Cagliari
Fiorentina
12:30
 
navigazione-zali-abbiamo-saputo-solo-oggi-dei-licenziamenti
Claudio Zali (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
2 ore

Aumento dei ricoveri in Ticino, segnalato anche un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati in Ticino 1’174 casi di positività al Covid-19. 163 i pazienti ricoverati, 17 dei quali in cure intense
Ticino
1 gior

In Ticino ospedalizzazioni stabili e un nuovo decesso

Nelle ultime 24 ore si sono registrati 1348 nuovi contagi da coronavirus
Ticino
1 gior

‘L’ordinanza sui casi di rigore Covid è da cambiare’

Per Fabio Regazzi la proposta del Consiglio federale è troppo burocratica e rischia di non indennizzare tutte le Pmi toccate dalla regola del 2G
Mendrisiotto
1 gior

Un Contratto normale di lavoro a difesa degli spedizionieri

Lo Stato chiude la vertenza e regolamenta il settore. Da anni si combatteva contro il dumping salariale. Sindacati e Atis ‘soddisfatti’
Mendrisiotto
1 gior

L’Autolinea Mendrisiense rinnova il Contratto collettivo

Consolidato l‘accordo con i sindacati Ocst e Sev. ’Si tratta per tutti di un passo importante’
Luganese
1 gior

Riprende la consegna dei nuovi treni Flp

Entro metà marzo spariranno i vecchi convogli arancioni
Luganese
1 gior

Lugano spaccata sul salario minimo comunale

Da una parte Lega, Plr e Udc, dall’altra parte Ps, Ppd, Verdi e gruppo misto Ticino&Lavoro con Più donne: due rapporti in Consiglio comunale
Luganese
1 gior

A processo per malversazioni Davide Enderlin jr

L’ex consigliere comunale di Lugano respinge le accuse e sostiene di aver rimborsato i creditori
Bellinzonese
1 gior

Lavori sulla strada del Monte Ceneri a Cadenazzo

Cantiere in vista, dal 31 gennaio a metà marzo, per il risanamento della pavimentazione
24.12.2020 - 17:450
Aggiornamento : 20:05

Navigazione, Zali: 'Abbiamo saputo solo oggi dei licenziamenti'

Il direttore del Dipartimento del territorio: 'Peccato non essere stati interpellati al momento delle disdette'. A gennaio tornata di discussioni in Cantone

«Dei licenziamenti ho saputo solo oggi, salvo errori od omissioni». Che vi fossero difficoltà nel rinnovo dell'accordo sul Consorzio italo-svizzero per la navigazione del Lago Maggiore era noto al capo del Dipartimento del territorio (Dt) Claudio Zali. Anche solo per via dell'assenza di notizie in vista della scadenza dell'intesa, prevista a fine anno (ora rinviata a fine febbraio). Non era invece a conoscenza degli otto licenziamenti decisi dalla Società navigazione del Lago di Lugano (Snl), ovvero di tutti i marinai impiegati nel bacino svizzero del Verbano. Dipendenti che si troveranno senza lavoro a partire dal primo gennaio 2021. «Peccato non aver saputo prima di queste disdette. Peccato non essere stati informati al momento della pronuncia dei licenziamenti (dati con tre mesi di anticipo, ndr.)», chiosa da noi interpellato Zali. 

«Evidentemente questa situazione non soddisfa il Cantone», prosegue il direttore del Dt, anche perché «l'accordo iniziale, in base al quale era stato concesso l'aiuto cantonale, era proprio quello di riassumere i dipendenti locarnesi».

Come detto la scadenza del Consorzio è stata prorogata, ieri 23 dicembre, fino a fine febbraio per tentare di trovare una soluzione. Cosa che permetterà anche di garantire il servizio dei battelli nei primi due mesi dell'anno, anche se non è chiaro con quale personale, dal momento che i marinai locarnesi sono stati lasciati a casa (abbiamo posto la domanda alla Snl, visto che il dettaglio non è stato chiarito nel comunicato di oggi). È possibile che venga impiegato parte del personale operante a Lugano.

La proroga a fine febbraio «è comunque un cerotto, una mezza buona notizia, ma è temporanea per non fermare i battelli – chiosa Zali –. Sono due mesi in più che dovranno servire per far trovare continuità in vista della stagione turistica» primaverile ed estiva. 

Essendo informati delle difficoltà nel rinnovare l'accordo italo-svizzero, il Di aveva già programmato alcuni incontri sul tema per la prima metà di gennaio con i partner principali. «Non avevamo ancora chiesto un incontro con Snl, che a questo punto sarà inclusa nella tornata di discussioni». La speranza è quella di trovare una via d'uscita «da questa spiacevole vicenda» pur dovendo negoziare «nell'affanno dell'emergenza». Quali siano le speranze di ricomporre il puzzle, aggiunge Zali, «è troppo presto per dirlo: la priorità è che il servizio sia offerto a favore del turismo e del trasporto pubblico. Tuttavia il destino dei dipendenti è sempre stato un punto fondamentale per il Consiglio di Stato». E lo rimarrà.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved