lugano-in-5a-elementare-piu-di-2-ore-al-giorno-sul-telefonino
Ti-Press
Consigli per l’uso
ULTIME NOTIZIE Cantone
Gallery
Luganese
7 ore

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
9 ore

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
9 ore

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
15 ore

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
17 ore

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
1 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
1 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
1 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
1 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
29.03.2022 - 12:39
Aggiornamento: 18:26

Lugano, in 5a Elementare più di 2 ore al giorno sul telefonino

Internet, bullismo e cyberbullismo: l’esito della campagna di prevenzione ‘Sbullo’ organizzata dalla polizia cittadina e dall’istituto scolastico

Fornire agli allievi e alle allieve di quinta Elementare gli strumenti per riconoscere e proteggersi dai potenziali pericoli dovuti a episodi di bullismo e cyberbullismo, come anche far riconoscere al più presto agli oramai "nativi digitali" l’importanza della protezione dei propri dati personali, visti i rischi ricorrenti quando foto e selfie sono caricati sui social network. Questo lo scopo della campagna di prevenzione "Sbullo", giunta alla sua ottava edizione, organizzata dalla Polizia città di Lugano con la collaborazione dell’Istituto scolastico di Lugano. L’azione si è svolta da febbraio a marzo.

Lezioni preventive sulle trasgressioni giovanili a 440 allievi

Il sergente capo Claudio Mastroianni e il caporale Patrick Bruehwiler hanno incontrato 440 allievi, suddivisi in 27 classi. Affrontati i temi del bullismo e dei suoi effetti potenzialmente drammatici; sono stati trattati i temi del rispetto, dell’identità e delle differenze, della stima e dell’autostima, delle emozioni e del loro riconoscimento. Un ampio capitolo è stato dedicato al tema dei pericoli in rete e sono stati offerti i consigli per proteggersi dai rischi che si possono incontrare navigando nella rete e utilizzando i social network. Nel programma anche i temi giovanili della violenza, dei furti, dei danneggiamenti e dei graffiti. Le due ore di lezione programmate hanno pure permesso ai giovani di porre numerose domande – evidenzia in un comunicato stampa la polizia cittadina – a dimostrazione di una grande partecipazione e attenzione ai problemi che si incontrano online. Condotto anche un sondaggio "vox populi" anonimo tra gli allievi riguardo all’uso dello smartphone/tablet. È così emerso che la quasi totalità (96%) degli allievi intervistati ha accesso a uno smartphone o a un tablet (anche non di proprietà) e che il 32% di loro afferma di utilizzarli per più di 2 ore al giorno (ciò corrisponde ad almeno un mese intero in media all’anno passato davanti a un device).
I promotori della campagna di prevenzione ricordano ai genitori "di vegliare a che il proprio figlio faccia un uso consapevole delle nuove tecnologie. Il controllo parentale è fondamentale in questo campo. Ai genitori si consiglia pertanto di consultare il sito della Prevenzione svizzera della criminalità, in cui sono disponibili molte informazioni riguardo al tema, all’indirizzo: www.skppsc.ch/it/temi/internet/cybermobbing-cyberbullismo/. Ecco i principali consigli per i genitori sulla prevenzione della criminalità: incoraggiate vostro/a figlio/a a confidarsi con voi; non temete di affrontare il tema del cybermobbing o del cyberbullismo, anche se voi stessi non siete tanto pratici di laptop, tablet e smartphone; se osservate cambiamenti di comportamento in vostro/a figlio/a, parlate con lui/lei delle possibili cause del cybermobbing; raccogliete le prove degli attacchi di cybermobbing o cyberbullismo; discutete del caso di cybermobbing o cyberbullismo anche con l’insegnante di classe e/o con il servizio scolastico responsabile; se l’attacco di cybermobbing o cyberbullismo non cessa immediatamente dopo aver preso contatto con gli/le allievi/e e gli adulti di riferimento, ricorrete a un aiuto esterno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
lugano prevenzione sbullo
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved