il-dopo-pestaggio-valutare-meglio-e-piu-sicurezza-privata
Ti-Press
Per qualcuno è l’occasione di andare sopra le righe
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 min

Sat Mendrisio organizza una gita in val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
21 min

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
23 min

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
39 min

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
Grigioni
40 min

Maloja/Isola, elicottero fallisce l’atterraggio: 3 feriti lievi

Il velivolo si è ribaltato lateralmente. I tre passeggeri hanno lasciato l’abitacolo da soli
Locarnese
43 min

Cevio, riusciti i due referendum

A decidere sulla vendita di un terreno e la costruzione di una scuola ‘patriziale’ a Bignasco saranno i cittadini
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, mercato dell’usato a scopo benefico

Appuntamento venerdì 26, sabato 27 e domenica 28 al Mercato coperto organizzato dall’Associazione per la cooperazione tra Ticino e Uganda
Mendrisiotto
1 ora

Morbio Superiore, sabato 27 stand di tiro obbligatorio

Dalle 14 alle 18.30 a Rovagina si potrà tirare 25 m con la pistola e 300 m con il fucile. Impegno da assolvere entro il 31 da tutti i soldati
Mendrisiotto
1 ora

Truffa alle assicurazioni sociali, condannata una 47enne

Inflitta una pena di 24 mesi sospesi condizionalmente. La donna ha truffato per quasi 600’000 franchi. Ora sogna l’indipendenza finanziaria
Locarnese
1 ora

‘Accesso alle rive, il Ticino segua l’esempio di Neuchâtel’

Dopo le transenne posate (e rimosse) in un campeggio di Tenero, interviene l’associazione ‘Rives publiques Suisse’
Locarnese
1 ora

Centovalli, rimpasto dei dicasteri

Con l’ingresso di Cristina Tanghetti, che assume la responsabilità della Sicurezza pubblica e dell’Ambiente, vi sono stati alcuni cambiamenti
Luganese
1 ora

Lugano dedichi una via a Giorgio Salvadé

Interrogazione leghista formula la richiesta per ricordare il medico e politico che fu tra i promotori dell’Università della Svizzera italiana
Luganese
1 ora

Lugano promuove il confronto sui rapporti tra Svizzera e Taiwan

Al Campus Est si terrà una conferenza organizzata dal Dipartimento tecnologie innovative della Supsi in collaborazione con la Città
Bellinzonese
2 ore

‘Ottimizzato’, prosegue il test della Cupra verso i passi

Osservata la reazione dell’utenza nelle scorse settimane, Ustra ha apportato delle migliorie alla corsia di uscita preferenziale tra Quinto e Airolo
Bellinzonese
2 ore

Corso sulle tecniche di innesto con i frutticoltori ticinesi

Appuntamento a Biasca per sabato 27 agosto
13.04.2022 - 18:30
Aggiornamento: 29.04.2022 - 18:32

Il dopo pestaggio: ‘Valutare meglio e più sicurezza privata’

Bellinzona, il comandante della Polcom non ritiene opportuno inviare la polizia all’Espocentro. La testimonianza: cosa succede lì dentro

La domanda s’impone: è necessario schierare forze di polizia all’esterno dell’Espocentro in occasione di eventi per giovani come quello di sabato scorso, al termine del quale nelle immediate vicinanze un 16enne è stato aggredito e preso a pugni e calci al capo e al corpo da un gruppo di giovani per una questione futile? L’auspicio espresso ieri su queste colonne dall’organizzatore Gianni Morici non cade nel vuoto. O almeno, per ora il comandante della Polizia comunale di Bellinzona Ivano Beltraminelli, interpellato da ‘laRegione’, si dice disposto a valutare con più attenzione, di volta in volta, il tipo di evento organizzato, la tipologia di pubblico atteso e il dispositivo di sicurezza proposto e che la situazione di conseguenza richiede, «all’interno ma anche – aggiunge – all’esterno». Il discorso abbraccia l’ampia cerchia del mondo giovanile che, evento o non evento, non perde occasione per far parlare male di sé. Morici ne è cosciente e lo ha anche detto, auspicando però dal canto suo un maggior impegno delle forze dell’ordine.


Ti-Press
Il comandante della Polizia comunale di Bellinzona, Ivano Beltraminelli

‘Sarebbe facile negare l’autorizzazione’

Si torna alla domanda iniziale: la polizia in occasione di serate particolari come quella che sabato ha visto ospite il trapper comasco Simba La Rue, può dedicare risorse, o più risorse? «Dobbiamo valutare. Ovviamente se certi episodi di violenza si ripetono – avverte Beltraminelli – la risposta più facile da dare sarebbe una sola, ossia negare l’autorizzazione allo svolgimento di quelle feste», che si sa essere più a rischio di altre. Eventi peraltro con ingresso e bibite a pagamento, ciò che assicura agli organizzatori introiti con i quali coprire le spese, comprese quelle generate – e non sono bruscolini – dal dispositivo di sicurezza. «In alternativa – aggiunge Beltraminelli – si potrebbe chiedere agli organizzatori il potenziamento del loro servizio d’ordine, estendendolo anche alle immediate vicinanze», al suolo pubblico che solitamente è di competenza Polcom o Polcant. «Vedo male infatti inviare i nostri agenti sul posto ad attendere, magari delle ore, fino a quando il pubblico esce e se ne va». D’altronde gli stessi episodi di violenza verificatisi nell’estate 2020 in città «dimostrano ancora una volta, come detto prima, che accadono indipendentemente dall’organizzazione di eventi». Le teste calde insomma non mancano mai, ma questo – stando ai vari commenti letti sui social – non può diventare un’attenuante.

‘Situazioni di estremo disagio’

«Quando ci sono feste di questo genere, succede sempre qualcosa, anche se non è stata la serata peggiore». È quanto ci racconta Marco (nome di fantasia) che sabato sera era all’Espocentro di Bellinzona. Non è la prima volta che assiste a eventi del genere e spesso, dice, si notano situazioni di estremo disagio, soprattutto quando vi sono concerti di musica trap o techno. Evidentemente non tutti si comportano in un modo sopra le righe, ma bastano poche persone per rovinare la serata agli altri. «La grandissima maggioranza dei presenti – prosegue – erano minorenni. Ho visto giovani che fumavano (non solo sigarette) e che riuscivano a bere alcolici anche se avevano un braccialetto di colore diverso dai maggiorenni: o se li scambiavano, oppure chiedevano semplicemente a qualcuno con più di 18 anni di comprare loro da bere». Stando a Marco, questi ragazzini dovrebbero essere espulsi immediatamente dal locale, anche perché non riescono a gestirsi sotto l’effetto di stupefacenti. «Ho visto diversi giovanissimi che sono stati male a causa di quello che avevano assunto: certi erano praticamente svenuti e almeno una persona è stata portata fuori di peso e messa su un taxi».

‘Barista minacciato e fotografo infastidito’

Di violenza fisica Marco non ne ha vista, ma di quella verbale invece sì: «Alcuni giovani hanno minacciato un barista che stava cercando di spiegare loro che non potevano fumare all’interno del locale. Inoltre, anche un fotografo presente sul posto è stato pesantemente infastidito». E la sicurezza? «La sicurezza era presente soprattutto all’entrata e sul palco. In mezzo alla folla, tuttavia, le persone facevano un po’ quello che volevano». Come noto all’esterno, invece, il pestaggio c’è stato. E anche secondo Marco la polizia dovrebbe quindi controllare maggiormente quello che succede fuori dal locale, cosicché si riesca almeno a limitare (se non a impedire) episodi di violenza assolutamente ingiustificata.

Leggi anche:

Calci e pugni alla serata trap di Bellinzona

Altro pestaggio a Bellinzona, questa volta in via Dogana

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona beltraminelli comandante espocentro pestaggio
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved