ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
4 ore

Lavori forestali, nelle selve degli appalti

Per decidere su un concorso nel Basso Distretto ci sono voluti due bandi e tre sentenze. E (forse) non è ancora finita
Ticino
4 ore

Cantonali ‘23, Marchesi: ’Mi candido per entrare in governo’

Il presidente Udc, in un‘intervista a ‘laRegione’, ufficializza la discesa in campo: ’In Consiglio di Stato meno famiglia Mulino Bianco e più dinamismo’
Luganese
10 ore

Lugano, Lalia non slega il legislativo

I prelievi dovuti per legge ottengono la maggioranza assoluta, malgrado il teatrino in salsa leghista, con Bignasca contro il suo sindaco
Locarnese
10 ore

Il Museo di Storia naturale è ancorato alla pianificazione

Approvata dal legislativo di Locarno la variante per l’insediamento della struttura nel complesso conventuale di Santa Caterina
Ticino
12 ore

Detenuti e misure terapeutiche, il parlamento accelera

Presto una mozione delle commissioni ‘Giustizia’ e ‘Carceri’. Durisch: ora il trattamento in carcere non funziona, urge un reparto di psichiatria forense
Bellinzonese
12 ore

In arrivo sei aule prefabbricate per i bambini della Gerretta

Bellinzona: accolta la clausola d’urgenza e bocciato l’emendamento che chiedeva di riattivare le vecchie scuole di Molinazzo e Daro
Bellinzonese
13 ore

Daro, ecco i soldi: parte la ricostruzione di via ai Ronchi

Il Cc ha votato l’anticipo di 2,45 milioni. La Città pretende il risarcimento dal proprietario del cantiere edile all’origine del crollo
Luganese
13 ore

AlpTransit verso sud, Lugano picchia i pugni contro Berna

Votata all’unanimità la risoluzione extra-Loc che critica il progetto di Berna di tagliare la Neat e chiede di proseguire il tracciato fino al confine
Bellinzonese
14 ore

Giubiasco, 14 anni dopo luce verde alla centrale a biogas

Il Cc di Bellinzona ha avallato l’operazione lanciata dall’Amb con la Sopracenerina per un impianto che costerà quasi 27 milioni
19.08.2022 - 18:15
Aggiornamento: 18:35

Lumino: contro pericoli naturali e roghi si punta pure sul bosco

Chiesti al Cc 50mila franchi per elaborare un piano di gestione del territorio forestale e prevedere strutture idonee per contrastare gli incendi

lumino-contro-pericoli-naturali-e-roghi-si-punta-pure-sul-bosco
Ti-Press
Una strategia complementare alla progettazione delle opere di premunizione dopo gli eventi alluvionali del 2021

Progettare e programmare una serie di interventi a salvaguardia del bosco di protezione e infrastrutture per una lotta rapida ed efficace agli incendi boschivi. Questa l’utilità del piano di gestione forestale di cui intende dotarsi il Comune di Lumino. Il Municipio ha infatti licenziato un messaggio che invita il Consiglio comunale a concedere un credito di 50mila franchi per procedere con la sua elaborazione. Si tratta di un progetto complementare alla linea di manovra del Municipio per ridurre il rischio dei pericoli naturali e aumentare la sicurezza della popolazione adottata dopo i danni causati dal nubifragio dell’agosto 2021. Una strategia che lo scorso aprile ha portato all’approvazione da parte del legislativo di due messaggi (per un credito complessivo di 805mila franchi) per la progettazione delle opere di premunizione – si parla di un investimento di circa sette milioni di franchi per porre rimedio a una ventina di situazioni deficitarie che coinvolgono i riali Buseno, Carrale di Cima e Val Grande, il fianco della montagna e le immediate vicinanze – e l’aggiornamento del piano d’emergenza comunale. "Gli eventi alluvionali del 7 agosto 2021 – rimarca il Municipio nel messaggio licenziato negli scorsi giorni – hanno chiaramente mostrato il bisogno di una cura costante e programmata dei boschi. Un’attività quest’ultima, considerate le diverse abitudini odierne della popolazione rispetto a cinquant’anni fa, non più portata avanti con regolarità come in passato e meritevole dunque di una profonda riflessione". La proposta di dare avvio all’analisi risponde a due atti parlamentari: un’interrogazione del gruppo del Centro per quanto riguarda la salvaguardia e il ruolo protettivo del bosco e una mozione del Plr che chiedeva uno studio per la creazione di infrastrutture per combattere gli incendi.

Col via del legislativo partirebbe dunque un’analisi territoriale per ottenere una visione generale delle caratteristiche, delle funzioni prevalenti, delle potenzialità evolutive del patrimonio boschivo e dei progetti selvicolturali già in atto (ad esempio gestione delle neofite), allestendo poi un piano degli investimenti. Attraverso varie fasi e in collaborazione con Patriziato, Sezione forestale e Ufficio della natura e del paesaggio verrebbe poi allestito il piano di gestione forestale, che come detto sarebbe complementare ai previsti importanti interventi di premunizione. La concessione del credito di 50mila franchi (finanziato da Cantone e Confederazione nella misura del 70%) darebbe inoltre inizio allo studio (in collaborazione con i pompieri di Bellinzona) volto a definire le aree dove potranno essere installate infrastrutture adibite alla lotta contro i roghi boschivi.

Ricordiamo che nell’immediato post-disastro dell’agosto 2021 il legislativo aveva già stanziato 520mila franchi a copertura dei lavori urgenti di sgombero e messa in sicurezza subito eseguiti, e 522mila franchi per progettare e ricostruire in tempi stretti la vasca di contenimento del riale Valentra su via Rampighetta.

Leggi anche:

Evacuata un’abitazione a Lumino e invaso l’asilo del Palasio

Lumino, via libera alla strategia contro i pericoli naturali

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved