la-polcom-di-bellinzona-la-sicurezza-privata-va-potenziata
Ti-Press
Necessarie misure per evitare che il divertimento si trasformi in violenza, come successo il 9 aprile all’Espocentro
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
1 ora

Deceduto il 19enne vittima di un’incidente stradale a Maggia

Si trovava a bordo di una moto con un altro ragazzo quando si è scontrato con un’auto guidata da una 21enne
Mendrisiotto
15 ore

A Muggio ci si prepara per le Feste di San Lorenzo

Dal 12 al 14 agosto ci si ritroverà di nuovo per uno degli appuntamenti tradizionali del villaggio
Luganese
16 ore

Lugano, meno barche, più verde

Mozione interpartitica che propone a Città e cittadini il ridisegno del parchetto Lanchetta in via Castagnola, una ’zona molto pregiata del comune’
Bellinzonese
17 ore

Festa in piazza a Sobrio

Appuntamento per sabato 2 luglio. Durante l’evento si esibirà la nota fisarmonicista e cantante Sabrina Salvestrin
Bellinzonese
17 ore

Caffè letterario open air a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 29 giugno alle 20 al Camping Bellinzona
Grigioni
18 ore

Gara podistica e camminata popolare a Rossa

Appuntamento per domenica tre luglio sul meraviglioso fondovalle della Val Calanca
Bellinzonese
18 ore

Inaugurato Il Larice a Leontica

Il punto d’incontro ha come obiettivo quello di mantenere e possibilmente sviluppare il contesto socio-economico e culturale del paese
Gallery
Mendrisiotto
18 ore

Vacallo, il torneo Streetball gialloverde è stato un successo

Sport, festa e solidarietà alla manifestazione di giugno della Sav. Il ricavato è andato a favore del movimento giovanile
Luganese
18 ore

Rombano le Harley e le strade sono tutte (o quasi) loro

Da giovedì 30 giugno a domenica 3 luglio Lugano sarà letteralmente invasa dalle mitiche due-ruote. Evento che comporterà qualche cambiamento viario.
Luganese
18 ore

Incontro con Fabiano Alborghetti e il suo ‘Corpuscoli di Krause’

Nell’ambito del progetto Chilometro zero alla Biblioteca cantonale di Lugano incontro venerdì 1° luglio
Mendrisiotto
18 ore

Tiro obbligatorio alla Rovagina a Morbio Superiore

Appuntamento il 6 luglio prossimo per i tiratori con la pistola a 25 metri e il fucile a 300 metri
Luganese
19 ore

Presidio di protesta per la Conferenza sull’Ucraina

Per una ricostruzione democratica, indipendente, pluralista e sociale! È lo slogan scelto dal Movimento per il socialismo.
Luganese
19 ore

Zest e Lfg Holding danno vita a un gruppo da 2,5 miliardi

Le due società metteranno le proprie attività di asset management al servizio della clientela privata e istituzionale
Luganese
19 ore

La Funicolare Monte Brè aggiunge corse serali e offerta

Per tutto luglio e agosto, nelle serate di venerdì e sabato, si potrà usufruirne sino alle 23. Fra le novità anche nuovi itinerari.
laR
 
29.04.2022 - 05:10
Aggiornamento: 16:02

La Polcom di Bellinzona: ‘La sicurezza privata va potenziata’

Il comandante Ivano Beltraminelli: in futuro saranno richiesti ‘più agenti privati e un controllo anche nelle immediate vicinanze dell’evento’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

«D’ora in poi richiederemo un concetto di sicurezza più dettagliato». Dopo il pestaggio di un sedicenne avvenuto un paio di settimane fa a margine del concerto trap di Simba La Rue tenutosi all’Espocentro di Bellinzona, la Polizia comunale ha deciso di «valutare in modo più critico» le richieste per organizzare eventi che attraggono molte persone, afferma a ‘laRegione’ il comandante Ivano Beltraminelli. Più precisamente sarà richiesto un «potenziamento della sicurezza privata e un controllo anche nelle immediate vicinanze» della struttura che ospita l’evento.

Se da un lato l’organizzatore del concerto in questione, Gianni Morici, aveva auspicato una presenza più importante della polizia all’esterno, dall’altro la Polcom aveva invece ipotizzato un maggiore controllo (e non solo all’interno del locale) da parte di chi organizza eventi. Ora la strategia adottata per cercare di limitare eventuali episodi di violenza appare proprio essere quest’ultima: «Abbiamo contattato i proprietari dell’Espocentro, così come chi organizza eventi nella struttura», rileva Beltraminelli. È così stato chiarito che «la responsabilità in merito alla sicurezza ricade in particolare sugli organizzatori, anche per quanto potrebbe succedere nelle immediate vicinanze». Infatti anche le parti all’esterno della struttura vengono regolarmente utilizzate dai partecipanti a un concerto, ad esempio per fumare o per prendere anche solo un po’ d’aria. Aree esterne che «devono quindi essere comprese nel perimetro di sicurezza a carico degli organizzatori», con di conseguenza anche costi maggiori. Insomma, in altre parole la polizia pretenderà una presenza più consistente di agenti privati che dovranno garantire la sicurezza sia all’interno, sia all’esterno per cercare di evitare pestaggi o altre forme di violenza. E stando al comandante della Polcom, «gli organizzatori si sono detti disposti» ad agire in questo senso.

Senza un concetto di sicurezza dettagliato, nessuna autorizzazione

Quanto alla richiesta di garantire una maggiore presenza di pattuglie durante i concerti, inizialmente sarà proprio così. Ma questo per «verificare che il concetto di sicurezza presentato venga effettivamente applicato», spiega Beltraminelli. Il dossier riguardante le misure che saranno messe in atto per garantire la sicurezza sarà, tuttavia, dapprima valutato dalla Polcom che, se fosse necessario, chiederà di «ampliarlo o migliorarlo». Un concetto di sicurezza dettagliato sarà infatti indispensabile, in generale, per ricevere l’autorizzazione da parte del Comune per organizzare eventi che attirano un importante numero di ospiti, come avviene solitamente all’Espocentro. Ovviamente le misure richieste dipenderanno anche dal tipo di evento: una tombola o un matrimonio, non sono evidentemente paragonabili a un concerto tenuto, magari, da una persona che ha già avuto problemi con la giustizia.

Woodstock Music Pub – ‘L’importanza dei valori trasmessi’

Un locale che a Bellinzona organizza concerti, attirando ogni weekend molte persone, fra cui diversi giovani, è il Woodstock Music Pub. Come viene gestita la sicurezza in questo esercizio pubblico? «Prepariamo un piano di sicurezza che prevede l’impiego di personale qualificato di agenzie di sicurezza riconosciute», afferma da noi contattato Marco Acocella, titolare del locale. Ovviamente anche in questo caso il dispositivo di sicurezza messo in atto dipende da che genere di evento è in programma. In ogni caso, però, vi è anche un controllo all’esterno del locale: «Gli agenti di sicurezza verificano che non accada nulla nemmeno nelle immediate vicinanze». La sicurezza ha poi anche un costo che è a carico dei gestori. Si tratta tuttavia di un «investimento necessario, se si vuole lavorare bene». Investimento che permette dunque di evitare che accadano gravi episodi di violenza. Infatti, «le teste calde ci sono dappertutto, ma c’è sempre un motivo per cui accade qualcosa».

Stando ad Acocella, molto dipende anche dai «valori che trasmette un determinato locale». Valori che se vengono percepiti in modo positivo dalla clientela, permettono poi da un lato di «gestire la situazione» in modo più facile e dall’altro di far sì che «le persone si divertano in modo sano». E questo vale anche per i giovani: «Siamo ben contenti del fatto che ne arrivino molti da noi. Anche perché i nostri frequentatori hanno sempre voglia di divertirsi e sono anche in grado di farlo senza generare problemi».

Leggi anche:

Calci e pugni alla serata trap di Bellinzona

Il dopo pestaggio: ‘Valutare meglio e più sicurezza privata’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona concerti eventi ivano beltraminelli polizia comunale sicurezza privata
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved