ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
15 min

I Matiröö presentano ‘Quand la toca la taca’

Domenica 29 gennaio la compagnia teatrale si esibirà in uno spettacolo offerto dal Comune di Novazzano
Luganese
39 min

Quale futuro per l’aeroporto di Agno?

Organizzata una serata informativa per discutere del futuro dello scalo. Presenti il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Luganese
43 min

Giovane arrestato mentre trasportava eroina

Il fermo è avvenuto agli inizi di questa settimana, l’ipotesi di reato è d’infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacienti
Mendrisiotto
2 ore

È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito

Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
Locarnese
4 ore

La Stranociada, gli altri e lo ‘scherzo’ che (non) vale

Lo spostamento e il raddoppio delle serate del carnevale di Locarno non fa felici i vicini di Maggia e Gordola, chiamati a far buon viso a cattivo gioco
Luganese
7 ore

La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa

La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
7 ore

‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’

Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Bellinzonese
12 ore

La Imerys di Bodio taglia sei impieghi

Non sono attualmente noti i motivi dei licenziamenti, che seguono ai quattordici del 2018 ma anche agli ingenti investimenti di due anni fa
Ticino
14 ore

Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’

L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
15 ore

Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia

Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
16 ore

Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale

Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
16 ore

Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente

Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
17 ore

Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’

Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
17 ore

Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio

Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Mendrisiotto
17 ore

L’economia su scala locale e il coraggio di cambiare

Se ne è parlato a una tavola rotonda patrocinata a Chiasso dal Comune e dal Centro culturale
Mendrisiotto
18 ore

Mendrisio non ha un vicesegretario comunale

Dopo il pensionamento di Roberto Crivelli, la Città non ha ancora pubblicato il concorso per il successore e il gruppo Lega-Udc-Udf ne chiede conto
31.08.2022 - 18:06
Aggiornamento: 18:49

Polcom, i (presunti) problemi rimangono sotto il tappeto

Il Municipio di Locarno ha risposto con qualche cifra ma pochi argomenti alle due interrogazioni circa il malessere che serpeggerebbe nel Corpo

polcom-i-presunti-problemi-rimangono-sotto-il-tappeto
Ti-Press
Pierluigi Zanchi, capodicastero Polizia in città

Tre ore di lavoro per rispondere, 6 mesi dopo, in modo oggettivamente scarno, al bisogno di chiarezza espresso con due interrogazioni da una buona fetta del Consiglio comunale circa la "verità" riguardante il Corpo di polizia comunale: due ore per argomentare ribattendo alla prima, sottoscritta a febbraio da 20 consiglieri comunali su invito dei due primi firmatari Simone Beltrame (Per Locarno) e Simone Merlini (Plr); un’ora per ribattere alla seconda, che gli stessi due consiglieri avevano inoltrato a luglio, unitamente a Claudio Vassalli (Plr) e Omar Caldara (Lega-Udc-Indipendenti), per chiedere al Municipio se ritenesse opportuna la conferenza stampa convocata dal capodicastero Pier Zanchi e dal comandante Dimitri Bossalini mentre ancora era in corso l’inchiesta amministrativa in seno al Corpo.

L’interrogazione che aveva fatto "scoppiare" il caso della Polcom, sottoscritta dalla maggioranza del legislativo, parlava di una "fuga di agenti (circa 12)", ne chiedeva i motivi e s’informava su come intendesse reagire il Municipio. La risposta, datata 31 agosto, chiarisce che il computo fra agenti partenti e agenti in arrivo presenta in realtà un passivo di sole 5 unità, se si considera il quinquennio 2018-2022. Questo poiché risultano 3 dimissioni e 2 arrivi nel ’18, 2 arrivi nel ’19, 1 dimissione, 2 pensionamenti e 2 arrivi nel ’20, 2 dimissioni, 1 pensionamento e 4 arrivi nel ’21 e – dato che in effetti risalta – 8 dimissioni, 1 pensionamento e 3 arrivi quest’anno. Il totale è quindi di 14 dimissioni, 4 pensionamenti e 13 arrivi. "Vi sono poi ulteriori 7 agenti integrati da Muralto nel 2022", scrive il Municipio. Il riferimento è alla collaborazione instaurata con il Comune limitrofo in vista della convenzione che il Consiglio comunale di Muralto dovrebbe ratificare lunedì prossimo, ma non sembra intenzionato a farlo, stando alle riserve espresse dalle commissioni della Gestione e delle Petizioni.

In risposta poi alla domanda se le partenze fossero ascrivibili "ad esempio a malessere sul posto di lavoro", il Municipio nota, riferendosi in particolare alle ultime partenze, che esse "sono legate in particolare al lavoro a turni sulle 24 ore e alla possibilità, oltre che di svolgere orari più agiati, di poter lavorare vicino a casa. Due di questi agenti sono infatti da poco genitori e hanno posto l’accento su aspetti familiari più che su possibili carriere all’interno del nostro Corpo". Pertanto, nessun particolare malessere, secondo il Municipio.

C’era poi la questione degli agenti "sospettati" di aver concorso per essere poi assunti da altri Corpi, "disdicendo di conseguenza il rapporto di impiego con il Municipio" di Locarno. La Città rimanda alle risposte precedenti, aggiungendo che "comunque ci sono agenti di altri Corpi che sono interessati a lavorare presso il nostro servizio di polizia". Quanto alla volontà di sostituire i partenti, "laddove necessario – risponde l’esecutivo – gli agenti saranno sostituiti con assunzioni esterne e con l’iscrizione di aspiranti alla Scuola cantonale di polizia".

La seconda interrogazione prendeva spunto dall’incontro con la stampa convocato da Zanchi e Bossalini per "difendere il loro operato e quello dei loro agenti, e ciò nel mentre che la relativa inchiesta amministrativa non si è ancora conclusa". Veniva chiesto se il Municipio avesse autorizzato la conferenza stampa; se ne condividesse i contenuti; se non fosse il caso di attendere l’esito dell’inchiesta; e quali obiettivi si prefiggeva il Municipio indicendo un incontro prima dell’esito della procedura condotta dall’avvocato Marco Bertoli. La risposta del collegio esecutivo è che Zanchi aveva informato i colleghi di aver convocato i due giornali "per fare chiarezza su alcuni punti emersi sulla stampa", ma precisando che "non sarebbe entrato nel merito dell’inchiesta amministrativa e delle interrogazioni pendenti, ma che avrebbe unicamente parlato dell’operatività della polizia cittadina". Il Municipio aveva "preso atto dell’avvenuta convocazione, esortando il capodicastero a non entrare nel merito di questioni inerenti all’inchiesta in corso". Cosa che poi in realtà era avvenuta solo in parte – "di transenna", secondo la formulazione del Municipio – tanto da spingere lo stesso esecutivo a "non condividere che erano stati toccati aspetti inerenti all’inchiesta in corso". Infine viene precisato che non era stato l’esecutivo a convocare l’incontro stampa, ma ne aveva preso atto dopo comunicazione del capodicastero.

Nel frattempo, com’è noto, le verifiche di Bertoli sono proseguite, ad un agente è stato prospettato il licenziamento per presunti atti di esibizionismo nei confronti di una collega (atti che lui nega decisamente) e i Comuni in odor di convenzione con Locarno (Muralto da una parte, Ascona e Losone dall’altra, pur secondo modalità diverse) stanno mordendo il freno. A Muralto la convenzione verrà presumibilmente congelata – ma una collaborazione è comunque già in atto da inizio anno – lunedì prossimo dal Consiglio comunale, mentre sull’altra sponda della Maggia di convenzione si è in effetti parlato, elaborandone anche una bozza. Ma l’intenzione è di rimanere prudenti alla finestra, in attesa che il lavoro di Bertoli si concluda e dia un quadro completo ed esaustivo su ciò che non va (ma anche su ciò che funziona, come da precisa richiesta di Zanchi) all’interno del Corpo di polizia comunale cittadino.

Leggi anche:

Locarno, agenti in fuga dalla Polcomunale. Il Municipio che fa?

L’onda lunga muraltese dell’audit in Polcom a Locarno

Polcom Locarno, il figlio del comandante a rischio licenziamento

‘Pseudo-inchiesta, nulla di penalmente rilevante’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved