ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
29 min

Pura, condannata a 4 anni la donna che accoltellò l’ex marito

La Corte ha accolto integralmente le richieste di pubblica accusa e accusatore privato, sostenendo che l’imputato abbia mentito per costruirsi un alibi
Ticino
1 ora

Primo incontro fra partiti sul dopo Carobbio agli Stati

Domani rendez-vous tra i vertici cantonali delle forze politiche rappresentate a Berna. Per scongiurare un ‘bel pasticcio’, Farinelli dixit
Ticino
1 ora

Tirocinio, ‘i contratti sciolti non allungano la formazione’

Lo fa sapere il Dipartimento dell’educazione cultura e sport (Decs), che ha anche aperto il concorso per la nomina dei docenti per il prossimo anno
Grigioni
1 ora

Val Calanca, strada forse riaperta prima del weekend

Nella migliore delle ipotesi i lavori di sgombero inizieranno domani. Anche oggi il meteo ha ostacolato la valutazione dei rischi di nuovi scoscendimenti
Luganese
1 ora

Il Convento del Bigorio apre le sue porte per una giornata

L’8 dicembre sarà possibile visitare gli spazi di un monumento cantonale protetto, dal coro dei frati alla cappella Botta
Luganese
1 ora

Sottrasse mezzo milione a un conoscente, ma non fu riciclaggio

Appropriazione indebita: inflitti 15 mesi di carcere, sospesi con la condizionale, a un 39enne comparso di fronte alle Assise criminali di Lugano
Bellinzonese
2 ore

Corsi di potatura secca di alberi da frutta

Sabato 10 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Malvaglia e sabato 17 dicembre dalle 9.30 alle 12.30 a Stabio
Bellinzonese
2 ore

Ultima tappa per completare la fibra ottica nel Bellinzonese

Amb e Swisscom comunicano che l’anno prossimo saranno connessi anche a Pianezzo, Paudo, Claro, Gudo, Moleno e Preonzo
Locarnese
2 ore

Museo e atelier Remo Rossi, è ‘BIANCA’ l’idea vincente

Lo studio Buzzi Architetti ha vinto il concorso a inviti per la progettazione di complesso e spazio espositivo dedicati allo scultore morto 40 anni fa
Bellinzonese
2 ore

‘Via Roggia dei Mulini rimarrà sicura anche con le palazzine’

Il Municipio di Bellinzona risponde all’interpellanza di Boscolo e Sansossio, confermando che il comparto rientra nella mobilità sostenibile
Bellinzonese
2 ore

Patriziato di Carasso in assemblea

Giovedì 15 dicembre alle 20.15 nella sala patriziale sarà, fra l’altro, discusso il preventivo 2023 che prevede un avanzo d’esercizio di 260mila franchi
Mendrisiotto
3 ore

Stabio, consegnate le Menzioni comunali 2022

Il Municipio incontra la popolazione per lo scambio di auguri e premia sportivi e cittadini meritevoli. Oltre a un edificio ecosostenibile
Ticino
3 ore

‘Il nuovo accordo fiscale è molto favorevole per i frontalieri’

Lo scrive in una lettera ai giornali lombardi il ministro dell’Economia italiano Giorgetti, che fa il punto della situazione sull’annoso dossier
Bellinzonese
3 ore

La ‘Mostra d’arte solidale’ allo Spazio aperto di Bellinzona

L’inaugurazione con musica e rinfresco si terrà domenica 11 dicembre alle 16
Luganese
3 ore

Lugano, dibattito sulla protezione dei diritti umani

Convegno all’Usi, sabato 10 dicembre, per discutere del tema partendo dall’Esame periodico universale dell’Assemblea generale dell’Onu
Bellinzonese
3 ore

Omaggio a più voci a Enrico Della Torre a Camorino

Appuntamento per il 12 dicembre alle 19 al centro culturale Areapangeart
Luganese
3 ore

Il ballo aiuta a convivere con il Parkinson

La Croce Rossa Svizzera propone un corso dedicato alla sede di Lugano. Si inizia il 19 gennaio
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, Veglia d’Avvento con il vescovo Alain De Raemy

L’evento organizzato dalla Pastorale giovanile avrà luogo sabato 17 dicembre dalle 20.30 nella chiesa di San Giovanni
Bellinzonese
3 ore

La Saga di Teodorico da Verona farà tappa a Sementina

Sabato 10 dicembre alle 17 nel centro Ciossetto verrà proposta la seconda rappresentazione del ciclo di poemi sinfonici composto da Matteo Manzolini
Luganese
4 ore

Lugano-Montarina, Villa Ganser e Casa Walty salvate dalla Stan

Il Tribunale amministrativo cantonale accoglie il ricorso presentato contro la licenza concessa dal Municipio per un progetto edilizio
Bellinzonese
4 ore

La Fondazione Idea sostiene attività destinate ai bambini

Consegnato un assegno di 6’000 franchi all’Associazione Feste dei Bambini di Monte Carasso
Grigioni
4 ore

Grono, presentazione del libro ‘Vola bass 6: sbassa la cresta!’

Appuntamento lunedì 12 dicembre in compagnia dell’autore Christian Demarta, Franco Lazzarotto e Lulo Tognola
Mendrisiotto
4 ore

Fiera dell’antiquariato in veste natalizia a Mendrisio

Domenica nel nucleo storico si propone la prima edizione ‘fuori stagione’, tra oggetti da collezionismo e specialità gastronomiche
Bellinzonese
4 ore

Weekend dedicato all’unihockey a Faido

Sabato 10 dicembre, dalle 16.30 alle 18, nella palestra, si festeggeranno i 20 anni dalla fusione tra i Flippers di Lavorgo e i Tanachin di Ambrì
Bellinzonese
4 ore

‘Nevica bene, ma dovrà restare freddo per poter sciare dal 17’

Alto Ticino e Moesano, i responsabili delle stazioni invernali sono fiduciosi. A Campo Blenio e San Bernardino si parte forse già il prossimo weekend
29.01.2022 - 10:00

‘Campione era un deserto. Ora è tornato il sorriso in paese’

Reportage dall’enclave a due giorni dalla riapertura del casinò. E intanto l’amministratore delegato Ambrosini: ‘Debiti rimborsati entro cinque anni’.

campione-era-un-deserto-ora-e-tornato-il-sorriso-in-paese
Ti-Press
E luce fu

La prima persona che incrociamo in paese, neanche a farlo apposta, è un’elegante signora di una certa età impellicciata. Un po’ stereotipo della Campione d’Italia da bere che fu, un po’ buon auspicio per un futuro che possa far riemergere la comunità dal pantano nel quale è sprofondata nel 2018 con la chiusura della casa da gioco. Il casinò è stato riaperto tre giorni fa, e la rinascita dell’enclave passa da qui. Ieri era previsto un momento ufficiale con il sindaco Roberto Canesi e l’amministratore delegato Marco Ambrosini, preceduto da un’apertura straordinaria rivolta ai cittadini campionesi. Prima di incontrare Ambrosini, abbiamo fatto un breve giro per il paese, per sondare gli umori della comunità in questi giorni così importanti.

‘È tornato il viavai’

«Lo attendevamo da tre anni, la chiusura è stata una tragedia per tutti, le attività economiche hanno subito molta perdita – sintetizza Mauro Rubbini della farmacia Internazionale –. In questi ultimi anni il paese era diventato un deserto, ora sta tornando un viavai, si vede che si sta muovendo qualcosa». Effettivamente per strada di gente ce n’è e ci sono diverse automobili che passano, più di quanto ci si aspetterebbe durante un pomeriggio lavorativo in un paese di 2’000 abitanti. Certo, i fasti del passato al momento sono ancora un ricordo e di vetrine e spazi commerciali vuoti se ne vedono ancora diversi in giro. «Però guardi che qui a fianco ha aperto da poco un mini-market: era da anni che non avevamo un negozio di alimentari a Campione, è un segno». Secondo Rubbini, che è anche il presidente della locale associazione degli operatori economici, «la riapertura ha dato una forte scossa alla popolazione». Si parlava di un mini-market, c’è il potenziale per un turismo dello shopping? «Credo di sì, ma non abbiamo certo l’interesse che vengano qui grossi centri commerciali o supermercati. Piuttosto negozi di qualità. Noi operatori economici stiamo cercando di investire per attirare gente dai paesi limitrofi».

‘Volti più distesi e più felici’

Fra chi ha investito è anche Alexandra Vanoni: ex dipendente del casinò, l’anno scorso ha aperto la centralissima boutique Biba by Alexandra. «Una scommessa vinta – ci dice –. Avrei potuto aprire altrove, ma credo molto in questo paese, a cui sono legata affettivamente, e ho voluto puntare quindi su Campione. E vedo che n’è valsa la pena: rientro oggi da cinque giorni di quarantena e questo viavai mi rende felice. Prima era un deserto, una tristezza, abbiamo davvero vissuto tre anni tremendi. Molti ex dipendenti che non abitavano qui non riuscivano nemmeno a rientrare in paese tanto era il dolore. È stata aperta persino la mensa alimentare: siamo caduti dalle stelle alle stalle. Ora vedo tutti più distesi, più felici. E non vedo l’ora di rivedere i dipendenti del casinò girare con le loro divise per il paese».

‘Facciamo tesoro degli errori del passato’

Simile è anche la storia di Paolo Bortoluzzi. Anche lui ex dipendente del casinò, oggi – oltre a fare politica comunale – ha aperto con un socio il Wineout, un’enoteca che differenzia il panorama campionese in fatto di bar e ristoranti. «Abbiamo aperto a giugno 2020, in piena crisi (economica, ma anche sanitaria, ndr). Sì, ci sono voluti coraggio e intuito, ma dopo tre anni di nulla abbiamo fatto ‘all-in’: o tutto o niente». Un altro esempio di come ci si è rimboccati le maniche, con successo, portando qualcosa di diverso: «Nel nostro piccolo vorremmo essere un’alternativa al mercato svizzero, importando vini italiani a prezzi italiani. Allargando il discorso, la sfida è diversificare l’economia del paese affinché non sia più una monocultura. Ci sono stati degli errori in passato e bisogna farne tesoro affinché non si ripetano».

‘Bisogna restare coi piedi per terra’

Diverse novità e spirito d’iniziativa quindi in un paese che si sta rimettendo in moto. Prima di recarci al casinò, una sosta è d’obbligo anche da chi non si è mai fermato: lo storico Bar Campione. «Sì, vediamo che c’è già più gente, anche se da noi fra ticinesi e svizzerotedeschi la clientela non è mai mancata. Ma soprattutto più allegria, lo si legge sulle facce delle persone – osserva Engin Keles –. C’è molto entusiasmo, ma d’altra parte abbiamo toccato il fondo, si è creata tanta disoccupazione». E ora? «Ora bisogna superare il Covid, perché è un grosso limite al ritorno alla normalità. Una volta superato quello si vedrà, ma bisogna restare coi piedi per terra».

DAL CASINÒ

Gioco ed eventi separati

E questo sentimento di prudenza è in effetti molto diffuso, secondo solo alla felicità per la riapertura. Una cautela che si concretizza anche nelle scelte amministrative di Comune e Casinò. «Tutta l’impostazione di prima, dimentichiamocela» ci dice chiaramente l’amministratore delegato della casa da gioco Marco Ambrosini. A cominciare dagli eventi, che caratterizzavano in maniera importante la vita della casa da gioco precedentemente. «Ma erano molto orientati ai giocatori, come anche la ristorazione. Noi vogliamo fare un’altra cosa, più aperta. Certo, alcune cose particolari come il Capodanno russo o quello cinese resteranno, ma cambia proprio il paradigma. Vogliamo separare i diversi ambiti. Attireremo i giocatori con l’offerta tecnologica per esempio. Abbiamo l’ambizione poi di diventare la più grande poker room d’Europa. Però questo è un grande edificio multifunzionale che potrà ospitare mi auguro eventi importanti, che saranno finanziati con meccanismi diversi rispetto al passato. Riteniamo che tutta una serie di attività collegate debbano essere gestite autonomamente».

‘Ripagheremo i debiti entro cinque’

Un modo per non far pesare troppo gli eventi sulle casse aziendali e per meglio bilanciare entrate ed uscite, insomma. E a proposito di finanze, che ne sarà degli oltre 130 milioni di franchi di debito accumulati dalla società? «L’azienda riapre in concordato di continuità. Quindi c’è un accordo con il Tribunale fallimentare di Como affinché i debiti siano ripagati e la scommessa è che lo facciamo entro cinque anni. Il piano è stato articolato in modo tale che negli anni progressivamente si generino le risorse per soddisfare i creditori, divisi per classi». E una volta terminato questo lustro, sarà possibile prevedere delle assunzioni? Ricordiamo che alla chiusura il casinò aveva circa 490 dipendenti e oggi ne ha 174. «Intanto a questi 174 bisogna aggiungere i collaboratori dei servizi esternalizzati, dalle pulizie alle mescite. Poi, con il piano finanziario che abbiamo definito che prevede un graduale aumento degli incassi, si creeranno maggiori esigenze di personale e conseguentemente ci sarà spazio per nuove assunzioni. Ma è un discorso del futuro».

In futuro diversi negozi nel casinò

Restando in ottica futura, è vero che c’è l’intenzione di aprire diversi negozi nell’edificio del casinò? «Sì. È stato fatto anche un bando pubblico, apposta per tastare il terreno e ci sono state diverse manifestazioni di interesse. Le tempistiche verranno dettate dalle autorità comunali». L’obiettivo sembrerebbe trasformare Campione in un polo di attrazione per servizi e divertimento aldilà del gioco. Ma il presente è ancora legato al gioco: in questi anni la clientela si è spostata su Lugano e Mendrisio, ad esempio, e la concorrenza è forte. Non la temete? «No, in generale la concorrenza giova. È uno stimolo. Pensiamo a Las Vegas: più casinò ci sono, più la gente è attratta. Secondo noi variare l’offerta amplifica e rafforza la posizione di tutti. E poi ci sono delle forme di collaborazione: abbiamo un partner tecnologico che è anche il proprietario del casinò di Mendrisio. Siamo molto fiduciosi e la buona affluenza di questi primi giorni conferma le nostre aspettative. C’era molta curiosità per la riapertura. Da un lato la novità, la grande tecnologia (ad esempio il fingerprint, ossia l’identificazione tramite impronta, ndr), dall’altro la lunga tradizione che la casa da gioco ha. Campione mantiene una certa atmosfera: un conto è andare al Meazza e un altro allo stadio di Como».

Leggi anche:

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved