botte-nell-appartamento-a-bellinzona-altro-autore-condannato
Rescue Media
Grande dispiegamento di polizia la mattina del 2 dicembre 2020
ULTIME NOTIZIE Cantone
Locarnese
7 ore

In Val Onsernone brucia il Pizzo della Croce

L’allarme è stato lanciato poco dopo le 11.40. Il rogo sarebbe stato innescato da un fulmine abbattutosi qualche giorno fa.
Bellinzonese
7 ore

A Giumello una stagione alpestre secca e complicata

Anche il fiore all’occhiello dell’Istituto agrario cantonale di Mezzana soffre la siccità: produzione di formaggio ridotta di un quarto
Bellinzonese
8 ore

Dalpe, il 6774 Festival in una due giorni di... impatto

Dalle bancarelle alla gastronomia, dalla musica al ballo, sui prati della sciovia Bedrina sabato 20 e domenica 21 agosto
Locarnese
8 ore

‘Vin Pan salam’ compie 25 anni

Torna, da giovedì 18 fino a domenica 21 agosto, la sagra sul lungolago a base di musica e gastronomia locale
Locarnese
8 ore

Lancio del sasso ad Ascona, un’edizione di alto livello tecnico

Record battuti sia nella categoria femminile sia in quella maschile. L’ambito titolo di campione e campionessa ticinesi va a Urs Hasler e a Corina Mettler
Locarnese
9 ore

A Ronco s/Ascona si degusta risotto

La cena è prevista per sabato 20 agosto a partire dalle 19 in piazza del Semitori
Ticino
9 ore

Milano, nel 2021 un pieno di multe stradali

È la città d’Italia con i maggiori introiti: 102,6 milioni di euro, di cui quasi 13 solo dall’autovelox (nel quale incappano anche non pochi ticinesi)
Locarnese
9 ore

Alla Biblioteca di Locarno si parla di viaggi ed ecologia

All’evento, previsto per mercoledì 17 agosto alle 18.15 nella corte di Palazzo Morettini, interverranno gli scrittori Andrea Bertagni e Sabrina Caregnato
Luganese
10 ore

Ceresio e altri tre laghi svizzeri ai minimi storici

Il perdurare della siccità mette in crisi un po’ tutti i bacini. Fra i fiumi, Reno e Reuss con i valori più bassi rilevati nei mesi estivi
Mendrisiotto
10 ore

Tiro obbligatorio e in campagna a Maroggia

La società di tiro Aurora di Stabio dà appuntamento a venerdì 19 e sabato 20 e poi a venerdì 26 e sabato 27 agosto
Luganese
11 ore

Tresa, lavorava in Ticino il 28enne italiano morto

Lascia la compagna e due figli piccoli la vittima dell’incidente di sabato sera. Era dell’alto Varesotto e si era da poco trasferito nel Comasco
Bellinzonese
11 ore

Monte Carasso, serata pubblica sull’aiuto al Madagascar

All’appuntamento che si terrà il 23 agosto alle 20.15 nel salone dell’ex Convento delle Agostiniane sarà presente Suor Maria degli Angeli
Luganese
11 ore

Si rianima il villaggio medioevale di Redde

Torna nei due primi fine settimana di settembre la festa sulla collina di san Clemente, dove fino al 1’300 d.C, sorgeva un piccolo borgo
Locarnese
1 gior

Intragna, dal cornicione della scuola cadono pezzi d’intonaco

Immediato intervento dei tecnici per una verifica dell’accaduto. Municipio pronto a metter mano agli interventi del caso; la ripresa a settembre garantita
Ticino
1 gior

Finiscono le vacanze, torna la colonna: 10km al Gottardo sud

Fra Biasca e Airolo si arrivava nel primo pomeriggio di oggi a due ore di attesa
Ticino
1 gior

Furti per 5mila franchi nei distributori automatici, due arresti

Un 40enne e una 30enne avrebbero colpito le gettoniere di almeno 8 apparecchi soprattutto nei pressi delle stazioni ferroviarie
12.04.2022 - 19:06
Aggiornamento: 21:10

Botte nell’appartamento a Bellinzona, altro autore condannato

Salvo ricorsi dovrà scontare altri quattro mesi di carcere il 32enne che insieme a due coetanei aggredì un ragazzo in un’abitazione in Piazza del Sole

«In camera di consiglio la Corte ha riguardato quel filmato: i fatti sono a dir poco raccapriccianti, di una brutalità estrema e totalmente immotivata. Non si capisce davvero la regione di tanta violenza. E le conseguenze potevano essere peggiori». Così si è espresso il giudice Siro Quadri prima di pronunciare la sentenza (tre anni di carcere di cui uno da espiare) nei confronti di uno dei tre autori dell’aggressione ai danni di un altro ragazzo avvenuta in un appartamento affacciato su Piazza del Sole a Bellinzona, la mattina del 2 dicembre 2020. Raggiunta da calci e pugni, la vittima aveva riportato policontusioni e poliescoriazioni. Dopo le botte, i tre avevano chiuso a chiave la porta dall’esterno, impedendo alla persona ferita di uscire per 45 minuti fino all’arrivo dei soccorsi. I pompieri avevano dovuto forzare la porta per entrare nell’abitazione. Oggi nell’aula penale di Lugano la Corte delle assise criminali ha dunque inflitto la seconda sentenza per una triste vicenda dietro la quale si cela un ambiente malsano fatto di droga e alcol. Quanto agli altri due correi, uno è già condannato lo scorso dicembre a una pena detentiva di trenta mesi di cui dodici da espiare mentre il secondo – colui che girò anche un filmato dell’aggressione poi finito nelle mani degli inquirenti – è in attesa di essere rinviato a giudizio.

‘Mi ha mancato di rispetto a volevo dargli una lezione’

Questa mattina, nel corso dell’istruttoria dibattimentale l’imputato ha lui stesso definito l’aggressione una spedizione punitiva. Durante la serata precedente, ha spiegato in aula, i quattro avevano consumato insieme cocaina nell’abitazione poi luogo delle botte. A detta del 32enne, la vittima sarebbe andata in escandescenza, maneggiando coltelli e mancando di rispetto agli altri tre, i quali, dopo essere usciti dall’abitazione e aver continuato a consumare stupefacenti, sono tornati nell’appartamento all’alba della mattina seguente. «L’intenzione era di fargli paura, di dargli una lezione – ha affermato in aula il 32enne –. Riconosco che l’aggressione è stata una cosa sbagliata, ma non ho infierito più di quel tanto. In quel periodo ero particolarmente violento perché consumavo parecchio. Ora sto cercando di cambiare, penso di potercela fare. Ho smesso con la cocaina e sono convinto che posso tirarmi insieme». Per la Corte l’imputato non ha però dimostrato una piena presa di coscienza. «È vero – ha affermato il giudice Quadri –, il consumo di droga c’è stato, ma non si può dare la colpa esclusivamente alla cocaina».

Il precedente e lo spacciatore ospite nella sua abitazione

Nella commisurazione della pena la Corte ha tenuto conto – decidendo di revocare la sospensione della pena – del precedente specifico dell’imputato, già condannato nel 2020 tramite decreto d’accusa a sei mesi di carcere sospesi con la condizionale per aver preso parte a un traffico di droga. Un ambiente da cui, una volta accettato la sentenza, il 32enne non si è distanziato. Oltre che per i reati di aggressione e sequestro di persone, la sentenza pronunciata oggi condanna infatti l’uomo anche per i reati di infrazione alla Legge federale sugli stupefacenti (la Corte ha accertato che ha venduto almeno 200 grammi di cocaina) ma soprattutto ha ospitato nella sua abitazione uno spacciatore albanese, arrestato il giorno dopo l’aggressione in Piazza del Sole. Per la Corte presieduta dal giudice Quadri (giudici a latere Emilie Mordasini e Monica Sartori-Lombardi), i circa 720 grammi di cocaina rinvenuti a casa dell’imputato configurano il reato di complicità in infrazione aggravata alla Legge federale sugli stupefacenti (capo d’accusa che l’avvocato difensore Niccolò Giovanettina contestava sostenendo che il suo assistito non era a conoscenza dell’attività illecita dell’uomo). La difesa – battutasi per una pena interamente sospesa – chiedeva il proscioglimento anche dal reato di sequestro di persona, ritenendo che il suo assistito si sia allontanato dall’abitazione prime che i due correi chiudessero in casa la vittima (una tesi, ha detto il giudice, smentita dal filmato dell’aggressione). Dal canto suo la procuratrice pubblica Valentina Tuoni aveva formulato una richiesta di pena di 30 mesi di cui sei da espiare, più la revoca della condizionale della precedente condanna per stupefacenti.

Sul conto del 32enne la Corte ha inflitto una pena detentiva di tre anni, di cui dodici mesi da espiare e i rimanenti sospesi con la condizionale per un periodo di prova di cinque anni. Se la sentenza crescerà in giudicato, tenuto conto del carcere preventivo già scontato l’uomo dovrà tornare dietro le sbarre per circa quattro mesi. Una volta uscito dovrà proseguire il percorso terapeutico – sarà pure costretto a sottoporsi a controlli a sorpresa per accertare l’assenza di consumo di sostanze – e penderà su di lui la spada di Damocle della condizionale. «La Corte ha apprezzato che lei non fa più uso di cocaina, me le considerazioni del perito ci dicono c’è un grave rischio di recidiva», ha detto il giudice. Quanto all’attuale occupazione del 32enne, addetto alla sicurezza di un trapper italiano (ex membro della Dark Polo Gang peraltro condannato recentemente per aver aggredito un fan), il giudice auspica per lui qualcosa di migliore in futuro. «Per avere una prognosi favorevole deve uscire dall’assistenza e costruire qualcosa di concreto. Solo a quel punto potremo dire che ha abbandonato quel mondo».

Leggi anche:

Bellinzona, lite in un appartamento: si cercano due persone

Botte nell’appartamento a Bellinzona: ‘Violenza inaccettabile’

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aggressione bellinzona condanna piazza del sole
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved