ULTIME NOTIZIE Cantone
GALLERY
Mendrisiotto
6 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
6 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
10 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
12 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
13 ore

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
13 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
laR
 
23.02.2022 - 05:20
Aggiornamento: 16:41

Alla Cinque Fonti ‘direttore messo alla porta per zittirlo’

Vertenza casa anziani a San Nazzaro, il pretore aggiunto di Locarno-Campagna decreta: “Quel licenziamento è stato abusivo”

alla-cinque-fonti-direttore-messo-alla-porta-per-zittirlo
Ti-Press
La Casa anziani Cinque Fonti

Il licenziamento di Samuele Enderli dalla direzione amministrativa della casa per anziani Cinque Fonti di San Nazzaro non poteva essere giustificato dalla volontà di riorganizzare la gestione del ricovero, affidandola in "outsourcing" all’Alvad (Associazione locarnese e valmaggese di assistenza e cura a domicilio). Piuttosto, doveva e deve essere considerato una conseguenza del fatto che Enderli, mettendo i puntini sulle "i" rispetto a situazioni da lui riscontrate internamente all’istituto, aveva toccato dei nervi scoperti, inducendo così la Fondazione che l’aveva appena assunto a sbarazzarsi di lui. Quindi, "non si può che riconoscere come il motivo di licenziamento indicato dalla convenuta (ovverosia la Fondazione Ricovero delle Cinque Fonti, ndr) all’attore (e cioè Enderli, ndr) appaia menzognero". Infatti, "è del tutto illogico e irragionevole, e pertanto assolutamente inverosimile, che la Fondazione abbia licenziato il direttore del ricovero, figura imposta dalla Legge cantonale per la gestione delle case anziani, esonerandolo oltretutto immediatamente dal dover fornire la propria prestazione lavorativa e rimanendo quindi da un giorno all’altro priva di una direzione della struttura, senza aver ancora stipulato un mandato di gestione con Alvad, né discusso e, tantomeno, ottenuto il benestare dell’autorità cantonale circa l’attuabilità del modello di gestione in ‘outsourcing’ che pretende essere stato alla base della rinuncia della funzione ricoperta da Enderli, ovvero senza avere nemmeno la parvenza che ciò fosse realizzabile".

Sono alcuni passaggi della sentenza con cui il pretore aggiunto della Giurisdizione di Locarno-Campagna, Leopoldo Franscini, ha decretato come abusivo il licenziamento dell’ex direttore della casa anziani, obbligando la Fondazione a versargli quasi 60mila franchi a titolo di indennità. Sentenza che tra l’altro è nel frattempo cresciuta in giudicato ed è pertanto stata accettata.

Si configura dunque in tutta la sua chiarezza la situazione che a cavallo fra il 2019 e il 2020 tanto aveva fatto discutere in Gambarogno e non solo; ovverosia il licenziamento praticamente in tronco, poche settimane dopo l’assunzione, di Samuele Enderli dalla direzione dell’istituto per anziani di San Nazzaro. Da una parte, la Fondazione aveva sempre detto di aver voluto fare a meno del direttore in relazione a una presunta collaborazione con Alvad per un nuovo modello gestionale basato su un "progetto innovativo-sperimentale"; dall’altra, Enderli riteneva l’azione abusiva poiché in realtà scattata dopo che lo stesso direttore aveva reso attenti alcuni "attori" della casa anziani, fra cui l’ex direttore sanitario, circa l’esistenza di determinati conflitti d’interesse. Quanto alla collaborazione in "outsourcing" con Alvad, ancora non era stata formalizzata al momento del licenziamento, né era consentita dalla legge, tant’è vero che l’Ufficio anziani aveva imposto l’assunzione di un nuovo direttore, esattamente secondo le modalità utilizzate per prendere Enderli.

Quella della Fondazione è ‘una colpa grave’

La sentenza del pretore aggiunto mette dunque in fila i fatti e lo fa senza concedere sconti. "La motivazione fornita al dipendente il giorno in cui è stato licenziato si rileva per quello che è: una menzogna", si legge. La colpa della Fondazione è, pertanto, "grave" poiché "ha sollevato (Enderli) dall’incarico di direttore per zittirlo immediatamente e appena dopo tre mesi dalla sua assunzione, e meglio per il solo fatto che egli aveva manifestato dubbi legittimi in merito alle cariche e alla gestione dei degenti in seno al ricovero. Dubbi che hanno infastidito (un membro) del Cda al punto da farlo alterare, siccome riguardavano il suo ruolo e quelli ricoperti da (una sua parente) all’interno della casa anziani". Inoltre, "occorre considerare anche l’assenza di colpe dell’attore e le modalità con cui è stato licenziato; egli è stato esautorato dalle sue funzioni, è stato messo letteralmente alla porta di punto in bianco, alimentando così il sospetto, all’interno della casa anziani e nei confronti del personale, che avesse commesso chissà quali violazioni".

Secondo il pretore aggiunto Franscini, infine, "non può essere banalizzato neppure il riscontro mediatico della vicenda, che ha rivelato al pubblico il licenziamento, dandone una risonanza inconsueta". Di conseguenza, il licenziamento è da considerarsi abusivo e "si ritiene quindi pienamente giustificato prevedere un’indennità importante".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved