il-danno-al-bosco-sono-molti-i-fattori-che-entrano-in-gioco
(Archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
9 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
10 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
10 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
14 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
17 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
22 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
Luganese
1 gior

Pubblicata la nuova edizione de ‘Il Cantonetto’

Nel numero di giugno, un omaggio allo scrittore Mario Agliati nel centenario della nascita. Altro tributo di rilievo, quello al pittore Pietro Salati
Luganese
1 gior

Lugano, un gesto solidale a chi è meno fortunato

In occasione dei suoi 60 anni, il direttore dell’Hotel Pestalozzi Luciano Fadani ha devoluto alla G.I.C.A.M. l’incasso dell’aperitivo
02.02.2022 - 17:23
Aggiornamento : 17:41

‘Il danno al bosco? Sono molti i fattori che entrano in gioco’

Dai monti in fiamme del Gambarogno il caposezione forestale Roland David spiega la complessità dei processi naturali e l’incidenza degli incendi

A ogni incendio boschivo gli alberi, il nostro “capitale naturale”, pagano dazio. Rappresentano spesso una protezione per gli abitati, i collegamenti viari, frenano l’erosione dei pendii, assorbono il carbonio. La natura ne risente. Anche se alcune specie di piante si rigenerano in maniera sorprendentemente rapida dopo un incendio, altre muoiono e vanno, non di rado, ripiantate tramite interventi selvicolturali per accelerare la rigenerazione.
Quantificare i danni (non solo economici) al patrimonio boschivo di un rogo come quello che in questi giorni interessa i monti del Gambarogno è, ovviamente, prematuro. Bisognerà attendere il risveglio della natura in primavera per capire la reale portata del sinistro. Sono diversi i fattori che entrano in gioco. Uno di questi è la velocità con la quale le fiamme si propagano. Un incendio che passa velocemente attraverso un bosco generalmente arreca danni inferiori a un rogo che, al contrario, alimentato dalla presenza di molto legname secco e strame (biomassa), per giorni e giorni, arde.
Roland David, capo sezione forestale del Canton Ticino, si è recato di persona nel Gambarogno. Ecco la sua opinione: «In un incendio il danno al patrimonio boschivo dipende da molti fattori. Innanzitutto dal tipo di alberi toccati; in un bosco di latifoglie o piante pioniere, alla fine i danni possono magari anche risultare contenuti. Ricordo il caso dell’incendio di Chironico del 2016, che presenta delle affinità con quello di Indemini (periodo dell’anno, tipo di vegetazione, particolarità dei pendii). Fiamme altissime che facevano impressione e danni alla natura che, alla fine, risultarono inferiori al previsto». Il discorso cambia quando il sinistro colpisce un bosco di resinose. «Un incendio di questo tipo (fuoco di corona) solitamente non dà scampo alle piante. Porto il caso di Osco, dove il danno fu totale. Qualche pianta qua e là sembrò inizialmente essersi salvata, ma poi qualche stagione più tardi morì proprio per le conseguenze del fuoco, illudendo i forestali».

Tra maggio e fine estate la maggior criticità

Non aiuta la vegetazione nemmeno il fatto che l’incendio sia divampato in inverno (quando la pianta cade in una specie di letargo) piuttosto che in primavera: «Purtroppo se la pianta riceve una forte scottatura al suo tessuto esterno, solitamente muore. I più letali sono comunque gli incendi tra maggio e fine estate, in occasione di lunghi periodi di siccità e temperature elevate. Periodi in cui si aggiungono, alla negligenza dell’uomo, gli incendi generati dai fulmini».
Vi è poi quello che, a detta di molti, può essere letto come il rovescio della medaglia; alcuni roghi di breve durata e intensità, infatti “fanno pulizia” di sterpaglie e neofite, favoriscono l’arrivo di più luce al suolo e la biodiversità. Come dire che da quando il mondo è mondo, le foreste sono sempre bruciate: «In Ticino sappiamo quali sono le aree boschive con funzione protettiva più soggette a devastazioni da incendi. Ed è lì che focalizziamo la nostra attenzione; la biomassa presente al suolo è un super combustibile e laddove i boschi svolgono una funzione particolare, in occasione d’invertenti di rinnovamento e cura andrebbe esportata. È una questione di giusto equilibrio. Tutto va insomma contestualizzato».

Leggi anche:

Incendio di Chironico, 50 pompieri ancora in azione

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gambarogno roland david sezione forestale
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved