ex-macello-risposte-parziali-e-discussioni-negate
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
31 min

Si riunisce l’Associazione dei Comuni del Generoso

Assemblea annuale alla Masseria Cuntitt a Castel San Pietro. Piatto forte saranno i consuntivi 2021
Mendrisiotto
1 ora

Due incontri per introdurre alle formazioni sociosanitarie

La Fondazione youLabor di Chiasso presenta cinque profili professionali per il reinserimento sociale
Ticino
1 ora

Da TiSin a Sindacato Libero della Svizzera italiana (Slsi)

Dopo l‘uscita di Sabrina Aldi e Boris Bignasca, il sindacato cambia nome e direttivo e attacca: ’Controlli delle paritetiche senza senso e vessatori’
Ticino
2 ore

Finiscono le vacanze, ricominciano le colonne al Gottardo

Il rientro dal ponte dell’Ascensione sta causando colonne fino a 11km fra Faido e Airolo con tempi di attesa intorno alle 2 ore
Locarnese
3 ore

Monte Verità, presentazione libraria

Martedì alle 18.30 sarà illustrato il romanzo storico di Mattia Bertoldi ‘Il coraggio di Lilly’
Mendrisiotto
3 ore

Il Plr di Mendrisio si riunisce in assemblea

Tempo di bilanci per la Sezione locale. In programma le relazioni del sindaco e dei municipali
Mendrisiotto
3 ore

Il racconto della mafia negli occhi delle donne

A Vacallo va in scena uno spettacolo di teatro-canzone nel trentesimo delle stragi di Capaci e via D’Amelio a Palermo
Luganese
20 ore

Incidente con un ferito a Bioggio

Stando alle prime informazioni il conducente di una Range Rover immatricolata in Ticino, per cause da stabilire, è rimasto ferito in modo, pare, non grave
Luganese
21 ore

In sella, un anno dopo: il Molino torna in strada a Lugano

Una ‘critical mass’ in bicicletta ha preso il via oggi pomeriggio percorrendo le strade della città per concludersi nel prato dietro l’ex Macello
Mendrisiotto
1 gior

Assolti i due assistenti di cura della casa anziani di Balerna

I due ex assistenti di cura, secondo la Corte d’appello, non hanno maltrattato gli anziani ospiti. Saranno indennizzati per il torto morale subìto
Ticino
1 gior

Targhe, Dadò: ‘O con il nostro rapporto, o pronti alle urne’

La proposta del Plr sulle imposte di circolazione non scalfisce il Ppd. Intanto l’Udc è pronta all’iniziativa per abolire la tassa di collegamento
Luganese
1 gior

Autogestione, un quarto di secolo finito in ‘Macerie’

La storia dell’esperienza raccontata dai protagonisti nel podcast coordinato da Olmo Cerri: ‘Uno spazio di libertà che si è rivelato fondamentale’
Luganese
1 gior

Il ‘risarcimento? Quegli oggetti non avrebbero dovuto esserci’

Il sindaco Michele Foletti non si scompone in attesa della decisione della Crp e riprenderebbe le stesse decisioni adottate nel maggio scorso
Locarnese
1 gior

Tegna, ladri s’intrufolano nelle case

Sottratto denaro ma nessun oggetto di valore. Alcuni tentativi sarebbero andati a vuoto. La polizia conferma l’accaduto
Ticino
1 gior

Imposte di circolazione, il Plr svela le carte e il suo rapporto

Speziali: ‘Abbassiamole, ma come dice il governo nella sua risposta a 96 milioni e con una formula diversa’. E su riforma fiscale e settimana a 32 ore...
23.06.2021 - 17:44
Aggiornamento : 23:01

Ex Macello, risposte parziali e discussioni negate

L'autogestione e la demolizione sul tavolo del Gran Consiglio. Tanti gli interventi ma poco emerge dalle interpellanze e dall'ampio dibattito

Provocazioni, frecciate incrociate e un certo malcelato nervosismo. C'è stato anche parecchio sarcasmo nei numerosi interventi odierni dei deputati in Gran Consiglio. Del resto, il copione è spesso il medesimo quando si parla dell'autogestione a Palazzo delle Orsoline. In un'ora e mezzo di dibattito preliminare, il Parlamento cantonale ha respinto due volte in votazione la duplice richiesta di discussione generale avanzata da Matteo Pronzini (Mps). Tutto è cominciato dall'interpellanza presentata da 'Più donne' che ha chiesto spiegazioni in merito alla controversa demolizione di un edificio dell'ex Macello di Lugano, sui timori legati alla presenza di amianto e di altre sostanze nocive, su chi sia il committente e su quale procedura edilizia sia stata adottata da parte dell'autorità per ordinare l'abbattimento.

Prima di demolire, serve la notifica alla Suva

Il presidente del Consiglio di Stato Manuele Bertoli non ha risposto alle questioni oggetto dell'inchiesta penale coordinata dal procuratore generale Andrea Pagani coadiuvati dal procuratore capo Arturo Garzoni. Bertoli ha confermato che per qualsiasi demolizione occorre una licenza edilizia da ottenere prima di procedere. La competenza per lo smaltimento dei rifiuti, indipendentemente dalla presenza di amianto e altre sostanze nocive (che resta da accertare con il recente prelievo in profondità ordinato dal Ministero pubblico), ha proseguito il consigliere di Stato, è di competenza della Città di Lugano, proprietaria del sedime. Quale sia invece il ruolo della Suva in caso di demolizioni meccaniche è stabilito dalle norme: occorre la notifica da inoltrare due settimane prima dell'intervento. Tamara Merlo (Più donne) si attendeva qualche risposta in più, di fronte al rischio di banalizzare la questione evocando la domanda in sanatoria, per regolarizzare l'irregolarità che è parsa evidente nella procedura adottata per abbattere l'edificio dell'ex Macello.

Blocchi anti-manif, Gobbi: 'Polizia autonoma'

Altri due gli atti parlamentari, uno di Alessandro Gnesa (Lega dei ticinesi), che chiedeva lumi su controlli al confine in occasione della manifestazione del 5 giugno scorso a Lugano, l'altro di Simona Arigoni Zürcher (Mps) che contestava invece la legalità dei posti di blocco della polizia messi in atto in quell’occasione dalla Polizia cantonale per limitare l'accesso al corteo. Alla prima interpellanza, ha risposto il direttore del Dipartimento delle istituzioni Norman Gobbi che ha ribadito come, nell’ambito dei suoi compiti legali la polizia in Ticino, sia autonoma nella pianificazione e nello svolgimento delle sue attività. Le forze dell'ordine, come prassi, svolgono analisi della situazione e dei rischi sulla base delle quali mettono in atto le misure che ritengono necessarie chiedendo la collaborazione di altri corpi di polizia. A nome del Governo, Gobbi ha respinto le critiche sull’agire illegale della polizia: «Non ci si può esimere dal contestare recisamente questa affermazione. Ognuno può avere naturalmente opinioni personali su come e con quali dispositivi ciò debba essere tutelato, ma la polizia ha agito in base al proprio mandato legale».

Bertoli: 'Ricordatevi della separazione dei poteri'

Le risposte dei due membri del governo cantonale sono parse insufficienti a Matteo Pronzini, che ha criticato il Consiglio di Stato perché si trincera dietro l'inchiesta penale in corso sui fatti dell'ex Macello senza fornire le dovute risposte. Questo crea un problema enorme agli occhi del deputato Mps, convinto che i blocchi effettuati dalla polizia per limitare l'accesso alla manifestazione del Molino a Lugano rappresentino una sospensione dello Stato di diritto. Bertoli ha tuttavia ricordato il principio democratico della separazione dei poteri che esige rispetto. Non contento, Pronzini, dopo aver puntato il dito contro Gobbi accusandolo di dire «bugie», ha chiesto una prima volta la discussione generale sostenendo la tesi secondo cui in Ticino «è in corso un processo autoritario a più livelli». La richiesta è stata tuttavia bocciata dalla maggioranza del Parlamento con 34 contrari e 21 favorevoli. Prima della votazione sulla seconda richiesta di discussione generale, c'è stato un ampio dibattito, con una ventina di interventi di deputati, talvolta conditi da toni polemici o sarcastici. Ai voti, anche la seconda richiesta è stata peraltro respinta con 52 no e 22 sì. A sostenere la discussione generale, sono perlopiù stati i rappresentanti della sinistra e il movimento Più donne. E il problema verrà rimandato a quando si voterà la mozione presentata dall'Udc.

Leggi anche:

'Ex Macello: s'è pensato ad amianto e altre sostanze nocive?'

Le ruspe hanno demolito il Molino

Borradori sentito 5 ore: sono tranquillo, la verità uscirà

Lugano, tornano le ruspe all'ex Macello

L'Udc: 'autogestione non per forza a Lugano'

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved