laRegione
locarnese-e-valli-al-lavoro-per-ottimizzare-la-rete-ciclabile
La rete ciclabile di Locarnese e Valli misura ora 84 chilometri, cui se ne aggiungeranno 50. Nella foto la passerella fra Ascona e Locarno (foto Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
26 min

Un cesto di messaggi e pensieri per gli anziani di Stabio

Un gruppo di cittadine ha voluto far sentire la vicinanza del paese agli ospiti dell'Istituto Santa Filomena in vista del Natale
Mendrisiotto
33 min

Incendio a Moria, da Brusino un contributo per i minori

Il Municipio, sollecitato dal Gruppo Socialisti e Indipendenti, ha donato 500 franchi a favore dei minori vittime dell'incendio nel campo profughi
Ticino
34 min

Anche l'Ocst rilancia: si faccia una polizia unica

La presidente degli agenti affiliati alla Cristiano sociale: i tempi sono maturi, bisogna arrivare a una decisione
Bellinzona
57 min

La neve ferma Minimusica

Annullato lo spettacolo di questa sera all'oratorio parrocchiale di Salita alla Motta a Bellinzona. Sarà recuperato domenica
Luganese
1 ora

Lugano, condannato a 7 anni l'autista che abusò delle bambine

Si è concluso con una pena più alta rispetto a quanto chiesto dalla pubblica accusa il processo per abusi sessuali commessi da un 77enne
Locarnese
1 ora

Minusio, ‘si vuol far qualcosa con la Polizia?’

Nel rapporto sui preventivi (in rosso per 1,8 milioni) la Gestione torna sul tema sicurezza. ‘Visione strategica? Vediamo solo alto mare’
Ticino
1 ora

Oltre la neve... i radar

Controlli della velocità mobili e semi-stazionari: settimana prossima Mendrisiotto risparmiato
Ticino
1 ora

Cambiamenti in arrivo per gli allievi conducenti

Due anni di guida di una moto con una potenza massima di 35kW e un esame pratico per ottenere la categoria A illimitata
Luganese
2 ore

Quei (troppi?) posteggi in stazione a Lugano

Consiglio comunale competente, ma c'è un rischio ricorsi, ricorda il Municipio
San Gottardo
2 ore

Messa in esercizio terminata, il Parco eolico fa sul serio

Concluso il servizio di prova per l'ultima delle cinque pale. L'Aet, seppur con alcuni aspetti ancora da affinare, ha dato inizio alla produzione di energia
Luganese
3 ore

Gli 'Amici dell'aeroporto' si presentano

Nessun interesse immobiliare, ma un forte piano per lo scalo nelle intenzioni di sir Owen-Jones e Andrea Bonomi
video
Ticino
3 ore

Neve sul Ticino, disagi per chi viaggia in treno

Alcuni guasti dovuti alla nevicata stanno causando qualche ritardo nella circolazione dei treni. Fra Cadenazzo e Locarno circola un treno alla volta
Locarnese
3 ore

Violenza fisica e sessuale alle Criminali di Locarno

Lunedì processo a porte chiuse ad un uomo svizzero sulla cinquantina presunto autore di angherie nei confronti della moglie prostituta
Video
Ticino
3 ore

Pelli e Ritzer, due (quasi) direttori a confronto

Ieri sera si è svolto il dibattito organizzato dalla Corsi e dall'Atg tra i due futuri responsabili dei quotidiani ticinesi
Locarnese
4 ore

Centovalli, la neve mette fuori servizio le funivie

Lo comunica la direzione delle Ferrovie e autolinee regionali ticinesi: gli impianti saranno chiusi fino a nuovo avviso
Bellinzonese
5 ore

A Blenio la neve ferma la raccolta dei rifiuti ingombranti

Sabato 5 dicembre i rifiuti ingombranti non saranno ritirati presso la piazza di raccolta di Aquila-Résga e Olivone-Giàira a causa delle condizioni meteo
Bellinzonese
5 ore

Più posti di lavoro alle Officine, ‘Bellinzona prema sulle Ffs’

Appello della sezione socialista cittadina dopo l'ammissione del Consiglio federale sulla necessità di potenziare la manutenzione dei treni
Ticino
5 ore

Boldbrain premia il risparmio energetico

Le prime due idee imprenditoriali classificate alla gara per startup innovative riguardano l’ambiente. In totale distribuiti premi per 120 mila franchi
Ticino
6 ore

'laRegione' di nuovo disponibile per i non vedenti

Sull'edicola online dedicata alle persone cieche e ipovedenti è ora reperibile in formato audio la versione e-paper del nostro giornale
Ticino
6 ore

Il Gipeto è tornato! Mancava da 150 anni

Una coppia di questi uccelli, noti anche come 'Avvoltoi delle Alpi’, ha nidificato nel Sopraceneri. Il piccolo spiccherà il volo la prossima primavera
Bellinzonese
6 ore

I detriti del nubifragio finiranno nel fiume Ticino

Dopo il diluvio di fine agosto e la pioggia di ottobre 60'000 metri cubi di materiale alluvionale saranno immessi a Giubiasco, Gudo e Cugnasco
Locarnese
6 ore

Locarno, volontariato: ‘Irrinunciabile energia della società’

In un video dedicato alla solidarietà, il sindaco Scherrer celebra la Giornata internazionale per ringraziare tutte le persone che si dedicano agli altri
Locarnese
20.11.2020 - 06:050

Locarnese e Valli, al lavoro per ottimizzare la rete ciclabile

Le fasi due e tre del Programma d'agglomerato apporteranno alla rete ciclabile nuovi tasselli che miglioreranno mobilità lenta e trasporto intermodale

Esplorazione, trasporto, prestazione sportiva. La bicicletta è senza dubbio il mezzo più affascinante per muoversi, qualunque sia il motivo per cui ci si mette in sella. Seppur a volte pedalare rimi con fatica, spesso può essere la maniera più veloce e comoda per spostarsi da casa e raggiungere scuola, posto di lavoro, cinema, teatro, servizi, palestra. Quando poi il reticolo di vie è ottimale, si pedala anche in sicurezza, evitando di bisticciare con pedoni e automobilisti.

Una ventina di milioni per gli interventi specifici

Rendere realtà tutto ciò è lo scopo degli interventi del Programma di agglomerato di Locarnese e valli (PALoc) intrapresi nel corso degli anni. Ricordiamo che il governo lo scorso 11 novembre ha licenziato il Messaggio con i crediti (circa 32 milioni di franchi) a sostegno dei lavori previsti dalle generazioni 2 e 3, che permetteranno fra gli altri di ampliare la rete ciclabile della regione, migliorandone qualità e accessibilità, anche al trasporto pubblico. Per gli interventi specifici contenuti nel programma di seconda generazione sono previsti circa tredici milioni di franchi, per quelli di terza circa otto.

Uno degli auspici del Programma d'agglomerato è il cambio di paradigma nell'abitudini della popolazione nei suoi spostamenti, rendendo più attrattivi l'uso della bicicletta quale mezzo utilitario e la fruizione del trasporto pubblico, puntando a far interagire fra loro le due modalità, grazie a un reticolo di percorsi organico e continuo. Questo, di riflesso, ha lo scopo di ridurre il traffico motorizzato privato.

Oltre 130 chilometri da percorrere in bici

«La rete Locarnese – Vallemaggia compresa –, conta oggi circa 84 chilometri di percorsi regionali segnalati. Con il Programma d'agglomerato, è prevista la realizzazione di ulteriori 50 chilometri», snocciola Giorgio Giovannini, ingegnere, nonché collaboratore scientifico e responsabile per la pianificazione della mobilità nel Locarnese (Ufficio della pianificazione della mobilità del Dipartimento del territorio). La somma è presto fatta: in futuro, il sistema reticolare ciclistico misurerà ben oltre 130 chilometri.

I percorsi esistenti sono in costante monitoraggio da parte degli addetti ai lavori: «La nuova passerella fra Ascona e Locarno, durante l'estate, ha registrato picchi di quattromila passaggi giornalieri. Non si tratta di un valore medio, certo, però è significativo dell'importanza che tali opere possono ricoprire», dichiara l'ingegnere. Un altro dato interessante e sintomatico di quel cambiamento auspicato è anche l'incremento fra il 20 e il 40 per cento della mobilità ciclabile, registrato quest'anno nei punti monitorati.

Lavori fra 2021 e 2024

Bisogna pensare alla rete ciclabile di Locarnese e valli come a un ampio mosaico in corso d'opera. Negli anni, molte tessere sono state messe e altre ancora vanno apposte. Fra quelle completate di recente, basti ricordare la passerella sul fiume Maggia, fra Ascona e Locarno, inaugurata lo scorso mese di giugno: «È considerata una sorta di simbolo della volontà che sta alle radici del progetto – spiega Giovannini –. Insieme a quella passerella, va ricordato anche il collegamento Verbanella, che ha notevolmente migliorato le condizioni nella parte est dell'agglomerato». Nel complesso, gli interventi futuri ai percorsi ciclabili in programma sono circa una ventina (contando anche Bike&Ride, nodi intermodali eccetera) e verranno intrapresi l'anno prossimo; guardando al 2024 come orizzonte conclusivo.

La fluidità dei percorsi, si scriveva, è indispensabile per la mobilità lenta, affinché non ci siano tratte spezzate e si possa viaggiare sicuri su una rete continua, diretta e funzionale. Oltre agli interventi di miglioria, naturalmente ci sono quelli di completamento. In futuro, le tessere che verranno poste per completare il reticolo «sono tante» e vanno a potenziare una serie di nodi nevralgici. Il Piano e il Gambarogno saranno interessati ad esempio dalla realizzazione del collegamento fra Quartino e Magadino. Si procederà anche al completamento dei percorsi ciclabili della Vallemaggia, così come quello che dalla zona industriale losonese (Zandone) va a Golino.

Passerelle, nodi intermodali, parcheggi per biciclette

Al capitolo implementazioni, volte a migliorare e rendere più funzionali tratti di percorso, troviamo «tanta carne al fuoco; come il nodo intermodale di Muralto (per intenderci, l'area della Stazione Ffs; ndr), dove verrà realizzato il parcheggio per le biciclette e dove verranno apportati interventi puntuali per favorire il collegamento verso la ferroviaria, agevolandone l'accesso. Ad esempio verrà introdotta una corsia ciclabile in via Municipio che permetterà di percorrere questa tratta nei due sensi».

Ma non è tutto. Un passaggio obbligato verso la stazione è il crocicchio del Debarcadero. Qui vi confluiscono diversi percorsi ed è luogo dove non di rado sorgono conflitti soprattutto fra pedoni e ciclisti. «Quel nodo verrà riorganizzato con accorgimenti che ne favoriranno l'attraversamento, dividendo in primis il flusso pedonale da quello ciclistico». Lavori di rilievo verranno apportati anche alla progettazione di Via alla Morettina, ancora a Locarno, parte del comparto scuole e Palexpo, che prosegue il tracciato della passerella sulla Maggia. Dal quartiere nuovo si procederà verso il centro città senza deviazioni.

La rete ciclabile non è naturalmente un'esclusiva dei centri urbani e alcuni interventi citati in precedenza ne sono la prova. Essendo una rete, i percorsi si ramificano anche nelle periferie, vicine e lontane, e vanno a collegarsi a quelli regionali. Ecco quindi: «La rampa di Golino e la passerella di Verscio-Tegna, che andranno a completare la segnaletica dell'itinerario ciclabile delle Terre di Pedemonte, attorno alla Melezza», segnala l'ingegnere. A questo proposito è doveroso menzionare la proficua collaborazione con i Comuni, «che stanno lavorando molto bene sul tema, soprattutto nella ricerca di soluzioni», sottolinea. Inoltre, alcune delle misure decise dagli enti locali «aiutano e agevolano indirettamente il traffico ciclabile, andando di fatto a migliorare la rete; basti pensare all'introduzione delle zone 30», chiarisce.

Diminuire lo spazio del traffico motorizzato

E dopo i lavori d'implementazione, Giovannini non manca di elencare le riqualifiche, tema di non poco conto. Alcune di queste opere «mirano alla diminuzione degli spazi dedicati al traffico motorizzato, in favore di quello lento, andando di fatto a migliorare attrattiva e sicurezza dello spostamento in bicicletta anche nei tratti di traffico privato». A titolo esemplificativo, Giovannini cita via Varenna a Locarno: «Una carreggiata piuttosto larga e a senso unico che può essere condivisa sia da veicoli a motore, sia da biciclette».

Bike&Ride

In ultimo, ma non per importanza, la questione del trasporto intermodale, ovvero definito attraverso l'uso di più mezzi: come bicicletta, automobile, bus, treno. Se fino a qualche tempo fa si parlava di Park&Ride, ora la parola chiave è Bike&Ride: si tratta di spazi dove i ciclisti possono parcheggiare i propri mezzi nei pressi delle fermate degli autobus. Quelle, per intenderci, che interessano più linee sono punti nevralgici nel trasporto pubblico. L'idea è partire da casa in bici, arrivare alla fermata del bus, parcheggiarla, saltare sul mezzo pubblico e raggiungere scuola, posto di lavoro eccetera. «Questo progetto è svolto insieme ai Comuni, con i quali si sta procedendo alla selezione delle posizioni strategiche, come Piazza Castello a Locarno e Ponte Maggia a Losone. Il Bike&Ride non è da confondere con Bike Sharing», sottolinea Giovannini.

© Regiopress, All rights reserved