ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
8 ore

Arogno, il sentiero resta: respinto il ricorso di Franco Masoni

L’ex consigliere agli Stati riteneva illegittimo il ‘declassamento’ di una strada sterrata per raggiungere la sua proprietà
Luganese
8 ore

Origlio, l’avventura di un negozietto di paese

Peter Murer per 22 anni lo ha gestito guadagnandosi l’affetto della gente. Ora lascia ma ‘Bondì’ resterà
Luganese
20 ore

Direttore arrestato, ‘bisogna cogliere i segnali d’allarme’

Secondo il criminologo Franco Posa allievi, docenti e genitori devono poter far affidamento su una rete esterna per evitare situazioni spiacevoli
Ticino
20 ore

‘Cdm, competenze da ampliare o meccanismi da rivedere’

Consiglio della magistratura, lettera del governo alla commissione parlamentare Giustizia e diritti. Nicola Corti: spunti di riflessione interessanti
Ticino
20 ore

Rincari: ‘Non si scarichino le responsabilità su chi è malato’

A fronte di un aumento dei premi di cassa malati che si prospetta vertiginoso, per Acsi, cliniche private, Eoc, medici e farmacisti serve cambiare sistema
Locarnese
1 gior

Cordoglio per la morte di Pierino Tomatis

Ingegnere, già sindaco di Lavertezzo per diverse legislature, era molto attivo in ambito energetico
Luganese
1 gior

Lugano prevede di adeguare il rincaro del 3%

Lo annuncia il Municipio nella risposta all’interrogazione presentata dalla sinistra. La decisione definitiva verrà presa il prossimo dicembre
Locarnese
1 gior

Attive della Sfg Losone sugli scudi a Zugo e a Veyrier

Ginnastica, ottimi risultati delle ragazze locarnesi, impegnate oltre Gottardo in due gare di livello nazionale
gallery
Bellinzonese
1 gior

Morobbia: dopo 20 anni e 22 milioni, inaugurato l’acquedotto

Entrato in funzione questa estate, in passato era stato contestato dalla Città e oggi produce anche elettricità per oltre mille abitanti
Locarnese
1 gior

Lento fumo, due argenti nazionali per Paolo Dova

L’esponente del Gruppo ‘PipapassioneTuri’ di Minusio si è distinto al 47° Campionato svizzero svoltosi nel Canton Zurigo
Luganese
1 gior

Un credito supplementare per la rotatoria al Piano della Stampa

Il Municipio di Lugano chiede oltre mezzo milione di franchi per una pista provvisoria che garantirà anche l’accesso al cantiere del Dsu
Mendrisiotto
1 gior

Valera verde, L’AlternativA: ‘Seguiremo con occhio vigile’

Verdi e Sinistra insieme: ‘Il fondovalle del Mendrisiotto ha bisogno di questo polmone verde. Non molleremo la presa’
Ticino
1 gior

In pensione il caposezione Circolazione, bando per sostituirlo

L’avvocato Cristiano Canova lascerà la carica il 1° aprile 2023, dopo oltre 30 anni di servizio. Pubblicato il concorso per trovare il suo successore
Bellinzonese
1 gior

Incontro con Raffaele De Rosa a Lodrino

L’evento, organizzato dal Centro di Riviera, si terrà giovedì 29 settembre dalle 18 all’ex Vetreria
21.10.2020 - 18:20

Crisi alla TE Connectivity di Bioggio: 'Un brutto colpo'

Le consultazioni, che verteranno prevalentemente sul piano sociale, dureranno un mese. Giovanni Scolari (Ocst): 'Alcuni dipendenti scioccati'

crisi-alla-te-connectivity-di-bioggio-un-brutto-colpo
La sede di Bioggio della TE Connectivity

«È un brutto colpo». Eolo Alberti non se l'aspettava: l'annuncio della multinazionale TE Connectivity di pianificare la chiusura della sede di Bioggio e il conseguente licenziamento dei 106 dipendenti è una brutta sopresa. «È un'azienda con la quale abbiamo ottimi contatti – ci spiega il sindaco –. Li abbiamo visti poco più di un mese fa, era presente anche il direttore del Dipartimento delle finanze e dell'economia Christian Vitta, ma non ci sono arrivati segnali di allarme da parte delle grandi industrie e aziende presenti sul territorio. Certo, ci era stato detto che hanno avuto una compressione del fatturato a causa della crisi dovuta alla pandemia e che speravano di poter però risalire la china».

'Dipendenti scioccati per la cruda informazione'

Ma l'amara sorpresa più grande l'hanno avuta oggi attorno alle 13 i dipendenti dell'azienda con sede a Sciaffusa. «Si tratta di una ditta che non ha il contratto collettivo di lavoro – osserva Giovanni Scolari – e in generale anche fra i dipendenti ci sono pochi nostri affiliati. Perciò anche noi siamo venuti a saperlo oggi, come tutti. Alcuni dipendenti coi quali abbiamo parlato ci hanno detto di essere effettivamente scioccati per la cruda informazione effettuata ai collaboratori». Il segretario regionale per il Luganese dell'Organizzazione cristiano-sociale ticinese (Ocst) valuta che i margini di manovra per il sindacato sono relativamente pochi. «Abbiamo fatto alla direzione la richiesta di essere coinvolti nel processo di consultazione e cercheremo di far valere al massimo le ragioni del personale. Ma se hanno già preso questa decisione, temo che potremo unicamente batterci per un piano sociale il migliore possibile».

'Previsto un piano sociale'

Una decisione che invero non è ufficialmente ancora stata presa, come ci conferma il portavoce dell'azienda: «No, non è ancora stata adottata una decisione definitiva – ci spiega Gabriele Cantoni –. Questa avverrà dopo la fase di consultazione, che terminerà fra un mese. Al momento, c'è stata l'informazione che, previa consultazione dei dipendenti o dei rappresentanti dei dipendenti (che comunque non hanno una commissione del personale, ndr) è prevista una riorganizzazione che interessa 106 persone». Ma la previsione comunque è quella di chiudere il sito produttivo a Bioggio. «Sì. Abbiamo preso contatto col personale, con le parti sociali, con le autorità comunali e cantonali. Ora è avviata la fase consultiva, anche sul previsto piano sociale».

Una presenza storica, che risale al 1968

In attesa della decisione definitiva, chiediamo al sindaco di Bioggio quale impatto potrebbe avere questa chiusura sulle finanze di uno dei più benestanti Comuni ticinesi. «Non sono in grado di dirlo ancora dettagliatamente – replica Alberti –. Può averlo, ma non in modo disastroso. Ma è una partenza che peserà comunque. E dà preoccupazione che a lasciarci siano aziende attive sul territorio da decenni. Non è un segnale rassicurante». Eh sì: bisogna tornare infatti al 1968, quando la statunitense Augat fondò in Svizzera la società anonima Electroform con sede a Bioggio. Quest’ultima ha poi a sua volta assorbito la ditta Electra di Campione d’Italia, specializzata nella produzione di contatti per l’industria elettronica. Tramite successive acquisizioni il sito è passato nel 1996 sotto il controllo di Thomas and Betts e nel 2000 al gruppo TE Connectivity.

Un fuggi-fuggi? Alberti: 'Non ho segnali in tal senso'

Una presenza storica quindi, e purtroppo non si tratta dell'unica partenza di recente da Bioggio. È di luglio l'addio della KerrHawe Sa, che entro la fine dell'anno prossimo smantellerà le proprie attività fra Italia, Cechia e Paesi Bassi. E nelle vicinanze la scorsa primavera è stato annunciato il licenziamento di diversi dipendenti anche alla Mikron di Agno. C'è il timore di un fuggi-fuggi? «Non ho segnali in tal senso, ma è chiaro che in questo momento molti stanno soffrendo. Sono preoccupato, ma non vorrei però fare di tutta l'erba un fascio perché abbiamo saputo invece che ci sono altre aziende che stanno lavorando bene, che restano sul territorio e che anzi stanno centralizzando qui l'attività. E anche per quanto riguarda la TE Connectivity, la qualità della produzione qui è ottima ma non c'è lo spazio sufficiente per ampliare come si vorrebbe».

Leggi anche:

TE Connectivity di Bioggio verso la chiusura, rischiano in 106

Nel 2021 la Kerr Dental dirà addio alla produzione a Bioggio

Mikron, dimezza i licenziamenti ad Agno

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved