ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
58 min

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
Grigioni
1 ora

Verso un miglior sostegno ai familiari curanti nei Grigioni

Individuati tre punti centrali: sensibilizzazione della popolazione e dei datori di lavoro, così come migliori condizioni per le persone che prestano cure
Bellinzonese
1 ora

Successo per il Raiffeisen Kids Ski Day a Campo Blenio

Circa 130 bambini e bambine si sono lanciati nei percorsi dello sci alpino e dello sci freestyle preparati dallo Sci Club Greina e dall’Adula Snow Team
Bellinzonese
2 ore

Col Rabadan tornano i tradizionali appuntamenti culinari

Venerdì 17 pranzo degli anziani, lunedì 20 fondue e martedì 21 febbraio ‘risott e lüganig’ del Re. Gli eventi si terranno nel capannone in Piazza del Sole
Locarnese
2 ore

Gordola, ‘la presenza della Posta è di interesse pubblico’

Plr e Verdi liberali giustificano la loro interpellanza anche sul negozio di alimentari e criticano il vicesindaco per essersi esposto
Bellinzonese
2 ore

Il Soccorso alpino fra i banchi delle Scuole Nord di Bellinzona

Un centinaio di allievi sono stati informati sul ruolo dei soccorritori, sull’attrezzatura che viene utilizzata e sui rischi degli sporti invernali
Ticino
2 ore

Sedicenni in discoteca, ‘ci adeguiamo al resto della Svizzera’

La reazione a caldo di Daniel Perri, gerente di varie discoteche del Locarnese, come il Vanilla, la Rotonda e il Pix: ‘È importante per il turismo’
Mendrisiotto
2 ore

Il Plr ticinese è con la Sezione di Mendrisio

Il partito cantonale prende atto del ‘caso Cerutti’ e dichiara ‘piena fiducia’ ai suoi esponenti locali. Si ‘guarda avanti’
Grigioni
3 ore

Sci alpino di notte e nordico di giorno a San Bernardino

Sabato 4 febbraio a Pian Cales sarà possibile sciare anche dalle 19 alle 22. Domenica 5 prova gratuita del materiale per lo sci di fondo
Luganese
3 ore

Monteceneri ha 122 abitanti in più

Nel comune continua a esserci una maggioranza di uomini. Le nascite sono state superiori ai decessi
Bosco Gurin
3 ore

Metrò alpino, ‘un’apertura per tutta la Valle’

L’Associazione dei Comuni valmaggesi (Ascovam) scrive al direttore del Dipartimento del territorio per perorare la causa del collegamento con la Formazza
GALLERY
Luganese
4 ore

Valorizzazione e conservazione alla torbiera di Gola di Lago

Gli interventi dell’Ufficio della natura e del paesaggio avevano l’obiettivo di conservare la qualità ecologica del biotopo
23.06.2022 - 15:34
Aggiornamento: 15:57

Eventi e sicurezza: ‘Nessun approccio riduttivo’ della Polcom

Il Municipio di Bellinzona risponde a un’interpellanza della Lega sulle considerazioni del comandante Ivano Beltraminelli dopo un pestaggio all’Espocentro

eventi-e-sicurezza-nessun-approccio-riduttivo-della-polcom
Ti-Press

"La Polizia comunale non è mai venuta meno all’assunzione delle proprie responsabilità e competenze ed è sempre parte attiva quanto alle valutazioni per eventuali proposte di manifestazioni/intrattenimento". Non vi è quindi mai stato "un approccio riduttivo nell’esame dei vari dossier". È con questa premessa che il Municipio di Bellinzona risponde a un‘interpellanza dei consiglieri comunali leghisti in merito ad alcune affermazioni del comandante Ivano Beltraminelli rilasciate a ‘laRegione’ sul pestaggio avvenuto lo scorso 9 aprile all’Espocentro al termine di un concerto. Manuel Donati, Manuela Genetelli, Alessandro Minotti, Sacha Gobbi e Luca Madonna ritenevano ad esempio non opportuna la frase: "Sarebbe più facile negare l’autorizzazione" agli organizzatori di un determinato evento. Stando all’esecutivo, "è evidente che il comandante intendeva dire che non esiste il ‘rischio zero’ a meno di semplicemente negare l’autorizzazione. Nel momento in cui viene organizzato un evento sorge la possibilità di un rischio". Più precisamente la frase completa da noi riportata era la seguente: «Ovviamente se certi episodi di violenza si ripetono la risposta più facile da dare sarebbe una sola, ossia negare l’autorizzazione allo svolgimento di quelle feste». Beltraminelli aveva poi aggiunto che «in alternativa si potrebbe chiedere agli organizzatori il potenziamento del loro servizio d’ordine, estendendolo anche alle immediate vicinanze». Questa strategia è poi stata confermata in una successiva intervista, visto che «la responsabilità in merito alla sicurezza ricade in particolare sugli organizzatori, anche per quanto potrebbe succedere nelle immediate vicinanze». Un approccio che implica quindi una maggiore presenza di agenti privati, con di conseguenza anche costi maggiori. I consiglieri comunali leghisti chiedevano quindi se il Municipio "condivide questo approccio" e se "non ritiene che, oltre a disincentivare l’organizzazione di eventi, sia esageratamente oneroso e attenui in maniera importante la responsabilità della Polcom". La risposta: "È fuori discussione che gli organizzatori di eventi o manifestazioni che costituiscono un potenziale rischio per l’ordine pubblico (sicurezza, traffico, sanità ecc.) devono evidentemente anche assumersi (una parte) dell’onere che ne deriva, in particolare se tali eventi hanno anche una finalità commerciale".

‘Viene applicata la proporzionalità’

In merito invece alle valutazioni in vista di una manifestazione (e alla relativa autorizzazione), il Municipio precisa che "vengono effettuate dai servizi comunali interessati e non solo dalla Polizia comunale; l’esame è fatto sulla base di un dossier presentato dagli organizzatori e con valutazioni sui dettagli". L’esecutivo sottolinea poi che in particolare per i concerti "le criticità sono riscontrabili soprattutto nella determinazione quantitativa del pubblico e del suo comportamento prima/durante/dopo il concerto. È evidentemente applicata la proporzionalità in base a tali parametri, comunque difficili da conoscere preliminarmente in modo esatto".

‘Nessuna delega ad agenti di sicurezza privata’

Fra l’altro gli interpellanti facevano anche notare che "situazioni impegnative avvengono spesso in luoghi già conosciuti per essere a rischio", chiedendo se "si tratta di un problema organizzativo oppure di sottodimensionamento del Corpo di polizia o forse ancora legato alla facile delega dei compiti di polizia ad agenti di sicurezza privata che non hanno per legge le stesse competenze e possibilità di intervento degli agenti della Comunale". Stando al Municipio, "in tutti i commenti dei preventivi e dei consuntivi del Comune si è sempre indicato che si stanno potenziando gli effettivi del Corpo della Polizia comunale, compatibilmente con la situazione finanziaria e le priorità del Comune". Inoltre,"non vi è alcuna facile delega di compiti di Polizia sulla gestione dell’ordine pubblico".

Leggi anche:

Eventi e sicurezza in città: ‘Approccio riduttivo della Polcom’

Il dopo pestaggio: ‘Valutare meglio e più sicurezza privata’

La Polcom di Bellinzona: ‘La sicurezza privata va potenziata’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved