aeroporto-ghisletta-ps-mancati-realismo-e-lungimiranza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
15 min

Alla scoperta del materiale tecnico del soccorso alpino

La stazione di soccorso di Bellinzona sostiene la campagna Montagne Sicure e propone una giornata di divertimento e sensibilizzazione a Curzútt
Bellinzonese
25 min

Concerto di musica classica tra la Surselva e la Valle di Blenio

Domenica 21 agosto in programma due esibizioni: la mattina a Disentis e nel tardo pomeriggio a Leontica
Mendrisiotto
29 min

Feste di San Lorenzo in Valle di Muggio: premi della lotteria

Sono ancora da riscuotere due vincite, ottenute durante l’ultima edizione dei festeggiamenti svoltasi con successo pochi giorni fa
Mendrisiotto
43 min

Torna la Festa del Mulino di Bruzella

Il tradizionale appuntamento di fine estate si svolgerà domenica 28 agosto. Tra l’altro, possibilità di acquistare prodotti macinati tradizionalmente
Bellinzonese
1 ora

Ambrì, grigliata con la Bocciofila Alta Leventina

Appuntamento per sabato 27 agosto alle 12.30 al Centro Atte
Grigioni
3 ore

Teatro e musica all’aperto a Soazza

Sabato 27 agosto alle 16 (ritrovo ai piedi della scalinata della Chiesa di San Martino) andrà in scena lo spettacolo ‘Anime e sassi’
Luganese
3 ore

Cantiere stradale in arrivo a Figino

Lunedì 22 agosto partono le opere di pavimentazione fonoassorbente, che dal 29 agosto e al 1° ottobre saranno parzialmente effettuate di notte
Bellinzonese
3 ore

Monte Carasso, tradizionale festa del gruppo Amici San Bernardo

Appuntamento per domenica 21 agosto con messa e pranzo
Bellinzonese
3 ore

Bellinzona, imparare a massaggiare le mani con Pro Senectute

Appuntamento per giovedì 25 agosto dalle 14.30 alle 16.30 al centro diurno Turrita. Dimostrazione a cura della riflessologa Chantal Bonny
Grigioni
3 ore

Musica e arte si incontrano al Castello di Mesocco

Sabato 27 agosto si terrà la prima edizione del Maat Festival che coinvolgerà una serie di deejay. In programma anche installazioni, proiezioni e dipinti
23.04.2020 - 16:13
Aggiornamento: 18:18

Aeroporto, Ghisletta (Ps): 'Mancati realismo e lungimiranza'

Dopo la liquidazione "ordinata" il presidente del Partito socialista di Lugano lancia il missile su Lasa: "Gestione fallita sotto il profilo economico e politico".

«La liquidazione 'ordinata'? Una soluzione che ora presentano come magica ma che noi avevamo invocato ben sei mesi fa!». Raoul Ghisletta, presidente del Partito socialista di Lugano, intervistato da 'laRegione', spara il missile sulla 'flotta' di Lugano Airport Sa (Lasa): «Si è perso tempo, tutto per calcoli elettorali... Sono mancati realismo e lungimiranza. E la gestione di Lasa è stato un fallimento sotto il profilo economico e politico. Si poteva uscirne senza sconquassi e invece lasciamo sul campo fra la metà e i due terzi di quanti lavorano ad Agno. Ora si incolpa il coronavirus ma lo scalo luganese aveva già ben altre malattie!».

"Un milione di perdita al mese: insostenibile"

Un Ghisletta che, dunque, non le manda a dire e che insieme a Laura Riget, copresidente del Ps ticinese, ha inviato anche una nota stampa alle redazioni: "È chiaro che una perdita mensile di un milione di franchi era ormai insostenibile per ogni piano di rilancio di Lasa – si legge –. Sarebbe stato più logico e realistico se Lega dei Ticinesi, Partito liberale radicale e Partito popolare democratico avessero, nell’autunno 2019, accolto le proposte dei rapporti di minoranza Ps a livello cantonale e comunale. In particolare ciò avrebbe consentito di attuare subito un piano sociale per il personale in esubero rispetto alle esigenze di un aeroporto limitato all’aviazione privata, garantendo il ricollocamento nel settore privato e pubblico di tutti i licenziati prima della crisi del coronavirus». La strategia "razionale e realistica del Ps – non mancano di annotare i due presidenti – avrebbe alleggerito i costi strutturali di Lasa prima della crisi del coronavirus, che ha bloccato l’aviazione privata, dopo che quella di linea era già stata cancellata nell’autunno 2019".

"Scialacquate somme di denaro pubblico"

Per i vertici del Ps "in questi mesi Lega, Plr e Ppd hanno alimentato in funzione elettoralistica l’illusione del rilancio dei voli di linea a Lugano-Agno, puntando sul mantenimento di tutti i posti di lavoro di Lasa: questo ha avuto di fatto come risultato che sono state scialacquate grosse somme dei cittadini per coprire perdite sempre maggiori dell’aeroporto. La maggioranza ha preferito la linea del pokeristico all in nella campagna per la votazione popolare sui due referendum, incurante dell’emergenza climatica e della crisi degli aeroporti regionali in atto da anni: il loro mantra è stato 'O si fa così o l’aeroporto chiude completamente, perché Lasa fallisce'. Il risultato di questa strategia azzardata della destra ora è sotto gli occhi di tutti. Vergognoso!".

Ghisletta e Riget evidenziano infine che "il PS di Lugano e il Ps Ticino hanno contribuito al successo della riuscita dei referendum contro i crediti cantonale e comunale destinati ad un azzardato e insostenibile rilancio dei voli di linea a Lugano-Agno. Siamo evidentemente dispiaciuti che il voto popolare non avrà luogo, perché come sempre dichiarato non ci interessava vincere la votazione a tavolino, ma dare la possibilità alla popolazione di esprimersi. Auspichiamo che ora Lugano e il Cantone si attivino immediatamente per il ricollocamento del personale senza lavoro e che le trattative con i privati vengano portate avanti considerando al meglio gli interessi pubblici, non da ultimo le ricadute ambientali e sociali delle future attività".

Leggi anche:

Lugano Airport, in liquidazione per non chiudere subito

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved