ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
13 min

La sinistra si spacca sulle armi svizzere all’Ucraina

Il permesso alla riesportazione, sostenuto dal Ps svizzero, non piace a quello ticinese. Carobbio: ‘Intensificare la diplomazia’
Ticino
13 min

Aumentano i controlli radar? ‘Flasha’ l’interpellanza del Centro

Marco Passalia e Fiorenzo Dadò passano dalle parole ai fatti e chiedono al governo se ‘non si stia esagerando’ e se ‘l’intenzione sia far cassetta’
GALLERY
Mendrisiotto
7 ore

Il Ministro di Nebiopoli ha di nuovo le chiavi della città

Davanti a una piazza movimentata dalla musica della guggen, sono iniziati i festeggiamenti di Chiasso, a quasi tre anni dall’ultima vera edizione
Luganese
7 ore

Scontro tra un’auto e un centauro a Vezia

Ferite non gravi per il motociclista scaraventato a terra dall’impatto. Il traffico in via San Gottardo è rimasto perturbato per circa un’ora
Mendrisiotto
7 ore

‘Il ‘caso Cerutti’? Per la Sezione Plr la crisi è superata’

Il gruppo di Mendrisio incassa la ‘piena fiducia’ dei vertici cantonali. Alla Direttiva il municipale non c’era. ‘Non ritenevo fosse necessario’
Bellinzonese
7 ore

Incidente d’auto a Gnosca: esce di strada e cozza contro un muro

Da una prima valutazione medica l’uomo avrebbe riportato ferite tali da metterne in pericolo la vita. La tratta rimarrà bloccata almeno fino alle 22
Ticino
9 ore

‘Il nostro sistema democratico sta vivendo un momento di crisi’

La capacità di affrontare i cambiamenti e coinvolgere la popolazione è stato il tema del quarto Simposio tra Cantone e comuni
Bellinzonese
9 ore

La valorizzazione della Sponda Sinistra si fa professionale

La Fondazione Valle Morobbia ha assunto Sabrina Bornatico per stimolare e coordinare progetti e iniziative della zona collinare del Comune di Bellinzona
Luganese
10 ore

‘Vogliamo San Martino e San Provino iscritti all’Unesco’

Una petizione chiede che le due manifestazioni rurali siano riconosciute come beni immateriali. Un’iniziativa che parte dal basso, una prima in Svizzera
Locarnese
10 ore

‘Sfruttare la luce per illuminare anche le zone d’ombra’

È l’obiettivo che la Città di Locarno vuole raggiungere grazie alle indicazioni evidenziate nel rapporto della speciale Commissione municipale economia
Mendrisiotto
11 ore

No alla violenza, il Nebiopoli incontra gli allievi di 4ª media

‘È stato interessante. Ora faremo più attenzione’. Con la visita, i giovani hanno potuto scoprire l’apparato organizzativo e di sicurezza del Carnevale
Locarnese
12 ore

Luce verde per il semaforo alla Pergola: obiettivi raggiunti

Lo indica il Consiglio federale, rispondendo a un’interrogazione di Piero Marchesi: ‘Sull’arco di una giornata risparmiate complessivamente 51 ore’
14.04.2022 - 10:53
Aggiornamento: 15:16

Stop al bunker di Camorino, i Nem salgono a Bodio

Da maggio i richiedenti l’asilo in attesa di lasciare la Svizzera saranno alloggiati alla pensione Colorado Café (già a luci rosse)

stop-al-bunker-di-camorino-i-nem-salgono-a-bodio
Booking
L’affittacamere di Bodio che sostituirà il bunker di Camorino
+1

Il rifugio della Protezione civile di Camorino ha i giorni contati come alloggio per i richiedenti l’asilo in attesa di lasciare la Svizzera poiché le loro domande sono state respinte con decisione negativa e termine di partenza (Tp) o non considerate dalle autorità elvetiche (i Nem, acronimo di ‘Non entrata in materia’). Attesa che in taluni casi, per i motivi più disparati, può durare anche svariati mesi, o anche anni, ciò che rende il ribattezzato ‘bunker di Camorino’ più inospitale di quanto lo è normalmente. La svolta si è materializzata fra ieri e oggi a Palazzo delle Orsoline con la firma posta dal Consiglio di Stato alla proposta per l’utilizzo in affitto di una struttura in superficie individuata nell’Alto Ticino dalla Divisione dell’azione sociale e famiglie attiva in seno al Dipartimento sanità e socialità (Dss). Si tratta del Colorado Café di Bodio, di proprietà di una Società anonima, situato lungo la strada cantonale a nord dell’abitato sul confine con Giornico.

Cosa e come

Struttura affittacamere, già utilizzata negli anni passati nel settore della prostituzione abusiva, il Colorado Café verrà messo a disposizione dal prossimo mese di maggio con una capienza massima di trenta persone (la media a Camorino è di 10-20) e per la durata di due anni (poi si vedrà) con una verifica costante della qualità del servizio dato. Sempre gestito dalla Croce Rossa Svizzera, vedrà l’ingaggio di un apposito servizio sociale (accompagnamento oggi non previsto a Camorino). Confermati inoltre sia il servizio sanitario tramite il personale della Croce Rossa, sia il servizio di sicurezza assicurato da agenti privati. La soluzione è stata individuata nei mesi scorsi dopo lunghe e inizialmente infruttuose ricerche e sulla spinta dell’azione di protesta organizzata a più riprese, l’ultima ancora sabato scorso, dal collettivo R-esistiamo cui si è aggiunta otto mesi fa una petizione del Forum Alternativo sottoscritta da 1’600 persone e consegnata al governo.

Presto il cantiere per il centro polifunzionale

Stando a un tempistica iniziale, il famigerato rifugio di Camorino avrebbe dovuto essere chiuso per questo scopo entro la fine dell’anno scorso. In ogni caso sarà dismesso prossimamente perché nel medesimo areale partirà quest’anno la realizzazione del nuovo centro polifunzionale (fuori terra) che integrerà il bunker e disporrà di 180 posti per i richiedenti l’asilo, potenziando così la disponibilità complessiva cantonale che da circa 400 è destinata a salire a 600-700.

Le condizioni poste

Fra le condizioni e richieste formulate la scorsa estate, il Cantone specificava che la struttura provvisoria "dovrebbe idealmente essere ubicata in luogo discosto dall’abitato, relativamente isolato ma non periferico e ben servito dal trasporto pubblico". Il Café Colorado di Bodio sembra dunque rispondere a queste esigenze. Richiesto inoltre un minimo di 30 posti letto e camere completamente arredate con al massimo quattro posti letto ciascuna; presenza di una cucina attrezzata atta a permettere agli ospiti di preparare in autonomia i pasti anche nel caso in cui più persone debbano cucinare contemporaneamente; spazi per attività comuni e per la consumazione dei pasti di dimensioni adeguate per rapporto al numero di utenti; spazi per visite mediche e colloqui individuali non attrezzati; spazio per almeno un ufficio non attrezzato; possibilità di rendere utilizzabile una sola entrata/uscita per facilitare un’eventuale necessità di controllo di accesso alla struttura; messa a disposizione della struttura nella forma della locazione o della concessione d’uso o dell’affitto delle camere per un periodo medio-lungo inizialmente di cinque anni con possibilità di prolungamento. In quell’occasione veniva pure specificato che la proposta avrebbe dovuto ottenere il consenso delle autorità locali e della popolazione interessate.

Leggi anche:

Presidio di R-esistiamo davanti al bunker di Camorino

Raccolte 1600 firme per chiudere il ‘bunker’ di Camorino

Richiedenti l’asilo: il bunker di Camorino verso la chiusura

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved