eventi-e-sicurezza-nessun-approccio-riduttivo-della-polcom
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
4 ore

Auto in panne, galleria del San Gottardo chiusa (direzione nord)

Mentre al portale urano già dal mattino si registravano code chilometriche, anche a quello di Airolo sono da prevedere disagi
Locarnese
6 ore

La Centovallina torna a circolare in Italia

Interrotto ieri a causa dei disagi provocati dalle abbondanti precipitazioni, il servizio internazionale è ripreso stamane
Ticino
10 ore

Quarta dose per viaggiare? ‘Disponibile a pagamento’

Il secondo richiamo al momento non è né omologato da Swissmedic né raccomandato dall’Ufficio federale. Costa circa 60 franchi.
Gallery
Locarnese
10 ore

Il caro benzina appesantisce l’aviazione leggera

L’Aero club Locarno fa i conti con l’impennata del prezzo del carburante. Si vola meno e per i pezzi di ricambio occorre pazienza.
Mendrisiotto
10 ore

Scuole di Riva San Vitale, ‘si rischia il blocco dei lavori’

A lanciare l’allarme è il municipale Sergio Bedulli: ‘Approvate quasi 30 opere non previste. Superamento dell’importo sulle delibere vicino al 10%’.
Luganese
15 ore

‘Un campeggio antimilitarista contro la conferenza a Lugano’

È quanto ha organizzato, da questa sera fino a lunedì, il Csoa Molino a Massagno al parco Ippocastano
Locarnese
17 ore

Polizia, Zanchi: ‘Niente campagna elettorale sugli agenti’

Locarno, il capodicastero sicurezza replica a Cotti: ‘Avevo informato tutti in municipio sui contenuti della conferenza stampa’.
Bellinzonese
18 ore

Gorduno-Galbisio, Santa Messa a San Carpoforo

Il Consiglio parrocchiale informa del cambiamento per la celebrazione di domenica 3 luglio delle 10.30
Mendrisiotto
19 ore

Riva San Vitale, una nuotata in compagnia

Il 10 luglio si terrà l’undicesima traversata popolare del golfo, organizzata in collaborazione con la Società di salvataggio Mendrisiotto
Mendrisiotto
19 ore

Chiasso, no usa e getta, tornano i bicchieri riutilizzabili

Il Municipio annuncia che manifestazioni come Nebiopoli e Festate avranno di nuovo, dopo la sperimentazione 2019, un’impronta più green
Luganese
20 ore

Lugano, nuove tecnologie e produzione industriale

A Lugano la 55esima edizione della Conferenza internazionale CIRP CMS sul tema ‘Leading manufacturing systems transformation’
Mendrisiotto
20 ore

Incontro ravvicinato tra i momò e il governo federale

In gita fuori porta, il Consiglio federale si è ritrovato a tu per tu con politici e popolazione. Incursione dei contrari a terza corsia A2 e area Tir
23.06.2022 - 15:34
Aggiornamento: 15:57

Eventi e sicurezza: ‘Nessun approccio riduttivo’ della Polcom

Il Municipio di Bellinzona risponde a un’interpellanza della Lega sulle considerazioni del comandante Ivano Beltraminelli dopo un pestaggio all’Espocentro

"La Polizia comunale non è mai venuta meno all’assunzione delle proprie responsabilità e competenze ed è sempre parte attiva quanto alle valutazioni per eventuali proposte di manifestazioni/intrattenimento". Non vi è quindi mai stato "un approccio riduttivo nell’esame dei vari dossier". È con questa premessa che il Municipio di Bellinzona risponde a un‘interpellanza dei consiglieri comunali leghisti in merito ad alcune affermazioni del comandante Ivano Beltraminelli rilasciate a ‘laRegione’ sul pestaggio avvenuto lo scorso 9 aprile all’Espocentro al termine di un concerto. Manuel Donati, Manuela Genetelli, Alessandro Minotti, Sacha Gobbi e Luca Madonna ritenevano ad esempio non opportuna la frase: "Sarebbe più facile negare l’autorizzazione" agli organizzatori di un determinato evento. Stando all’esecutivo, "è evidente che il comandante intendeva dire che non esiste il ‘rischio zero’ a meno di semplicemente negare l’autorizzazione. Nel momento in cui viene organizzato un evento sorge la possibilità di un rischio". Più precisamente la frase completa da noi riportata era la seguente: «Ovviamente se certi episodi di violenza si ripetono la risposta più facile da dare sarebbe una sola, ossia negare l’autorizzazione allo svolgimento di quelle feste». Beltraminelli aveva poi aggiunto che «in alternativa si potrebbe chiedere agli organizzatori il potenziamento del loro servizio d’ordine, estendendolo anche alle immediate vicinanze». Questa strategia è poi stata confermata in una successiva intervista, visto che «la responsabilità in merito alla sicurezza ricade in particolare sugli organizzatori, anche per quanto potrebbe succedere nelle immediate vicinanze». Un approccio che implica quindi una maggiore presenza di agenti privati, con di conseguenza anche costi maggiori. I consiglieri comunali leghisti chiedevano quindi se il Municipio "condivide questo approccio" e se "non ritiene che, oltre a disincentivare l’organizzazione di eventi, sia esageratamente oneroso e attenui in maniera importante la responsabilità della Polcom". La risposta: "È fuori discussione che gli organizzatori di eventi o manifestazioni che costituiscono un potenziale rischio per l’ordine pubblico (sicurezza, traffico, sanità ecc.) devono evidentemente anche assumersi (una parte) dell’onere che ne deriva, in particolare se tali eventi hanno anche una finalità commerciale".

‘Viene applicata la proporzionalità’

In merito invece alle valutazioni in vista di una manifestazione (e alla relativa autorizzazione), il Municipio precisa che "vengono effettuate dai servizi comunali interessati e non solo dalla Polizia comunale; l’esame è fatto sulla base di un dossier presentato dagli organizzatori e con valutazioni sui dettagli". L’esecutivo sottolinea poi che in particolare per i concerti "le criticità sono riscontrabili soprattutto nella determinazione quantitativa del pubblico e del suo comportamento prima/durante/dopo il concerto. È evidentemente applicata la proporzionalità in base a tali parametri, comunque difficili da conoscere preliminarmente in modo esatto".

‘Nessuna delega ad agenti di sicurezza privata’

Fra l’altro gli interpellanti facevano anche notare che "situazioni impegnative avvengono spesso in luoghi già conosciuti per essere a rischio", chiedendo se "si tratta di un problema organizzativo oppure di sottodimensionamento del Corpo di polizia o forse ancora legato alla facile delega dei compiti di polizia ad agenti di sicurezza privata che non hanno per legge le stesse competenze e possibilità di intervento degli agenti della Comunale". Stando al Municipio, "in tutti i commenti dei preventivi e dei consuntivi del Comune si è sempre indicato che si stanno potenziando gli effettivi del Corpo della Polizia comunale, compatibilmente con la situazione finanziaria e le priorità del Comune". Inoltre,"non vi è alcuna facile delega di compiti di Polizia sulla gestione dell’ordine pubblico".

Leggi anche:

Eventi e sicurezza in città: ‘Approccio riduttivo della Polcom’

Il dopo pestaggio: ‘Valutare meglio e più sicurezza privata’

La Polcom di Bellinzona: ‘La sicurezza privata va potenziata’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona interpellanza ivano beltraminelli lega polizia comunale
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved