sempre-piu-cinghiali-nella-bassa-mesolcina-come-contenerli
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
7 ore

Fotovoltaico e aziende, giovedì 25 terzo e ultimo incontro

Promosso dal Dipartimento del territorio in collaborazione con la Cc-Ti, si terrà a S.Antonino nella Sala Multiuso
Luganese
8 ore

‘Devo allenarmi per l’uni ma... che fatica trovare spazi’

Prepararsi per l’ammissione alla facoltà di sport, tra vincoli comunali e cantonali e difficoltà a trovare una palestra: la testimonianza e le repliche
Ticino
8 ore

Pedibus, tra sicurezza ed ecologia

A oggi in Ticino oltre 1’300 bambini usufruiscono dei percorsi ufficiali, all’insegna di una mobilità sostenibile e più green
Mendrisiotto
8 ore

‘Fughe’ di cloro in piscina, chiudono tre vasche su quattro

Soluzione di compromesso di Chiasso davanti alla richiesta di Vacallo di archiviare la stagione balneare. Obiettivo comune, tutelare la falda idrica
Luganese
8 ore

‘Ha sede legale a Lugano’ lo Stato Antartico di San Giorgio

Lo studio di via Pioda valuta provvedimenti a tutela della propria immagine dopo essere stato tirato in ballo da persone finite sotto inchiesta in Italia
Mendrisiotto
8 ore

Operatore di prossimità, a Mendrisio c’è il bando

La Città cerca una figura a metà tempo a partire dal gennaio prossimo. L’assunzione segue la decisione di staccarsi dal Servizio regionale
Bellinzonese
9 ore

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi
Ticino
10 ore

Estate: in bilico fra santi e falsi dei... e controlli radar

Come ogni venerdì la Polizia cantonale comunica le località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 22 al 28 agosto
Mendrisiotto
10 ore

Sat Mendrisio organizza una gita in Val Formazza

Si partirà dal capoluogo momò alle 6.30 di sabato 3 settembre. La camminata durerà cinque ore. Le iscrizioni entro il 27 agosto
Locarnese
11 ore

Assemblea dell’Associazione Football Club Locarno

Per i soci del sodalizio calcistico del Lido ritrovo martedì a Palazzo Marcacci. Oltre al preventivo vi saranno le nomine del comitato
Mendrisiotto
11 ore

Riva San Vitale, festa di fine estate con concerti dal vivo

Musica live dei gruppi Luis Landrini Band e Vasco Jam. Appuntamento per sabato 27 agosto al Lido comunale tra rock e folclore latino
Locarnese
11 ore

Orselina, proiezioni cinematografiche al Parco

Tre serate all’insegna della settima arte nel giardino del paese. Organizzate dalla Pro in collaborazione con Festival, Cisa e Ticino Film Commission
05.07.2022 - 17:58

Sempre più cinghiali nella Bassa Mesolcina: come contenerli

Il capo dei guardacaccia Nicola De Tann: ‘Finora causati importanti danni solo a pascoli e prati da sfalcio’

Una presenza sempre più importante e fonte di notevoli conflitti. Il progressivo ritorno dei cinghiali sul territorio nazionale è una storia piuttosto recente: negli anni 70 alcuni esemplari provenienti da Italia, Francia e Germania hanno iniziato a ricolonizzare i nostri pascoli, implicando una crescita esponenziale nelle regioni alpine e prealpine. Un fenomeno che non ha risparmiato il Ticino e nemmeno i Grigioni, in particolare la Bassa Mesolcina dove sta assumendo dimensioni senza precedenti. Un bel problema, perché i voraci ungulati non si nutrono solamente di ghiande ed erbacce, ma pure di prodotti dell’agricoltura insinuandosi sempre di più in zone edificate e coltivate. «Le popolazioni sono in continuo aumento, da qualche mese in maniera più marcata, causando importanti danni a pascoli e prati da sfalcio – evidenzia interpellato dalla ‘Regione’ il capo dei guardacaccia del Moesano Nicola De Tann –. Finora non hanno intaccato le colture, ma la situazione è in costante evoluzione». Le misure di prevenzione attuate hanno il compito di contenere, o più precisamente limitare, le ripercussioni che la loro presenza comporta. La posa di reti elettrificate e l’abbattimento di maschi adulti e cuccioli, risparmiando per contro le femmine che ‘gestiscono’ il branco, «sono alcuni degli accorgimenti già messi in atto dalle autorità con l’obiettivo di ridurre i conflitti fra uomo e animale».

Difficile stimare il numero esatto

Il cinghiale si è adattato molto bene alle condizioni presenti sul nostro territorio, ricco di variegati ambienti in grado di offrire il nutrimento e la protezione di cui necessita (acqua, aree boschive con fitto sottobosco, superfici incolte, giovani piantagioni di conifere e novellami di boschi tagliati a raso). Per completare la sua dieta l’ingombrante mammifero ripulisce i campi di grano, rivoltando il terreno con il proprio muso dotato di zanne. È in grado inoltre di memorizzare i luoghi ideali dove alimentarsi nonché le fonti di pericolo e le posizioni di appostamento dei cacciatori. «Non hanno nemici predatori e sono molto prolifici (in un solo autunno possono triplicarsi, ndr), perciò in questo momento è molto complicato determinare la cifra esatta di tutti gli effettivi – continua De Tann –. Dalla piana sino alla cima in Bassa Mesolcina sono presenti un po’ ovunque; in val Calanca è invece un fenomeno ancora in espansione. Esemplari sono stati segnalati sui monti di Giova in territorio di Buseno. Non ancora nella vallata interna, ma è solo una questione di tempo». La loro individuazione è poi resa difficile dalla forte densità della superficie forestale, con oltre 200’000 ettari di bosco, ovvero circa il 30% del totale del Canton Grigioni. «Attualmente – evidenzia De Tann – le uniche misure attuabili sono i prelievi durante la caccia alta e di selezione. Non possiamo per contro agire come si fa in Ticino, dov’è possibile fissare degli appositi periodi di caccia. Su incarico delle autorità ad alcuni cacciatori è comunque stato dato il permesso di sopprimerli laddove sia certificata la presenza di scavi freschi».

‘Cervi? La situazione è sotto controllo’

Una crescita costante, almeno fino a qualche anno fa, è stata registrata anche nelle popolazioni di cervi. «Le misure di abbattimento sono state fruttuose: i prelievi sempre più frequenti hanno permesso di mantenere alta la pressione e contenere il loro incremento così come i danni provocati all’importante patrimonio boschivo, come richiestoci dai servizi forestali». Una diminuzione forse da ricondurre pure alla ricomparsa del lupo. «Sì – riconosce De Tann –, effettivamente la selvaggina rimane più alla larga dalle zone abitate. Di norma però la sua presenza è già meno marcata in questo periodo rispetto all’inverno, poiché spesso gli ungulati emigrano in Ticino e Italia». La situazione necessita di essere costantemente monitorata in modo da comprenderne le dinamiche e approfondire la discussione. «È comunque sempre difficile identificare un numero minimo di esemplari su un determinato territorio. Non esiste ancora una regola – conclude il capo dei guardacaccia moesani – che consenta di stabilire quale sia la presenza massima ammissibile di una specie».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bassa mesolcina cinghiali nicola de tann
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved