campione-d-italia-non-sara-piu-casino-centrico
Ti-Press
Dai debiti alle potenzialità: il punto sul futuro dell’enclave
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 ora

Demografia, città allo specchio: San Gallo batte Lugano

Se a Lugano ci sono i primi segnali di un’inversione di tendenza, la ‘capitale’ del Nord-Est cresce da un lustro dopo decenni di crisi. Ecco perché.
Bellinzonese
1 ora

Stazione di Biasca, passi avanti per il nodo di interscambio

Dopo il governo anche il Municipio ha licenziato il messaggio con la richiesta del credito. Gli interventi andranno a beneficio di logistica e sicurezza
Mendrisiotto
1 ora

‘Dopo 25 anni in carcere soffro di sindrome di prigionizzazione’

Si racconta l’uomo che la scorsa estate sequestrò un passante a Chiasso. ‘Ho scritto un libro. Vorrei aiutare i giovani a evitare certi errori’
Mendrisiotto
7 ore

Valle Muggio, progetti in 4 punti: dai formaggini al ‘macello’

Creati i gruppi di lavoro all’assemblea dell’associazione per i prodotti Muggio e Val Mara. La bozza già accettata dall’Ufficio federale agricoltura
Ticino
7 ore

Blättler: nella lotta alla mafia dobbiamo fare di più

Il nuovo procuratore generale della Confederazione: il fenomeno esiste, ora dobbiamo trasformare gli elementi che raccogliamo in atti di accusa
Ticino
11 ore

Edilizia, gli aumenti delle materie prime offuscano l’orizzonte

Gli impresari costruttori in assemblea a Mendrisio hanno toccato anche il tema delle infiltrazioni mafiose in Svizzera
Luganese
11 ore

Morcote, al via la stagione estiva per la famiglia

Il primo appuntamento è per domenica 22 a Parco Scherrer, quando andrà in scena lo spettacolo gratuito ‘Aspettando CartaSìa’
Mendrisiotto
12 ore

Sagra della castagna 2022, aperte le iscrizioni

Gli artigiani interessati si devono annunciare entro l’11 giugno. La manifestazione si terrà a Morbio Superiore
Luganese
12 ore

Rovio, verranno sostituiti i tre ippocastani abbattuti

Ha suscitato qualche polemica il taglio degli alberi in piazza. La decisione era stata presa dall’esecutivo in carica fino all’aggregazione
Ticino
12 ore

Imposte di circolazione, i dubbi di Plr e Ps restano

Le due iniziative popolari del Ppd continuano a non convincere del tutto. Speziali: ‘È finanziariamente sostenibile?’. Passalia: ‘Basta, si vada al voto’
Luganese
12 ore

Costi, qualità di vita, moltiplicatore: perché si lascia Lugano

Sebbene il trend demografico si sia invertito, uno studio evidenzia che il saldo migratorio nei confronti dei comuni ticinesi è ancora negativo
Mendrisiotto
12 ore

Si allarga il gremio dell’Ente regionale per lo sport

L’assemblea accoglie Vacallo. In vista anche l’ingresso di Balerna e Brusino Arsizio. Vistati regolamento e statuti
Mendrisiotto
12 ore

Al Serpiano si possono provare le hand bike

L’associazione Ti-Rex Sport ne ha acquistate quattro, che sarà possibile noleggiare per provare il percorso inaugurato lo scorso anno
Luganese
12 ore

Lugano, arriva la prima scuola estiva di criptovalute

Primo passo concreto per il ‘Lugano’s Plan B’. 50 studenti lavoreranno a stretto contatto con esperti e leader del settore a livello mondiale
Ticino
12 ore

‘Le proposte sulla gestione Covid di Ostinelli non ci competono’

La Commissione sanità e sicurezza sociale si esprime sulla petizione del medico che chiedeva un cambio di strategia secondo i suoi suggerimenti
Luganese
13 ore

Sette nuovi diplomati tra i conduttori di cani da terapia

Il gruppo ha finito la formazione e si potrà mettere ora a disposizione delle istituzioni del Cantone
Ticino
13 ore

Altro incidente sull’A2, traffico in tilt verso sud

Pomeriggio nerissimo per la circolazione in Ticino. Disagi anche sulla cantonale nella zona di Manno
Mendrisiotto
13 ore

Riva San Vitale, al via le ‘Olimpiadi rivensi’

Domenica ragazze e ragazzi si misureranno su discipline diverse. Le gare prenderanno il via alle 11
Locarnese
13 ore

‘Spazio Elle, Locarno rinnovi il contratto d’affitto’

Tredici consiglieri comunali mettono le mani avanti e chiedono al Municipio anche la valutazione di un eventuale acquisto del comparto
Locarnese
13 ore

Giudici di pace riuniti a Losone

L’Assemblea annuale si terrà sabato al Centro la Torre
Locarnese
13 ore

Quartino, tiro obbligatorio

Domenica sarà possibile effettuare pure il tiro federale in campagna
Locarnese
13 ore

Gambarogno, distillatori in assemblea

La locale Cooperativa si riunirà venerdì sera nella sala dell’Azienda forestale al Parco
Locarnese
13 ore

Minusio, commedia dialettale

‘Agenzia matrimoniale’, due atti di divertimento
Locarnese
14 ore

Abbattimento del lupo: ‘Decisione necessaria ma tardiva’

L’Associazione per la protezione del territorio dai grandi predatori commenta il nullaosta del governo all’uccisione del canide
Ticino
14 ore

Il Prix SVC 2022 va alla Tecnomec di Stabio

L’azienda attiva nel campo della meccanica di precisione si è aggiudicata il primo premio. Sul podio anche Jetpharma Sa e R. Audemars Sa
26.01.2022 - 20:44
Aggiornamento : 23:10

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.

Sono passati esattamente tre anni e mezzo da quel 27 luglio 2018, quando il Tribunale di Como ha dichiarato fallita la società che gestiva il Casinò municipale di Campione d’Italia. Oggi la casa da gioco ha riaperto, segnando la fine dell’epoca più buia della storia recente nell’enclave e marcando uno spartiacque importante. Ci sono un paese da rimettere in moto e una comunità da risollevare moralmente. E tanto lavoro da fare. Ne abbiamo parlato con il sindaco Roberto Canesi, che assicura: «Non sarà più un paese casinò-centrico».

Come sono cambiati il paese e la comunità in questo difficilissimo periodo?

Questa crisi ha reso la comunità più povera. Molti hanno speso i proprio risparmi. Il fallimento della casa da gioco ha determinato anche il dissesto del Comune. Oltre alle 490 persone che lavoravano al casinò, sono stati lasciati a casa anche un’ottantina di dipendenti comunali. È andato in crisi un intero sistema, che si poggiava in larga parte sul casinò. Diversi servizi, dall’ufficio postale alla scuola dell’infanzia, sono stati chiusi o ridimensionati perché vivevano di contributi comunali, che a loro volta si basavano sugli introiti della casa da gioco. Fortunatamente la Svizzera è venuta molto incontro a Campione, ad esempio ospitando i nostri bambini nei comuni confinanti. Di questo siamo molto grati.

Campione è stata per anni indicata come un ‘Paese del Bengodi’, con livelli di vita elevati rispetto sia all’Italia sia alla Svizzera. Ora le cose sono cambiate. Crede che quell’epoca sia definitivamente tramontata?

Credo che precedentemente ci fosse un sentimento comune che la situazione di benessere fosse come acquisita, quasi ‘eterna’. Questo ha portato a sottovalutare alcuni segnali, il fatto che il mondo stava cambiando. Quel paese non tornerà e non deve tornare. Intendiamoci: la riapertura riporterà benessere alla comunità, viene di fatto riavviato l’intero paese. Io però sono dell’idea che in passato si siano elargiti stipendi eccessivi. Pertanto, quando abbiamo concordato con la società i nuovi stipendi, si è deciso che fossero in linea con quelli a Lugano. Saranno comunque dei buoni salari, e se la squadra sarà brava e saprà sviluppare bene la casa da gioco, ci saranno dei ritorni ad esempio a livello di mance e i guadagni saranno buoni.

A vivere bene era l’intera comunità però, anche perché al Comune arrivavano molti soldi dalla casa da gioco. Campione sarà meno ‘casinò-centrico’ di prima?

Sarà zero ‘casinò-centrico’. Abbiamo modificato radicalmente il rapporto Casinò-Comune. Mentre prima quest’ultimo viveva di luce riflessa del primo perché prelevava dagli incassi della casa gioco 35/40 milioni all’anno (su un totale di circa 90 milioni negli ultimi anni di vita, ndr), creando un impatto negativo sull’azienda. Il business plan del concordato prevede per il casinò una partenza da 41 milioni di incassi all’anno. Poi è previsto un incremento, ma a cifre più contenute, al massimo attorno agli 80 milioni. Si tratta di stime prudenziali. I versamenti del Casinò al Comune saranno nettamente inferiori rispetto al passato: mezzo milione per il 2022, un milione nel 2023, per scalare fino a 2,5 milioni al quinto anno. Sono soldi che abbiamo deciso di destinare alle opere pubbliche, di fatto ferme da diversi anni. Abbiamo deciso quindi di non incidere troppo sui conti della casa da gioco, che deve raggiungere i propri obiettivi dando lavoro alla gente e riavviando il meccanismo, che darà i propri benefici a tutti. È un ritorno agli scopi originali della casa da gioco: dare lavoro, investire sul territorio. E non sarà solo una casa da gioco, ma ci offrirà molto altro (ma se ne riparlerà venerdì, alla conferenza stampa ufficiale di riapertura, ndr). Ricordiamoci inoltre che non solo il Comune, ma anche il Casinò ha molti debiti e questi vanno pagati.

Ecco, capitolo debiti. Il Casinò è stato dichiarato fallito con oltre 130 milioni di debiti. Qual è invece la situazione debitoria del Comune?

Il Casinò ha un piano finanziario chiaramente stabilito nel concordato che indica come ripagherà i propri creditori. Noi invece un anno e mezzo fa abbiamo ereditato una situazione con 41 milioni di debiti. La metà di questi erano anticipazioni della Banca popolare di Sondrio e per quanto riguarda questa voce in questo anno e mezzo siamo scesi a 14 milioni. Abbiamo iniziato a ripagare anche gli ex dipendenti: una parte, circa 3 milioni su 16,5 iniziali, l’abbiamo già rimborsata. Con l’attuale situazione, potremmo coprire questo scoperto nel giro di 8-9 anni. Ma è tanto tempo. Per questo abbiamo deciso la vendita di alcuni beni del Comune: Villa Mimosa, un terreno in zona porto, un altro nei pressi del campo da calcio, lo stabile della Polizia locale, una casa su due piani. Grazie al ricavato, stimato in 22,5 milioni, potremmo chiudere i debiti nei confronti dei dipendenti nel giro di 3-4 anni.

Un paio di mesi fa, rispondendo a un atto parlamentare, la Città di Lugano ha evidenziato che i debiti di Campione stavano tornando ad aumentare. È vero? Com’è la situazione nei confronti dei creditori svizzeri?

Quando Lugano ha fatto il punto, il debito per lo smaltimento delle acque reflue si attestava effettivamente a 418’000 franchi. Ma a fine 2021 ne restavano 26’000 da saldare, anche se manca ancora il conguaglio. Abbiamo inoltre saldato interamente i 250’000 franchi del 2021 previsti dalla convenzione per i servizi ticinesi ai quali Campione è allacciato. Ma questo è un punto di discussione. Abbiamo una commissione paritetica che lavora con i Comuni di Lugano e Bissone e con il Canton Ticino. All’ultima riunione ho fatto presente che la ripartizione di questi costi è stata decisa oltre quindici anni fa, quando Lugano aveva molti meno abitanti rispetto a oggi e Campione ne aveva di più. La chiave di riparto andrebbe secondo noi modificata.

Torniamo alla riapertura. Costituisce una grande boccata d’ossigeno per l’economia campionese. C’è un paese da rimettere in moto: da dove si inizia? I vari servizi ridimensionati o chiusi in questi anni verranno riaperti o ripotenziati?

Intanto vorrei sottolineare che abbiamo già sistemato il bilancio del Comune: l’organico è stato notevolmente ridimensionato (da 102 a 17 dipendenti comunali, ndr), come pure i servizi. Oggi, attraverso una rinegoziazione del mutuo della casa da gioco, siamo autosufficienti. La gestione corrente è in positivo, abbiamo un avanzo di oltre 3 milioni. Stiamo lavorando, ma non abbiamo la bacchetta magica e quindi faremo le cose gradualmente. Vogliamo arrivare alla riapertura dell’asilo, ma non sarà semplice. L’obiettivo è farcela già per settembre di quest’anno. L’ufficio postale è stato riaperto un paio di settimane fa. I Carabinieri hanno già aumentato di tre unità l’organico, mentre per la Polizia locale ai due agenti presenti ne abbiamo affiancati altri due, ma part-time, perché finché dura la procedura di dissesto non possiamo assumere regolarmente. Sul capitolo sanità: c’è un tavolo di lavoro fra Regione Lombardia, Campione d’Italia e partner svizzeri e stiamo abbozzando una soluzione che dovrebbe permettere ai nostri cittadini di continuare a far parte largamente del sistema sanitario elvetico. In un anno e mezzo l’intera comunità di Campione è stata molto brava: si è rimboccata le maniche e ha lavorato per rimettersi in piedi. Ora bisogna continuare su questa strada.

Lo accennava lei: i dipendenti comunali sono drasticamente diminuiti. Con la riapertura, crede che sarà possibile tornare a parlare di assunzioni o aumenti salariali?

Fino a giugno 2023 non possiamo fare assunzioni in Comune, come previsto dalle leggi sui dissesti finanziari. Fino a quel momento dobbiamo ricorrere a delle formule ibride per garantire l’operatività dell’ente pubblico, che con i 17 dipendenti attuali non è semplice. Campione non è un Comune come altri delle sue dimensioni: ha un casinò da gestire, dei rapporti con Comuni svizzeri, Cantone e Confederazione da curare. E poi non ci sono solo i poco meno di 2’000 residenti in paese: ci sono circa 2’200 campionesi Aire (italiani residenti all’estero, nello specifico nei comuni ticinesi vicini, ndr) che fanno capo ai servizi amministrativi comunali. Un paese con grandissime potenzialità, ma bisogna darsi da fare. Però ci sono tanti segnali positivi. A cominciare dalla riapertura di oggi: ero un po’ timoroso, visto anche il periodo pandemico, e invece abbiamo avuto un’ottima affluenza.

In chiusura: a che punto siamo con la procedura di fallimento?

In primavera è prevista la riunione dei creditori, che dovranno esprimersi sul concordato per la casa da gioco. L’unica strada percorribile, anche e soprattutto per i creditori affinché vengano rimborsati, è quella della continuità aziendale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
campione d'italia casinò campione roberto canesi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved