ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
12 min

Sorpresa per i 18enni di Bissone: Norman Gobbi in visita

Il consigliere di Stato ha partecipato alla tradizionale cerimonia di accoglienza dei neomaggiorenni svoltasi il 29 gennaio
Locarnese
28 min

La formazione dei docenti in Ticino compie 150 anni

Nel 2023 l’anniversario dell’istituzione della Scuola magistrale, oggi Dipartimento formazione e apprendimento, verrà sottolineato con diverse iniziative
Bellinzonese
31 min

Ospedali di valle, ‘De Rosa sapeva delle pressioni?’

Interpellanza Mps al governo sui rapporti intercorsi fra il primo firmatario Martinoli e i vertici del Dss coinvolti nel gruppo di lavoro
Locarnese
31 min

Diego Togni nuovo vicesindaco di Cevio

Il rappresentante di Alleanza moderata nominato al posto del dimissionario Ercole Nicora. Pietro Palli in Municipio, Sonia Giussani-Gotti nel Legislativo
Locarnese
36 min

L’Osteria Palazign nelle mani del Patriziato di Comologno

Grazie all’interessamento e all’aiuto (anche) del Cantone presto l’acquisto dell’immobile, che con Palazzo Gamboni costituisce un tutt’uno
Locarnese
1 ora

Tombola carnascialesca con l’As Riarena

Il tradizionale evento è in programma giovedì 9 febbraio dalle 20 presso il capannone del Carnevale ‘Sciavatt e Gatt’ di Cugnasco-Gerra
Locarnese
1 ora

Ronco s/Ascona, il ‘Comune sano’ può proseguire

Accolto dal legislativo il credito per l’ulteriore fase del progetto; archiviati i conti preventivi, come pure tutte le trattande all’ordine del giorno
Locarnese
1 ora

Lavori sulla strada cantonale Gordola-Sonogno

A Vogorno tratto chiuso da giovedì 9 febbraio alle 22 a venerdì 10 febbraio alle 5.30, con un’apertura al traffico di 15 minuti alle ore 00.30
Locarnese
1 ora

Alla Biblioteca cantonale di Locarno per ‘diventare scrittrici’

È il tema della conferenza organizzata dal Lyceum club venerdì 10 febbraio alle 18.15
Locarnese
1 ora

Serata dedicata al dolore nel paziente oncologico

La organizza l’Associazione Triangolo in collaborazione con il Circolo Medico di Locarno giovedì 9 febbraio alle ore 18.30 alla Sopracenerina
Luganese
1 ora

Acli organizza corsi per referenti delle comunità di migranti

Le formazioni avranno luogo il 20 febbraio e il 13 marzo alla sede delle Associazioni cristiane lavoratori italiani di via Simen a Lugano
Locarnese
1 ora

‘Locarno ieri e oggi’, mostra fotografica a Tenero

Scatti che ripercorrono lo sviluppo urbanistico e architettonico della città
Mendrisiotto
2 ore

Ecco le date 2023 dello Sportello energia di Mendrisio

Torna il servizio di consulenza gratuita in ambito energetico della Città, con possibilità di scegliere appuntamenti in presenza oppure a distanza
laR
 
23.02.2022 - 05:20
Aggiornamento: 16:41

Alla Cinque Fonti ‘direttore messo alla porta per zittirlo’

Vertenza casa anziani a San Nazzaro, il pretore aggiunto di Locarno-Campagna decreta: “Quel licenziamento è stato abusivo”

alla-cinque-fonti-direttore-messo-alla-porta-per-zittirlo
Ti-Press
La Casa anziani Cinque Fonti

Il licenziamento di Samuele Enderli dalla direzione amministrativa della casa per anziani Cinque Fonti di San Nazzaro non poteva essere giustificato dalla volontà di riorganizzare la gestione del ricovero, affidandola in "outsourcing" all’Alvad (Associazione locarnese e valmaggese di assistenza e cura a domicilio). Piuttosto, doveva e deve essere considerato una conseguenza del fatto che Enderli, mettendo i puntini sulle "i" rispetto a situazioni da lui riscontrate internamente all’istituto, aveva toccato dei nervi scoperti, inducendo così la Fondazione che l’aveva appena assunto a sbarazzarsi di lui. Quindi, "non si può che riconoscere come il motivo di licenziamento indicato dalla convenuta (ovverosia la Fondazione Ricovero delle Cinque Fonti, ndr) all’attore (e cioè Enderli, ndr) appaia menzognero". Infatti, "è del tutto illogico e irragionevole, e pertanto assolutamente inverosimile, che la Fondazione abbia licenziato il direttore del ricovero, figura imposta dalla Legge cantonale per la gestione delle case anziani, esonerandolo oltretutto immediatamente dal dover fornire la propria prestazione lavorativa e rimanendo quindi da un giorno all’altro priva di una direzione della struttura, senza aver ancora stipulato un mandato di gestione con Alvad, né discusso e, tantomeno, ottenuto il benestare dell’autorità cantonale circa l’attuabilità del modello di gestione in ‘outsourcing’ che pretende essere stato alla base della rinuncia della funzione ricoperta da Enderli, ovvero senza avere nemmeno la parvenza che ciò fosse realizzabile".

Sono alcuni passaggi della sentenza con cui il pretore aggiunto della Giurisdizione di Locarno-Campagna, Leopoldo Franscini, ha decretato come abusivo il licenziamento dell’ex direttore della casa anziani, obbligando la Fondazione a versargli quasi 60mila franchi a titolo di indennità. Sentenza che tra l’altro è nel frattempo cresciuta in giudicato ed è pertanto stata accettata.

Si configura dunque in tutta la sua chiarezza la situazione che a cavallo fra il 2019 e il 2020 tanto aveva fatto discutere in Gambarogno e non solo; ovverosia il licenziamento praticamente in tronco, poche settimane dopo l’assunzione, di Samuele Enderli dalla direzione dell’istituto per anziani di San Nazzaro. Da una parte, la Fondazione aveva sempre detto di aver voluto fare a meno del direttore in relazione a una presunta collaborazione con Alvad per un nuovo modello gestionale basato su un "progetto innovativo-sperimentale"; dall’altra, Enderli riteneva l’azione abusiva poiché in realtà scattata dopo che lo stesso direttore aveva reso attenti alcuni "attori" della casa anziani, fra cui l’ex direttore sanitario, circa l’esistenza di determinati conflitti d’interesse. Quanto alla collaborazione in "outsourcing" con Alvad, ancora non era stata formalizzata al momento del licenziamento, né era consentita dalla legge, tant’è vero che l’Ufficio anziani aveva imposto l’assunzione di un nuovo direttore, esattamente secondo le modalità utilizzate per prendere Enderli.

Quella della Fondazione è ‘una colpa grave’

La sentenza del pretore aggiunto mette dunque in fila i fatti e lo fa senza concedere sconti. "La motivazione fornita al dipendente il giorno in cui è stato licenziato si rileva per quello che è: una menzogna", si legge. La colpa della Fondazione è, pertanto, "grave" poiché "ha sollevato (Enderli) dall’incarico di direttore per zittirlo immediatamente e appena dopo tre mesi dalla sua assunzione, e meglio per il solo fatto che egli aveva manifestato dubbi legittimi in merito alle cariche e alla gestione dei degenti in seno al ricovero. Dubbi che hanno infastidito (un membro) del Cda al punto da farlo alterare, siccome riguardavano il suo ruolo e quelli ricoperti da (una sua parente) all’interno della casa anziani". Inoltre, "occorre considerare anche l’assenza di colpe dell’attore e le modalità con cui è stato licenziato; egli è stato esautorato dalle sue funzioni, è stato messo letteralmente alla porta di punto in bianco, alimentando così il sospetto, all’interno della casa anziani e nei confronti del personale, che avesse commesso chissà quali violazioni".

Secondo il pretore aggiunto Franscini, infine, "non può essere banalizzato neppure il riscontro mediatico della vicenda, che ha rivelato al pubblico il licenziamento, dandone una risonanza inconsueta". Di conseguenza, il licenziamento è da considerarsi abusivo e "si ritiene quindi pienamente giustificato prevedere un’indennità importante".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved