aurigeno-una-chiazza-viva-ricettacolo-di-storia-e-tradizioni
Patriziato di Aurigeno
Il comparto Chiazza
+6
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
40 min

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
1 ora

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
1 ora

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
2 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
Bellinzonese
2 ore

Lungo le mulattiere del Piottino con la Fondazione Dazio Grande

L’escursione è in programma per domenica 10 luglio
Grigioni
3 ore

Domani a Roveredo scatta il ‘Grin Festival’

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio si esibiranno artisti e band provenienti da tutto il mondo. In programma anche spettacoli teatrali e workshop
Mendrisiotto
4 ore

Lugano-Ambrì, sfida di pulizia in vetta al Monte Generoso

I giocatori delle due squadre di hockey si sono cimentate in un ‘Clean Up Derby’. Chi ha vinto? La sostenibilità
Locarnese
4 ore

Brissago multimediale, così ti rilancio l’immagine del paese

Due iniziative che poggiano sulle moderne tecnologie per consentire di rilanciare il territorio e le sue attività commerciali coinvolgendo le famiglie.
Luganese
4 ore

Arrivano le misure di sicurezza: filo spinato alla Foce

In vista della Conferenza internazionale sull’Ucraina che inizierà settimana prossima
Bellinzonese
5 ore

Biasca lanciata verso un futuro d’arte e cultura

Il Legislativo ha approvato i crediti per lo studio di fattibilità per il deposito di opere all’ex arsenale e per gli interventi a Casa Cavalier Pellanda
Ticino
5 ore

‘Io l’8 ogni giorno’ esprime solidarietà alle donne americane

Dopo la sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti, il collettivo femminista fa un’azione dimostrativa a Bellinzona: ‘Difendere i diritti delle donne’
laR
 
17.05.2022 - 11:56
Aggiornamento: 16:12

Aurigeno, una Chiazza viva ricettacolo di storia e tradizioni

Il Patriziato locale ha promosso recupero e valorizzazione del poggio che si estende sopra la frazione Terra di Fuori. Inaugurazione domenica 22 maggio

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È un atto d’amore per la memoria; per la storia con le sue tradizioni che è radice del presente. Un atto d’amore per il futuro. Fra il 2016 e il 2020, il Patriziato di Aurigeno ha promosso l’intervento di recupero del poggio Chiazza di Aurigeno, che si estende sopra la frazione di Terra di Fuori. Il progetto di valorizzazione naturalistica, paesaggistica, agricola e culturale è costato attorno ai 600mila franchi; coperti principalmente da enti e istituzioni pubbliche, ma anche grazie a fondazioni private. Il progetto è stato curato dall’ingegnere forestale Nello Garzoli, con la consulenza dello storico Flavio Zappa. La Chiazza è composta da un bel nucleo rurale curato con pascoli, vigneti e frutteti. «È un nome antico, dei vecchi tempi. Nel dialetto locale significa mestolo. La conformazione dell’area richiama infatti la forma dell’utensile», ha chiarito Davide Andreocchi, presidente del Patriziato di Aurigeno. Il passato spesso è ricordato, custodito, da toponimi dialettali: un patrimonio lessicale specchio di un microcosmo e della sua storia, che andrebbe altrimenti perso.

Alla Chiazza sono stati apportati numerosi interventi per «non perderla. Agricoltura e allevamento sono attività che vanno sempre più scomparendo con la conseguente avanzata del bosco. Si è quindi voluto ridare valore alla zona e portare avanti alcune attività, come la vigna che è tuttora lavorata. Un’azienda agricola della zona, inoltre, porta per qualche giorno all’anno capre e asini», ha sottolineato Andreocchi. Gli scopi sono molteplici, fra cui «mantenere ordine – affinché la vegetazione non inghiotta l’area, ndr – e far sì che la Chiazza viva».

Dell’area sita a 430 m s.l.m., le aziende agricole con allevamenti di capre e mucche vi usufruivano già dagli inizi del XX secolo. Tuttavia col passare degli anni e soprattutto complici i cambiamenti socioeconomici, la Chiazza (così come altre aree simili) è stata lasciata. L’abbandono progressivo ha portato all’inselvatichimento dell’area, anche se la manutenzione di pascoli, vigneti e costruzioni non è mai venuta meno. Gli interventi apportati sono diversi: valorizzazione della selva per recuperare aree di pascolo, potenziamento dei frutteti – come le selve castanili –, ripristino dei muri a secco e dei vigneti estensivi, consolidamento del ponte "romano", restauro di un rifugio per animali, sistemazione di nove pozzi adibiti in passato alla macerazione della canapa. La valorizzazione ha previsto altresì la messa in opera di un sentiero didattico circolare. Lungo i tre chilometri si possono approfondire aspetti naturalistici e antropici (relativi all’essere umano): un’esperienza fra natura e tradizioni. L’escursione ad anello di circa un’oretta e mezza si percorre bene a piedi ed è adatta anche ai bambini (non a carrozzine). Una volta raggiunto il poggio, vi è anche la possibilità di fare picnic, essendoci tavolo e panche in legno di castagno.

L’occasione di volgere lo sguardo a questa particolare area ci è data dalla sua prossima inaugurazione domenica 22 maggio, con ritrovo al posteggio adiacente alla chiesa, alle 15. La passeggiata si snoderà su sentieri boschivi ed escursionistici, sono consigliate scarpe comode. Giunti al rifugio, si svolgerà la parte ufficiale della manifestazione con l’intervento di alcune personalità in qualità di portavoce degli enti che hanno partecipato al finanziamento e hanno promosso l’azione di valorizzazione. L’ufficialità sarà chiusa da un rinfresco. Se dovesse essere un tempo piovoso, la data alternativa è il 29 maggio.

Info: www.patriziatoaurigeno.ch.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aurigeno chiazza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved