lugano-chiesti-6-anni-e-mezzo-per-l-accoltellamento
TI-PRESS
L'accusa: tentato omicidio intenzionale
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
6 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
9 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
9 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
9 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
9 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
9 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
10 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
10 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
10 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
10 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
10 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
10 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
10 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
23.02.2021 - 13:01
Aggiornamento: 17:23

Lugano, chiesti 6 anni e mezzo per l'accoltellamento

L'elemento scatenante, un'uscita dell'amico con l'ex moglie e i figli dell'imputato. Il pp Ruggeri: 'proietta le sue colpe. Ha agito con freddezza'

È accusato di tentato omicidio intenzionale, ma sostiene di essere stato lui minacciato di morte. Questa, in estrema sintesi, la versione offerta stamane davanti alla Corte delle assise criminali di Lugano dall'imputato, un cameriere a ore iracheno, 38 anni, separato legalmente dalla moglie dall'agosto 2015, due figli. La vicenda al centro del processo è l'accoltellamento avvenuto all'esterno del supermercato Aldi di Pregassona, nel primo pomeriggio di un lunedì di piena estate, il 20 luglio dello scorso anno. L'elemento scatenante? L'amico dell'imputato, connazionale 36enne, il giorno prima - domenica - era stato nei Grigioni con la sua ex moglie e i suoi figli. Il 38enne ha negato di nutrire gelosie verso l'amico e le sue frequentazioni della ex coniuge. «Quale sentimento ha provato, vedendo i suoi figli rincasare con il suo amico?» - ha chiesto il presidente della Corte, Amos Pagnamenta. «Sono stato male. Ho provato gelosia verso i miei figli, non sono invece geloso della mia ex moglie. Mi dava inoltre fastidio che lui fosse al volante, perché guidava male» - ha risposto l'imputato. Con mia moglie ci eravamo lasciati da tempo, era ormai come una sorella, nonché la madre dei miei figli». 

Il procuratore pubblico: 'l'imputato ha accettato il rischio che la vittima morisse'

Il procuratore pubblico, Roberto Ruggeri, ha aperto la sua requisitoria citando una frase saliente pronunciata nei verbali d'inchiesta dall'imputato: "Mi rendo conto che potevo ucciderlo. Mi rendo conto che è vivo per fortuna. Ma se non mi avesse preso la spalla e minacciato di morte tutto questo non sarebbe accaduto". Il magistrato ha evidenziato come l'imputato «proietti le sue colpe, indossando i panni della vittima». Spregiudicatezza e freddezza - ha qualificato l'impeto del 38enne il magistrato, ricordando come la perizia psichiatrica abbia ravvisato il rischio di recidiva e nessuna scemata imputabilità. Il pp Ruggeri ha ricostruito la prolungata lite fra i due connazionali iracheni - per la quale agli atti vi sono pure le immagini catturate dalla videosorveglianza del supermercato. L'arma: un coltellino apri pacchi che il 38enne teneva nel suo portachiavi, con il quale ha ferito ripetutamente al volto l'"amico", fino a procurargli una grave ferita vicina al collo, tra l'orecchio sinistro e la regione mandibolare. «Se la vittima non è deceduta è solo per pura e fortuita casualità» - ha sottolineato il magistrato, che ha aggiunto: «L'imputato ha accettato il rischio che la vittima morisse, pur non desiderandolo. Era travolto dalla rabbia». La richiesta di pena formulata dal magistrato è di 6 anni e mezzo di carcere e l'espulsione dalla Svizzera per 10 anni. «Ha mostrato totale dispregio della vita, colpendo la vittima al volto con un coltello, in pieno giorno in un luogo pubblico affollato. L'attacco è stato brutale. Stamane in aula l'imputato non ha espresso nessuna parola di scuse né pentimento». 

Versioni contraddittorie e tanti 'non mi ricordo'. 

Il fatidico pomeriggio del 20 luglio scorso all'esterno del supermercato Aldi di Pregassona e le fasi della lite sono state ricostruite minuziosamente dalla Corte. L'imputato ha spiegato che voleva denunciare il suo amico per aver osato uscire con i suoi figli senza avvisarlo. Ma in tutta risposta, il connazionale gli avrebbe spiegato che la decisione spettava alla madre dei bambini. Poi le fasi dell'alterco finito nel sangue. «È lui che mi ha preso per una spalla e mi ha dato una testata, ho visto la mia morte quando mi ha colpito. E mi ha minacciato, 'Ti uccido'». Eppure in un verbale l'imputato aveva raccontato di aver ricevuto dapprima dei pugni. Poi i pugni, interrogato stamane, sarebbero invece stati successivi. «Non mi ricordo perché ho detto così» - si è difeso l'imputato. «In inchiesta ha detto tutto e il contrario di tutto» - ha commentato il presidente della Corte. «Lui voleva cavarmi gli occhi, dopo che l'ho accoltellato» - ha dichiarato l'imputato.

Nel pomeriggio parola al rappresentante dell'accusatore privato, avvocato Simone Creazzo e all'avvocato di difesa, Niccolò Giovanettina. La sentenza sarà pronunciata domani. 

 

 

Leggi anche:

Lite di Pregassona, 37enne accusato di tentato omicidio

Lite col coltello a Pregassona, due feriti

Lite a Pregassona, la donna intervenuta: 'Non sono un'eroina'

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accoltellamento lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved