ex-caserma-tre-vie-per-sciogliere-il-nodo-pianificatorio
Il nodo pianificatorio blocca la progettazione di un polo culturale di importanza sovraregionale (foto archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
29 min

Un concerto a Besso per i 50 anni del Telefono Amico

Il Coro Clairière del Conservatorio della Svizzera italiana per solisti, coro, clarinetto, violoncello, contrabbasso e pianoforte
Luganese
38 min

Torna in aula l’ex direttore delle Autolinee luganesi

Il tribunale di secondo grado ha fissato per lunedì 8 novembre a Locarno, con inizio alle 9.30, la seduta di Appello
Mendrisiotto
39 min

Sparò e uccise l’amico cacciatore, chiesti 12 mesi sospesi

I fatti risalgono al settembre 2019 durante una battuta di caccia al cinghiale in zona Penz a Chiasso. ‘Commessa un’incredibile leggerezza’
Bellinzonese
59 min

Processo bis per l’artefice dei botti di Bellinzona

Condannato in primo grado a tre anni e mezzo di carcere, il 22enne ha impugnato la sentenza e tornerà in aula il 18 novembre davanti alla Corte di appello
Ticino
1 ora

Un primo bilancio per l’educazione civica a scuola

Il rapporto del Governo a due anni dal primo biennio di applicazione delle modifiche di legge sull’educazione civica, alla cittadinanza e alla democrazia
Bellinzonese
1 ora

A2 a Bellinzona, l’Unità di sinistra insiste sui pannelli solari

In un interrogazione si torna sul tema dopo che il Consiglio federale ha indicato di sfruttare il potenziale di elettricità lungo autostrade e ferrovia
Mendrisiotto
1 ora

Il Monte Morello a Novazzano e la sua valorizzazione

Un credito di 920mila franchi per un progetto volto a migliorare la fruibilità del bosco di svago e le infrastrutture dedicate alle attività
Mendrisiotto
1 ora

Novazzano e un Preventivo 2022 dettato dalla prudenza

L’utile preventivato risulta di 129mila franchi, determinato da spese correnti per oltre 10 milioni e ricavi per circa 3 milioni e 700mila franchi
Locarnese
13.07.2021 - 21:360
Aggiornamento : 09.08.2021 - 10:53

Ex Caserma, tre vie per sciogliere il nodo pianificatorio

Il sindaco Catarin: ‘Prossimamente contatteremo i ricorrenti, per instaurare un dialogo’. In Cc, presa di posizione a favore del progetto del Municipio.

Il Consiglio comunale (Cc) di Losone sostiene il Municipio nella riconversione dell'ex Caserma per progetti d'interesse pubblico, nonché polo culturale di rilevanza sovraregionale. Ciò anche grazie all'insediamento dell'Accademia Teatro Dimitri.

Riunitosi in seduta straordinaria ieri sera, il legislativo ha sottoscritto la presa di posizione – una trattanda extra – con 26 voti favorevoli; un astenuto e alcun contrario. La decisione di sostenere pubblicamente l'esecutivo si è resa necessaria in seguito alla recente sentenza del Tribunale cantonale amministrativo (Tram) che dà ragione ai ricorsi: “Un brusco stop alla pianificazione dell'area dell'ex caserma”, che mette “in serio pericolo la realizzazione d'importanti progetti a beneficio della collettività”, si legge nell'estratto delle risoluzioni di Cc. Pertanto, si legge in seguito, il legislativo ha deciso di esprimere “il fermo auspicio che il Municipio, il Consiglio di Stato e le Autorità federali si adoperino con il massimo impegno e celerità, utilizzando i mezzi giuridici e politici a loro disposizione, affinché possa essere risolta questa difficile situazione, a tutela degli importanti interessi collettivi legati a progetti di valenza regionale e cantonale, che devono avere la preminenza su altri interessi”, sottolinea il verbale.

Bisogna sciogliere il nodo pianificatorio

Nell'affare sull'ex Caserma, il nodo da sciogliere è sempre quello pianificatorio. «Ora, ci sono tre strade percorribili», spiega a ‘laRegione‘ il sindaco di Losone Ivan Catarin, ricordando che una «è il ricorso al Tribunale federale, contro la sentenza del Tram»; il cui  termine scade il 22 agosto prossimo. «Un'altra via d'uscita possibile potrebbe essere l'esito della decisione sul Piano direttore cantonale, che comprende le zone bianche dei comuni, approvato dal Consiglio di Stato a fine giugno». In effetti, il comparto ex Caserma rientra nell'etichetta delle zone bianche. Tirato in ballo in Consiglio di Stato (CdS), il sindaco rammenta che prossimamente (verosimilmente a inizio agosto), il Municipio avrà un incontro in Governo con il Dipartimento del territorio e con quello dell'Educazione, cultura e sport, al fine di capire quali margini di manovra ci siano per poter portare a termine la visione sul comparto. E questa è la terza via.

Ma Catarin aggiunge ancora una cosa: «Mi sono assunto l'impegno di andare a discutere con i ricorrenti, che verranno contattati prossimamente».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved