la-pandemia-e-quell-arpa-senza-palcoscenico
Ti-Press
Elisa Netzer
ULTIME NOTIZIE Cantone
Grigioni
26 min

25 first responder plus operativi in Mesolcina e Calanca

Soccorritori con una formazione aggiuntiva, entreranno in servizio a partire dal 1° luglio
Luganese
2 ore

Sul lago di Lugano sarà un’estate green

Dal 1° luglio al 28 agosto, dal venerdì alla domenica, ci sarà un E-Vedetta Tour a bordo dell’imbarcazione divenuta 100% elettrica nel 2016
Ticino
2 ore

Impennata di contagi in Ticino: 1’888 in otto giorni

Coronavirus, si conferma la tendenza in aumento del numero di casi e delle persone ospedalizzate. Tre i decessi segnalati
Mendrisiotto
2 ore

‘Nulla da dichiarare’. Ma spunta un ‘panetto’ di cocaina

Fermata una donna tedesca al valico autostradale di Chiasso-Brogeda, mentre cercava di entrare in Italia con un chilo di sostanza stupefacente
Locarnese
2 ore

Losone, canto in cerchio Open Circlesongs

Spettacolo domani sera alla fabbrica. Anche il pubblico potrà unirsi a questa improvvisazione canora collettiva
Locarnese
2 ore

Le Fart inaugurano il nuovo ufficio accoglienza e biglietteria

Situato a Sant’Antonio, al pian terreno della sede principale, aprirà al pubblico mercoledì prossimo
Luganese
2 ore

Patriziato di Torricella-Taverne in festa

L’evento è in programma domenica 3 luglio alla Cappella delle Torrette. La barriera della strada dei monti rimarrà aperta.
Locarnese
2 ore

Bosco Bolla Grande, interventi forestali urgenti

Scattano lunedì i lavori selvicolturali necessari per garantire la sicurezza dell’area cittadina duramente toccata dal nubifragio del 5 giugno
Ticino
2 ore

Scuola Club Migros, saltano le sedi di Locarno e Mendrisio

Nell’ambito della riorganizzazione della divisione formazione della Fcm in Svizzera chiuderanno sette centri. Due in Ticino
Ticino
3 ore

Da Auto Tognetti ‘scuse senza se e senza ma’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco per il cartello sulla vendita di vetture, il garage di Gordola scrive ai suoi clienti
Ticino
3 ore

Ukraine Recovery Conference, domani volano gli F/A-18

Giornata di ‘prove generali’ domani nell’ambito dei preparativi per la sorveglianza dello spazio aereo in vista dell’appuntamnto di Lugano
Mendrisiotto
3 ore

Una vecchia vasca del depuratore di Rancate diventa un biotopo

Il progetto è promosso dal Dipartimento del territorio e prevede di ricreare un microclima naturale in una costruzione in calcestruzzo
Ticino
4 ore

‘Noi liberi di vendere in tutto il Ticino e pure oltralpe’

Cartello delle auto, la Garage Nessi Sa si smarca e valuta un eventuale ricorso contro la sanzione della Comco nei suoi confronti
Ticino
4 ore

‘Non tutti in passato hanno agito correttamente, me ne scuso’

Dopo la sanzione decisa dalla Comco, il Managing Director della Amag Mathias Gabler chiede venia. E precisa: ‘Violazioni da parte di singoli’
Ticino
4 ore

Cartello delle auto, la Comco bacchetta 7 rivenditori ticinesi

Per i responsabili sanzioni per un totale di 44 milioni di franchi. Cinque imprese disposte a concludere il procedimento in conciliazione
Ticino
7 ore

‘Anche il Ticino istituisca una Corte dei conti indipendente’

Iniziativa parlamentare di Dadò (Centro) e Aldi (Lega): ‘Come a Vaud e Ginevra, combattere la poca chiarezza e le zone grigie con 3 o 5 magistrati’
Mendrisiotto
7 ore

Riva San Vitale getta l’àncora: il porto si farà

Individuata la zona (Sant’Antonio), saranno creati ulteriori 75 posti barca e recuperate le rive del lago. Messi in consultazione piani e rapporti
Luganese
15 ore

Una famiglia luganese vuole assumere Wonder Woman

Da un annuncio di lavoro innumerevoli richieste e requisiti per la ricerca di una ‘semplice’ baby sitter e collaboratrice domestica
Locarnese
16 ore

Venerdì in piazza a Cevio la proiezione di ‘Il legionario’

La serata gratuita nell’ambito della rassegna di cinema all’aperto per omaggiare i 75 anni del Locarno Film Festival si aprirà alle 21.30
CORONAVIRUS & SOCIETÀ
laR
 
15.02.2022 - 11:17
Aggiornamento: 18.02.2022 - 00:04

La pandemia e quell’arpa senza palcoscenico

Musicisti e altri artisti indipendenti sono stati fortemente danneggiati dalle chiusure. Una di loro ci spiega come l’ha vissuta e come ha reagito

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Quando è arrivata la pandemia e in Ticino hanno cominciato a chiudere tutto, Elisa Netzer stava effettuando la trascrizione per arpa delle Variazioni Goldberg di Bach, «non proprio un lavoro facile, ma si trattava di un concerto davvero molto importante. Concerto che ovviamente è subito saltato». Con esso sono ‘saltate’, prevedibilmente, anche le molte ore già trascorse sugli spartiti e tra le corde, anche se la concertista classica e folk – vincitrice di numerosi concorsi, ospite di orchestre nazionali e internazionali quali Osi e Tonhalle, docente, autrice di un album per l’etichetta Naxos, tra i presentatori di ‘Paganini’ sulla Rsi – lì per lì non si era scomposta più di tanto: «Facendo questo mestiere si è abituati a una certa precarietà, e poi all’inizio pensavamo che le cancellazioni sarebbero state questione di poche settimane. Quando ho iniziato a capire che non ne saremmo usciti presto, vedendo saltare date in cartellone per eventi a molti mesi di distanza, ecco, lì ho cominciato a impallidire».

‘Come acqua tra le rocce’

Superato lo smarrimento, è arrivato il momento di tentare vie alternative, come le esibizioni in diretta web: «Chi vive di musica sa che deve ‘cavarsela’, cercare una nuova strada come acqua tra le rocce. Ma è chiaro che in certe situazioni ci si sente la terra mancare sotto i piedi, e le difficoltà finanziarie non hanno certo aiutato». Le indennità perdita di guadagno, infatti, sono risultate particolarmente impervie alla categoria. «Durante la prima ondata», spiega Netzer, «i pagamenti sono arrivati in modo abbastanza semplice, anche se erano misurati sul reddito ottenuto due anni prima: cifre molto più contenute rispetto a quanto prevedevo per il 2020, l’anno che per me avrebbe dovuto essere il più intenso fino ad allora». Successivamente «è diventato sempre più difficile affrontare la burocrazia. Da ottobre del 2020, poi, i rimborsi sono stati limitati ai concerti già programmati e in seguito cancellati: ma a quel punto quasi tutti avevano già smesso di organizzare eventi, perché si era capito da tempo che la situazione sarebbe rimasta incerta chissà quanto a lungo». Risultato: tanti saluti agli indennizzi. «Ci siamo trovati a dover affrontare una situazione disastrosa; e non lo dico tanto per me che ho 31 anni e non ho figli, ma per chi magari ha già una famiglia o una situazione economica particolarmente fragile».

Molti suoi colleghi, in effetti, «si sono fatti prendere dallo sconforto» e hanno cercato un altro lavoro, che si trattasse di impieghi amministrativi o alle casse di un supermercato. Il problema è che quella rischia di essere una sconfitta definitiva: «Per quanto sia diffusa la convinzione che il nostro non sia un vero lavoro, posso assicurare che non si può accantonare e poi riprendere in mano uno strumento dall’oggi al domani. Il nostro è un mestiere che richiede esercizio e studio a tempo pieno».

È stato in questi anni che Netzer, come molti altri, si è resa conto «dell’importanza di una rete di sicurezza, della necessità di fare gruppo per ottenere tutele sociali anche solo vagamente paragonabili a quanto viene riconosciuto ad altre professioni. Questa è una cosa della quale molti di noi non si sono curati per molto tempo, prima del Covid, ma la pandemia ci ha aperto gli occhi: non a caso è triplicato il numero di affiliazioni a Sonart», l’associazione professionale dei musicisti indipendenti.

L’occhio della tigre

Ora tutti attendono che si riparta, «anche se sarà difficile tornare a pieno regime prima del 2023: la gente ha voglia di tornare a uscire, a divertirsi, ma il nostro è un lavoro che vive di pianificazione. Da quando cadono le limitazioni a quando si ricomincia a lavorare possono passare mesi, se non anni». Nell’attesa e con l’augurio di tempi più musicali, salutiamo Netzer chiedendole quale possa essere la colonna sonora ideale per questo biennio dominato dal coronavirus. «Quella di Shining», risponde subito ridendoci su. Poi però ci pensa un attimo e si corregge: «Preferisco pensare alla musica che spero accompagnerà la ripresa di tutto il settore. Ci immagino come dei gagliardi Rocky Balboa sulle note di Eye of the tiger, pronti a vendere cara la pelle sperando di vincere il match».

SONART

‘In Ticino scontiamo un ritardo strutturale’

«L’accesso agli aiuti previsti dalla Confederazione è stato limitato da diversi fattori: oltre agli intoppi di natura burocratica, occorre ricordare che fino a due anni fa molti musicisti ticinesi non avevano mai pensato – vuoi per cultura, vuoi per i guadagni esigui realizzati nel settore – di acquisire lo statuto di indipendenti. Pochi, dunque, hanno poi potuto fare richiesta d’aiuto». A spiegarci la situazione è Fabio Pinto, musicista di formazione jazz, chitarra e voce del trio Monte Mai e rappresentante di Sonart per la Svizzera italiana. L’associazione mira a tutelare gli interessi degli indipendenti nel settore della creazione musicale, ma «in Ticino dobbiamo recuperare un ritardo strutturale rispetto al resto della Svizzera, dovuto alla mancanza di luoghi d’aggregazione autonoma e di una riflessione sulla valorizzazione della cultura indipendente».

Ad affrontare il problema potrebbe contribuire la creazione, a maggio 2020, di un’antenna ticinese di Sonart: «Da allora abbiamo offerto supporto per orientarsi nella giungla degli aiuti, passando da 20 a 70 iscritti – un buon inizio, anche se non possiamo ovviamente parlare di boom – e avviando un nuovo dialogo con le istituzioni cantonali, il cui sostegno è stato spesso traballante». Un obiettivo perseguito anche grazie alla collaborazione con analoghe associazioni di categoria, ad esempio nel campo del teatro.

A livello nazionale, spiega Pinto, Sonart si batte «per il prolungamento delle misure di aiuto previste per il periodo Covid – in attesa che le attività artistiche riprendano davvero a pieno regime –, ma anche per migliorare la nostra sicurezza sociale, ottenere una forma di salario minimo, fare rete e adottare a livello nazionale quelle che si sono rivelate le migliori pratiche in questo o quel cantone».

Quanto al cambio di prospettiva dovuto alla pandemia, Pinto conferma: «Certo, non si può dire che in questo caso il mal comune sia stato mezzo gaudio. Ma se non altro le difficoltà hanno stimolato gli artisti a fare gruppo, a superare le divisioni per ottenere insieme maggiore riconoscimento e diritti».

Il 25 febbraio del 2020 arrivava la notizia del primo contagio in Svizzera, proprio in Ticino. Questa è una serie dedicata a categorie di persone spesso lontane dai media e al loro destino dopo due anni di pandemia. Le altre puntate sono qui

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
artisti due anni pandemia musica
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved