la-mamma-no-mask-rispediti-a-casa-senza-materiale-didattico
Ti-Press
Obbligatoria dalla prima elementare
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
19 ore

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
20 ore

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
Luganese
1 gior

È morto il motociclista coinvolto ieri in un incidente a Croglio

L’uomo, un 28enne italiano, ha urtato violentemente un’automobile all’altezza di Madonna del Piano, venendo sbalzato dal mezzo e rovinando a terra
Locarnese
1 gior

A Locarno ‘movida’ prolungata, gli esercenti: ‘è un primo passo’

Le reazioni di bar e ristoranti dopo la decisione dell’Esecutivo di prolungare la possibilità per quest’ultimi di mettere musica di sottofondo 
Mendrisiotto
1 gior

InterCity a Chiasso, ‘Difenderemo sempre la nostra fermata’

Molti i temi in agenda per la seduta extra-muros che impegnerà il Municipio a fine mese. Il punto con il sindaco Bruno Arrigoni.
Gallery
Luganese
1 gior

Auto contro moto a Madonna del Piano: un ferito grave

Incidente della circolazione attorno alle 20 sulla strada che da Ponte Tresa conduce a Fornasette, chiusa per i rilievi del caso
Ticino
1 gior

Il luglio 2022 è stato il secondo più caldo di sempre in Ticino

Il mese appena trascorso ha visto uno scarto di +2,6 °C rispetto alla norma 1991-2020: il record rimane a luglio 2015, con uno scarto di oltre 3°C
Ticino
1 gior

Strategia energetica, Marchesi (Udc): ‘Il nucleare al centro’

Il presidente e consigliere nazionale democentrista ‘preoccupato’ per la situazione attuale svela la sua ricetta: ‘Finora da Berna proposte insufficienti’
Bellinzonese
1 gior

Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo

Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
2 gior

Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni

Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
2 gior

Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’

Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
2 gior

Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi

Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
2 gior

Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende

Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
2 gior

Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina

Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
2 gior

Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago

L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
2 gior

Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca

Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
2 gior

Orselina, Silvan Zingg al Parco

Il grande pianista svizzero, re del Boogie Woogie e del Blues, sarà di scena mercoledì
Locarnese
2 gior

Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’

Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Luganese
2 gior

Pregassona, tanta frutta e verdura agli orti condivisi

Le cassette messe a disposizione dall’Associazione Amélie hanno dato, nel vero senso della parola, i loro frutti. Purtroppo ci sono stati anche dei furti.
Luganese
2 gior

Hangar malmesso ad Agno, scatta l’interpellanza

Sara Beretta Piccoli, alla luce del rischio di rilascio di amianto nella struttura aeroportuale (lato fiume), chiede lumi al Municipio
laR
 
31.01.2022 - 05:30
Aggiornamento: 08:04

La mamma ‘no mask’: ‘Rispediti a casa senza materiale didattico’

‘Hanno tolto ai miei figli il diritto all’istruzione’. Sisini (Decs): ‘Una ventina di casi in tutto il Ticino. La Legge sulla scuola parla chiaro’

«Che arrivassero a togliere il diritto all’istruzione ai bambini di scuola elementare francamente mi lascia sbigottita». È la reazione di una mamma del Locarnese alla linea dura adottata dal Decs riguardo ai bimbi i cui genitori sono a tal punto contrari alla soluzione della mascherina da rifiutarsi di mandarli a scuola. Una linea dura che si traduce nel divieto, diramato alle Direzioni scolastiche, di consegnare ai genitori reticenti o spaventati il materiale didattico necessario per consentire alle famiglie di seguire da casa il programma. «Dopo aver chiesto se accettavano i miei figli anche senza mascherina (richiesta respinta) abbiamo domandato che almeno ci venisse dato il materiale didattico (compiti o schede) con cui supplire a casa all’assenza dall’aula. Ci è stato risposto che “per disposizioni dall’alto non lo possiamo più fare”». Qualche giorno dopo «una lettera raccomandata era arrivata a domicilio preannunciando sanzioni per assenza arbitraria, nonché una segnalazione alle Autorità regionali di protezione (Arp)».

Il ‘principio di precauzione’

La mamma in questione, considerando non solo inutile, ma anche dannosa la mascherina per i suoi bimbi ancora piccoli (di seconda e quarta elementare) aveva deciso di reagire all’imposizione della misura sanitaria già dalla prima elementare con un’azione “di forza”. «Da oltre due settimane non mandiamo più i nostri figli a scuola in base al principio di precauzione: con tanto di studi abbiamo mostrato alla scuola la nostra preoccupazione e la conseguente volontà di proteggere i nostri figli, pur avendoci riflettuto a fondo e comprendendo gli aspetti negativi che tale decisione porta con sé. In ogni caso abbiamo chiaramente espresso l’intenzione di accompagnarli al meglio nel percorso scolastico, per il momento da casa, vista la situazione straordinaria. Abbiamo gli strumenti per farlo ed è assurdo che intenzionalmente non ci si fornisca il materiale didattico. Siamo certi che la mascherina non determina né il benessere fisico, né quello psicologico dei bambini. Non bisogna essere complottisti per dare credito a chi ragiona in questo senso». Tema, questo, che aveva spinto alla “contestazione collettiva” firmata da diverse centinaia di genitori all’attenzione del Consiglio di Stato.

Centinaia di famiglie contestatarie

Nata da alcune mamme di Locarno, e poi estesasi alla regione e a tutto il Ticino, la petizione sottolinea come la Scuola ticinese avesse rinunciato al ruolo di “alleata” sempre avuto rispetto alle famiglie in questo periodo pandemico, in quanto “luogo di aggregazione privo, almeno per loro (i bimbi più piccoli, ndr) di forti e definitivi simboli riguardanti la pandemia”. Una situazione che con l’obbligo entrato in vigore il 10 gennaio “è venuta a cadere”, togliendo ai bambini la “protezione psicologica” che meritano. La sensazione è che “i bimbi si vedano assurgere a salvagente del mondo economico in quanto saranno obbligati a portare la mascherina tutto il giorno con il solo fine di evitare sospensioni di classe che metterebbero in difficoltà le attività professionali in cui operano i genitori, fermo restando che la nuova variante non appare per nulla problematica per la salute dei nostri piccoli”. Ciò violerebbe “gravemente il loro diritto alla tutela che la società tutta deve loro”, comprometterebbe “la socializzazione” e alienerebbe “i rapporti fra le persone”, laddove “l’aspetto della socializzazione è centrale”.

‘Una ventina di casi aperti’

Rezio Sisini, caposezione Scuole comunali, raggiunto dalla ‘Regione’ quantifica in «una ventina di casi aperti in tutto il Ticino in cui l’obbligo scolastico non è al momento rispettato. Si tratta di pochi casi limite – seguiti da vicino anche dagli ispettorati – che vanno rapportati agli oltre 30mila allievi che frequentano normalmente in presenza le scuole dell’infanzia, elementari e medie in Ticino». Nel merito del divieto di consegnare il materiale didattico per seguire a casa i bambini, Sisini precisa che «la nostra indicazione è che i docenti di scuola comunale si debbano concentrare sui bambini presenti in aula e su quelli costretti a casa per motivi medici comprovati dall’Ufficio del medico cantonale, dunque con assenze giustificate da scuola. Non è invece compito dei docenti fornire materiale didattico ai bambini purtroppo tenuti volutamente a casa dai genitori senza giustificazione valida, in contravvenzione con quanto prevede la Legge della scuola».

Qual è la trafila che seguite in questi casi?

La premessa è che il 13 gennaio scorso, come Cantone, avevamo indicato ai Municipi che il dialogo era la principale via raccomandata per rapportarsi con le famiglie che hanno inizialmente tenuto i figli a casa da scuola a seguito dell’introduzione dell’obbligo di mascherina a scuola. Questo, tenuto conto della ferma volontà di mantenere un buon rapporto di fiducia tra famiglia, scuola e istituzioni, in particolare a beneficio dei bambini coinvolti. Questo approccio, nella quasi totalità dei casi, ha permesso di gestire con successo timori e insicurezze delle famiglie, permettendo di trovare una soluzione nell’interesse degli allievi, facendoli rientrare a scuola.

Ma non è successo con tutti.

Per gestire le poche assenze ingiustificate residue che si sono protratte nel tempo nonostante le rassicurazioni fornite dalle autorità, i Municipi sono stati invitati in un primo tempo a informare le famiglie renitenti che la Legge della scuola (Lsc) prevede la frequenza obbligatoria della scuola per i bambini e i ragazzi dai 4 ai 15 anni (art. 6) e stabilisce che i genitori sono tenuti a collaborare con la scuola nello svolgimento dei suoi compiti educativi e in particolare che devono garantire la regolare frequenza della scuola per i figli sottoposti a obbligo scolastico (art. 53). Tenuto conto di ciò, i Municipi sono stati invitati, pur nella comprensione della situazione particolare in cui ci troviamo e delle preoccupazioni per i propri figli, a rammentare ai genitori renitenti che la frequenza scolastica è obbligatoria e a intimare di mandare i figli a scuola come previsto dalla Legge, richiamandoli al buon senso e alla collaborazione nell’interesse ultimo dell’allievo e segnalando che qualora il richiamo non avesse avuto buon esito, l’autorità comunale sarebbe stata tenuta a procedere con gli strumenti concessi dalla legge. La Lsc prevede infatti che in caso di inadempienza dei genitori i Municipi sono tenuti a intervenire, che in caso di inerzia o di inefficacia dei provvedimenti essi possono infliggere multe fino a 1’000 franchi e che nel caso di persistenza del rifiuto la situazione va segnalata alle Autorità di protezione (art. 54). Confidiamo nel buon senso delle famiglie a favore del benessere dei bambini, che è importante possano liberamente partecipare alla vita d’istituto e usufruire così di quegli apporti sociali oggi ancor più importanti del solito, evitando l’isolamento forzato per scelta delle famiglie. La scuola difende il diritto all’istruzione e tutela i bambini affinché possano usufruire di condizioni adeguate e uguali per tutti. Anche per questo le istituzioni sono tenute a far rispettare la Legge e, se la situazione lo esige, a prendere misure a favore dei bambini i cui genitori impediscono loro di frequentare la scuola dell’obbligo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bambini decs mascherina scuola elementare
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved