ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
1 ora

Una radio di quartiere per dar voce ai ragazzi

Il progetto del Centro giovani di Chiasso cercherà di far avvicinare le nuove generazioni al mondo della comunicazione radiofonica
Intercomunale del Piano
1 ora

‘Polizia, la prossimità non va indebolita’

Grazie al ‘matrimonio’ con Minusio aumentata la presenza sul territorio: ‘Rimane la priorità, inimmaginabile pensare di rinunciarvi’
Bellinzonese
4 ore

Ospedali di valle, Martinoli pronto a ritirare l’iniziativa

Blenio e Leventina: il primo firmatario difende la nuova proposta di testo conforme elaborata dal Gruppo di lavoro ma bocciata in novembre dall’assemblea
Luganese
4 ore

Nella Pregassona del poliziotto di quartiere

Mentre prosegue la campagna ‘Caffè con l’agente’, volta alla conoscenza fra cittadini e agenti di prossimità, nostro reportage dal popoloso rione
Mendrisiotto
4 ore

Il coro La Grigia di Chiasso compie cinquant’anni

Mezzo secolo è trascorso per questo gruppo chiassese: un’impresa non facile, specialmente dopo la pandemia
Luganese
10 ore

Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano

Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
11 ore

‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’

È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Mendrisiotto
12 ore

Direttiva Plr a porte chiuse a Mendrisio

I vertici si sono ritrovati al Coronado, ma nessuno parla. I commenti sono rinviati ai prossimi giorni
13.07.2021 - 21:36
Aggiornamento: 09.08.2021 - 10:53

Ex Caserma, tre vie per sciogliere il nodo pianificatorio

Il sindaco Catarin: ‘Prossimamente contatteremo i ricorrenti, per instaurare un dialogo’. In Cc, presa di posizione a favore del progetto del Municipio.

ex-caserma-tre-vie-per-sciogliere-il-nodo-pianificatorio
Il nodo pianificatorio blocca la progettazione di un polo culturale di importanza sovraregionale (foto archivio Ti-Press)

Il Consiglio comunale (Cc) di Losone sostiene il Municipio nella riconversione dell'ex Caserma per progetti d'interesse pubblico, nonché polo culturale di rilevanza sovraregionale. Ciò anche grazie all'insediamento dell'Accademia Teatro Dimitri.

Riunitosi in seduta straordinaria ieri sera, il legislativo ha sottoscritto la presa di posizione – una trattanda extra – con 26 voti favorevoli; un astenuto e alcun contrario. La decisione di sostenere pubblicamente l'esecutivo si è resa necessaria in seguito alla recente sentenza del Tribunale cantonale amministrativo (Tram) che dà ragione ai ricorsi: “Un brusco stop alla pianificazione dell'area dell'ex caserma”, che mette “in serio pericolo la realizzazione d'importanti progetti a beneficio della collettività”, si legge nell'estratto delle risoluzioni di Cc. Pertanto, si legge in seguito, il legislativo ha deciso di esprimere “il fermo auspicio che il Municipio, il Consiglio di Stato e le Autorità federali si adoperino con il massimo impegno e celerità, utilizzando i mezzi giuridici e politici a loro disposizione, affinché possa essere risolta questa difficile situazione, a tutela degli importanti interessi collettivi legati a progetti di valenza regionale e cantonale, che devono avere la preminenza su altri interessi”, sottolinea il verbale.

Bisogna sciogliere il nodo pianificatorio

Nell'affare sull'ex Caserma, il nodo da sciogliere è sempre quello pianificatorio. «Ora, ci sono tre strade percorribili», spiega a ‘laRegione‘ il sindaco di Losone Ivan Catarin, ricordando che una «è il ricorso al Tribunale federale, contro la sentenza del Tram»; il cui  termine scade il 22 agosto prossimo. «Un'altra via d'uscita possibile potrebbe essere l'esito della decisione sul Piano direttore cantonale, che comprende le zone bianche dei comuni, approvato dal Consiglio di Stato a fine giugno». In effetti, il comparto ex Caserma rientra nell'etichetta delle zone bianche. Tirato in ballo in Consiglio di Stato (CdS), il sindaco rammenta che prossimamente (verosimilmente a inizio agosto), il Municipio avrà un incontro in Governo con il Dipartimento del territorio e con quello dell'Educazione, cultura e sport, al fine di capire quali margini di manovra ci siano per poter portare a termine la visione sul comparto. E questa è la terza via.

Ma Catarin aggiunge ancora una cosa: «Mi sono assunto l'impegno di andare a discutere con i ricorrenti, che verranno contattati prossimamente».

Leggi anche:

Ex Caserma, la pianificazione travolta dal Tram

Losone, ex Caserma: ‘Se ricorriamo, è anche per prendere tempo’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved