alla-cinque-fonti-direttore-messo-alla-porta-per-zittirlo
Ti-Press
La Casa anziani Cinque Fonti
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
22 min

Campione d’Italia, le roulette possono continuare a girare

I commissari giudiziali del Tribunale di Como approvano il piano integrativo della casa da gioco a un anno dalla richiesta di concordato
Luganese
50 min

Sagra della costina a Madonna d’Arla con lo sci club

La manifestazione alla sua 49esima edizione nel castagneto del Pian Piret in programma il 14, 15 e 16 luglio
Luganese
1 ora

Lugano, perdita d’acqua in via Maraini: disagi alla circolazione

Sulla strada si circola su una sola corsia e a senso alternato. La polizia invita a usare l’accesso autostradale di Lugano Nord
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio, tiro sportivo promosso da Pro Militia

Il 16 luglio al Centro sportivo di Penate è in programma il tradizionale evento
Luganese
1 ora

Concerto di Fabri Fibra, Lugano chiude il lungolago

Chiuso alla circolazione veicolare il quai mercoledì sera, da Piazza Castello alla rotonda del Lac
Mendrisiotto
2 ore

Mendrisio, divieto di usare acqua per scopi non domestici

La misura intimata a tutti i quartieri della Città a causa ‘del perdurare di scarsità di precipitazioni e dei forti consumi’
Bellinzonese
2 ore

Feste campestri a Campo Blenio

Tradizionale appuntamento organizzato dallo Sci club Greina, quest’anno in programma sabato 9 e domenica 10 luglio
Luganese
3 ore

A tu per tu con Ceo e allenatore dell’Fc Lugano a Tesserete

Conferenza pubblica giovedì al centro balneare moderata dal giornalista sportivo Giancarlo Dionisio
Gallery
Luganese
3 ore

Conferenza sull’Ucraina: Lugano non blindata, ma semivuota

Senza aperitivi, ma con disagi tutto sommato contenuti. E sopra le teste il ronzio degli elicotteri, che fa da... colonna sonora alla due-giorni
Luganese
3 ore

Svizzera e Ucraina firmano un’intesa per la protezione del clima

La convenzione ‘permette di mobilitare fondi in aggiunta alla cooperazione internazionale’, afferma il Datec
Speciale ucraina
LIVE

‘La Russia sta attaccando i valori di tutti i Paesi democratici’

Il presidente ucraino Zelensky è intervenuto all’inaugurazione dell’Ukraine recovery conference di Lugano. Segui il live del laRegione
Bellinzonese
3 ore

Musica da camera, tutto pronto per il Montebello Festival

Scatta domani a Bellinzona la 16esima edizione della rassegna internazionale
Luganese
3 ore

‘L’Ucraina può contare sul nostro costante sostegno’

Per la presidente della Commissione Ue Von der Leyen, la conferenza di Lugano è ‘fondamentale per concordare i principi dello sforzo internazionale’
laR
 
23.02.2022 - 05:20
Aggiornamento: 16:41

Alla Cinque Fonti ‘direttore messo alla porta per zittirlo’

Vertenza casa anziani a San Nazzaro, il pretore aggiunto di Locarno-Campagna decreta: “Quel licenziamento è stato abusivo”

Il licenziamento di Samuele Enderli dalla direzione amministrativa della casa per anziani Cinque Fonti di San Nazzaro non poteva essere giustificato dalla volontà di riorganizzare la gestione del ricovero, affidandola in "outsourcing" all’Alvad (Associazione locarnese e valmaggese di assistenza e cura a domicilio). Piuttosto, doveva e deve essere considerato una conseguenza del fatto che Enderli, mettendo i puntini sulle "i" rispetto a situazioni da lui riscontrate internamente all’istituto, aveva toccato dei nervi scoperti, inducendo così la Fondazione che l’aveva appena assunto a sbarazzarsi di lui. Quindi, "non si può che riconoscere come il motivo di licenziamento indicato dalla convenuta (ovverosia la Fondazione Ricovero delle Cinque Fonti, ndr) all’attore (e cioè Enderli, ndr) appaia menzognero". Infatti, "è del tutto illogico e irragionevole, e pertanto assolutamente inverosimile, che la Fondazione abbia licenziato il direttore del ricovero, figura imposta dalla Legge cantonale per la gestione delle case anziani, esonerandolo oltretutto immediatamente dal dover fornire la propria prestazione lavorativa e rimanendo quindi da un giorno all’altro priva di una direzione della struttura, senza aver ancora stipulato un mandato di gestione con Alvad, né discusso e, tantomeno, ottenuto il benestare dell’autorità cantonale circa l’attuabilità del modello di gestione in ‘outsourcing’ che pretende essere stato alla base della rinuncia della funzione ricoperta da Enderli, ovvero senza avere nemmeno la parvenza che ciò fosse realizzabile".

Sono alcuni passaggi della sentenza con cui il pretore aggiunto della Giurisdizione di Locarno-Campagna, Leopoldo Franscini, ha decretato come abusivo il licenziamento dell’ex direttore della casa anziani, obbligando la Fondazione a versargli quasi 60mila franchi a titolo di indennità. Sentenza che tra l’altro è nel frattempo cresciuta in giudicato ed è pertanto stata accettata.

Si configura dunque in tutta la sua chiarezza la situazione che a cavallo fra il 2019 e il 2020 tanto aveva fatto discutere in Gambarogno e non solo; ovverosia il licenziamento praticamente in tronco, poche settimane dopo l’assunzione, di Samuele Enderli dalla direzione dell’istituto per anziani di San Nazzaro. Da una parte, la Fondazione aveva sempre detto di aver voluto fare a meno del direttore in relazione a una presunta collaborazione con Alvad per un nuovo modello gestionale basato su un "progetto innovativo-sperimentale"; dall’altra, Enderli riteneva l’azione abusiva poiché in realtà scattata dopo che lo stesso direttore aveva reso attenti alcuni "attori" della casa anziani, fra cui l’ex direttore sanitario, circa l’esistenza di determinati conflitti d’interesse. Quanto alla collaborazione in "outsourcing" con Alvad, ancora non era stata formalizzata al momento del licenziamento, né era consentita dalla legge, tant’è vero che l’Ufficio anziani aveva imposto l’assunzione di un nuovo direttore, esattamente secondo le modalità utilizzate per prendere Enderli.

Quella della Fondazione è ‘una colpa grave’

La sentenza del pretore aggiunto mette dunque in fila i fatti e lo fa senza concedere sconti. "La motivazione fornita al dipendente il giorno in cui è stato licenziato si rileva per quello che è: una menzogna", si legge. La colpa della Fondazione è, pertanto, "grave" poiché "ha sollevato (Enderli) dall’incarico di direttore per zittirlo immediatamente e appena dopo tre mesi dalla sua assunzione, e meglio per il solo fatto che egli aveva manifestato dubbi legittimi in merito alle cariche e alla gestione dei degenti in seno al ricovero. Dubbi che hanno infastidito (un membro) del Cda al punto da farlo alterare, siccome riguardavano il suo ruolo e quelli ricoperti da (una sua parente) all’interno della casa anziani". Inoltre, "occorre considerare anche l’assenza di colpe dell’attore e le modalità con cui è stato licenziato; egli è stato esautorato dalle sue funzioni, è stato messo letteralmente alla porta di punto in bianco, alimentando così il sospetto, all’interno della casa anziani e nei confronti del personale, che avesse commesso chissà quali violazioni".

Secondo il pretore aggiunto Franscini, infine, "non può essere banalizzato neppure il riscontro mediatico della vicenda, che ha rivelato al pubblico il licenziamento, dandone una risonanza inconsueta". Di conseguenza, il licenziamento è da considerarsi abusivo e "si ritiene quindi pienamente giustificato prevedere un’indennità importante".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved