muralto-annullato-il-voto-popolare-sul-comparto-ffs
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
37 min

Il presidente della Confederazione in visita da Rabinowicz

Nel Giorno della Memoria, Ignazio Cassis ha raggiunto nel suo domicilio di Locarno il 97enne artista, reduce dai campi di sterminio nazisti
Ticino
1 ora

Prestazione ponte Covid, il Governo propone la proroga

Il Messaggio del Consiglio di Stato recepisce gli auspici del Gran Consiglio chiedendo la proroga degli aiuti di almeno 6 mesi con effetto retroattivo
Luganese
1 ora

Paradiso, un corso per i giovani tiratori

Lo organizza la società San Salvatore e si rivolge a ragazzi e ragazze svizzeri nati tra il 2004 e il 2007
Bellinzonese
1 ora

‘Le mille e una notte’ sul palco dell’oratorio di Bellinzona

Il 4 febbraio saranno di scena nell’ambito della rassegna Minimusica gli attori di Storie di Scintille
Grigioni
1 ora

I fondisti (giovani e adulti) si sfidano a San Bernardino

Domenica mattina gara sul circuito di Fornas. La pista sarà poi nuovamente aperta al pubblico da mezzogiorno
Ticino
1 ora

In Ticino contagi in calo, pazienti Covid stabili e zero decessi

Restano 166 le persone positive al Covid in ospedale, una più nei reparti di cure intense dove sono 15 le persone con complicazioni più gravi da Covid
Ticino
2 ore

Torna la processionaria: come riconoscerla e come proteggersi

Osservati i primi nidi della farfalla le cui larve danneggiano gli alberi e possono causare infiammazioni cutanee e allergie a persone e animali
Locarnese
2 ore

Gordola, oltre 750 firme contro il ‘mastodonte’ alle Campagne

Abitanti preoccupati per l’inserimento del progetto immobiliare da circa 30 milioni. “Urge soluzione confacente, il Municipio faccia da mediatore”
Luganese
2 ore

Porto galleggiante contestato a Melide

Partita la raccolta di firme contro la variante pianificatoria votata ad ampia maggioranza dal Consiglio comunale nell’ultima seduta del 2021
Bellinzonese
3 ore

Danni del nubifragio, ‘nessuna responsabilità del Municipio’

L’esecutivo di Lumino risponde all’interrogazione Plr rispedendo al mittente ‘insinuazioni e speculazioni’ sull’alluvione del 7 agosto
Mendrisiotto
3 ore

Il Gran consiglio è con India e lancia ‘un messaggio forte’

Deputati compatti, tranne sui banchi della Lega (che si astiene). Critiche alla legge e all’attitudine del Cantone. Ma Gobbi non ci sta
Ticino
6 ore

Iniziativa popolare per abolire i livelli, si scaldano i motori

Scuola media. Vpod, lunedì riunione allargata per decidere su comitato e testo. Associazioni e studenti si esprimono dopo il no parlamentare al test
 
16.03.2021 - 16:470
Aggiornamento : 20:58

Muralto, annullato il voto popolare sul comparto Ffs

Niente referendum il 13 giugno. Il Municipio ritorna sulla sua decisione poiché, secondo il governo, prima è necessario esaurire la via ricorsuale

A Muralto il 13 giugno non si andrà a votare pro o contro la variante di Piano regolatore per il comparto della Stazione Ffs. Lo scrutinio nell’ambito della domanda di referendum è infatti stato revocato. Lo ha deciso il Municipio, cancellando in pratica la sua stessa decisione dell’8 febbraio scorso. Il motivo è presto detto: prima di chiamare la popolazione a esprimersi sull’argomento, è bene che si esaurisca la via ricorsuale intrapresa da alcuni privati cittadini, che avevano appunto contestato le decisioni del Consiglio comunale; nello specifico il “sì” alla variante di Pr, ma anche il credito di 4,7 milioni di franchi per la costruzione grezza della pensilina per il futuro nodo intermodale.

La revoca della convocazione al voto per il referendum è stata pubblicata martedì all’albo comunale di Muralto. Giustificandola, il Municipio fa esplicito riferimento a una lettera del Consiglio di Stato datata 24 febbraio 2021. Il governo – ricorda il Municipio di Muralto – “indicava che, a fronte di una risoluzione del Consiglio comunale contestata in via ricorsuale da tre ricorrenti dinnanzi al Consiglio di Stato e al contempo oggetto di una domanda di referendum riuscito, ‘la priorità deve essere concessa alla procedura ricorsuale, e la popolazione può essere chiamata a votare sul referendum solo dopo che sarà accertata definitivamente la legalità del provvedimento suscettibile di essere posto in votazione’”.

In pratica, esattamente quello che il consigliere comunale e avvocato di Muralto Diego Olgiati aveva scritto in un’interpellanza al suo Municipio in cui rifletteva sull’opportunità di votare prima che tutte le istanze di giudizio si esprimessero. Olgiati considerava che un voto referendario prima della crescita in giudicato dei ricorsi sullo stesso oggetto avrebbe posto seri problemi di natura procedurale e legale e rischiava di generare un pasticcio di enormi proporzioni nel caso in cui la popolazione avesse deciso qualcosa e i tribunali avessero poi deciso qualcosa di diverso. Olgiati aggiungeva che un azzardo di quel genere avrebbe costituito “un inutile spreco di energia e di denaro pubblico”.

‘Non sappiamo ancora’

È curioso osservare che a quella stessa interpellanza il Municipio aveva risposto nella seduta dell’8 marzo scorso, quindi quando già avrebbe dovuto essere in possesso della lettera del governo del 24 febbraio. Il sindaco Stefano Gilardi aveva sottolineato la necessità di rispettare la volontà dei referendisti nei tempi previsti dalla Loc, nonché il vantaggio di poter associare la data del referendum (13 giugno) a una votazione popolare (federale) già prevista “per minimizzare i costi”. Per conto dell’esecutivo, il sindaco aveva aggiunto che se nel frattempo i ricorsi di alcuni cittadini avessero avuto successo, il referendum sarebbe stato annullato; ma anche che se il referendum dovesse passare, “i ricorsi sarebbero privi di oggetto”. Per altro, Gilardi aveva aggiunto che su consiglio degli Enti locali il suo Municipio aveva scritto al governo “per avere delucidazioni nel merito” ed era “in attesa della risposta del Consiglio di Stato perché la questione giuridica non è chiara”. Risposta che, come si è visto, c’era invece già da oltre una decina di giorni e che poi è stata citata nella decisione di revocare la data del referendum.

Ieri in serata Gilardi ha chiarito alla “Regione” che «al momento di rispondere all'interpellanza di Olgiati il Municipio ancora non aveva preso atto della lettera del Consiglio di Stato. È vero che è datata 24 febbraio, ma prima che passasse dalla Cancelleria e finisse sotto gli occhi dell'esecutivo è passato del tempo. Indicativamente non l'abbiamo ufficialmente vista prima del 10 marzo».

Nel frattempo, il Consiglio di Stato si è espresso sul ricorso di due cittadini contro la decisione del Municipio di fissare il referendum il 13 giugno. Lo ha fatto (il 10 marzo) dichiarando il ricorso stesso irricevibile poiché non è al governo che bisogna ricorrere in un caso simile, bensì al Tribunale amministrativo. Lo stesso Consiglio di Stato non ha però automaticamente cestinato il ricorso, ma lo ha fatto proseguire al Tram affinché statuisca. Il governo sottolinea fra l’altro di rinunciare al prelievo della tassa di giudizio poiché nella sua decisione dell’8 febbraio il Municipio aveva omesso di indicare chi dovesse essere il destinatario di eventuali ricorsi.

Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved