ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
1 min

Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl

Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del CdA Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
2 min

Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento

Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente.
Ticino
14 min

La Lega dei Ticinesi lancia la campagna elettorale con 4 feste

Si parte da Giubiasco per poi toccare Mendrisio, Quartino e Pregassona. Come consuetudine, alla parte politica è abbinato un pranzo conviviale offerto
Muralto
18 min

Corso di cajon con la Scuola di musica

Cinque sedute per apprendere l’uso di questo strumento musicale con la Sam. Lezioni al via il 9 febbraio
Mendrisiotto
36 min

Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla

Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
41 min

A Intragna le pratiche postali si fanno al San Donato

Dal primo febbraio la Casa anziani accoglierà, all’entrata, la filiale della Posta. Un’insolita collaborazione che animerà, ulteriormente, l’istituto
Locarnese
58 min

Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide

A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
1 ora

Collina d’Oro si avvicina ai 5’000 abitanti

Importante aumento (+110 persone) di popolazione nel 2022, grazie esclusivamente al saldo migratorio e in larga parte all’accoglienza degli ucraini
Luganese
1 ora

Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne

Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
1 ora

Quasi mille abitanti in più a Bellinzona

Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Luganese
4 ore

L’ambasciatrice svizzera a Roma sarà ospite a Lugano

Monika Schmutz Kirgöz sarà la protagonista della seconda serata del ciclo ‘Incontri diplomatici’ al Consolato generale d’Italia
Luganese
4 ore

A Lugano tornano i corsi di italiano per stranieri

La prossima serie di lezioni è prevista tra febbraio e giugno. Organizza l’Associazione Il Centro, nella propria sede di via Brentani
Luganese
4 ore

Salute e salvezza spirituale, un convegno a Lugano

Nell’era post-pandemica, quale il ruolo della Chiesa? Se ne parlerà l’11 febbraio alla Biblioteca cantonale. Seguiranno rinfresco e visita a una mostra
Mendrisiotto
4 ore

Ai nastri di partenza il Carnevale di Genestrerio

I bagordi di Zenebritt si terranno domenica 5 febbraio, con musica, pranzo in compagnia e giochi
Grigioni
4 ore

Oltre 700 partecipanti alla Mangia e Nevi di San Bernardino

La tradizionale passeggiata enogastronomica, organizzata dall’associazione iSanbe, si è svolta sabato 28 gennaio
Luganese
4 ore

Carnevale di Comano in arrivo

La 56esima edizione di Ur Sgarbelée si terrà dall’11 al 21 febbraio tra maschere, pasti in compagnia e musica
31.08.2022 - 05:30
Aggiornamento: 08:50

L’onda lunga muraltese dell’audit in Polcom a Locarno

Nei rapporti commissionali grosse resistenze riguardo alla convenzione di collaborazione fra i Comuni confinanti, per altro già attiva da inizio ’22

l-onda-lunga-muraltese-dell-audit-in-polcom-a-locarno
Ti-Press
Polcomunale, ulteriori verifiche in corso

Sembrano non aver risparmiato nemmeno la locale Sezione antidroga, i grattacapi in seno alla Polcom di Locarno che hanno portato all’audit esterno commissionato dal Municipio per radiografare passato e presente del Corpo, e dal quale è scaturito anche il prospettato licenziamento di un agente, come riportato ieri su queste pagine. L’Antidroga è infatti a sua volta finita al centro di polemiche. Circa un anno e mezzo fa, questi rapporti conflittuali sarebbero sfociati in partenze di agenti (il prepensionamento del responsabile e il trasferimento di un subalterno).

Intanto, a proposito dell’agente cui è stato prospettato il licenziamento, il suo patrocinatore, avvocato Federico Forni, segnala che «la procedura scaturita dalla pseudo-inchiesta summenzionata – le cui premesse, modalità e conclusioni sono contestate e dovranno essere esaminate nelle opportune sedi – è ancora in corso. Il termine assegnato alla persona interessata per presentare le proprie osservazioni non è ancora scaduto e, in ogni caso, è esclusa qualunque rilevanza penale dei presunti, contestati comportamenti in questione. Si chiede dunque di voler rispettare l’iter procedurale e giudiziario previsto dalla legge». E ancora: «L’interessato prenderà dettagliatamente posizione nelle osservazioni che verranno inoltrate al Municipio di Locarno».

Pellegrini: ‘Basta no comment’

Da un fronte all’altro, ieri ha preso nuovamente posizione Marco Pellegrini, presidente del Ppd cittadino: «I no comment del Municipio sull’accaduto non bastano più! L’opinione pubblica ha il diritto di essere informata su ciò che sta accadendo in seno al Corpo di polizia. L’ho già detto e ripetuto più volte: fino al termine delle verifiche il Dicastero sicurezza deve passare nelle mani del sindaco, ad interim. Hanno il diritto di essere aggiornati sui fatti anche gli stessi agenti, se vogliamo che la Polcomunale al suo interno ritrovi un ambiente di lavoro sereno e credibilità al cospetto dei cittadini. L’assenza di vicinanza e supporto ai dipendenti non è corretta e rende difficile ricompattare un’istituzione così importante per la città e la regione tutta».

‘Servono chiarimenti’

Poi c’è l’onda lunga, che si estende fino a Muralto e alla convenzione di collaborazione sottoposta dal Municipio al Consiglio comunale. Ebbene, secondo la maggioranza della Gestione la convenzione non chiarisce troppi punti importanti, e c’è l’ombra, ingombrante, proprio dell’audit esterno di cui sopra. Pertanto, il messaggio, nella seduta del 5 settembre, dovrà essere respinto. Sostanzialmente, la convenzione in esame prevede che la Polcomunale di Locarno eserciti le sue competenze anche a Muralto. Ciò, dopo che il Corpo della Polcom ha formalmente cessato di esistere a fine 2021, dando il via a una collaborazione che dovrebbe ora venire formalizzata.

Secondo la maggioranza della Gestione muraltese, il periodo di prova ha messo in evidenza "mancanze di servizio constatate sul territorio comunale e rimarcate anche dalla popolazione in relazione a quanto precedentemente in essere". La convenzione in sé, inoltre, "non chiarisce ruoli, operazioni e compiti del Corpo di polizia sul territorio di Muralto in relazione ai costi pro-capite; ai mandati in catalogo di prestazioni e i relativi costi; ai servizi offerti in relazione al costo delle prestazioni; alla proprietà del materiale e delle installazioni finora del Comune di Muralto; all’attribuzione dei costi di manutenzione; e alla ripartizione dei costi del personale; soprattutto, non dà certezze sul potere decisionale che il Comune di Muralto riveste in seno alla gestione del personale".

‘E la base giuridica?’

A "sanare l’inaccettabile situazione generata" è invece l’invito della minoranza gestionale, che lamenta il voto su una convenzione di fatto già introdotta e avviata senza l’approvazione del legislativo, propone il rinvio del messaggio stesso e chiede al Municipio di presentare al Consiglio comunale, "con la clausola d’urgenza", una convenzione "a carattere strettamente transitorio". Essa è considerata necessaria "per porre immediato rimedio sia alla mancanza di una corretta base giuridica che regoli l’operatività della polizia, sia per avere la giusta base per la ripartizione dei costi generati a partire dal 1° gennaio 2022". All’esecutivo, la minoranza chiede inoltre che "solo a conclusione dell’inchiesta amministrativa in corso (a Locarno, ndr.) venga sottoposto al Consiglio comunale un messaggio municipale debitamente strutturato e comprendente l’analisi della situazione attuale, intesa prima dell’attuazione forzata della convenzione, del Corpo di polizia, avendo cura di evidenziare gli aspetti di mancato corretto funzionamento, i motivi e quindi le concrete necessità di una fusione con un altro Corpo di polizia; l’analisi comparativa che ha portato alla decisione di sottoporre al Consiglio comunale la convenzione con la Polizia di Locarno; e l’analisi strutturata e comparativa del vantaggio finanziario che viene ottenuto non solo rispetto all’attuale situazione, ma in particolar modo rispetto alla collaborazione con altri Corpi di polizia". Per la minoranza, infine, "il nuovo messaggio deve presentare una convenzione che ottemperi fra l’altro, oltre a quanto già riportato, a una politica di governance più equa, a un’integrazione dei nostri agenti comunali a difesa della loro classe salariale e carriera professionale pianificata, nonché a tutte quelle criticità presentate nei rapporti di maggioranza sia della Gestione, sia delle Petizioni". Anch’esse, infatti, si sono espresse chiedendo di "non aderire al messaggio". Questo, "preso atto anche degli ultimi sviluppi, in particolare dell’apertura di un audit sulla Polizia di Locarno".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved