sordi-in-pandemia-doppio-isolamento-segni-di-speranza
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
45 sec

25 first responder plus operativi in Mesolcina e Calanca

Soccorritori con una formazione aggiuntiva, entreranno in servizio a partire dal 1° luglio
Luganese
1 ora

Sul lago di Lugano sarà un’estate green

Dal 1° luglio al 28 agosto, dal venerdì alla domenica, ci sarà un E-Vedetta Tour a bordo dell’imbarcazione divenuta 100% elettrica nel 2016
Ticino
1 ora

Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni

Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
1 ora

‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina

Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Locarnese
2 ore

Losone, canto in cerchio Open Circlesongs

Spettacolo domani sera alla fabbrica. Anche il pubblico potrà unirsi a questa improvvisazione canora collettiva
Locarnese
2 ore

Le Fart inaugurano il nuovo ufficio accoglienza e biglietteria

Situato a Sant’Antonio, al pian terreno della sede principale, aprirà al pubblico mercoledì prossimo
Luganese
2 ore

Patriziato di Torricella-Taverne in festa

L’evento è in programma domenica 3 luglio alla Cappella delle Torrette. La barriera della strada dei monti rimarrà aperta.
Locarnese
2 ore

Bosco Bolla Grande, interventi forestali urgenti

Scattano lunedì i lavori selvicolturali necessari per garantire la sicurezza dell’area cittadina duramente toccata dal nubifragio del 5 giugno
Ticino
2 ore

Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio

Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
Ticino
2 ore

Da Auto Tognetti ‘scuse senza se e senza ma’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco per il cartello sulla vendita di vetture, il garage di Gordola scrive ai suoi clienti
Ticino
3 ore

Ukraine Recovery Conference, domani volano gli F/A-18

Giornata di ‘prove generali’ domani nell’ambito dei preparativi per la sorveglianza dello spazio aereo in vista dell’appuntamnto di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Una vecchia vasca del depuratore di Rancate diventa un biotopo

Il progetto è promosso dal Dipartimento del territorio e prevede di ricreare un microclima naturale in una costruzione in calcestruzzo
Ticino
4 ore

‘Noi liberi di vendere in tutto il Ticino e pure oltralpe’

Cartello delle auto, la Garage Nessi Sa si smarca e valuta un eventuale ricorso contro la sanzione della Comco nei suoi confronti
Ticino
4 ore

‘Non tutti in passato hanno agito correttamente, me ne scuso’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco, il Managing Director della Amag Mathias Gabler chiede venia. E precisa: ‘Violazioni da parte di singoli’
Ticino
4 ore

Cartello delle auto, la Comco bacchetta 7 rivenditori ticinesi

Per i responsabili sanzioni per un totale di 44 milioni di franchi. Cinque imprese disposte a concludere il procedimento in conciliazione
Ticino
6 ore

‘Anche il Ticino istituisca una Corte dei conti indipendente’

Iniziativa parlamentare di Dadò (Centro) e Aldi (Lega): ‘Come a Vaud e Ginevra, combattere la poca chiarezza e le zone grigie con 3 o 5 magistrati’
Mendrisiotto
6 ore

Riva San Vitale getta l’àncora: il porto si farà

Individuata la zona (Sant’Antonio), saranno creati ulteriori 75 posti barca e recuperate le rive del lago. Messi in consultazione piani e rapporti
Luganese
15 ore

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
15 ore

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
Locarnese
16 ore

Calcio, musica latina e tanti sogni in tasca. Questo era Raùl

Il 19enne, coinvolto in un incidente in moto insieme a un amico sabato scorso a Maggia, è morto martedì sera. Il ricordo di chi gli ha voluto bene.
Locarnese
17 ore

Piazza Remo Rossi, che fine ha fatto la visione d’insieme?

Lo chiede al Municipio di Locarno il Gruppo Sinistra Unita attraverso un’interrogazione che punta i fari sulla progettazione degli spazi del centro urbano
CORONAVIRUS & SOCIETÀ
laR
 
21.02.2022 - 05:10
Aggiornamento: 22.02.2022 - 15:52

Sordi in pandemia: doppio isolamento, ‘segni’ di speranza

Chi non sente e comunica in lingua dei segni ha affrontato nuove difficoltà, non solo a causa delle mascherine. Ma non è stato tutto da buttare

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Una mano chiusa a pugno poggiata sotto il palmo dell’altra, che a dita aperte mima una corona. È la rappresentazione del coronavirus nella lingua dei segni, come ci fa vedere Laura Sciuchetti, assistente di direzione presso la Federazione svizzera dei sordi (Fss). Quando abbiamo deciso di contattarla, il primo pensiero è stato "chissà come avranno fatto a cavarsela con le mascherine". E anche se poi abbiamo imparato molte altre cose, partiamo da lì: «All’inizio è stato davvero difficile», spiega esprimendosi sempre in lingua dei segni. «Chiedevamo alle persone di abbassarla per poter leggere le labbra, ma tanti si rifiutavano, avevano paura. Un problema col quale ci scontravamo per strada, nei negozi, al lavoro: era come parlare col muro». Lei però non perde mai il sorriso, e aggiunge subito: «Le cose col tempo sono migliorate. Le persone hanno capito che poter leggere il labiale è un nostro diritto. Noi sordi poi sapevamo già da prima della pandemia che per comunicare dobbiamo essere sempre flessibili, provare tutte le forme di confronto, e così abbiamo fatto. Qualche problema rimane, ma in linea di massima direi che ci siamo riusciti».

‘Un doppio shock’

La strada da fare era – e resta – tanta: spiazzati dalle difficoltà di comunicazione, troppo spesso noi udenti ‘vediamo’ la sordità prima della personalità, incappando in atteggiamenti che possono spaziare dal paternalismo all’impazienza. Il risultato è un certo grado di isolamento per le persone sorde, ovviamente raddoppiato quando isolati ci siamo finiti un po’ tutti, per via dei lockdown e delle altre restrizioni. «In effetti è stato un doppio shock», commenta Sciuchetti, «specie per chi alla sordità unisce altri tipi di vulnerabilità e magari, essendo anziano, fatica a usare strumenti informatici ai quali noi giovani siamo più abituati». Strumenti che però hanno i loro limiti, «ad esempio la difficoltà a ‘leggere’ quello che dicono le persone dalle finestrelle dei programmi di videoconferenza. Alla fine la soluzione migliore anche per noi resta sempre l’incontro fisico, qualcosa di molto importante anche all’interno della comunità sorda, sebbene ci siamo subito riorganizzati per aiutarci e venirci incontro anche da remoto».

Sciuchetti è sorda, come suo marito e i genitori di entrambi, ma i suoi due bimbi non lo sono: quello della genetica come fattore determinante di certe sordità è un po’ uno stereotipo, anche perché «in Svizzera ci sono 10mila persone affette da sordità profonda, e ovviamente non siamo tutti uguali». Generalizzazioni e cliché, d’altronde, sono piuttosto diffusi dopo secoli di discriminazioni o semplici malintesi: durante l’intervista ci sfugge un paio di volte il termine ‘sordomuti’, che però «è scorretto, si usava in Italia ai tempi dei vecchi istituti, ma anche chi è completamente sordo può emettere suoni, semmai non riesce a replicare quelli delle parole che non ha mai sentito».

Minoranza linguistica

E qui arriviamo anche al punto della differenza tra lettura labiale e lingua dei segni: «Sicuramente le mascherine hanno penalizzato fortemente la nostra possibilità di comunicare. Va però ricordato che anche senza di esse, quando leggiamo le labbra possiamo comprendere al massimo il 60% di quanto ci viene detto, a seconda dell’ambiente e delle condizioni in cui ci troviamo. In ogni caso, riuscirci è molto affaticante». Per questo anche le mascherine trasparenti, di cui si parlava molto all’inizio dell’emergenza, servirebbero a poco: «Hanno preso piede solo in alcuni istituti o luoghi di lavoro, ma secondo me non risolvono granché: nascondono comunque parte delle espressioni, scivolano sulle labbra, si appannano, riflettono la luce…»

Se la lettura delle labbra è un’approssimazione di quella ‘seconda lingua’ che è l’italiano parlato e scritto, per chi è nato sordo la ‘lingua madre’ è proprio quella dei segni, i quali nella relazione coi concetti espressi sostituiscono le parole. L’esistenza di una diversa lingua dei segni per ciascuna lingua parlata nazionale dipende dal fatto che «ognuna è determinata da contesti storico-culturali diversi», ma non deve far credere che l’una sia il semplice calco o la traduzione dell’altra: si tratta di linguaggi autonomi, per cui potremmo vedere i sordi come una minoranza linguistica piuttosto che come disabili. Anche per questo la presenza di informazioni sul Covid-19 e l’interpretariato delle conferenze stampa di Cantone e Confederazione in lingua dei segni «sono state importanti e va detto che in Ticino, a differenza che a Berna, questo servizio è stato reso disponibile da subito. In realtà poi sappiamo arrangiarci comunque, ma è importante che in questa fase sempre più persone abbiano compreso la rilevanza, per la nostra salute e la nostra inclusione sociale, dell’interpretariato».

Nuove sensibilità

Per questo ausilio si riceve un sostegno finanziario mensile di circa 1’750 franchi a persona, unico contributo riconosciuto dall’Assicurazione invalidità per i sordi in assenza di particolari disabilità o patologie. Che si tratti di uno strumento fondamentale lo ribadisce anche Sonia Serdonio, l’interprete che ha reso possibile quest’intervista in videoconferenza. Quando le chiediamo com’è cambiato il suo lavoro in questo periodo – mentre Sciuchetti sorride e fa ironicamente il gesto della pistola alla tempia, a far indovinare il superlavoro della categoria –, Serdonio nota che «in effetti ultimamente anche l’utilità del nostro ruolo è stata compresa in modo sempre più ampio. È anche aumentato l’interesse per la cultura sorda, come dimostrano le molte iscrizioni ai corsi di lingua dei segni. Un’indicazione incoraggiante per il futuro del dialogo e dei diritti delle persone sorde».

Dopo avere compiuto i suoi studi presso scuole integrate e avere avviato la sua carriera professionale in ambito amministrativo, anche Sciuchetti sta seguendo due corsi di formazione, uno di leadership aziendale, l’altro di traduzione dall’italiano scritto alla lingua dei segni: «Nel primo caso gli altri partecipanti sono udenti, nel secondo invece siamo tutti sordi». Ma com’è cambiata la sua vita dal febbraio del 2020, quando il coronavirus arrivò in Ticino? «Penso di essere cambiata io stessa, di essermi paradossalmente aperta a nuove esperienze. Sarà stato anche il fatto di avere più tempo a disposizione, oltre che per stare insieme ai miei figli, per incuriosirmi a nuovi argomenti, magari anche solo a partire dallo spunto di una serie Netflix o di qualche lettura». Non si può dire che le siano mancati cinema o teatri, «dato che siamo da sempre esclusi da molti eventi ed espressioni del mondo culturale, a causa dell’assenza di traduzioni in lingua dei segni e sottotitoli». Sciuchetti però lo dice senza incupirsi, consapevole del fatto che i problemi non si risolvono con le recriminazioni: «Io spero che questi anni di apertura reciproca, com’è capitato per altre forme di collaborazione durante la pandemia, abbiano aiutato le persone a comprendere meglio anche le nostre esigenze, a superare certe rigidità e certe incomprensioni». Anche questo è parlarsi.

Il 25 febbraio del 2020 arrivava la notizia del primo contagio in Svizzera, proprio in Ticino. Questa è una serie dedicata a categorie di persone spesso lontane dai media e al loro destino dopo due anni di pandemia. Le altre puntate sono qui

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
due anni pandemia sordi
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved