ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
33 min

Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita

Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
1 ora

Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’

Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
2 ore

Le oasi di Vezia, idee per un paese più visibile

Dai luoghi di aggregazione a piccole aree di ristoro, molte le proposte pervenute dalla cittadinanza
Luganese
2 ore

Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1

Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
3 ore

Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi

La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
Ticino
3 ore

Targhe, Dadò: ‘Colpa del governo’. Gobbi: ‘Sei in malafede’

Caos imposta di circolazione, dopo il ritiro dei decreti da parte del Consiglio di Stato è botta e risposta al fulmicotone, tra accuse e puntualizzazioni
Luganese
3 ore

Lugano, assegnate le tre residenze musicali allo Studio Foce

Ai vincitori, tutti della Svizzera italiana, viene dato per cinque giorni un supporto per preparare un tour di almeno cinque date
Bellinzonese
4 ore

Altro appuntamento a Bellinzona con ‘Una volpe in Città’

Domenica 4 dicembre alle 17.30 a Castel Grande Andrea Fazioli svelerà il secondo capitolo del racconto. Venerdì 2 dicembre aprirà la pista di ghiaccio
Bellinzonese
4 ore

L’inverno porta 13 nuovi percorsi per gli amanti delle ciaspole

L’Organizzazione turistica regionale Bellinzonese a Alto Ticino lancia la stagione fredda, ancora una volta segnata dall’attenzione per le passeggiate
Mendrisiotto
4 ore

Concerto inaugurale per l’organo Serassi-Bernasconi

Una serie di momenti musicali e liturgici sottolineano la riapertura della chiesa di Sant’Eusebio a Castel San Pietro
Luganese
4 ore

Umberto Bottazzini ospite alla biblioteca del Liceo Lugano 2

L’esperto di storia e fondamenti della matematica farà il suo intervento martedì 13 dicembre alle 18.15
Mendrisiotto
4 ore

Scontro fra due auto a Rancate, nessun ferito

Il sinistro è avvenuto poco dopo mezzogiorno sulla strada cantonale.
Bellinzonese
4 ore

Egidia Bruno in scena con ‘Rossella’ al teatro Tan di Biasca

Appuntamento per sabato 3 dicembre alle 20.30
Bellinzonese
4 ore

A Bellinzona torna la ‘Notte dei Pupazzi’

L’iniziativa proposta da BiblioBaobab che promuove la lettura e l’amore per i libri si terrà tra venerdì 2 e sabato 3 dicembre
Bellinzonese
5 ore

Concerto del coro femminile ‘La Coralina di Gnosca’ a Bellinzona

Appuntamento per sabato 10 dicembre alle 20 nella chiesa evangelica. Ospite della serata il ‘Christmas Swing Quartet’
Locarnese
5 ore

‘MYNUSIO’, luci e suoni per il sottopasso ritrovato

Inaugurata l’opera – che cambia continuamente – concepita dai giovani artisti locarnesi Saul Savarino e Nicholas Andina
Bellinzonese
5 ore

Cade col quad nel fiume a Traversa: morto 29enne bleniese

La vittima ha fatto un volo di dieci metri nel greto del torrente Fruda: stava facendo lavori di giardinaggio accanto alla casa di famiglia
Luganese
6 ore

Lugano, per i più piccoli il Natale a bordo dei battelli

L’8 dicembre sarà l’occasione di viaggiare con San Nicolao. Domenica 18 dicembre toccherà alla ‘Crociera delle fiabe’
Bellinzonese
6 ore

Cima Piazza, più sicurezza grazie a una staccionata più lunga

Il Municipio di Bellinzona ha deciso di aderire parzialmente alle preoccupazioni delle famiglie in merito al parco di Giubiasco
Bellinzonese
6 ore

La busecca di Daro al mercato di Bellinzona

Sabato 3 dicembre in Piazza Collegiata saranno cucinati 600 litri della tradizionale specialità. Distribuzione a partire dalle 11.15
Mendrisiotto
6 ore

Ligornetto, Atte propone una visita al Museo Vela

L’Associazione ticinese terza età invita i soci alla passeggiata culturale che avrà inizio martedì 13 dicembre alle 14 davanti al museo.
Luganese
6 ore

Durante la notte, Massagno spegnerà le luci natalizie

Riguardo all’illuminazione pubblica, il Comune segnala che ‘l’infrastruttura presente dal 2017 ha permesso di ridurre i consumi del 50%’
Mendrisiotto
6 ore

Chiasso: ‘Eco Himal’ un negozio temporaneo di artigianato

All’interno verranno proposti articoli fatti a mano nepalesi, indiani e ticinesi. Lo shop sarà aperto da martedì 6 a venerdì 23 dicembre.
Bellinzonese
6 ore

Giovani e giustizia: se ne dibatte ad Arbedo

L’Associazione Franca affronta il tema con Raffaele De Rosa, Antonio Perugini e Tessa Pidò
Luganese
7 ore

All’Otaf di Sorengo un mercatino di Natale

L’appuntamento è per domani, 1° dicembre, all’esterno del centro a partire dalle 18. Presenti musica e prodotti gastronomici offerti.
Mendrisiotto
7 ore

Al Centro anziani di Balerna un Natale solidale

Dal 5 dicembre al 16 gennaio sarà possibile acquistare delle borsette create dagli ospiti. Il ricavato andrà in favore di giovani in difficoltà.
Mendrisiotto
7 ore

Contrabbandavano abbigliamento dal FoxTown: condannati in tre

Il valore della merce era di oltre un milione di euro. In parte era stata spedita in Cina, mentre altri capi venivano rivenduti in una boutique a Legnano
Bellinzonese
7 ore

Nei bandi svelate cifre e atout della nuova Officina Ffs

Castione: sulle opposizioni le Ffs mirano a trovare una soluzione condivisa entro fine 2022. Confermati centrale a cippato, tetti verdi e fotovoltaico
Locarnese
7 ore

Truffe agli anziani nel Locarnese, si cercano testimoni

Scattano le manette per una 36enne e un 40enne. Impietosivano le loro vittime per ricevere denaro e altri beni preziosi
Ticino
8 ore

Imposta di circolazione, dietrofront del Consiglio di Stato

Nella seduta odierna il Governo ha deciso di ritirare i Decreti legislativi urgenti sull’applicazione dell’imposta di circolazione per l’anno 2023
Ticino
9 ore

In Ticino 1’403 nuovi contagi e 6 decessi

I posti letto occupati da pazienti Covid sono 109. Quattro le persone che attualmente si trovano in cure intense
22.12.2021 - 16:03
Aggiornamento: 19:24

Bellinzona, il ‘caso’ del funzionario finisce in Procura

Vittime più collaboratrici? Il Municipio ha trasmesso al Ministero pubblico l’interpellanza Mps. Già sentito dal pp Akbas il consigliere Pronzini

bellinzona-il-caso-del-funzionario-finisce-in-procura
Ti-Press
Tanti interrogativi ma per ora nessuna risposta su cosa sarebbe realmente successo

È finita sul tavolo del Ministero pubblico l’interpellanza depositata il 13 dicembre dal Movimento per il socialismo (Mps) che indica presunti comportamenti scorretti da parte di un funzionario dirigente della Città di Bellinzona ai danni di un imprecisato numero di collaboratrici attive nel suo settore di competenza. L’uomo, scrive il consigliere comunale Matteo Pronzini nell’atto parlamentare, stando a “voci circolanti da alcune settimane fra il personale dell’Amministrazione comunale utilizzerebbe la propria posizione per richiedere prestazioni che ledono l’integrità personale”. I dettagli di quanto sarebbe successo (il condizionale è d’obbligo) al momento non sono noti; si sa soltanto che il Municipio, prendendo sul serio il testo dell’Mps, lo ha tempestivamente trasmesso alla Procura come stabilisce l’articolo 104a della Legge organica comunale: dedicato all’obbligo di denuncia, sancisce che “il membro del Municipio, delle sue commissioni e delegazioni e il dipendente che, nell’esercizio delle sue funzioni, ha notizia di un reato di azione pubblica è tenuto a farne immediato rapporto al Municipio o al Ministero pubblico, trasmettendogli i verbali e gli atti relativi; qualora ne informi il Municipio, esso è tenuto a trasmettere immediatamente la segnalazione al Ministero pubblico”. Procura dove nel frattempo Pronzini è già stato convocato e sentito dal pp Zaccaria Akbas.

Il sindaco: ‘Passo obbligato’

Parallelamente il Municipio ha avviato e subito sospeso – in attesa delle risultanze penali o, comunque, di comunicazioni da parte del Ministero pubblico – un’inchiesta amministrativa interna. Verifiche contemplate dalla ‘Direttiva sulla tutela dell’integrità personale delle collaboratrici e dei collaboratori della Città di Bellinzona’ entrata in vigore questo autunno e il cui obiettivo è la tutela da qualsiasi tipo di violazione dell’integrità personale come mobbing, molestie sessuali e psicologiche, discriminazione, violenza ecc. Comportamenti che costituiscono una violazione dei doveri di servizio e gli autori incorrono in sanzioni. Al momento – spiega il sindaco Mario Branda alla ‘Regione’ – non è giunta alcuna segnalazione diretta ai servizi comunali interni, né indiretta attraverso il servizio esterno preposto all’ascolto e all’accompagnamento di chi si sente vittima: «Ancor più si giustifica quindi, in questo momento, la nostra segnalazione al Ministero pubblico, il quale ha una capacità d’indagine sicuramente più approfondita della nostra. Qualora le sue conclusioni finissero per escludere comportamenti di natura penale, faremo tesoro di quelle informazioni per valutare la situazione dal profilo amministrativo con eventuali decisioni di competenza municipale. In caso di condanna penale, per contro, scatterebbero ovviamente per il collaboratore in questione anche le sanzioni previste dal Regolamento comunale. Se invece nei prossimi tempi la Procura dovesse dirci di non vedere, al momento, motivi per continuare l’inchiesta penale, spetterebbe a noi procedere con le verifiche». A ogni modo – conclude il sindaco – considerando anche il caso del funzionario del Dss citato nell’interpellanza, «non ci può essere rimproverato di avere in qualche modo voluto impedire le verifiche che invece si rendono necessarie, in questa fase iniziale, da parte dell’autorità inquirente preposta in base alla Loc».

L’Mps: ‘Malcostume non ristretto a una sola persona’

Ma l’Mps la pensa diversamente. In un comunicato stampa diramato oggi ritiene che il Municipio “anziché procedere immediatamente con una verifica preliminare di quanto riportato nell’interpellanza, come d’altronde chiedeva la stessa di fare, l’ha trasmessa al Ministero pubblico cercando così di mettere sotto pressione e intimorire le persone che possono essere state lese nella loro dignità. E sperando che questo esercizio di scaricabarile potesse mettere sotto pressione i rappresentanti dell’Mps che avevano osato segnalare la situazione”. L’Mps ribadisce poi quanto segnalato nell’interpellanza affermando che “dalla sua pubblicazione sembra siano emerse ulteriori segnalazioni che confermerebbero l’esistenza di un malcostume non ristretto a una sola persona”. L’Esecutivo è pertanto sollecitato ad agire “con celerità e imparzialità”.

Dalla barzelletta in su, cosa non va bene

Ma cosa dice la nuova direttiva interna che ha come basi legali la Costituzione federale, la Legge federale sul lavoro, quella sulla parità dei sessi e il Codice delle obbligazioni? Formata da dieci pagine, premette che “il Comune di Bellinzona e i suoi enti autonomi si impegnano a mettere in atto tutti i provvedimenti che l’esperienza ha dimostrato essere necessari a tutelare le collaboratrici e i collaboratori da violazioni dell’integrità personale e in particolare da violenze fisiche e verbali”. Oltre a descrivere quali sono le violazioni dell’integrità personale, il testo indica le responsabilità del datore di lavoro, dei superiori e delle collaboratrici e dei collaboratori in materia di tutela dell’integrità personale, la procedura da seguire in caso di possibile violazione e le basi legali per la tutela. Il mobbing e le molestie psicologiche, vi si legge, possono comportare aggressioni sia verbali che fisiche e sono tese a intaccare la comunicazione (limitare la possibilità di una persona di esprimersi, interromperla, urlare contro di essa, non fornirle informazioni), le relazioni sociali (non rivolgere più la parola, ignorare, escludere, isolare la persona), l’immagine sociale (ridicolizzare, spargere voci infondate, prendere in giro, offendere, fare commenti sprezzanti), la situazione professionale (mettere nell’impossibilità di svolgere il proprio lavoro con scienza e coscienza, essere sottoposti a minacce ricattatorie, subire carichi di lavoro eccessivi e sproporzionati nel tempo, obbligare a compiere azioni illegali con ricatti, attribuire mansioni squalificanti e umilianti, criticare ingiustamente, togliere senza valida ragione compiti importanti), la situazione privata (ledere la dignità personale, il pedinamento insistente dentro e fuori gli spazi lavorativi, l’invio insistente di messaggi e post denigratori su social network (stalking), l’utilizzo e la pubblicazione di immagini private senza il consenso del proprietario a scopo denigratorio, i ricatti di tipo sessuale), la salute tramite minacce di violenza fisica e aggressioni.

Le molestie sessuali

Corposo il capitolo riservato alle molestie sessuali sul posto di lavoro: insinuazioni a carattere sessuale o commenti degradanti sul fisico di una collaboratrice o un collaboratore; osservazioni di natura sessista o barzellette su caratteristiche, comportamento o orientamenti sessuali di singoli uomini o donne; presentazione o diffusione di materiale pornografico, inviti indesiderati a sfondo sessuale, azioni ricattatorie, contatti fisici indesiderati, pedinamento insistente, tentativi di approccio accompagnati da promesse di vantaggi o minacce di ritorsioni, aggressioni sessuali, coazione sessuale o stupro. Passando oltre, viene poi considerato atto discriminatorio qualsiasi dichiarazione o azione volta a pregiudicare l’integrità fisica e psicologica, trattare in maniera differente o discreditare una persona senza valido motivo a causa dell’origine, della razza, del sesso, dell’età, della lingua, della posizione sociale, del modo di vita, delle convinzioni religiose, filosofiche o politiche, e di menomazioni fisiche, mentali o psichiche.

Cosa fare in caso di comportamento sospetto

I superiori, spiega la direttiva, “devono reagire con fermezza (...) e intervenire quando sentono che una collega o un collega viene marginalizzata/o o è oggetto di allusioni o commenti sprezzanti e atti discriminatori. Segnalano ai loro subordinati i principi comportamentali in vigore e intervengono senza indugio in caso di inosservanza”. A sua volta chi si sente bersaglio di continue vessazioni e molestie, marginalizzato o privato di informazioni è invitato a “porre chiari limiti all’autrice o all’autore delle molestie e comunicarle/gli che il suo comportamento non è tollerato; rivolgersi a una persona di fiducia per discutere dell’accaduto; denunciare la situazione al proprio superiore e al superiore della persona che esercita nei loro confronti mobbing o molestie”. Chi si ritenesse vittima ha la facoltà di rivolgersi al Servizio di consulenza e mediazione esterno, svolto dal Laboratorio di psicopatologia del lavoro con sede a Viganello, oppure fare capo alle istanze di assistenza o reclamo interni dell’Amministrazione. Fase successiva: “Con il consenso della collaboratrice o del collaboratore, il Servizio può contattare il datore di lavoro e suggerire soluzioni atte a migliorare o correggere la situazione di disagio”.

La procedura interna

Come detto prima, è anche data possibilità di reclamo al Municipio e al Consiglio direttivo dell’Ente autonomo. Le istanze di assistenza interne “trattano i problemi segnalati con celerità e assumono una posizione imparziale” nello svolgere in particolare i seguenti compiti: chiarire e risolvere nei tempi più brevi possibili il problema nei casi evidenti o semplici; nei casi per i quali non s’impone a prima vista l’apertura di un’inchiesta amministrativa o disciplinare formale, il Servizio del personale o il Servizio giuridico sentono informalmente le parti e dove indicato e possibile svolgono una mediazione allo scopo di porre rimedio al problema; nei casi più complessi, sostenere e accompagnare la collaboratrice o il collaboratore segnalante al Servizio del personale o al Servizio giuridico; se dopo una verifica preliminare il caso imponesse l’apertura di un’inchiesta amministrativa o disciplinare il Servizio del personale o il Servizio giuridico investe del caso il Municipio per la formalizzazione di questa decisione; proporre misure o formulare raccomandazioni all’indirizzo del Municipio; fornire alla persona coinvolta informazioni sulle possibilità di azione o supporto esterne e sostenerla nella procedura scelta.

Le possibili sanzioni

A dipendenza della gravità dei fatti, i provvedimenti prevedono ammonimento, multa fino a 500 franchi, collocamento temporaneo in situazione provvisoria, trasferimento ad altra funzione, sospensione dall’impiego con privazione totale o parziale dello stipendio per un periodo massimo di tre mesi, sospensione per un tempo determinato dell’assegnazione degli aumenti ordinari di stipendio, assegnazione temporanea a una classe inferiore dell’organico, destituzione o licenziamento. Viene anche specificato che “la via civile e/o penale di una persona vittima di molestie o discriminazioni sussiste indipendentemente da tali sanzioni”.

Leggi anche:

Funzionario di Bellinzona ‘richiederebbe prestazioni’

‘Non ho coperto nessuno e la nota del 2004 lo dimostra’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved