DJOKOVIC N. (SRB)
1
DELLIEN H. (BOL)
0
2 set
(6-2 : 4-2)
BENCIC B. (SUI)
PEGULA J. (USA)
09:55
 
lite-a-pregassona-la-donna-intervenuta-non-sono-un-eroina
Un fotogramma del filmato
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
4 ore

Ice fishing, valutazioni in corso per Carì e il Tremorgio

Dopo la proposta della ‘Locarnese’, un gruppo di lavoro ha individuato i due laghi alpini leventinesi come potenziali luoghi ideali per la pesca sul ghiaccio
Ticino
4 ore

Vaccini, test, cartelle cliniche online, la svolta sanitaria

Dopo vari ritardi, accelera ora la sanità digitale. La storia clinica di ogni paziente ticinese accessibile con un clic, ma c'è chi fa resistenza
Ticino
13 ore

Un ‘certificato parziale’ per chi vuole andare in Italia

Il documento, con codice QR, viene rilasciato da oggi in Ticino dopo la prima dose a chi ne fa richiesta. Si spera in un riconoscimento entro il 6 agosto.
Locarnese
13 ore

Santa Chiara, estromessa dal Cda Swiss Medical Network

Esclusa dalla maggioranza detenuta da Moncucco l'unica rappresentanza dell'“antagonista” che intendeva collaborare per ortopedia e ginecologia-ostetricia
Luganese
14 ore

Arogno, cade nella benna per un malore

Sul posto sono intervenuti i soccorritori del SAM ed un elicottero della REGA. Le condizioni sarebbero serie
Mendrisiotto
15 ore

Uccise per errore un amico a Pedrinate, cacciatore alla sbarra

I fatti risalgono al 14 settembre 2019. L'uomo, un 53enne del Mendrisiotto, dovrà rispondere di omicidio colposo
Bellinzonese
15 ore

'Temperature in sella', quarta tappa verso Losanna con sorpresa

I 50 ciclisti hanno percorso una ventina di chilometri su un battello sul lago Lemano, evitando così le strade trafficate della Riviera del Lavaux
Bellinzonese
15 ore

Rinviato il concerto degli Sgaffy a Ghirone

L'evento previsto sabato 24 luglio in valle di Blenio si terrà venerdì 30 luglio. Il rinvio è dovuto alle previsioni meteorologiche poco favorevoli.
Ticino
16 ore

Per il Cantone Ticino confermato il rating Aa2

La valutazione di Moody's allestita sulla base delle analisi dei dati del consuntivo 2020 e sulle prime informazioni circa la gestione 2021. La soddisfazione del Dfe
Bellinzonese
16 ore

Patriziato di Carasso, ok ai 1,67 milioni per la sua casa

L'assemblea ha dato il via libera al credito per effettuare lavori di manutenzione, risanamento energetico e messa in sicurezza del palazzo patriziale
Ticino
16 ore

Ecco i radar di fine luglio

Il distretto più coinvolto dai controlli elettronici della velocità la prossima settimana sarà quello di Locarno con 8 località
Ticino
16 ore

Visite e accessi, nuovi allentamenti nelle strutture sociosanitarie

Il Dss: 'La situazione epidemiologica e il buon grado di copertura vaccinale permettono di rivedere le direttive'. Le novità da lunedì.
Locarnese
17 ore

Minusio Mappo, la miniferrovia apre al pubblico

Quattro gli appuntamenti, domenica 25 e giovedì 29 luglio; domenica 5 e giovedì 8 agosto. I convogli circoleranno solo se non piove.
Locarnese
17 ore

Tegna-Verscio, Festa di Sant'Anna

La celebrazione si tiene domenica 25 luglio
Mendrisiotto
17 ore

Arzo, sostituzione e potenziamento delle strutture tecniche

Il cantiere inizierà il 23 agosto e durerà un anno. I lavori interesseranno via Aglio, via Rossi e via Patrizi Arzesi
Luganese
 
21.07.2020 - 13:290
Aggiornamento : 16:26

Lite a Pregassona, la donna intervenuta: 'Non sono un'eroina'

Intervista a Paola, che ieri ha evitato il peggio dopo l'alterco con coltello: 'Non ho avuto paura, era la cosa giusta da fare'. E spunta il video sui social

«Era semplicemente la cosa giusta da fare». Non si sente un'eroina Paola L. Grandi, la donna intervenuta ieri pomeriggio davanti all'Aldi di Pregassona durante la violenta lite tra due iracheni, sfociata nel ricovero in ospedale di uno dei due. Prima dell'arrivo della polizia, il ruolo di Paola è stato determinante: è riuscita a farsi dare il coltello brandito da uno dei litiganti, interrompendo di fatto l'episodio di sangue. Un ruolo chiave, che è stato ripreso e diffuso sui social e l'ha trasformata nel giro di un paio d'ore in un'eroina. L'abbiamo raggiunta per farci raccontare l'esperienza vissuta ieri in prima persona.

Sui social, ma anche privatamente, molti la acclamano come un'eroina. Si sente tale?

Mi sono svegliata stamattina con diverse persone che mi hanno fatto i complimenti per quel che ho fatto. I miei figli mi hanno detto che sono orgogliosi di me. E anche io sono fiera di me, perché ho fatto la cosa giusta, ed è stata una cosa pericolosa e l'ho compiuta con onore, rispetto e centratura. Ma un'eroina no. Sono molto commossa, perché mi rendo conto che questa cosa che per me era normale ha invece toccato le persone, in maniera positiva.

Quando si è accorta della lite?

Avevo finito di fare la spesa. C'erano diverse persone che stavano imbustando, anche uomini. Mi sono voltata e ho visto due uomini che stavano colluttando, erano ancora in piedi, mi sono istintivamente rigirata ma due secondi dopo ho realizzato quel che ho visto: tanto sangue. Allora mi sono rigirata e ho visto che uno dei due stava brandendo un coltello.

E lì che ha fatto?

Allora mi sono rivolta alle persone attorno a me, incitandole a fare qualcosa. Mi hanno risposta: "Ma cosa?". Ho detto: "siamo tanti, alcuni grandi e grossi, usciamo e li separiamo". È assurdo che uno stia lì a filmare un episodio di violenza mentre gli altri non fanno nulla. Non è normale, è disumano.

Ma non sono intervenuti.

No. Mi sono indignata. A occhio e croce c'erano almeno una ventina di persone che avrebbero potuto farlo, compresi diversi uomini, per primo quello che stava filmando. Era un armadio di uomo, io sono 1,60 metri di altezza.

Che ha fatto quindi? Com'è riuscita a convincerli a farsi dare il coltello?

Sono uscita con degli improperi, ho lasciato la borsa della spesa e mi sono diretta da loro, mi sono accovacciata e ho teso la mano chiedendogli di smetterla e di darmi il coltello in nome di Dio. Ho detto Dio prima, perché ho pensato che nominando prima Allah si sarebbero potuti alterare. Conosco bene la comunità musulmana. Era necessario stabilire un contatto prima. Quando ho sentito dentro di me che avrei potuto nominare Allah, dopo un contatto visivo ed emotivo, l'ho fatto. E dopo alcune richieste ("Per favore, non fare queste cose, smettetela, siete umani, siete umani. Vi prego, siete fratelli, nel nome di Dio, nel nome di Allah", ndr) me l'hanno dato.

Che cos'ha visto nei loro occhi?

Avevano entrambi uno sguardo così disperato. Soprattutto l'accoltellatore, che mi guardava come se fosse terrorizzato dall'incubo che aveva creato senza rendersene conto. È bruttissimo vedere due persone che lottano fino alla morte, è stato scioccante.

Che tipo di coltello era?

L'impugnatura del coltello somigliava a quella di un coltellino svizzero, con delle chiavi, ma la lama era paurosissima. Uno stiletto con il gancio. Di certo una persona con buone intenzioni non va in giro con un coltello così.

Prima che arrivasse la polizia cos'altro è successo?

A un certo punto l'accoltellatore mi si è avvicinato, chiedendo che gli venissero restituite le chiavi (col coltello, ndr), ma gli ho detto che l'avrei fatto solo una volta arrivata la polizia. Era però insistente e allora gliele ho ridate e sono corsa in farmacia a lavarmi e disinfettarmi perché ero sporca di sangue sulla mano. Poi è arrivata la polizia e ha scoperto che ha staccato il coltello dalle chiavi, buttandolo sul tetto del negozio. 

Non ha avuto paura?

No. Ero piena di adrenalina in quel momento e non l'ho sentita. La mia esperienza di vita mi permette di avere un certo coraggio in queste situazioni. Semplicemente era la cosa giusta da fare.

Lo rifarebbe?

Sì.

La polizia raccomanda però in questi casi di chiamare le forze dell'ordine e di non intervenire in prima persona.

La polizia ha ragione, tant'è che anche in questo caso è stata giustamente chiamata da una signora. È vero, io ho rischiato, però ripeto in quel momento: per me era l'unica cosa da fare. Qualcuno doveva fare qualcosa.

Si sente di dir qualcosa alle persone che non sono intervenute?

Sentivo il loro spavento e anche il loro desiderio di trovare il coraggio di intervenire, le loro preoccupazioni. Mi guardavano come se fossi stata un'aliena, erano ammutoliti, nessuno mi ha rivolto la parola, neanche dopo. Penso che fossero come bloccati. Ma so che penseranno all'accaduto per tanto tempo e che questo darà loro la spinta per fare la cosa giusta in futuro. Direi loro: appena vedete qualcosa di sbagliato, agite. Mi espongo anche perché le persone capiscano che non è solo un 'bla bla', ma che è vero: tutti possiamo agire per fare del bene.

© Regiopress, All rights reserved