ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Chiuso il negozio di Dalpe: ora manca un servizio ‘essenziale’

La speranza del sindaco Mauro Fransioli è quella di trovare qualcuno che porti avanti l’attività. Il 15 ottobre è previsto un incontro con la popolazione
Luganese
1 ora

Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti

Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni
Ticino
1 ora

Cantonali ‘23, Gianella (Plr): ’Sarò nella lista per il governo’

La capogruppo liberale radicale ufficializza a laRegione la sua decisione di candidarsi: ‘Avremo una lista forte in cui ogni ticinese potrà riconoscersi’
GALLERY
Mendrisiotto
10 ore

Il parco delle gole della Breggia si fa più inclusivo

Inaugurato un percorso per ipovedenti nell’area del mulino del Ghitello. Stella: ‘È un patrimonio da difendere, ma anche rendere accessibile a tutti’.
Ticino
10 ore

Premi cassa malati, Marco Chiesa (Udc) insiste e interroga Berna

Il presidente nazionale democentrista segue De Rosa e chiede al Consiglio federale perché nel calcolo per il ’23 non siano stati calcolati ’20 e ’21
Luganese
12 ore

Cornaredo, ‘tabula rasa’ pronta sulla carta

Presto in pubblicazione a Lugano e Porza il Piano di quartiere del comparto B1a. Previsti edifici misti di altezza tra i 30 e i 60 metri
Ticino
12 ore

Le idee dei sindaci dei centri urbani per risparmiare energia

Si tratta di sei proposte presentate ai rispettivi Municipi. ‘Anche per non pregiudicare per i commerci un clima di avvicinamento al Natale’
Grigioni
13 ore

A Mesocco non si ripresenta il sindaco Christian De Tann

In corsa per la carica di capo dell’esecutivo alle elezioni comunali del 30 ottobre vi sono John Seghezzi, Fausto a Marca e Mattia Ciocco
Ticino
13 ore

Siamo il quinto cantone col maggior aumento di fallimenti

È il dato registrato da un’analisi della società Crif: +64,3 per cento nel terzo trimestre del 2022 rispetto all’anno precedente
Luganese
13 ore

Cinque anni di Sambì, ad Arogno un evento di festa

Sabato 8 ottobre verrà presentato il nuovo assetto societario, con aperitivo e castagnata offerti, all’Azienda agricola Bianchi
Locarnese
13 ore

Il giudice sul pedofilo: ‘È solo la punta dell’iceberg’

Un 77enne del Sopraceneri condannato a 8 anni di carcere per ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
14 ore

Dialogo su repressione, diritto alla difesa e carcere

L’8 ottobre alle 16.15 al Circolo Carlo Vanza a Bellinzona si terrà un dibattito partendo dalla pubblicazione de ‘La cella dell’avvocato’ di Gabriele Fuga
Grigioni
14 ore

Covid, campagna di vaccinazione al via anche nel Moesano

Dall’11 ottobre sarà possibile farsi fare l’iniezione negli studi medici di Dieter Suter a Grono e di Chebaro Jihad a Mesocco
Ticino
14 ore

Il Festival dell’educazione pronto a parlare di emozioni

L’evento torna dopo la pausa forzata dovuta alla pandemia. Si parte venerdì sera con uno spettacolo al Teatro Sociale di Bellinzona
Bellinzonese
14 ore

Dai ruderi è nato un auditorium: inaugurazione a Biasca

Ultimati i lavori della struttura concertistica e per eventi culturali che potenzia l’offerta dell’attigua Casa Cavalier Pellanda
Luganese
15 ore

Una app per il Comune di Vezia

Il nuovo strumento digitale, assieme al rinnovato sito, permetterà una miglior comunicazione con la cittadinanza e informazioni più immediate
Locarnese
15 ore

Collaborazione tra Eoc e Santa Chiara, insorgono Ps e Mps

Strategie ospedaliere nel Locarnese, interpellanze al governo sui vantaggi per il privato e sugli svantaggi per il settore pubblico
Mendrisiotto
15 ore

Mendrisio, pomeriggio di sensibilizzazione di Pro Senectute

Evento dedicato alle persone in terza età, sull’importanza di muoversi nelle attività quotidiane, sul rischio delle cadute e come prevenirle
Ticino
15 ore

Ticino capitale del turismo sostenibile, ‘è la sfida del futuro’

Questa settimana si tiene l’Adventure travel world summit, l’evento più importante a livello internazionale per la promozione di una ‘nuova visione’
08.02.2022 - 23:07
Aggiornamento: 11.02.2022 - 15:09

La demolizione dell’ex Macello? ‘Mai voluta né ordinata’

Il sindaco di Lugano risponde a quattro interpellanze sulla notte tra il 29 e il 30 maggio. Il Municipio ha ora avuto accesso agli atti dell’inchiesta

la-demolizione-dell-ex-macello-mai-voluta-ne-ordinata
Ti-Press
La demolizione dell’ex Macello sui banchi della politica

La notte tra il 29 e il 30 maggio della demolizione parziale dell’ex Macello, sede dell’autogestione, è stata, questa sera, il “piatto forte" della seconda seduta di Consiglio comunale di Lugano: con la risposta a quattro interpellanze (complessivamente 40 domande, molte simili) presentate allora da Ps, Forum Alternativo e Più Donne, invero perlopiù superate dagli eventi ma che, dal momento che la maggioranza del Municipio era stata interrogata nell’inchiesta contro ignoti e le indagini non erano concluse, trovano solo ora possibile l’intervento dell’Esecutivo. Da giovedì scorso - si apprende ora - i municipali hanno ottenuto l’accesso agli atti dell’inchiesta penale. E il sindaco, Michele Foletti, si è incaricato di rispondere punto per punto alle numerose domande dei consiglieri comunali - senza però annunciare novità di rilievo, ripercorrendo sostanzialmente il decreto di abbandono del Pg Andrea Pagani (contro il quale è tuttora pendente un ricorso davanti alla Crp dopo l’istanza del legale degli autogestiti, Costantino Castelli, ndr.).

«L’inchiesta prosegue anche con un certo accanimento» - ha esordito Foletti. Che poi, punto per punto, domanda per domanda, ha deciso di rispondere, ripercorrendo quanto in realtà già è emerso ampiamente da mesi. Dal marzo 2021 il Municipio aveva chiesto collaborazione alla polizia cantonale. Lo sgombero è stato deciso in Municipio a maggioranza: nullaosta allo sgombero, solo nell’eventualità in cui la manifestazione del 29 maggio in centro fosse degenerata. L’allora sindaco Borradori e Karin Valenzano Rossi hanno tenuto i contatti. Il nullaosta dello sgombero è stato deciso il 29 maggio, dopo l’occupazione dell’ex Istituto Vanoni che ha sporto denuncia. Ma quanto è costato l’intervento di polizia? Nei conti consuntivi saranno indicati i costi - ha informato il sindaco, che ha insistito: mai è stata prospettata la demolizione dell’ex Macello. Le imprese sono giunte sul posto nella tarda notte. I costi edilizi? Circa 170 mila franchi. I municipali non erano informati della demolizione, lo erano invece i servizi cittadini informati dallo Stato maggiore.

Ma come può proseguire il dialogo con l’autogestione dopo la violenza della demolizione dell’ex Macello? «La demolizione non è stata né voluta né ordinata dal Municipio, come ha stabilito l’inchiesta penale. Per il resto, il Municipio intende cercare soluzioni condivise» - ha ribadito Foletti. Altre domande, altre risposte. «Se alcuni locali dell’ex Macello erano stati messi a disposizione gratuitamente agli autogestiti, altri sono stati presi abusivamente. Il contributo del Cantone all’autogestione? Cinquantamila franchi all’anno. Si saprà nel corso di febbraio se e quanto verserà la stessa somma anche quest’anno». Le spese per sorvegliare le macerie? Di 208 mila franchi per tre mesi.

Il sentiero di Gandria sarà protetto

La seduta si è aperta con la richiesta - accolta - di un credito di costruzione di 1 milione e 950 mila franchi, necessario alla realizzazione degli interventi selvicolturali e di messa in sicurezza del pendio a Castagnola, in zona Ponte del Diavolo, e a Gandria, presso il Sasso di Gandria. Dai banchi di Ps e Verdi è stato comunque stigmatizzato il mancato coinvolgimento dei preposti Uffici natura e paesaggio. Il progetto sarà realizzato in due fasi. La premessa è che annualmente il sentiero di Gandria, nella tratta nei pressi del Sasso del Castello, si trova confrontato con regolari fenomeni di caduta sassi, finora fortunatamente con conseguenze principalmente materiali, anche se non sono mancati feriti leggeri. Allo stesso modo nella zona del Ponte del Diavolo si assiste a un lento degradamento della sicurezza del versante. L’irreversibile processo di degrado della roccia, con il conseguente verificarsi di fenomeni di distacchi rocciosi, comportano sempre più spesso interventi urgenti e puntuali per un rapido ripristino della sicurezza del comparto interessato. Il progetto ha messo in rilievo come questo processo di degrado continuerà e probabilmente accelererà nel tempo, con eventi sempre più frequenti e importanti. Ergo: la realizzazione delle premunizioni per la messa in sicurezza definitiva di tutte le zone proposte nel progetto ridurrà drasticamente la probabilità di accadimento di tali fenomeni e, contemporaneamente, diminuirà considerevolmente i costi di manutenzione eccezionale
delle tratte interessate.

Funicolare degli Angioli, si può partire

Luce verde anche alla la richiesta di un credito di 375 mila franchi per lo svolgimento di un pubblico concorso d’architettura a procedura selettiva, secondo Sia 142, per il comparto della funicolare degli Angioli. Il Municipio di Lugano definisce il comparto “uno dei tasselli fondamentali di riqualifica urbana che fanno parte del contesto più ampio del lungolago e del centro cittadino”. Il credito andrà a concedere alla terrazza del parco del Tassino un proprio collegamento con il lago, sfruttabile non solo dai pedoni ma anche dai ciclisti. L’investimento contempla pure la creazione di un nuovo imbarcadero, nuovi spazi di interazione sociale e nuove aree verdi. Dismessa dal gennaio 1987, la rimessa in funzione della funicolare degli Angioli, con un restauro storico, resta un punto fermo e imprescindibile per l’attivazione del comparto. Tuttavia non è parte del concorso, ma un iter che seguirà in modo parallelo al concorso d’architettura.

Il Legislativo - un atto formale - ha approvato inoltre la revisione del Regolamento comunale per la modifica della denominazione del servizio di revisione interna in controllo delle finanze. Accolta inoltre la mozione interpartitica (prima firmataria, Sara Beretta Piccoli) per la riduzione dello spreco alimentare. Per cui il Municipio sarà chiamato a farsi carico di uno studio di fattibilità e a licenziare il relativo messaggio municipale per la richiesta di un credito. Gli autori della mozione chiedono fra l’altro di realizzare concretamente e in modo
rapido il recupero di cibo non solo da privati, ma anche da mense scolastiche e/o aziendali, come pure da catering organizzati dalla città, là dove questo cibo non viene recuperato in altro modo. Bocciata invece, come era nelle previsioni - le Petizioni stroncavano in modo unanime il progetto e pure il Municipio si è detto contrario - la mozione di Andrea Censi (Lega dei ticinesi) che chiedeva di dimezzare i membri del legislativo da 60 a 30.

Leggi anche:

Le ruspe hanno demolito il Molino

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved