ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

‘Appalti internazionali, si chieda il certificato anti-mafia’

Con una mozione Ermotti-Lepori e altri deputati invitano il Consiglio di Stato a modificare il regolamento della legge sulle commesse pubbliche
Luganese
7 ore

Lugano, crisi in vista: nel 2023 -20% di reddito disponibile

Un rapporto della Statistica urbana prevede tempi duri per i cittadini di Lugano qualora l’attuale crisi perdurasse con la stessa intensità
Luganese
8 ore

Manno, datore di lavoro a processo per omicidio colposo

I fatti riguardano la morte di un suo dipendente nel 2017, caduto da circa 6 metri di altezza mentre lavorava. Secondo la difesa è colpa della vittima
Ticino
8 ore

Certificati Covid in azienda: ‘Una misura che non serve più’

Lo sostiene la commissione sanità e sicurezza sociale, che invita il Gran Consiglio a respingere una mozione dell’Udc Pamini (dell’ottobre 2021) sul tema
Ticino
8 ore

Ffs, aumentano i passeggeri e i treni in transito in Ticino

Roberta Cattaneo: ‘Alle 70mila persone sui Tilo dobbiamo aggiungere le molte che usano Ir e Ic’. Zali: ‘Traffico passeggeri incrementato del 15%’
Ticino
8 ore

‘È una risposta concreta ai bisogni degli anziani’

La commissione parlamentare Sanità e sicurezza sociale firma il rapporto di Lorenzo Jelmini favorevole alla Pianificazione integrata
Luganese
9 ore

Lugano, riciclaggio di denaro: 39enne a processo

L’uomo, domiciliato nel Sopraceneri, avrebbe fatto parte di un ‘giro di truffa carosello’ per l’ammontare di circa 16,4 milioni di franchi
Ticino
9 ore

Malattie trasmissibili: esclusione da centri diurni e colonie

La nuova direttiva del medico cantonale estende il campo di applicazione. Giorgio Merlani: ‘Chiediamo il massimo scrupolo’
Mendrisiotto
10 ore

Oggi il punto di riferimento è l’Ente regionale per lo sport

A un anno dal varo si è già risposto ai bisogni del territorio. A cominciare dalla logistica. Lurati: ‘Il 2023 sarà il vero Anno zero’
Bellinzonese
10 ore

Ospedali di valle, Gina La Mantia nominata presidente

L’attuale presidente del Gran Consiglio è stata eletta al vertice dell’associazione, dopo la scomparsa di Tiziana Mona
Mendrisiotto
10 ore

Con ‘Gnammaggio e l’ApeRitivo’ alla scoperta della Val di Spinee

Pubblicato il quinto racconto per bambini scritto da Moreno Colombo. L’opera contiene anche dei disegni da colorare
Locarnese
10 ore

Locarnese: ‘Periferie e agglomerato, parti dello stesso albero’

Presentati i risultati di uno studio sulla demografia e il parco immobiliare di Onsernone, Verzasca, Vallemaggia e Centovalli. Con proposte di rilancio
Locarnese
11 ore

Locarno on ice, dal 2 dicembre con... ice

Pronta per l’apertura la pista di ghiaccio. E continua il programma dei concerti
07.10.2021 - 17:44
Aggiornamento: 20:33

Badaracco vicesindaco di Lugano, Quadri: ‘Ricatto del Plr’

La (prevista) nomina di Roberto Badaracco riaccende lo scontro politico. Il sindaco Michele Foletti smorza: ‘I rapporti in Municipio non si rovineranno’

badaracco-vicesindaco-di-lugano-quadri-ricatto-del-plr

Una nomina frutto di «accordi e inciuci», nonché un «ricatto del Plr, che ha minacciato di non collaborare in Consiglio comunale se non avessero avuto questo riconoscimento». Tagliente come nel suo stile, Lorenzo Quadri stronca la decisione della maggioranza del Municipio di preferire alla sua la candidatura di Roberto Badaracco quale vicesindaco di Lugano. Il capodicastero Cultura, sport ed eventi è infatti stato sostenuto dalla collega di partito Karin Valenzano Rossi e dai municipali Cristina Zanini Barzaghi (Ps) e Filippo Lombardi (Ppd), mentre il capodicastero Formazione, sostegno e socialità dal sindaco Michele Foletti (Lega) e da Tiziano Galeazzi (Udc). Una decisione che tuttavia era nell’aria, in quanto Foletti stesso settimane fa aveva prospettato a ‘Teleticino’ lo scenario infine concretizzatosi.

Visioni opposte fra Badaracco e Quadri

«Non sono sorpreso dall’esito della votazione – ha effettivamente ammesso Quadri –, rispecchia un film già visto: la maggioranza del Municipio (Plr, Ps e Ppd, ndr) non rispetta la volontà popolare», alludendo al fatto che i propri voti alle elezioni comunali fossero superiori a quelli di Badaracco. «In realtà la volontà della maggioranza è stata rispettata – sostiene Badaracco –: Plr, Ps e Ppd, che hanno sostenuto la mia candidatura, rappresentano effettivamente la maggioranza dell’elettorato». «Immaginare che questa votazione possa rappresentare un nuovo inizio mi risulta difficile – ha continuato il leghista nella sua reazione – e alle promesse del Plr di dimostrarsi più collaborativi non credo, visto che nella scorsa legislatura, pur avendo il vicesindaco del proprio partito, facevano campagna contro il Municipio a maggioranza leghista. Rispetto ad aprile nulla è cambiato nei rapporti di forza e sarebbe stato quindi corretto avere, come a inizio legislatura, sindaco e vicesindaco le due persone più votate». «Non c’è stato alcun ricatto – la replica del liberale-radicale –, mi sono limitato a riportare la posizione del mio gruppo e del mio partito, ossia che sarebbe stata una mancanza di sensibilità e un atto sbagliato non concedere il vicesindacato al secondo partito e che sarebbe stato un motivo di tensione. Invece sono contento perché ha prevalso un senso di responsabilità ed è una soddisfazione personale. È un gesto che fa capire a tutti che si vuole collaborare e quindi è da interpretarsi positivamente. Non è infine vero che non è cambiato nulla da aprile, è cambiato tanto: la riuscita del referendum sul Polo sportivo e degli eventi, la demolizione parziale dell’ex Macello, la morte di Borradori. È importante ora essere coesi».

Foletti: ‘Non l’ho vissuto come un ricatto’

Toni accesi quindi fra Badaracco e Quadri, sostenuti da due comunicati rispettivamente dalla sezione Plr di Lugano e da ‘LegaLugano’, smorzati però dal sindaco Michele Foletti. «Non l’ho vissuto come un ricatto, ma piuttosto come un avvertimento. La maggioranza si è espressa a favore di Roberto Badaracco e ora valuteremo nei prossimi mesi se questa scelta porterà a una distensione dei rapporti tra Municipio e Cc, molto tesi purtroppo nei primi mesi della legislatura. Bisognerà vedere come la prenderà la Lega, ma non credo che i rapporti interni all’esecutivo si rovineranno, anche perché siamo tutti coscienti di quanto lavoro ci sia da fare e di quanto sia importante mantenere una coesione. Spero possa essere un primo passo verso l’allentamento dei toni e delle tensioni, per affrontare nel modo adeguato le prossime sfide».

Lombardi non si è candidato

A titolo di cronaca, vale infine la pena sottolineare che le candidature per il vicesindacato sulle quali il Municipio si è oggi espresso sono state solo due. Quella, inizialmente paventata ma ufficialmente mai confermata, dell’ex consigliere agli Stati Filippo Lombardi non si è quindi concretizzata. «Filippo è una persona che stimo, che vanta esperienza e competenze riconosciute, ma le premesse politiche non erano date» ha brevemente spiegato Foletti, alludendo al fatto che la lista Ppd e Verdi liberali è la quarta forza politica in Municipio per consensi.

Leggi anche:

Badaracco vicesindaco di Lugano, ‘equilibri rispettati’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved