ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
12 min

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
12 min

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
7 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
11 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
12 ore

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
06.07.2021 - 17:34
Aggiornamento: 19:35

Losone, ex Caserma: ‘Se ricorriamo, è anche per prendere tempo’

Dopo la doccia fredda della bocciatura del Tribunale amministrativo, il Comune chiede un incontro al Consiglio di Stato e intanto pensa a soluzioni transitorie

losone-ex-caserma-se-ricorriamo-e-anche-per-prendere-tempo
Il termine per presentare ricorso alle sentenze del Tram scade il 22 agosto prossimo (foto Ti-Press)

«Non abbiamo ancora deciso se ricorrere. Presumo lo faremo. Si ricorre anche per prendere tempo. Se caso, chiederemmo un effetto sospensivo», afferma il vicesindaco di Losone Fausto Fornera quando gli si domanda come il Comune intenda procedere nella faccenda del comparto dell’ex Caserma – acquisito nel 2017 – dopo la doppia bocciatura sentenziata dal Tribunale cantonale amministrativo (Tram), lo scorso giugno. Il termine per ricorrere contro le decisioni dell’istanza scade il 22 agosto.

Data la forte valenza culturale del progetto per l’intera regione, spiega Fornera, «stiamo valutando tutti gli aspetti». Questo anche per tener fede agli accordi presi con l’Accademia Dimitri sul suo insediamento nel comparto e lo svolgimento di attività già in corso. Di certo c’è la volontà delle parti, consolidata anche da un loro recente incontro, di portare a compimento il progetto, garantendo stabilità. Nel frattempo, «siamo alla ricerca di soluzioni transitorie, sia facendo capo alle risorse del Comune, sia rivolgendoci a enti pubblici e privati». Ma tutto è ancora informe e ipotetico, sottolinea un vicesindaco che non si sbottona.

Al primo piano della casa comunale, si sarebbe dovuto parlare dei messaggi municipali che impegneranno il legislativo in seduta straordinaria lunedì prossimo (si legga in calce), ma il tema caldo della pianificazione del comparto dell’ex Caserma – invero travagliata – non poteva non scalzarli. Soprattutto dopo il brutto colpo delle sentenze del Tram, che bocciano la variante di Piano regolatore (Pr) – approvata dal Consiglio comunale prima, e confermata dal Consiglio di Stato (CdS) poi – e anche il "sistema" delle autorizzazioni provvisorie per l’uso degli spazi, che il Municipio ha finora concesso (cfr. ‘laRegione’, martedì 22 giugno 2021, Ex Caserma, Pr sotto il Tram). Forti del preavviso favorevole del CdS «eravamo molto fiduciosi», confida Fornera. Poi la doccia fredda, che ha lasciato intirizzito non solo l’ente locale, bensì anche la regione e il Cantone e che potrebbe veder sciacquato via il disegno di un polo culturale di rilevanza regionale.

Appigli per ribaltare la situazione

La questione era quindi inevitabile e dopo un primo «non c’è nessuna novità sostanziale», il vicesindaco spiega che, in seguito alle sentenze, il Comune ha deciso di coinvolgere il Consiglio di Stato chiedendo un incontro «per trovare appigli che facciano sperare nel ribaltamento della situazione».

L’obiettivo dell’udienza è senz’altro quello di capire se fare ricorso, ma soprattutto, vedere come andare avanti e quali margini di manovra ci sono per rendere lo spazio fruibile alla popolazione, nonché disponibile agli attori culturali. In particolare, si vogliono rendere partecipi il Dipartimento del territorio e quello dell’Educazione, della cultura e dello sport.

Nel caso in cui le speranze svaniscano o le sentenze crescano in giudicato, allora sarà il presidente del Consiglio di Stato ad assegnare i termini temporali di sgombero. E ci sarà chi spererà in un tempo più lungo possibile.

Chiesti oltre 600mila franchi per lavori sulla viabilità

Il problema è impellente e desta preoccupazione non solo in Comune. Ed è molto probabile che il discorso salti fuori anche durante la seduta straordinaria in consiglio comunale di lunedì 12 luglio (alle 20, al Centro la Torre), vero motivo della convocazione della conferenza stampa di oggi.

I consiglieri comunali saranno confrontati con quattro messaggi municipali all’ordine del giorno. Tutti è quattro comportano richieste di credito per opere di viabilità, interventi selvicolturali e l’acquisto di un veicolo ibrido per la polizia comunale. In particolare, come illustrato dal municipale Daniele Pidò, capodicastero Opere pubbliche, i due messaggi inerenti lavori sulla viabilità chiedono oltre 600mila franchi: 335mila per la sistemazione in superficie di via Vigna Francesconi (una riqualifica), vicina alla nuova casa per anziani medicalizzata, e 290mila per la formazione del marciapiede in via Lusciago e la sistemazione della piazza Belvedere. Una riqualifica che intende «portare valore aggiunto all’entrata del nucleo di San Giorgio (che diverrà Zona 30), anche grazie all’utilizzo di materiali pregiati».

Leggi anche:

Ex Caserma, la pianificazione travolta dal Tram

Losone, sentenza ex Caserma: ‘È una vittoria di Pirro’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved