un-audit-indipendente-sulla-polcomunale-di-locarno
Ti-Press
Il Municipio vuole vederci il più chiaro possibile
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
10 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
11 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
15 ore

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
18 ore

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
19 ore

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
19 ore

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
laR
 
16.03.2022 - 05:30
Aggiornamento: 17:34

Un ‘audit’ indipendente sulla Polcomunale di Locarno

Dopo le preoccupazioni espresse da una parte del legislativo, il Municipio ha deciso di affidare esternamente una valutazione sulla “salute” del Corpo

Se all’interno della Polcomunale di Locarno vi siano effettivamente delle criticità significative lo dirà un "audit" indipendente che il Municipio ha deciso di far svolgere a una ditta esterna. La delibera è arrivata nell’ultima seduta del martedì – anticipata al mattino – dopo settimane di voci, polemiche e preoccupazioni che avevano trovato il loro apice nell’interrogazione interpartitica incentrata su una presunta "fuga di agenti" dal Corpo. L’interrogazione era stata presentata da Simone Beltrame (Per Locarno) e Simone Merlini (Plr), e sottoscritta da altri 20 consiglieri comunali di tutti gli schieramenti.

«Devo sottolineare che il Municipio non ha al momento nulla di specifico da rimproverare al comandante Dimitri Bossalini, né mette in dubbio la strategia gestionale da lui messa in atto in seno al Corpo – dice alla "Regione" il capodicastero Sicurezza, Pierluigi Zanchi –. Anzi, con il Comando c’è comunità d’intenti e per quanto mi riguarda si lavora molto bene. L’"audit" esterno che abbiamo deciso di far avviare non è quindi da intendere come atto di sfiducia verso l’operato del Comando, quanto piuttosto come strumento importante, e dovuto, per capire se in effetti all’interno del Corpo di polizia ci sia qualcosa che non funziona, e se questo eventuale "qualcosa" debba determinare dei provvedimenti da parte della Città».

‘Come fermare l’emorragia’

Obiettivo dell’interrogazione di Merlini, Beltrame & Co. era capire come intendesse procedere il Municipio per "fermare l’emorragia di agenti di polizia dal nostro Corpo". Un’emorragia, stando ai consiglieri desiderosi di chiarimenti, traducibile nella partenza di una dozzina di agenti, fra prepensionamenti, vittime di malcontento e/o interessati a cambiare datore di lavoro. Sulle prime, alla "Regione", Zanchi aveva risposto che in realtà i partenti non erano 12, ma 8, e che fra i motivi di addio non ve ne sarebbero stati di tali da indurre a credere in particolari scompensi interni. Tuttavia, queste precisazioni non avevano fatto altro che soffiare sulla brace di un presunto malcontento, e spinto il "Cdt" a riferire di blocchi delle promozioni, nonché – pur senza definirne i contorni – di mobbing, favoritismi e, più in generale, di mancanza di dialogo fra il Comando e il resto del Corpo.

‘Verifiche su presente e passato’

«Credo – prosegue Zanchi – che in casi simili una valutazione indipendente possa aiutare a capire se, ed eventualmente fino a che punto, in un determinato ambiente di lavoro si stiano verificando determinate situazioni indesiderabili. Faccio notare a questo proposito che personalmente ricopro la carica di capodicastero Sicurezza da pochi mesi e che in questo periodo, grazie alla collaborazione del comandante, abbiamo "portato a casa" diversi risultati significativi, mentre per altri stiamo attualmente lavorando. Non posso escludere che alcune delle presunte criticità sollevate da una parte del Consiglio comunale, se effettivamente esistono, possano avere radici nel passato». L’indipendente eletto nella lista dei Verdi aggiunge che «l’"audit" toccherà tutte le parti in causa, a tutti i livelli, perché un servizio come quello di polizia non può prescindere da una visione chiara dello stesso, tanto più considerando l’estrema attenzione con cui viene oggi valutato il lavoro degli agenti, il cui impegno ha un peso morale chiaramente maggiore rispetto a quello svolto in altri ambiti meno sensibili».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved