referendum-variante-ffs-non-c-e-violazione-della-loc
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Quasi 6mila franchi, il debito pro capite della Città di Locarno

Il Consiglio comunale ha approvato il consuntivo 2021: pesante deficit di 5’428’560 franchi e capitale proprio abbassato da 11,3 a circa 5,8 milioni.
Bellinzonese
4 ore

Manupia in concerto alla Spiaggetta di Arbedo-Castione

La collaudata coverband ticinese si esibirà alle 21
Locarnese
4 ore

Formazza-Rovana, sul confine i lupi uccidono un vitello

All’alpe di Cravariola azzannato a morte un bovino. I cani mettono in fuga i due predatori. Anche il vescovo emerito da Mogno difende la pastorizia
Ticino
4 ore

Polizia unica, Dafond in commissione: demolendo non si migliora

Il presidente dell’Associazione comuni (Act) in audizione alla ‘Giustizia e diritti’ ribadisce: ‘Prossimità, le polcomunali hanno un ruolo fondamentale’
Bellinzonese
4 ore

Abusò del figlio e di altri bambini, 4 anni e 6 mesi di carcere

Condannato un uomo sulla settantina: tra le mura di casa ha approfittato di una dozzina di ragazzini, la maggior parte durante sedute di massaggi
Bellinzonese
5 ore

Porte aperte al Teatro Sociale di Bellinzona

Durante l’estate, per cinque sabati, in concomitanza con il mercato cittadino, sarà possibile visitare la struttura dalle 10 alle 13
Bellinzonese
5 ore

Per valorizzare le ‘Ville’ della Val Malvaglia

Il Cantone ha promosso un incontro con le autorità federali in modo da assicurare le opere di recupero e trasformazione della regione
Locarnese
5 ore

Il BaseCamp 2022 del Festival si terrà alle Elementari di Losone

Il Comune ha confermato che l’Istituto scolastico accoglierà dal 3 al 13 agosto i giovani che nel 2019 e nel 2021 si erano ritrovati all’ex caserma
Bellinzonese
5 ore

Introduzione dei 30 km/h sulla strada principale a Daro

Il progetto, in pubblicazione fino al 29 agosto, ha lo scopo di migliorare la sicurezza dei pedoni e in particolare del percorso casa-scuola
laR
 
08.03.2021 - 19:37

Referendum variante Ffs: ‘Non c'è violazione della Loc’

Il caso di Muralto visto dal capo degli Enti locali Della Santa: “Fra procedura e logica politica si situa il tema dell'autonomia comunale”

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«Non so nel piano normativo complessivo, ma su quello giuridico riguardante la Legge organica comunale non ci sono indicazioni, nel senso che non esiste una prescrizione secondo cui un referendum può essere svolto solo una volta evasi i ricorsi pendenti, laddove ci sono. Quindi, da questo punto di vista, non vedo alcuna “crassa violazione della Legge organica comunale”».

È quanto afferma, raggiunto dalla “Regione”, il capo della Sezione enti locali, Marzio Della Santa, riguardo al tema sollevato con un'interpellanza dal consigliere comunale muraltese Diego Olgiati. Secondo l'avvocato e penalista, la chiamata al voto referendario del 13 giugno sulla variante di Piano regolatore per il comparto della Stazione Ffs è prematura poiché i ricorsi contro la decisione del legislativo non sono ancora cresciuti in giudicato. Olgiati rifletteva sul fatto che “il voto popolare può essere indetto, a seguito di referendum, solo nei confronti di risoluzioni definitive del Consiglio comunale”.  La conseguenza evocata da Olgiati è semplice: “Chiamare la popolazione alle urne il 13 giugno 2021 (chiedendole di esprimersi in merito a risoluzioni del Cc non ancora definitive) costituirebbe un inutile spreco di energia e di denaro pubblico e violerebbe crassamente la Legge organica comunale”. Al Municipio veniva chiesto se fosse cosciente che se uno dei ricorsi venisse accolto, “automaticamente il referendum diverrebbe privo d'oggetto”.

«Come detto, la Loc non dà indicazioni vincolanti in questo senso – riprende Della Santa –, ma forse il discorso che va fatto, e che io faccio a titolo personale e non per conto della Sezione degli Enti locali, è più legato alla dinamica politica. Andare adesso (a giugno, ndr.) ad esprimersi su un tema referendato può anche essere considerato logico in base all'attualità dell'argomento, che è politicamente interessante oggi, ma potrebbe non più esserlo fra due o tre anni. Da questo punto di vista si può capire l'agire dell'autorità politica, che si rivolge al cittadino. Poi, è vero, c'è l'aspetto puramente procedurale. Si può appunto discutere se sia o meno opportuno assumersi degli oneri mandando al voto la popolazione su una decisione i cui termini potrebbero essere modificati o azzerati dalle decisioni dei tribunali».

Della Santa, sempre a titolo personale, nota che «gli argomenti sollevati dall'avvocato Olgiati con la sua interpellanza sono tutti comprensibili dal profilo del cittadino. È difficile stabilire quale sia la prospettiva più giusta ed è proprio in questo solco che si inserisce, da un lato, il concetto di autonomia locale e, dall’altro, la possibilità di contestazione formale di cui dispone cittadino».

Interrogato su un eventuale intervento preventivo degli Enti locali, Della Santa sottolinea che «noi interveniamo unicamente quando sono aperte vie ricorsuali In questo specifico caso abbiamo saputo del referendum e da una valutazione sommaria emerge appunto che non esiste un'indicazione vincolante per quanto attiene alla Loc. A prescindere, bisogna affermare che la procedura di approvazione del Pr per il comparto della Stazione Ffs è ancora lunga».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
muralto olgiati referendum variante ffs
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved