laRegione
iva-sul-palacinema-un-tarlo-da-1-3-milioni-di-franchi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

Brissago, 12 anziani positivi alla Casa San Giorgio

Risultano inoltre contagiati dal coronavirus quattro collaboratori. Le visite sono state sospese e gli ospiti sono in isolamento
Mendrisiotto
8 ore

Chiasso, 'dopo le tessere sconto pensiamo a buoni acquisto'

La proposta, con un'interrogazione al Municipio, è stata formulata da quattro consiglieri comunali del Plr
Bellinzonese
8 ore

Mezzi pubblici: Valle di Blenio più connessa a Biasca

In arrivo due cambiamenti di orario, a dicembre e ad aprile, che garantiranno un servizio migliorato. Ma secondo il direttore delle Autolinee ancora non basta
Luganese
11 ore

Lugano, mense per tutti dopo ben 16 anni

La lunga e travagliata gestazione della mozione raccontata da Cristina Zanini Barzaghi che ricorda la richiesta presentata da tutte le donne del Cc
Bellinzonese
14 ore

Eco-belli, per una Bellinzona più pulita

I dettagli del progetto elaborato da un cittadino e ripreso in una mozione dal consigliere Bang. Obiettivo: contrastare l’abbandono di rifiuti
grafici
Ticino
15 ore

Coronavirus, in Ticino 33 ulteriori ricoveri e un morto

Cresce anche il numero di nuove infezioni: tra ieri e oggi se ne sono registrate 404. Stabile il numero di persone in cure intense
Luganese
20 ore

Una testata come scusa della disobbedienza

Un raduno ‘antagonista’ contro le misure di contenimento del Covid diventa un brutto ricordo per una giovane giornalista
Luganese
20 ore

Pvp di Lugano: fluidificazione riuscita solo in parte

Un anno di sperimentazione delle modifiche al traffico. Col Coronavirus di mezzo
Locarnese
28.09.2020 - 21:440

Iva sul Palacinema, un tarlo da 1,3 milioni di franchi

Dall'Amministrazione federale delle contribuzioni una pre-decisione sull'entità dell'imposta sull'investimento. Cda e Città valutano come reagire

La ripresa dell‘Iva sull‘investimento nel Palacinema potrebbe costare oltre un milione di franchi. Lo ha detto questa sera ai consiglieri comunali il capodicastero Finanze – e membro del Cda della Palacinema Sa – Davide Giovannacci. Lo stesso Consiglio d‘amministrazione ha infatti ricevuto di recente «una pre-decisione dall‘Amministrazione federale delle contribuzioni: si tratta di un avviso di tassazione per un importo di circa 1,3 milioni di franchi». Ma è, appunto, solo una pre-decisione, sulla quale Cda e Municipio potrebbero avere un certo margine di manovra. Nelle prossime settimane i due consessi, che in pratica si specchiano uno nell‘altro, decideranno «se accettare questo avviso ed eventualmente come finanziare il rimborso». Sempre restando al Palacinema, per altro, la situazione dei costi ricalca il preventivo e addirittura presenta un minor costo di 227mila franchi.

Giovannacci ha anche parlato del Fevi, futura arma nella promozione del settore congressi. «Tramite il Convivio dei sindaci – ha notato il municipale – si è chiesto all’Organizzazione turistica e a Ticino Turismo di essere più attivi. Entrambe queste entità dispongono infatti di un ufficio per il settore dei congressi con il quale il Servizio manifestazioni collabora». Nei prossimi giorni è in programma un incontro tra le organizzazioni turistiche e il Cisl per la presentazione di un progetto di promozione del settore. Quanto agli investimenti necessari (lo stabile ha più di 30 anni), un messaggio verrà presentato dal Municipio entro la fine della legislatura. Poi, «non appena gli investimenti al Fevi saranno programmati, si potrà procedere ad una promozione più attiva del nuovo stabile anche nel settore dei congressi, considerato che per la loro programmazione le varie associazioni riservano di regola le strutture 2-3 anni prima dell‘evento». 

In entrata di seduta il legislativo ha approvato i conti consuntivi, gravati per altro dalle pesanti considerazioni critiche sia della maggioranza, sia della minoranza della Gestione (che invitava a bocciarli). Per la prima, il relatore Gianbeato Vetterli ha rilevato «i molti cospicui scostamenti dal preventivo, vista la sottovalutazione delle uscite e la sopravvalutazione delle entrate; il tutto, senza più sopravvenienze cui aggrapparsi». Vetterli ha inoltre auspicato «un severo riesame dei compiti del Comune» e bollato come «ideologiche» le motivazioni per cui «la minoranza di Sinistra» chiedeva la bocciatura. Gli ha risposto Pier Mellini, secondo il quale «le motivazioni sono ben altre e ben più consistenti». Mellini ha anche ricordato il ritardo nell'evasione dei 4 ricorsi pendenti su due preventivi e due consuntivi, che non facilita certo una valutazione limpida dei conti.

© Regiopress, All rights reserved