ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
30 min

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
50 min

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
1 ora

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
1 ora

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
3 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
3 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
4 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
4 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
4 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
5 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
6 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
6 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
7 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
7 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
7 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
7 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
31.08.2022 - 18:06
Aggiornamento: 18:49

Polcom, i (presunti) problemi rimangono sotto il tappeto

Il Municipio di Locarno ha risposto con qualche cifra ma pochi argomenti alle due interrogazioni circa il malessere che serpeggerebbe nel Corpo

polcom-i-presunti-problemi-rimangono-sotto-il-tappeto
Ti-Press
Pierluigi Zanchi, capodicastero Polizia in città

Tre ore di lavoro per rispondere, 6 mesi dopo, in modo oggettivamente scarno, al bisogno di chiarezza espresso con due interrogazioni da una buona fetta del Consiglio comunale circa la "verità" riguardante il Corpo di polizia comunale: due ore per argomentare ribattendo alla prima, sottoscritta a febbraio da 20 consiglieri comunali su invito dei due primi firmatari Simone Beltrame (Per Locarno) e Simone Merlini (Plr); un’ora per ribattere alla seconda, che gli stessi due consiglieri avevano inoltrato a luglio, unitamente a Claudio Vassalli (Plr) e Omar Caldara (Lega-Udc-Indipendenti), per chiedere al Municipio se ritenesse opportuna la conferenza stampa convocata dal capodicastero Pier Zanchi e dal comandante Dimitri Bossalini mentre ancora era in corso l’inchiesta amministrativa in seno al Corpo.

L’interrogazione che aveva fatto "scoppiare" il caso della Polcom, sottoscritta dalla maggioranza del legislativo, parlava di una "fuga di agenti (circa 12)", ne chiedeva i motivi e s’informava su come intendesse reagire il Municipio. La risposta, datata 31 agosto, chiarisce che il computo fra agenti partenti e agenti in arrivo presenta in realtà un passivo di sole 5 unità, se si considera il quinquennio 2018-2022. Questo poiché risultano 3 dimissioni e 2 arrivi nel ’18, 2 arrivi nel ’19, 1 dimissione, 2 pensionamenti e 2 arrivi nel ’20, 2 dimissioni, 1 pensionamento e 4 arrivi nel ’21 e – dato che in effetti risalta – 8 dimissioni, 1 pensionamento e 3 arrivi quest’anno. Il totale è quindi di 14 dimissioni, 4 pensionamenti e 13 arrivi. "Vi sono poi ulteriori 7 agenti integrati da Muralto nel 2022", scrive il Municipio. Il riferimento è alla collaborazione instaurata con il Comune limitrofo in vista della convenzione che il Consiglio comunale di Muralto dovrebbe ratificare lunedì prossimo, ma non sembra intenzionato a farlo, stando alle riserve espresse dalle commissioni della Gestione e delle Petizioni.

In risposta poi alla domanda se le partenze fossero ascrivibili "ad esempio a malessere sul posto di lavoro", il Municipio nota, riferendosi in particolare alle ultime partenze, che esse "sono legate in particolare al lavoro a turni sulle 24 ore e alla possibilità, oltre che di svolgere orari più agiati, di poter lavorare vicino a casa. Due di questi agenti sono infatti da poco genitori e hanno posto l’accento su aspetti familiari più che su possibili carriere all’interno del nostro Corpo". Pertanto, nessun particolare malessere, secondo il Municipio.

C’era poi la questione degli agenti "sospettati" di aver concorso per essere poi assunti da altri Corpi, "disdicendo di conseguenza il rapporto di impiego con il Municipio" di Locarno. La Città rimanda alle risposte precedenti, aggiungendo che "comunque ci sono agenti di altri Corpi che sono interessati a lavorare presso il nostro servizio di polizia". Quanto alla volontà di sostituire i partenti, "laddove necessario – risponde l’esecutivo – gli agenti saranno sostituiti con assunzioni esterne e con l’iscrizione di aspiranti alla Scuola cantonale di polizia".

La seconda interrogazione prendeva spunto dall’incontro con la stampa convocato da Zanchi e Bossalini per "difendere il loro operato e quello dei loro agenti, e ciò nel mentre che la relativa inchiesta amministrativa non si è ancora conclusa". Veniva chiesto se il Municipio avesse autorizzato la conferenza stampa; se ne condividesse i contenuti; se non fosse il caso di attendere l’esito dell’inchiesta; e quali obiettivi si prefiggeva il Municipio indicendo un incontro prima dell’esito della procedura condotta dall’avvocato Marco Bertoli. La risposta del collegio esecutivo è che Zanchi aveva informato i colleghi di aver convocato i due giornali "per fare chiarezza su alcuni punti emersi sulla stampa", ma precisando che "non sarebbe entrato nel merito dell’inchiesta amministrativa e delle interrogazioni pendenti, ma che avrebbe unicamente parlato dell’operatività della polizia cittadina". Il Municipio aveva "preso atto dell’avvenuta convocazione, esortando il capodicastero a non entrare nel merito di questioni inerenti all’inchiesta in corso". Cosa che poi in realtà era avvenuta solo in parte – "di transenna", secondo la formulazione del Municipio – tanto da spingere lo stesso esecutivo a "non condividere che erano stati toccati aspetti inerenti all’inchiesta in corso". Infine viene precisato che non era stato l’esecutivo a convocare l’incontro stampa, ma ne aveva preso atto dopo comunicazione del capodicastero.

Nel frattempo, com’è noto, le verifiche di Bertoli sono proseguite, ad un agente è stato prospettato il licenziamento per presunti atti di esibizionismo nei confronti di una collega (atti che lui nega decisamente) e i Comuni in odor di convenzione con Locarno (Muralto da una parte, Ascona e Losone dall’altra, pur secondo modalità diverse) stanno mordendo il freno. A Muralto la convenzione verrà presumibilmente congelata – ma una collaborazione è comunque già in atto da inizio anno – lunedì prossimo dal Consiglio comunale, mentre sull’altra sponda della Maggia di convenzione si è in effetti parlato, elaborandone anche una bozza. Ma l’intenzione è di rimanere prudenti alla finestra, in attesa che il lavoro di Bertoli si concluda e dia un quadro completo ed esaustivo su ciò che non va (ma anche su ciò che funziona, come da precisa richiesta di Zanchi) all’interno del Corpo di polizia comunale cittadino.

Leggi anche:

Locarno, agenti in fuga dalla Polcomunale. Il Municipio che fa?

L’onda lunga muraltese dell’audit in Polcom a Locarno

Polcom Locarno, il figlio del comandante a rischio licenziamento

‘Pseudo-inchiesta, nulla di penalmente rilevante’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved