botte-nell-appartamento-a-bellinzona-violenza-inaccettabile
Rescue Media
La vittima era stata picchiata e rinchiusa nell’appartamento
ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
3 ore

Nell’ex Arsenale di Biasca un maxi deposito d’arte

Il Municipio conferma le valutazioni fatte con gli specialisti e chiede al Cc il credito di progettazione per un Centro di competenza pubblico-privato
Grigioni
5 ore

Ferme alcuni giorni le due teleferiche della Calanca

Lavori di manutenzione a inizio luglio per gli impianti Selma-Landarenca e Arvigo-Braggio
Mendrisiotto
5 ore

Un Centro di competenze per reagire ai cambiamenti climatici

La Supsi dà vita a una unità di lavoro che farà leva sulle conoscenze della Scuola e l’intesa con enti pubblici e privati
Bellinzonese
6 ore

Serata mondana per la classe 1962 di Bellinzona

Il 15 giugno alla capanna dei canoisti si mangia, si beve e si danza
Luganese
6 ore

‘Troppi indizi’, due rapinatori condannati alle Criminali

Gli imputati si sono avvalsi della facoltà di non rispondere sul tentato colpo alla Raiffeisen di Monteggio del 2016 e sulla rapina a un distributore
Grigioni
6 ore

Altri tagli alla casa anziani Mater Christi di Grono

Personale: dopo i 5 del gennaio 2021, se ne aggiungono ora 4 e mezzo. I letti occupati rimangono 35 su 50. Parla il nuovo presidente Mantovani
Mendrisiotto
6 ore

Mountain bike sul San Giorgio? Stan e Pro Natura pedalano contro

Le due associazioni hanno deciso di ricorrere contro l’autorizzazione municipale alla trasformazione di 36 km di sentieri in piste per Mtb
Luganese
7 ore

Rissa in centro Lugano, 22enne autore e vittima: condannato

Il giovane, accoltellato da un coetaneo tre anni fa, ha chiesto l’assoluzione. La Corte ha confermato il decreto d’accusa, pur dimezzando la pena
Bellinzonese
8 ore

Tassa rifiuti più salata a Bellinzona: ‘La legge è legge’

Il Municipio risponde alle critiche della Lega che in un’interpellanza chiedeva se fosse il momento giusto per applicare il balzello
Bellinzonese
8 ore

In colonna di buon mattino per il ponte dell’Ascensione

Ancora prima di mezzogiorno la colonna al portale nord della galleria del San Gottardo ha toccato i 9 km. Controesodo da domenica pomeriggio
Luganese
9 ore

Carona, si rovescia con la ruspa e finisce in una scarpata

Il 45enne alla guida del mezzo ha riportato ferite serie. Non sono chiare le cause dell’incidente.
Bellinzonese
10 ore

Due appuntamenti con l’Atte Leventina

Tombola ad Ambrì e ballo liscio a Pollegio
22.12.2021 - 17:28
Aggiornamento : 19:25

Botte nell’appartamento a Bellinzona: ‘Violenza inaccettabile’

Condannato il 25enne che prese parte all’aggressione di un coetaneo. Potrà uscire dal carcere fra 4 mesi per seguire un programma di assistenza

Una pena detentiva di 30 mesi, di cui 18 sospesi con la condizionale per un periodo di 5 cinque anni. Tradotto: tenuto conto del carcere preventivo già sofferto, il 25enne comparso questa mattina alla sbarra potrà uscire dal carcere fra circa quattro mesi, il tempo necessario per permettere all’Ufficio dell’assistenza riabilitava di allestire per lui uno specifico programma di assistenza e occupazionale. Così si è pronunciata oggi pomeriggio la Corte delle Assise criminali di Bellinzona presieduta dal giudice Siro Quadri al termine del processo che vedeva imputato un giovane della regione, infine giudicato colpevole di aggressione, sequestro di persona, furto ripetuto, danneggiamento, abuso di un impianto per l’elaborazione dei dati, violazione di domicilio, minaccia, coazione, infrazione alla Legge federale sulle armi e le munizioni e infrazione alla Legge federale sugli stupefacenti.

Nelle motivazioni orali della sentenza, il giudice Siro Quadri è partito dai reati giudicati più gravi, ovvero quelli contro l’integrità e la libertà della persona di cui il 25enne si è macchiato avendo preso parte, in correità con altri due coetanei, all’aggressione del 2 dicembre 2020 ai danni di una persona ospite dell’appartamento dell’imputato. Raggiunta da calci e pugni, la vittima aveva riportato policontusioni e poliescoriazioni. La lettera di dimissioni dell’Ospedale San Giovanni indicava anche la presenza di ferite lineari da taglio superficiali all’addome. Dopo le botte, i tre avevano chiuso a chiave la porta dell’appartamento dall’esterno, impedendo alla vittima di uscire per 45 minuti fino all’arrivo dei soccorsi. I pompieri avevano dovuto forzare la porta per entrare nell’appartamento. A supporto delle indagini, un video dell’aggressione girato da una delle altre due persone coinvolte. «Il contesto nel quale sono stati commessi questi reati è preoccupante», ha detto il giudice riferendosi alla droga e all’euforia presente negli aggressori, che non giustifica una «violenza inaccettabile. La situazione di pericolo – ha continuato Quadri – è stata creata ed era grande. L’imputato ha placcato la vittima a terra mentre l’altro coetaneo infieriva. E per finire la vittima, ferita, è stata chiusa all’interno dell’appartamento. È stata una missione punitiva d’insieme, un attacco organizzato e improvviso».

Quanto ai furti (alla fine circa 25 quelli confermati dalla Corte mentre l’imputato ne riconosceva una quindicina), «la continuità dei reati si avvicina al concerto di mestiere», ha detto Quadri, parlando di un «grave agire compulsivo». I furti sono stati commessi per la maggior parte all’interno di macchine (sottratti portafogli, cellulari e altri oggetti). L’imputato ha commesso però anche il furto di 130 piante di canapa Cbd in un’azienda di Sant’Antonino per un valore denunciato di 13’400 franchi e svariata merce dagli scaffali di negozi di alimentari. In totale il 25enne ha sottratto e tentato di sottrarre una refurtiva che ammonta a circa 29’500 franchi, mentre ha utilizzato le carte di credito per acquisti di vario genere per un totale di 2’700 franchi.

Nella commisurazione della pena, la Corte ha tenuto conto del difficile passato del 25enne, della sua giovane età e della sua volontà di voler cambiare vita espressa questa mattina in aula. «Se in passato si era mostrato come una persona che non soffre nemmeno della pena (l’uomo è già stato in carcere per un precedente riguardante una rapina e reati legati agli stupefacenti, ndr), ora ci dice che ha gli attacchi di panico e che il carcere è un luogo dove non vuole mai più tornare. Ci dice inoltre che intende seguire le misure per far fronte ai suoi problemi, esprime la volontà di voler farsi aiutare con un supporto psicologico e amministrativo». Il giudice Quadri ha dunque parlato di segnale di fiducia. Tuttavia, ha detto all’imputato, una volta uscito dal carcere penderà su di lui la spada di Damocle del lungo periodo della condizionale.

Leggi anche:

Botte nell’appartamento di Piazza del Sole, chiesti 3 anni

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aggressione bellinzona piazza del sole processo sentenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved