un-audit-indipendente-sulla-polcomunale-di-locarno
Ti-Press
Il Municipio vuole vederci il più chiaro possibile
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
2 ore

Fuggi fuggi dal bistrot: ‘Progetto etico rivelatosi una truffa’

Stipendi non versati, niente ferie e continue pressioni: è la situazione lavorativa descritta da alcuni ex dipendenti del Cerere Bio Bistrot di Bellinzona
Luganese
2 ore

Un anno fa scomparve Borradori, Foletti: ‘L’assenza si sente’

Il sindaco di Lugano ci racconta i suoi sentimenti personali e come sono mutate le dinamiche e gli equilibri all’interno del Municipio
Gallery
Bellinzonese
9 ore

Una raccolta fondi per scendere più in profondità

L’apneista bellinzonese Vera Giampietro chiede aiuto per partecipare ai Campionati del mondo previsti in Turchia a inizio ottobre
GALLERY
Mendrisiotto
9 ore

In Valle di Muggio gioielli del territorio a tutte le ore

A Caneggio e Muggio, all’esterno dei due negozi della Dispensa, sono stati posizionati due distributori automatici
Ticino
10 ore

Tf boccia lo sgravio del valore locativo. ‘Ora effetto domino’

Ghisletta (Ps): ‘basta svuotare le casse pubbliche’. Dura l’Udc: ‘Ps nemico di anziani e proprietari di case’. Vorpe (Supsi): ‘Altri cantoni seguiranno’.
Locarnese
11 ore

Gordola, furgone in una scarpata: recuperato con l’elicottero

L’intervento dell’Heli Tv si è reso necessario dopo che il carro attrezzi non era riuscito a rimuovere il mezzo. Nessuno si trovava a bordo
Ticino
11 ore

Inflazione, il Ps: salari e aiuti più alti. Gli altri: sgravi

I socialisti presentano le loro proposte, a livello federale e cantonale, per contrastare il carovita. Durisch: oggi i colpiti sono soprattutto i fragili
Luganese
12 ore

Viadotto Brentino a Lugano, ‘perché la Città non fa nulla?’

La consigliera comunale Sara Beretta Piccoli (Movimento Ticino&Lavoro) chiede al Municipio di attivarsi per una soluzione alla strada incompiuta
Luganese
12 ore

A2 Melide-Gentilino: concluso il grosso del risanamento fonico

Avviati nel 2019, agli sgoccioli i lavori sull’autostrada, L’Ustra: rispettata la tempistica e i costi preventivati
Locarnese
12 ore

Muralto Democratica fa le pulci ai conti (dopo la bocciatura)

Dieci domande al Municipio su temi che vanno dalle spese per il personale alla manutenzione riali, al rischio di non incassare le imposte arretrate
laR
 
16.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:34

Un ‘audit’ indipendente sulla Polcomunale di Locarno

Dopo le preoccupazioni espresse da una parte del legislativo, il Municipio ha deciso di affidare esternamente una valutazione sulla “salute” del Corpo

Se all’interno della Polcomunale di Locarno vi siano effettivamente delle criticità significative lo dirà un "audit" indipendente che il Municipio ha deciso di far svolgere a una ditta esterna. La delibera è arrivata nell’ultima seduta del martedì – anticipata al mattino – dopo settimane di voci, polemiche e preoccupazioni che avevano trovato il loro apice nell’interrogazione interpartitica incentrata su una presunta "fuga di agenti" dal Corpo. L’interrogazione era stata presentata da Simone Beltrame (Per Locarno) e Simone Merlini (Plr), e sottoscritta da altri 20 consiglieri comunali di tutti gli schieramenti.

«Devo sottolineare che il Municipio non ha al momento nulla di specifico da rimproverare al comandante Dimitri Bossalini, né mette in dubbio la strategia gestionale da lui messa in atto in seno al Corpo – dice alla "Regione" il capodicastero Sicurezza, Pierluigi Zanchi –. Anzi, con il Comando c’è comunità d’intenti e per quanto mi riguarda si lavora molto bene. L’"audit" esterno che abbiamo deciso di far avviare non è quindi da intendere come atto di sfiducia verso l’operato del Comando, quanto piuttosto come strumento importante, e dovuto, per capire se in effetti all’interno del Corpo di polizia ci sia qualcosa che non funziona, e se questo eventuale "qualcosa" debba determinare dei provvedimenti da parte della Città».

‘Come fermare l’emorragia’

Obiettivo dell’interrogazione di Merlini, Beltrame & Co. era capire come intendesse procedere il Municipio per "fermare l’emorragia di agenti di polizia dal nostro Corpo". Un’emorragia, stando ai consiglieri desiderosi di chiarimenti, traducibile nella partenza di una dozzina di agenti, fra prepensionamenti, vittime di malcontento e/o interessati a cambiare datore di lavoro. Sulle prime, alla "Regione", Zanchi aveva risposto che in realtà i partenti non erano 12, ma 8, e che fra i motivi di addio non ve ne sarebbero stati di tali da indurre a credere in particolari scompensi interni. Tuttavia, queste precisazioni non avevano fatto altro che soffiare sulla brace di un presunto malcontento, e spinto il "Cdt" a riferire di blocchi delle promozioni, nonché – pur senza definirne i contorni – di mobbing, favoritismi e, più in generale, di mancanza di dialogo fra il Comando e il resto del Corpo.

‘Verifiche su presente e passato’

«Credo – prosegue Zanchi – che in casi simili una valutazione indipendente possa aiutare a capire se, ed eventualmente fino a che punto, in un determinato ambiente di lavoro si stiano verificando determinate situazioni indesiderabili. Faccio notare a questo proposito che personalmente ricopro la carica di capodicastero Sicurezza da pochi mesi e che in questo periodo, grazie alla collaborazione del comandante, abbiamo "portato a casa" diversi risultati significativi, mentre per altri stiamo attualmente lavorando. Non posso escludere che alcune delle presunte criticità sollevate da una parte del Consiglio comunale, se effettivamente esistono, possano avere radici nel passato». L’indipendente eletto nella lista dei Verdi aggiunge che «l’"audit" toccherà tutte le parti in causa, a tutti i livelli, perché un servizio come quello di polizia non può prescindere da una visione chiara dello stesso, tanto più considerando l’estrema attenzione con cui viene oggi valutato il lavoro degli agenti, il cui impegno ha un peso morale chiaramente maggiore rispetto a quello svolto in altri ambiti meno sensibili».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved