periodo prepandemico, nel 2019-2020 e oggi ha raggiunto significativi traguardi, tanto che sarà implementato.

A parlarne, stamane in conferenza stampa, il direttore generale dell’Istituto scolastico di Lugano, Fabio Valsangiacomo; Lorenzo Quadri, municipale e capodicastero Formazione, sostegno e socialità; Giuseppe Laffranchi e Silvia Fioravanti del Centro di risorse didattiche e digitali (Cerdd) del Dipartimento dell’educazione, della cultura e dello sport (Decs). Il progetto è stato elaborato in stretta collaborazione tra l’Istituto scolastico cittadino e il Cerrd e ideato dal Gruppo dei direttori dell’Istituto scolastico di Lugano. L’esito? Nell’arco di un biennio sono state coinvolte 5 sedi scolastiche e 22 docenti. Oltre al lavoro di progettazione e realizzazione dei percorsi didattici, «i docenti hanno partecipato a incontri di formazione volti a sviluppare una modalità d’uso delle tecnologie digitali pedagogicamente e didatticamente efficace» – è stato evidenziato.

Il periodo della pandemia, un banco di prova decisivo per i moderni strumenti

Un banco di prova determinante per avvicinare l’universo dei moderni strumenti è stato, suo malgrado, il periodo della pandemia, tra il marzo 2020 e il giugno 2021, poiché ha determinato, con la chiusura delle scuole, «una parziale riorganizzazione del progetto e una ridefinizione della tempistica, favorendo la sperimentazione di nuove pratiche didattiche supportate dall’uso delle tecnologie digitali». Così, durante la situazione di emergenza, sia docenti iscritti al progetto Tecnologia & Media sia altri docenti dell’Istituto di Lugano sono riusciti a realizzare esperienze significative di integrazione delle tecnologie digitali nella didattica in presenza. E da progetto nasce progetto. I primi riscontri positivi hanno convinto l’Istituto scolastico cittadino e il Cerdd a ideare il progetto "Interviste", il cui obiettivo sono la documentazione, valorizzazione e condivisione di pratiche didattiche supportate dall’uso della tecnologia digitale. Così nel corso dello scorso anno scolastico 2021/22 ecco che 17 docenti di Lugano sono stati coinvolti per la produzione di interviste (11 complessivamente quelle realizzate) con l’aiuto di collaboratori del Cerdd che si sono prodigati nel lavoro di preparazione, registrazione, montaggio e revisione. Interviste ora consultabili dalle scuole sulla piattaforma Moodle Decs. Tutte buone e concrete pratiche nel solco del digitale che saranno implementate all’interno dell’Istituto scolastico di Lugano, coinvolgendo docenti e allievi.

E oggi il ritorno sui banchi di scuola per l’Istituto scolastico di Lugano ha visto, in termini di numeri, un totale di 3’565 allievi (1’320 nella scuola dell’infanzia e 2’245 alle Elementari). Il numero dei bambini ucraini scolarizzati è pari a 89 (numero stabile rispetto allo scorso anno): 24 all’asilo e 65 alle Elementari. Quest’anno verranno aperte tre nuove sezioni inclusive di scuola dell’infanzia e una prima elementare. Sul fronte edilizia scolastica diverse novità, fra cui, a Cadro, la costruzione di 4 sezioni e una mensa, pronte fra due anni.

Il direttore, Fabio Valsangiacomo, ha illustrato due pubblicazioni utili per la preparazione delle settimane di scuole montane (fuori sede) di Nante, Breno, Mascengo e Campo Blenio, la prima dedicata a visite ed escursioni, la seconda ad approfondimenti delle diverse tematiche da sviluppare. Altra novità: l’ampliamento delle offerte didattiche nell’ambito dell’aula nel bosco a Brè inaugurata nel 2020, in collaborazione con LACedu. Opportunità didattiche che vedono la collaborazione del Museo di storia naturale, il Museo in Erba e i musicisti della Civica Filarmonica di Lugano, estese presto a LACedu e al MASILugano, attraverso fra l’altro il nuovo progetto "Alberi in dialogo con natura, architettura e arte" e a un’offerta di teatro grazie a laboratori di espressione corporea nel bosco. Un altro progetto pilota in collaborazione con LACCedu, intitolato "Un anno nelle arti con LACedu" prevede per 5 classi delle Elementari un’immersione nelle arti in un’ottica interdisciplinare, fra musica, filosofia, ambiente, teatro, danza, architettura e arti visive.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved