piu-che-un-aumento-c-e-una-recrudescenza-degli-atti-violenti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
30 min

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
3 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
7 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
11 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
20 ore

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
21 ore

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
21 ore

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
Ticino
21 ore

L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’

L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Grigioni
21 ore

Donazione di sangue a Roveredo

Mercoledì 6 luglio dalle 16.30 alle 19.30 al Centro regionale dei servizi
Bellinzonese
22 ore

Luca Decarli presidente del Rotary Club Bellinzona

Succede ad Alessandra Alberti
Locarnese
22 ore

Giallo di Solduno, indagini a tutto campo

Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
22 ore

Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico

La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
22 ore

L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’

L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
23 ore

Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia

Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Locarnese
23 ore

Pilates estivo a Muralto e vacanze al mare per over 60

Le proposte estive di Pro Senectute Ticino e Moesano. Iscrizioni obbligatorie
24.06.2022 - 05:30
Aggiornamento : 18:35

‘Più che un aumento, c’è una recrudescenza degli atti violenti’

A Locarno in meno di 12 mesi almeno sette episodi di violenza giovanile. Ne abbiamo parlato con il comandante della Polizia comunale Dimitri Bossalini

Sette episodi di violenza giovanile che hanno richiesto l’intervento delle forze dell’ordine in meno di un anno. È il poco invidiabile bilancio che ha fatto registrare la città di Locarno tra il 3 luglio 2021 (rissa tra due 24enni) e il 20 maggio 2022, quando un ragazzo e due suoi amici sono stati aggrediti nei pressi della stazione Ffs di Muralto. Una statistica che deve preoccupare? Lo abbiamo chiesto al comandante della Polizia comunale Dimitri Bossalini.

Capitano, la percezione è che vi sia un aumento della frequenza di questi casi, è così? Siete preoccupati?

Ogni singolo episodio di questo genere preoccupa e turba l’intera comunità. La violenza giovanile è una problematica da non sottovalutare, questi particolari avvenimenti non sono prevalentemente legati al nostro territorio, purtroppo sono fenomeni che avvengono in tutte le città. Nella nostra, così come nelle altre realtà ticinesi, non abbiamo però appurato un aumento della violenza in ambito giovanile, semmai una recrudescenza degli atti commessi. Da parte nostra, là dove possibile prevenire, implementiamo il servizio e presenziamo in modo marcato ai vari eventi. Notiamo anche che talvolta a livello di mass media c’è la tendenza a enfatizzare i fatti, ma riportare sistematicamente questo genere di eventi può incoraggiare chi li ha commessi a perpetrare questi atti, ponendolo al centro dell’attenzione. Non si possono escludere anche susseguenti azioni per emulazione.

Questi episodi hanno dei punti in comune (modalità, luoghi, persone coinvolte)?

Avvengono nei vari punti d’incontro della città e non sono necessariamente legate a un luogo preciso. L’affollamento di persone e il consumo/abuso di bevande alcoliche e sostanze stupefacenti tra i presenti può sicuramente accrescere il rischio di dispute.

Spesso però perlomeno le zone si ripetono (ad esempio stazione di Muralto e Rotonda/Piazza Castello). Nonostante questo, sembra difficile prevenire, come mai?

Si tratta comunque di episodi sporadici, improvvisi e non prevedibili. A volte viene richiesto il nostro intervento solo quando tutto è già terminato ed eventuali autori/vittime hanno già lasciato il luogo. È utile sottolineare l’importanza che i testimoni di questi fatti allertino repentinamente le forze dell’ordine. In ogni caso lavoriamo su più fronti a livello preventivo, collaboriamo con i diversi enti e gruppi di lavoro. Per esempio con il Gruppo Visione Giovani/Gruppo Minori svolgiamo delle attività preventive sul terreno e nelle scuole, dove vengono esposte e approfondite le diverse tematiche quali bullismo, consumo di bevande alcoliche e sostanze psicoattive, rischi e reati nell’informatica, ecc.

L’obiettivo è riconoscere i principali problemi giovanili così da poter intervenire in modo tempestivo per limitare, evitare o contenere, se possibile, i comportamenti inadeguati che portano a commettere reati. Sono inoltre in atto valutazioni per identificare spazi dove i giovani possano incontrarsi, tra queste opportunità è al vaglio del Municipio la messa a disposizione di un palco sul quale i giovani possano esibirsi in diversi ambiti (concerti, teatri, dibattiti, ecc.). La Città ha inoltre messo in campo degli operatori di strada che fanno capo alla Fondazione Gabbiano. Queste persone hanno già maturato una consolidata esperienza in altre città del Ticino e svolgono un’importante attività preventiva e indipendente nei luoghi dove i giovani sono soliti radunarsi. La prevenzione rimane l’arma più efficace per contenere questo genere di eventi e in questo senso abbiamo anche un’ottima collaborazione con Autorità Regionale di Protezione, Ufficio dell’aiuto e della protezione, Magistratura dei minorenni, Polizia cantonale e le varie polizie della Regione 6 e 7.

Tutto questo sembrerebbe però non bastare, cosa si potrebbe fare in più per arginare il problema?

Sicuramente più personale dedicato, delle strutture adatte ad accogliere i casi più difficili e così via non possono che favorire l’operato di tutti gli enti preposti a prevenire e a contrastare questi fenomeni. Abbiamo inoltre alcuni progetti che ci porteranno a interloquire maggiormente con il mondo giovanile, ma al momento è prematuro parlarne poiché sono ancora in fase d’approfondimento.

In precedenza ha accennato al consumo/abuso di bevande alcoliche e sostanze stupefacenti: c’è una correlazione con gli episodi di violenza giovanile?

Come detto in precedenza, il consumo di sostanze alcoliche e sostanze stupefacenti provoca un temporaneo cambiamento psicofisico nei soggetti, favorendo così atteggiamenti inadeguati e spesso anche rischiosi. Possiamo confermare che questo genere di eventi accadono spesso sotto l’influsso di sostanze che alterano la percezione della realtà e possono enfatizzare l’azione violenta.

Constatate un aumento del consumo di alcol e stupefacenti tra i giovani e in particolare tra i minorenni? Ultimamente si parla molto di cocaina...

Il post-pandemia ha in qualche modo influenzato un consumo più marcato dovuto al periodo di restrizioni. Per quanto ci concerne non possiamo affermare che vi è stato un aumento del consumo di cocaina tra i giovani/minorenni. Le sostanze stupefacenti più diffuse sono i derivati della cannabis (marijuana e hashish). Anche in questo caso i modi più efficaci per contrastare il fenomeno sono la prevenzione e l’informazione.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
dimitri bossalini polizia comunale locarno violenza giovanile
Ti-Press
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved