ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
21 min

Lugano, scontro tra un automobilista e un motociclista

Ad avere la peggio il secondo, un 47enne che ha riportato ferite di media gravità. È successo a inizio serata in via Ciani
Luganese
2 ore

50 anni di Fondazione Ipt, 50 anni di aiuto nel lavoro

Domani all’Hotel Splendide Royal di Lugano un evento. Il direttore di Ipt Ticino Marco Romano: ‘Importante opportunità di networking’.
Locarnese
2 ore

Lupi in Rovana, si teme ‘seguano’ le prede al piano

Incontro a Bellinzona tra mondo agricolo, istituzioni locali, Associazione contro i grandi predatori e Cantone per cercare possibili soluzioni al problema
Mendrisiotto
2 ore

Servizio idrico, c’è il sigillo degli Enti locali

Via libera della Sezione alle fondamenta del Consorzio che vede unire le forze del Basso Mendrisiotto
Luganese
2 ore

Lugano, all’ex asilo Ciani arriva il festival Satori

La manifestazione del benessere olistico ‘slegata dalla pura vendita’ e a chilometro zero propone una due giorni con terapisti e prodotti ticinesi
Bellinzonese
3 ore

Villaggio di Natale e pista di ghiaccio confermati a Bellinzona

Il Municipio ha fissato le misure di risparmio energetico ma senza rinunciare alle principali attrattive per le famiglie. Salvo anche il Rabadan
Grigioni
4 ore

Festa del vino con Luis Landrini Trio a Grono

Appuntamento per sabato 8 ottobre dalle 11 alle 18 nella piazzetta Birraria al B Atelier Bistrôt
Mendrisiotto
4 ore

L’insegna copre il trompe l’oeil. Scattano gli interrogativi

A Besazio a un intervento dell’artista Marti si è preferita una pubblicità. E l’AlternativA adesso vuole sapere perché
26.04.2022 - 12:44
Aggiornamento: 15:58

Lumino, via libera alla strategia contro i pericoli naturali

Il Consiglio comunale ha approvato i due messaggi che consentono di dare avvio alla progettazione delle opere

lumino-via-libera-alla-strategia-contro-i-pericoli-naturali
Ti-Press

Via libera da parte del Consiglio comunale di Lumino alla linea di manovra del Municipio per ridurre il rischio dei pericoli naturali e aumentare la sicurezza della popolazione. Riunito in seduta ieri sera, il legislativo ha approvato i due messaggi elaborati dopo il disastro del 7 agosto 2021, quando una quarantina di abitazioni presenti nella parte sud del paese sono state invase e danneggiate dalla fuoriuscita dei riali Bruga e Valentra. Il primo messaggio approvato (con un voto contrario e due astensioni) riguarda il credito di 750mila franchi per finanziare la progettazione di massima delle opere di premunizione, ciò che consentirà di elaborare un preventivo di costo più accurato ottimizzando così l’investimento nel suo complesso. All’unanimità il Consiglio comunale ha pure approvato il credito di 55mila franchi per aggiornare il Piano d’emergenza comunale, adottare nuovi sistemi di previsione più dettagliata (radar meteo che analizzerà meglio le cellule temporalesche), acquistare piccolo materiale di primo intervento (compreso un sistema di comunicazione) e installare un sistema di videosorveglianza (tre videocamere nei punti più critici) in grado di migliorare la prontezza d’intervento in caso di evento estremo che potrebbe nuovamente chiamare in azione il Presidio territoriale formato da autorità locali e servizi di pronto intervento. «Dopo gli interventi già realizzati nel mese di agosto, l’approvazione dei messaggi da parte del Consiglio comunale è un segnale importante che ci permette di dare inizio alla progettazione di massima delle opere, tenendo conto dell’aggiornamento delle carte delle zone di pericolo che il Cantone ha promesso per fine giugno», afferma il sindaco Nicolò Parente.

Lavori per sette milioni di franchi

Le misure previste saranno da adottare a partire da subito e nei prossimi quattro/cinque anni coinvolgendo anche i riali Buseno, Carrale di Cima e Val Grande, il fianco della montagna e le immediate vicinanze. Si tratta di realizzare – in una ventina di situazioni ritenute deficitarie, e altre potrebbero aggiungersi – opere idrauliche e nuovi manufatti, nonché ampliare e/o rafforzare infrastrutture già presenti. Lavori che richiederanno un impegno calcolato in circa 7 milioni di franchi che, dedotti i sussidi cantonali, si ridurranno a 2,5 a carico delle casse comunali.

Nell’immediato post-disastro il legislativo aveva già stanziato 520mila franchi a copertura dei lavori urgenti di sgombero e messa in sicurezza subito eseguiti, e 522mila franchi per progettare e ricostruire in tempi stretti la vasca di contenimento del riale Valentra su via Rampighetta (lavori iniziati il 7 marzo).

Leggi anche:

Lumino, via libera ai crediti legati al nubifragio di agosto

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved