l-aria-che-respiriamo-ma-inquinamento-non-e-solo-traffico
Ti-Press
Il Consigliere di Stato, Claudio Zali
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
27 min

Pierfranco Longo: ‘Tantissima delusione’

No superamento livelli, il presidente della Conferenza genitori: sconfortante che le istituzioni non siano riuscite a trovare un compromesso minimo
Ticino
1 ora

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala il sipario sulla proposta di Bertoli: ‘Deluso per la scuola’
Mendrisiotto
1 ora

Droni e galline fra i vigneti. Viticoltori ecosostenibili

Tanti esempi nel Mendrisiotto. Andrea Conconi, direttore di Interprofessione della vite e del vino ticinese: ’Progressi nella produzione biologica’
Bellinzonese
1 ora

Sì ai 2,72 milioni per il Parco del Piano di Magadino

Il Gran Consiglio in notturna approva i due crediti a favore degli investimenti e per la gestione nel periodo 2021-2024
Ticino
2 ore

Sul decreto taglia spese si voterà il 15 maggio

Il Consiglio di Stato ha fissato la data della votazione popolare
Luganese
3 ore

Campione d’Italia? ‘Non sarà più casinò-centrico’

Dopo tre anni e mezzo, oggi la casa da gioco ha riaperto. E adesso? ‘Bisogna continuare a rimboccarsi le maniche’: intervista al sindaco Roberto Canesi.
Ticino
3 ore

Ecco perché il Tf non ha annullato la legge negozi

I giudici: cancellarla unicamente a causa delle (discutibili) modalità con cui è entrata in vigore sarebbe eccessivo e non appare quindi opportuno
Bellinzonese
3 ore

La musica come ponte tra Bellinzona e una scuola in Israele

Premio Spitzer all’istituto musicale Hmi per il progetto con la scuola del villaggio Neve Shalom dove convivono pacificamente ebrei e palestinesi
Grigioni
5 ore

Grono conta 47 abitanti in più

L’aumento riguarda tutte le frazioni. Al 31 dicembre 2021 nel Comune grigionese vivevano 1’427 persone.
Luganese
6 ore

Cerimonia per la maggiore età a Vernate e Neggio

Presenti oltre i neo diciottenni anche le autorità dei due comuni malcantonesi
Locarnese
6 ore

Società bocciofila Brissago in assemblea

Soci convocati venerdì prossimo, dalle 20, al bocciodromo comunale
Bellinzonese
7 ore

Due nuovi defibrillatori automatici esterni a Biasca

Gli apparecchi sono stati posati in prossimità dell’entrata della Scuola dell’infanzia Nord e dell’entrata sud-ovest del Palazzo scolastico
Ticino
7 ore

A2-A13: il governo è soddisfatto per le scelte di Berna

Il Consiglio di Stato si rallegra per le decisione del Consiglio federale d’includere i progetti A2-A13 e PoLuMe nel Programma di sviluppo delle strade
Bellinzonese
8 ore

Chiesta l’introduzione dei City Angels anche a Bellinzona

In una mozione Manuel Donati e Tuto Rossi del gruppo Lega/Udc ritengono che possano essere di supporto alla polizia comunale e agli ‘educatori di strada’
Luganese
8 ore

Ceresio-Lugano, i cineamatori ‘distanti’ ma presenti

All’assemblea si è parlato anche del concorso Swiss-movie Regione 4 che si terrà a Bellinzona domenica 27 marzo
Bellinzonese
8 ore

Fiumi di coca a Bellinzona: condannato a 2 anni e mezzo

Espulso uno spacciatore, dimezzato il quantitativo di droga imputatogli. Lui si professava innocente: ‘Solo un intermediario’
Locarnese
9 ore

Locarno, la Città strizza l’occhio al Bio

Le aziende che investono in questo settore beneficeranno di aiuti su un arco temporaneo assai lungo, così da generare una catena virtuosa
Bellinzonese
9 ore

Interroll di Sant’Antonino, fatturato e nuove commesse da record

In un anno le vendite sono salite del 20,6% a 640,1 milioni di franchi, mentre le nuove commesse sono aumentate del 43,9% a 788,4 milioni
Locarnese
9 ore

Minusio, ‘recuperare i corsi d’acqua’ caduti nel dimenticatoio

La mozione di Massimo Mobiglia e Andrea Branca chiede un progetto generale per interventi generosamente finanziati dalla Confederazione
Ticino
9 ore

Pablo Biffi dirigerà la Centrale comune d’allarme

La nomina va a colmare la partenza del capitano Alessio Lo Cicero
Locarnese
9 ore

Legge sui sentieri, occorre una proroga della consultazione

Vallemaggia: Germano Mattei, di Montagna Viva, non condivide l’allargamento alle bici rampichino dei contenuti. Invita i patriziati a scrivere al Dt
Bellinzonese
9 ore

Officine a Castione inserite nel Piano settoriale dei trasporti

Lo ha deciso il Consiglio federale che nel documento ha integrato ‘diversi progetti della fase di ampliamento ferroviaria 2035’
Ticino
9 ore

Sviluppo strade nazionali: c’è l’A2-A13, non la Stabio-Gaggiolo

Il Consiglio federale ha inserito il progetto nel Prostra, il Programma di sviluppo strategico delle strade nazionali. Esclusa invece la Stabio-Gaggiolo
 
04.11.2021 - 05:300
Aggiornamento : 08:55

L’aria che respiriamo. ‘Ma inquinamento non è solo traffico’

Il capo del Dipartimento del territorio, Zali: ‘Da oltre un anno la misura d’urgenza degli 80 all’ora in autostrada è scattata per pochi giorni’.

Tredici stazioni di rilevamento di sostanze inquinanti sono disseminate in Ticino, formando la Rete cantonale di misura. Ogni tanto qualcuna suona l’allarme. Facile intuire le località più esposte: Mendrisio e Chiasso, ma, per il Luganese, talora anche Pregassona, nei picchi di smog estivo o invernale, oltrepassa i valori di soglia stabiliti dall’Ordinanza federale contro l’inquinamento atmosferico. Se c’è un fattore preponderante responsabile nel rendere l’aria poco salubre, questo è il traffico: il 70% dell’inquinamento proviene da lì. Ma allora che aria tira nel Sottoceneri? Lo abbiamo chiesto a Claudio Zali, direttore del Dipartimento del territorio. «Indiscutibilmente il traffico rappresenta una fonte importante d’inquinamento - osserva il Consigliere di Stato, al quale proponiamo di tornare per un istante al marzo 2020, quando per l’insorgere della pandemia tutto si fermò, restituendo un paesaggio di strade e città deserte. «Bisogna tornare alle domeniche senz’auto, alla crisi petrolifera degli anni Settanta per riprodurre situazioni straordinarie di questo genere»

Lockdown: prima il deserto sulle strade, poi il ritorno al veicolo privato

Quell’evento straordinario ha contribuito a risanare l’aria? «No. In tema d’inquinamento, mobilità e abitudini il lockdown ha avuto un effetto duplice: perché da una parte è stato controproducente laddove ha portato il valore del distanziamento sociale, come misura preventiva e necessaria, e quindi naturalmente ha scoraggiato l’utilizzo del trasporto pubblico e la condivisione del veicolo. E ha spinto nuovamente in favore del trasporto individuale. Da questo punto di vista, le conseguenze sono negative. Ciò che è positivo, invece, è che la pandemia ci ha fatto scoprire modalità alternative di lavoro e di comunicazione, non necessariamente solo di telelavoro ma tante videoconferenze per cui questa fame bulimica di mobilità della nostra società un pochino si è placata». Forse, tuttavia, non abbiamo imparato abbastanza nella misura in cui l’estate di quello stesso anno il traffico è tornato agli stessi livelli del passato? «Non proprio come prima. Secondo le nostre cifre - le misurazioni relative a quest’anno non sono ancora disponibili - non ancora ai livelli precedenti». Abbiamo comunque imparato poco dall’allarme sanitario? «Ma questa pandemia non è stata un’emergenza ambientale. L’ambiente è certo importante, ma è solo una delle componenti. Io credo che la transizione deve avvenire nelle vie ordinarie e non traendo lezioni da un evento nefasto e straordinario».

‘I veri progressi ce li attendiamo dall’elettrificazione del parco veicoli’

Ecco, venendo alle vie ordinarie e concentrandoci su Luganese e Mendrisiotto, secondo quali criteri viene regolato il dosaggio delle velocità sull’autostrada, i cosiddetti “limiti dinamici” - che oscillano dagli 80 chilometri orari, ai 100, di nuovo agli 80 per poi ritoccare i 120? «Servono a gestire i picchi di traffico allo scopo di creare un flusso più regolare, con il duplice intento di garantire maggiore sicurezza e aumentare la capacità della tratta. Possono avere un effetto positivo anche sull’inquinamento, mantenere il traffico fluido è preferibile a una situazione di velocità a 120 all’ora con brusche frenate e ripartenze a scossoni. Il giovamento per l’ambiente è tuttavia relativo. I veri progressi ce li attendiamo dall’elettrificazione del parco veicoli e dal suo svecchiamento, non tanto da una misura di limite di velocità dovuta a un traffico congestionato. La competenza di questi “limiti dinamici” è dell’Ufficio federale delle strade (Ustra)». Rimanendo sulla A2, da decenni è afflitta da cantieri e restringimenti: la causa è conseguenza del carico di veicoli? «Indubbiamente, come pure l’usura del tempo - comincia infatti a datare di una quarantina di anni. Il passaggio di veicoli è aumentato esponenzialmente. Una cifra: per Grancia parliamo di 75-80 mila veicoli al giorno. Una cifra folle che può arrivare anche a 100 mila. Inoltre, l’apertura alle 40 tonnellate dei Tir non ha giovato ai manufatti. Che si debba fare manutenzione laddove passano milioni di veicoli al mese è fisiologico. È inoltre enormemente difficile intervenire su un tratto di strada, lasciandolo aperto». Il traffico deve dunque essere un “sorvegliato speciale” imprescindibile ai fini del rispetto del limite di emissioni fissato dall’Ordinanza federale contro l’inquinamento atmosferico? «Per questo abbiamo il decreto sulle misure d’urgenza, per l’introduzione dell’80 all’ora che entra in vigore quando si raggiungono dei picchi di ozono o di polveri fini. Il superamento dei limiti non si è quasi verificato. A memoria, è stato necessario ricorrere a questo decreto unicamente l’inverno scorso per uno o due giorni. Il traffico è un corresponsabile dell’inquinamento ma non è l’unico. Le polveri fini dei mesi invernali sono legati anche all’utilizzo degli impianti di riscaldamento, perché altrimenti avremmo l’allarme di polveri fini tutto l’anno, invece ce li abbiamo solo in inverno. La meteo, poi, è una concausa importante: impedisce all’inquinamento di disperdersi perché le polveri fini, se la pressione atmosferica è alta, rimangono sul posto e quindi si accumulano. Tutti i dati sulla qualità dell’aria sono disponibili in tempo reale online, sul sito dell’Osservatorio Ambientale della Svizzera italiana, Oasi.ti.ch».

Parola magica: incentivi per l’auto elettrica

I limiti fissati dall’Ordinanza federale contro l’inquinamento atmosferico si superano meno rispetto al passato? «Assistiamo a una diminuzione costante negli anni del numero di giorni di superamento dei limiti e non è un caso: questo è dovuto al miglioramento del parco veicoli e di quello degli impianti di riscaldamento. Ogni bruciatore che spegniamo con un incentivo per mettere una termopompa significa migliaia di litri di nafta che l’anno dopo non si bruceranno». In tema di auto elettriche, a che punto siamo? C’è un aumento delle richieste? «Con il primo pacchetto d’incentivi abbiamo registrato attorno ai 1500 veicoli elettrici immessi sul mercato nell’ultimo biennio. Abbiamo inoltre un nuovo e più importante pacchetto d’incentivi, approvato dal Consiglio di Stato e attualmente al vaglio del Parlamento. Come pure incentivi per gli scooter elettrici, nonché per la rottamazione di vetture inquinanti, indipendentemente dall’acquisto di un veicolo elettrico. Le vecchie vetture inquinano fino a 10 volte in più - se è un diesel anche 20 in più - rispetto a un’auto moderna. La nostra politica d’incentivi è all’avanguardia anche a livello nazionale: abbiamo raddoppiato il ritmo per le termopompe e per la produzione di energia rinnovabile. Raddoppiato è pure l’importo messo a disposizione rispetto al quadriennio precedente, un importo già accolto dal Gran Consiglio». Navigando sul vostro sito, il Piano dei provvedimenti è aggiornato al 2003. «Penso sia un problema informatico. Stiamo aggiornando il Piano di risanamento dell’aria del Luganese e quello del Mendrisiotto, ma siamo comunque lontani dai dati d’inizio Duemila. In generale sulle questioni ambientali siamo davvero sul pezzo. Al di là dei documenti programmatici... che conta sono i soldi. La questione è ancora e sempre una sola:quanti soldi mettiamo in questo settore». Se ne mettono a sufficienza? «È un equilibrio tra il denaro disponibile, di cui si parla molto in questo momento, e le priorità del paese». Si ritiene ottimista? «Ritengo che si stia compiendo un buon lavoro strategico di medio-lungo termine mettendo a disposizione mezzi importanti. Ogni giorno viene spento un impianto di riscaldamento a combustibile fossile o si lavora su una rete di teleriscaldamento... È un lavoro di lungo termine che va fatto e stiamo facendo».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved