laRegione
minusio-preventivo-2021-con-disavanzo-di-quasi-due-milioni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
4 min

Vedeggio-Cassarate, incidente con ferito

Da chiarire le cause del sinistro. Le condizioni dell'uomo non desterebbero preoccupazioni. Permangono disagi al traffico
Ticino
36 min

‘Elezioni comunali, confermato il 18 aprile’

La Sezione enti locali scrive ai municipi. Della Santa: stiamo studiando le necessarie misure per garantire il regolare e corretto esercizio del voto
Luganese
1 ora

Lugano, ‘nei negozi la sicurezza è garantita’

Enzo Lucibello, presidente della Disti, tranquillizza la cittadinanza e la clientela scioccata dal fatto di sangue avvenuto martedì alla Manor
TICINO
1 ora

Gli allievi infermieri sono già in corsia

Saranno quasi ottanta coloro che prolungheranno il periodo di pratica nei vari servizi presenti sul territorio
Bellinzonese
1 ora

Nuovi orari a scuola, stessa folla su bus e treni

Allievi di Liceo e Commercio di Bellinzona ritengono il cambiamento inutile e svantaggioso. E scatta un sondaggio
Ticino
1 ora

Defunti Covid, pompe funebri spaventate dalle nuove direttive

Confederazione e Cantoni aprono a manipolazioni delle salme e commiato a bare aperte, ma le imprese temono contagi e quarantene aziendali
Luganese
11 ore

Lugano, Forum alternativo: 'I Verdi stanno col Ps'

Elezioni, sfuma l'accordo per la lista unica. Nicola Schönenberger: 'Un discorso di area di sinistra meglio della frammentazione'
Gallery
Mendrisiotto
12 ore

Incontro ravvicinato con un Rubens per Natale a Chiasso

Il M.a.x. museo della cittadina inaugura la consuetudine di una esposizione per l'Avvento. In prestito da un privato la 'Madonna con Bambino'
Locarnese
29.10.2020 - 18:090

Minusio, preventivo 2021 con disavanzo di quasi due milioni

A pesare sul bilancio sono la pandemia e i suoi strascichi. Moltiplicatore invariato al 78%, una scelta 'politica': ‘È una situazione straordinaria’

Il preventivo 2021 del Comune di Minusio chiuderà con un deficit di circa 1,8 milioni di franchi. A pesare sui conti comunali, manco a dirlo, la pandemia e i suoi strascichi, un evento che indubbiamente ha innescato una crisi finanziaria su più livelli. Il messaggio municipale (del 20 ottobre) che riporta il bilancio amministrativo è l'ultimo, come si legge nell'atto parlamentare, di una legislatura che si è forzatamente estesa fino al prossimo aprile, a causa del covid-19 che ha rinviato le elezioni comunali al prossimo anno.

“Le più recenti notizie non lasciano ben sperare e di conseguenza – scrive l'esecutivo – le valutazioni si giustificano a maggior ragione. Sappiamo che misure imposte per contenere la situazione (pandemica; ndr) hanno avuto un pesante impatto sull'economia. La disoccupazione è aumentata così come le richieste di lavoro ridotto, che hanno raggiunto un livello record”.

Il bilancio calcolato dall'esecutivo per l'anno prossimo presenta uscite per 36 milioni e 331mila franchi, entrate per 15 milioni 352mila 700 franchi e un fabbisogno da coprire con imposta comunale di 20 milioni 979mila 100 franchi.

Per quanto concerne gli investimenti netti messi a preventivo l'onere ammonta a poco più di sei milioni di franchi: “Coscienti che solitamente il Comune può sostenere investimenti annui per non oltre tre milioni di franchi, con questo preventivo il Municipio vuole comunque fissare alti i propri obiettivi”, si legge. Infatti, riporta l'esecutivo nel documento, "ad oggi è già stato concesso un credito di oltre 2,2 milioni di franchi per ristrutturazione e ampliamento della proprietà comunale Centro culturale Elisarion e un credito di 5,3 milioni per l'ampliamento della scuola dell'infanzia (due sezioni), sede via Mezzaro”. Investimenti, v'è scritto, che sono a beneficio della comunità

La scelta “politica” di un moltiplicatore invariato

Il Municipio minusiense, in base alle ponderazioni effettuate e tenendo conto della straordinarietà del periodo, propone di mantenere il moltiplicatore d'imposta invariato al 78 per cento: una scelta politica e non matematica (che avrebbe richiesto un coefficiente al 86 per cento). “Al fronte delle entrate, considerando che la popolazione è già fortemente colpita dalle conseguenze del covid-19, l'esecutivo comunale non ha ritenuto opportuno intervenire con modifiche e in particolare riproponendo anche un invariato moltiplicatore (politico) d'imposta”. “Tutto ciò considerando anche che la perdita non è strutturale, bensì ‘solo’ straordinaria e che un'evoluzione delle entrate mostra un recupero della situazione a medio termine”, confida l'esecutivo. Il gettito comunale, con tale moltiplicatore, si attesterà circa sui 19,1 milioni di franchi a fronte di un fabbisogno di 20,9 milioni. Questo porterà a un disavanzo d'esercizio di circa 1,8 milioni di franchi. 

© Regiopress, All rights reserved