COL Avalanche
4
MIN Wild
3
fine
(2-0 : 0-1 : 1-2 : 0-0 : 1-0)
cevio-martini-no-al-ballottaggio-addio-al-municipio
Pierluigi Martini saluta e se ne va
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
1 ora

Antenna 5G nel camping? A Gudo opposizione collettiva e firme

I vicini chiedono alla Città di Bellinzona e al Cantone di evitare lo ‘sfregio’. Intanto le tre compagnie hanno impugnato la variante di Pr con un ricorso
Locarnese
3 ore

Locarno, ‘non vedevo mia figlia da mesi’

Un papà in attesa di un appuntamento a Casa Santa Elisabetta. ‘Tantissime richieste in tutto il cantone. Ci siamo adoperati per migliorare il servizio’
Ticino
3 ore

Eruzione Tonga, il ‘suono’ dell’esplosione anche in Ticino

Non solo i barometri hanno registrato un’oscillazione importante, anche i sensori infrasuoni hanno captato le onde causate dal vulcano
Luganese
4 ore

Barbengo: al voto la nuova palestra delle Medie

Il Gran Consiglio si esprimerà settimana prossima sul prefabbricato che sostituirà quella provvisoria eretta nel 2011, dopo l’incendio doloso del 2010
Ticino
4 ore

Videogiochi, la Global Game Jam torna in Ticino

L’evento è dedicato in particolare a programmatori, illustratori, grafici e musicisti e in generale a tutti gli appassionati
Luganese
5 ore

Medio Vedeggio, ‘nessuna pressione sul personale per il vaccino’

Il direttore della casa anziani Stella Maris risponde alle accuse. ‘Non sono vaccinato ma non sto facendo nulla di illegale’
Bellinzonese
5 ore

La Scuola moderna di musica suona per il villaggio Neve Shalom

Evento a Bellinzona in occasione della Giornata della memoria organizzato in collaborazione con la Fondazione Federica Spitzer
Ticino
5 ore

Parco veicoli più efficiente grazie al sistema bonus-malus

Il gettito delle imposte di circolazione è previsto stabile per quest’anno. In costante e rapida crescita i mezzi elettrici o ibridi plug-in
Mendrisiotto
5 ore

Castel San Pietro, riciclati 23 vagoni di plastiche domestiche

Due riconoscimenti ecologici per il comune momò. All’edificio ex scuole è stato conferito il certificato Minergie.
Locarnese
5 ore

Minusio: ‘Gente di contrabbando’, cornice di appuntamenti

Conferenza, tavola rotonda e presentazione di un libro a villa san Quirico
Bellinzonese
6 ore

Biasca, Parietti e Buzzi presentano i loro romanzi

Appuntamento per venerdì 21 gennaio alla Bibliomedia. I due scrittori interloquiranno tra loro e leggeranno dei passaggi dai rispettivi libri
Locarnese
6 ore

Cugnasco-Gerra, cresciuta la popolazione nel 2021

Vivono complessivamente 2’842 persone (fra domiciliate e dimoranti). A guidare la statistica demografica è il dato muliebre, seppur di poco.
Ticino
6 ore

Prodotti igienici gratis a scuola, consegnata la lettera aperta

La Gioventù socialista ha trasmesso ufficialmente al Consiglio di Stato la sua richiesta: ‘Sarebbe un importante sostegno concreto’
Locarnese
6 ore

Delitto di Muralto, si va in Appello

Gli avvocati del 32enne germanico che strangolò la compagna alla Palma au Lac ricorrono contro la sentenza di omicidio intenzionale
Bellinzonese
7 ore

‘Bellinzona faccia di più per diventare veramente accessibile’

Una mozione sollecita una strategia per migliorare l’accoglienza delle persone con disabilità. Proposti un referente comunale e una commissione ad hoc
Ticino
7 ore

Le Scuole di musica al Decs: ‘Deroga per insegnare in presenza’

Dopo il Conservatorio, anche la Fesmut e la Febati prendono posizione sull‘obbligo di 2G per gli iscritti: ’Inaccettabile discriminazione’
26.04.2021 - 12:300
Aggiornamento : 18:29

Cevio, Martini: ‘No al ballottaggio, addio al Municipio’

L'ex sindaco ha deciso: ‘Alcune correnti vogliono che mi faccia da parte’. Si voterà a Losone, Brione s/Minusio, Gordola e Lavertezzo. Non a Muralto

A Cevio non ci sarà ballottaggio per il sindacato. Pier Martini, sindaco per oltre 20 anni, ha deciso di rinunciare non soltanto al tentativo di confermarsi nel ruolo, ma anche alla carica di “semplice” municipale. «I risultati scaturiti dalle urne hanno dell’incredibile», nota infatti riferendosi in particolare ai 594 voti raccolti da Moira Medici per Paese Libero, contro i suoi 406 (secondo classificato). «Come gruppo, Alleanza Moderata, abbiamo ottenuto un buon risultato, ma non posso ritenermi soddisfatto dal mio – dice Martini –. Non ho i numeri per affrontare un ballottaggio e devo accettarlo. I risultati dimostrano che alcune “correnti” desiderano che mi faccia da parte. Così lo faccio, umilmente, a tutela del bene del Comune». Martini sottolinea che avrebbe «voluto portare a termine i numerosi progetti in corso, ma non posso pensare di farlo da municipale. Quella di lasciare è stata una decisione difficile, ma dettata in primis dal fatto che la perpetuazione del mio contributo in Municipio non avrebbe giovato al lavoro della nuova compagine, specialmente se consideriamo il clima politico che si è creato in seno al gruppo che ora rivendica il sindacato. Avrei potuto continuare a fare il sindaco, favorendo il passaggio del testimone a chi avrebbe occupato la carica dopo di me, ma in un contesto come quello che si è creato, privo di ogni e qualsiasi senso di umiltà, l’opzione non è purtroppo percorribile. Verrebbe infatti a mancare una delle qualità fondamentali di cui un esecutivo deve sempre disporre: il sentimento e la consapevolezza di essere una squadra unita, nella quale non vige unicamente la reciproca stima, ma anche il rispetto dei colleghi per quanto da loro fatto in passato e per l’esperienza acquisita da ognuno». Quello che Martini lascia è «un Comune sano e solido, per la cui crescita negli ultimi 15 anni abbiamo combattuto insieme e affiatati. Mi auguro che il nuovo Municipio riesca a lavorare come abbiamo fatto noi, per confermare il ruolo di Cevio quale capoluogo e polo di riferimento per tutta la Vallemaggia».

A questo proposito, Martini rileva che «dire che vogliamo essere il polo della Media e Alta Vallemaggia è un conto; ma dimostrarlo con i fatti è un altro. Qui la politica regionale gioca un grosso ruolo». Uno dei temi sul piatto è l’aggregazione con la Val Rovana: «Se ne parla da 8 anni e la situazione è tutt’altro che sbloccata: si fa un passo avanti, poi ne arrivano due indietro. Ora in più si è aggiunta la problematica legata a Frapolli». Un tema prioritario, per l’ex sindaco, è quello riguardante il Centro sportivo e ricreativo di Bignasco, la cui progettazione è appena andata, per decisione municipale, all’architetto madrileno Ortiz Daniel Fraile con “Giardino su due livelli”: «Il primo passo è stato fatto, ora si tratta di avere la voglia e il coraggio di andare avanti, facendo capire alla popolazione che se non è il settore pubblico a portare avanti determinati progetti, si crea un danno all’economia a medio termine. Faccio notare che nel “piccolo” di Cevio un ritocco del moltiplicare dell'1% equivale a 20mila franchi, e di 10 punti a 200mila franchi. Non si va da nessuna parte. I criteri da valutare sono quindi altri. Pandemia permettendo, oggi i soldi ci sarebbero con Confederazione, Cantone e Nuova politica regionale. Domani chi lo sa? Se il progetto dovesse venire messo in un cassetto, vi rimarrebbe probabilmente per sempre. Riaprire la vecchia piscina si può, ma sarebbero necessari importanti investimenti». Martini non dimentica neppure l’ampliamento del Centro sociosanitario di Cevio e «molti altri temi di portata regionale, con il bagaglio di contatti e la capacità di mediazione che bisogna avere per far sentire la propria voce». A tutto questo dovrà pensare Moira Medici, che da sindaca di quindicina viene automaticamente promossa alla poltrona più importante.

In 4 Comuni al ballottaggio

A Losone invece è confermato che i cittadini, il 16 maggio, si recheranno alle urne per eleggere il sindaco. Due i candidati in corsa: il sindaco uscente Corrado Bianda del Ppd e il vicesindaco uscente Ivan Catarin del Plr. A Brione sopra Minusio è confermata la sfida tra Alessandro Bonalumi, del Plr, e Franco Gandin, de L'altra Brione e Indipendenti. Lo scarto fra il sindaco di quindicina (Bonalumi) e il suo sfidante è stato di 18 aprile di 27 voti. La grande differenza è che in Municipio il primo fa parte di un terzetto, mentre il secondo è da solo.

A Gordola il confronto elettorale sarà fra René Grossi (Ppd-Gg-SosteniAMO Gordola) e il sindaco uscente Damiano Vignuta (Plr). Dalla prima tornata, quest'ultimo era uscito con 1'446 voti, staccando di 245 voti il suo sfidante. Proseguendo, a Lavertezzo il ballottaggio fra la sindaca di quindicina Tamara Bettazza (Per Lavertezzo) e l'uscente Roberto Bacciarini (Ppd e Indipendenti) potrebbe essere l'ultimo impegno elettorale per il secondo. «Ci credo, ovviamente. La decisione spetta alla gente – dice Bacciarini –. Dopo 16 anni in Municipio e 14 da sindaco in cui ho lavorato tanto e, credo, bene, mi rimetto in gioco. Qualora fossi sconfitto, però, uscirei anche dal Municipio. Impossibile pensare diversamente». Non ci sarà infine ballottaggio a Muralto: Dao Nguyen-Quang (Muralto Democratica) ha rinunciato a contendere la poltrona al sindaco “storico” Stefano Gilardi (Ordine e Progresso e Indipendenti) «vista la convinzione che con i nuovi equilibri ci sarà sicuramente modo di collaborare per il bene del Comune».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved