crisi-alla-te-connectivity-di-bioggio-un-brutto-colpo
La sede di Bioggio della TE Connectivity
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 min

Locarno, il Mercatino Caritas riapre il 1°marzo

Per l'occasione la merce invernale sarà messa in vendita a metà prezzo
Gallery
Locarnese
36 min

Riazzino, si stacca il rimorchio, centra una vettura

Insolito incidente stamane sulla cantonale. L'automezzo che trasportava una gru ha perso il carico che ha colpito un'auto. Illesi gli occupanti
Ticino
40 min

Biblioteche cantonali, sale di lettura riaperte dal 1 marzo

In linea con le disposizioni federali, torneranno agibili al pubblico sale lettura e studio, postazioni di consultazione di banche dati e sale giornali
Bellinzonese
42 min

Bloccati sulla seggiovia e tratti in salvo dalla Rega

L'episodio si è verificato questa mattina ad Airolo. Visto il persistere del guasto sono stati allertati i soccorsi per l'evacuazione dei passeggeri
Bellinzonese
2 ore

Bellinzona, dal 1° marzo riapre Castelgrande

Si potrà visitare la mostra ‘Storie di fotografia’ e prossimamente una nuova Escape Room. Gli altri due castelli daranno il via alla stagione il 1° aprile.
Bellinzonese
2 ore

In mostra gli scatti di Ennio Ferrari, imprenditore e fotografo

L'esposizione, con oltre 200 immagini, sarà inaugurata il 3 marzo nel museo Casa Cavalier Pellanda a Biasca
Grigioni
2 ore

Scippo lombardo per il lago a forma di cuore in Val Calanca

Il magazine ‘Milano Città Stato’ dedica un servizio al borgo mantovano di Castellaro Lagusello, ma l'immagine del suo specchio d'acqua è tutta... grigionese
Ticino
2 ore

Il Ticino chiude le terrazze dei comprensori sciistici da domenica

Il Consiglio di Stato, insieme ad altri cantoni, darà seguito alle richieste del Consiglio Federale, 'pur ribadendo la bontà della soluzione proposta'
Mendrisiotto
3 ore

Lavori in stazione a Chiasso, soppressi alcuni treni da Como

La misura entrerà in vigore dal primo al 28 marzo prossimi. Le Ffs suggeriscono le alternative e di consultare orari e app
Bellinzonese
4 ore

Conflitti d’interesse: Verdi contro Bersani e Gianini

A Bellinzona un’interpellanza chiede lumi sulle attività private svolte dai due liberali in seno e per Prosegur (vicesindaco) e Acs ed Evolve (municipale)
Mendrisiotto
4 ore

Classe delle Elementari di Morbio in quarantena

Il Covid-19 torna a palesare la sua presenza in un istituto scolastico del Comune, sede dove si è registrata per la prima volta la variante inglese
Ticino
4 ore

In Ticino scendono a 48 i nuovi positivi al Covid-19

Nelle ultime 24 ore nessun decesso, 4 nuovi ricoveri e 6 dimessi. Undici i pazienti in cure intensive
Luganese
5 ore

Il suicidio di Alfonsina Storni finisce al Consiglio di Stato

Un gruppo di cittadini di Sala Capriasca ricorre contro la decisione del Municipio di voler posare una statua che raffigura l'estremo gesto della poetessa
Locarnese
5 ore

Navigazione, è proroga fino a fine marzo

Ancora nessun accordo sul Consorzio fra Snl e Gestione governativa, ma il servizio prosegue per un altro mese. Proseguono le trattative
Luganese
21.10.2020 - 18:200

Crisi alla TE Connectivity di Bioggio: 'Un brutto colpo'

Le consultazioni, che verteranno prevalentemente sul piano sociale, dureranno un mese. Giovanni Scolari (Ocst): 'Alcuni dipendenti scioccati'

«È un brutto colpo». Eolo Alberti non se l'aspettava: l'annuncio della multinazionale TE Connectivity di pianificare la chiusura della sede di Bioggio e il conseguente licenziamento dei 106 dipendenti è una brutta sopresa. «È un'azienda con la quale abbiamo ottimi contatti – ci spiega il sindaco –. Li abbiamo visti poco più di un mese fa, era presente anche il direttore del Dipartimento delle finanze e dell'economia Christian Vitta, ma non ci sono arrivati segnali di allarme da parte delle grandi industrie e aziende presenti sul territorio. Certo, ci era stato detto che hanno avuto una compressione del fatturato a causa della crisi dovuta alla pandemia e che speravano di poter però risalire la china».

'Dipendenti scioccati per la cruda informazione'

Ma l'amara sorpresa più grande l'hanno avuta oggi attorno alle 13 i dipendenti dell'azienda con sede a Sciaffusa. «Si tratta di una ditta che non ha il contratto collettivo di lavoro – osserva Giovanni Scolari – e in generale anche fra i dipendenti ci sono pochi nostri affiliati. Perciò anche noi siamo venuti a saperlo oggi, come tutti. Alcuni dipendenti coi quali abbiamo parlato ci hanno detto di essere effettivamente scioccati per la cruda informazione effettuata ai collaboratori». Il segretario regionale per il Luganese dell'Organizzazione cristiano-sociale ticinese (Ocst) valuta che i margini di manovra per il sindacato sono relativamente pochi. «Abbiamo fatto alla direzione la richiesta di essere coinvolti nel processo di consultazione e cercheremo di far valere al massimo le ragioni del personale. Ma se hanno già preso questa decisione, temo che potremo unicamente batterci per un piano sociale il migliore possibile».

'Previsto un piano sociale'

Una decisione che invero non è ufficialmente ancora stata presa, come ci conferma il portavoce dell'azienda: «No, non è ancora stata adottata una decisione definitiva – ci spiega Gabriele Cantoni –. Questa avverrà dopo la fase di consultazione, che terminerà fra un mese. Al momento, c'è stata l'informazione che, previa consultazione dei dipendenti o dei rappresentanti dei dipendenti (che comunque non hanno una commissione del personale, ndr) è prevista una riorganizzazione che interessa 106 persone». Ma la previsione comunque è quella di chiudere il sito produttivo a Bioggio. «Sì. Abbiamo preso contatto col personale, con le parti sociali, con le autorità comunali e cantonali. Ora è avviata la fase consultiva, anche sul previsto piano sociale».

Una presenza storica, che risale al 1968

In attesa della decisione definitiva, chiediamo al sindaco di Bioggio quale impatto potrebbe avere questa chiusura sulle finanze di uno dei più benestanti Comuni ticinesi. «Non sono in grado di dirlo ancora dettagliatamente – replica Alberti –. Può averlo, ma non in modo disastroso. Ma è una partenza che peserà comunque. E dà preoccupazione che a lasciarci siano aziende attive sul territorio da decenni. Non è un segnale rassicurante». Eh sì: bisogna tornare infatti al 1968, quando la statunitense Augat fondò in Svizzera la società anonima Electroform con sede a Bioggio. Quest’ultima ha poi a sua volta assorbito la ditta Electra di Campione d’Italia, specializzata nella produzione di contatti per l’industria elettronica. Tramite successive acquisizioni il sito è passato nel 1996 sotto il controllo di Thomas and Betts e nel 2000 al gruppo TE Connectivity.

Un fuggi-fuggi? Alberti: 'Non ho segnali in tal senso'

Una presenza storica quindi, e purtroppo non si tratta dell'unica partenza di recente da Bioggio. È di luglio l'addio della KerrHawe Sa, che entro la fine dell'anno prossimo smantellerà le proprie attività fra Italia, Cechia e Paesi Bassi. E nelle vicinanze la scorsa primavera è stato annunciato il licenziamento di diversi dipendenti anche alla Mikron di Agno. C'è il timore di un fuggi-fuggi? «Non ho segnali in tal senso, ma è chiaro che in questo momento molti stanno soffrendo. Sono preoccupato, ma non vorrei però fare di tutta l'erba un fascio perché abbiamo saputo invece che ci sono altre aziende che stanno lavorando bene, che restano sul territorio e che anzi stanno centralizzando qui l'attività. E anche per quanto riguarda la TE Connectivity, la qualità della produzione qui è ottima ma non c'è lo spazio sufficiente per ampliare come si vorrebbe».

© Regiopress, All rights reserved