NY Rangers
1
SJ Sharks
0
1. tempo
(1-0)
WIN Jets
3
NJ Devils
1
1. tempo
(3-1)
non-ho-coperto-nessuno-e-la-nota-del-2004-lo-dimostra
Ti-Press/Golay
Ivan Pau-Lessi
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
5 ore

Il moltiplicatore non si tocca, i balzelli causali sì

Per i cittadini di Mendrisio si annuncia un rincaro della tassa sul sacco (e non solo). Si monitorano i bisogni, che cambiano. L’analisi della Gestione
Ticino
6 ore

Altra ‘manif’ di protesta sabato a Bellinzona

Gli Amici della Costituzione sfilano contro gli inasprimenti decisi oggi dal Consiglio federale
Ticino
7 ore

Tassazione frontalieri, Roma dà luce verde alla ratifica

Il Consiglio dei ministri ha dato via libera all’esecuzione dell’accordo italo-svizzero. Un iter analogo è in corso a Berna
Bellinzonese
7 ore

Mercatino di Natale sulla piana di Ambrì

Appuntamento per mercoledì 8 dicembre sul piazzale esterno dello stadio multifunzionale
Luganese
7 ore

Lugano: tornano i corsi d’italiano per stranieri de ‘Il Centro’

Le lezioni dell’associazione, organizzate nell’ambito delle attività a favore dell’integrazione, si svolgeranno da febbraio a giugno 2022
Bellinzonese
7 ore

‘Music on Ice’ pronto a incantare i ticinesi

Lo spettacolo proporrà un viaggio nel tempo il 21 e 22 gennaio al Centro sportivo di Bellinzona
Luganese
7 ore

Tesserete: la Bottega del Mondo cambia orari sotto Natale

Durante il periodo festivo il negozio resterà aperto durante giorni e fasce orarie un po’ diversi dal solito
Luganese
7 ore

A Lugano l’acqua costerà il 20% in più. ‘Giù gli sprechi’

Un’interpellanza interpartitica chiede al Municipio di valutare l’introduzione di tasse progressive basate sul consumo domestico dell’oro blu
Luganese
8 ore

Lugano: ‘Al Conza attesa incredibile per il vaccino’

Lunghe code anche al freddo. ‘Tanti si sono presentati per la terza dose senza appuntamento’. Segnalata anche una carenza di personale sanitario
Luganese
8 ore

Lugano: aperture straordinarie dei negozi e mega show

In programma diverse aperture eccezionali dal 5 al 19 dicembre e lo spettacolo ‘Effimero & Balocchi di Huma Show’ il 16 dicembre
Ticino
8 ore

Tutte le caselline dei... radar

La prossima settimana i controlli si svolgeranno nei distretti di Bellinzona, Blenio, Locarno, Lugano e Mendrisio
Bellinzonese
8 ore

Colpo grosso in un chiosco di Bellinzona

Un affezionato cliente dell’edicola Ramarro ha vinto 250’000 franchi con un biglietto di Swisslos
Locarnese
8 ore

Conciliabilità lavoro-figli, tre realtà territoriali si aiutano

Nel Pedemonte il Municipio risponde a un’interrogazione del Ppd e rende noti i dati di un questionario sul tema. Scarsa la rispondenza
il video
Bellinzonese
9 ore

Covid Pass obbligatorio nel capannone in Piazza del Sole

Il Municipio di Bellinzona opta da subito per il 2G ma non per la pista di ghiaccio e lo snow-tubing. Mascherina al mercato del sabato e a quelli natalizi
Luganese
9 ore

Porte aperte al convento del Bigorio

In programma l’8 dicembre, sarà possibile visitare: il museo, il coro dei frati, il corridoio delle celle, la biblioteca e la cappella di Botta
Luganese
9 ore

Croce Rossa, ‘la pandemia ha cambiato il nostro modo d’aiutare’

Il servizio ‘Baby help - Mamy help’ sostiene da 25 anni i genitori con figli malati. ‘Le quarantene ci impediscono di entrare in azione’
Luganese
9 ore

Tilo soppressi provvisoriamente fra Lugano e Taverne

I treni saranno sostituiti da bus. I provvedimenti sono dovuti a lavori di manutenzione da mezzanotte alle 5.20 fra il 5 e il 6 dicembre.
Locarnese
9 ore

Brione Verzasca, mercatino in piazza

Bancarelle e San Nicolao
Locarnese
9 ore

Musica di Minusio, Concerto di gala

Ad aprire la manifestazione sarà la minibanda Lago Maggiore
Mendrisiotto
10 ore

Stabio fa gli auguri a Dolores Keller

Il sindaco Simone Castelletti ha fatto visita alla concittadina per le sue cento candeline
Ticino
10 ore

Angelo Piritore e Alessandro Recalcati alla testa di Atio

Rinnovati la presidenza e il comitato dell’Associazione ticinese industria orologiera che raggruppa una quarantina di aziende
Mendrisiotto
10 ore

Metalli preziosi, MKS e Pamp rafforzano la loro intesa

La gran parte dei dipendenti (200) saranno impiegati in Ticino. Confermato l’impegno a livello regionale
Luganese
10 ore

Lugano, la Moncucco amplia il Consiglio d’amministrazione

Due nuovi membri nel Cda della Clinica Luganese: il dottor Jürg Beer (Kantonsspital Baden) e Bruno Guggisberg (Spital Simmental-Thun-Saanenland)
Bellinzonese
10 ore

Stalvedro, l’ex direttore dovrà andare in carcere sei mesi

Colpevole di aver sottratto un milione di franchi dalla cassaforte dell’area di servizio, è stato condannato a due anni e mezzo, in gran parte sospesi
Luganese
10 ore

Municipio Lugano: ‘Al Parco Saroli proporzionalità rispettata’

L’esecutivo ha fornito (alcune) risposte sui tafferugli dello scorso settembre, durante i quali la Polizia comunale ha usato proiettili di gomma
Mendrisiotto
10 ore

Mendrisiotto, le vaccinazioni si spostano al Palapenz

La soluzione è provvisoria e durerà un mese. Dalla metà di gennaio il centro delle vaccinazioni tornerà a essere il Mercato Coperto di Mendrisio
Locarnese
11 ore

Viaggio a Betlemme con la Dante Alighieri

Concerto natalizio dei Vent Negru sabato alle 17 all’Oratorio San Giovanni Bosco per i soci dell’Associazione
Locarnese
11 ore

Brissago, chiusura del 500esimo

Discorsi ufficiali, targa commemorativa, musica, conferenza e una mostra curata dagli alunni delle scuole
Locarnese
11 ore

Richiesta tardiva, Berna non aiuta il ‘Cucciolo’ di Locarno

La sentenza del Taf conferma la decisione dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali. Per il nido una partenza non facile
Mendrisiotto
12 ore

Vacallo, il pranzo degli anziani non ci sarà

Lo comunica il Municipio: l’evento avrebbe dovuto tenersi domenica 5 dicembre alle scuole elementari
Mendrisiotto
12 ore

Riva San Vitale, annullato il mercatino di Natale

Lo comunicano Municipio e Associazione Testematte a seguito dell’evolversi della situazione sanitaria
Bellinzonese
13 ore

Buco milionario: chiesti 2 anni e 9 mesi per l’ex direttore

L‘uomo ammette di aver sottratto l’importante cifra dalla cassaforte della vecchia area di servizio. ‘Un periodo difficile, mi sono fatto abbindolare’
Bellinzonese
14 ore

Annullato il mercato di Natale a Giubiasco

A causa del peggioramento della situazione pandemica e dei focolai registrati in diversi eventi
Ticino
14 ore

Imparare a studiare con Pro Juventute

Riaperte le iscrizioni per i corsi rivolti a ragazze e ragazzi di scuola media
Ticino
15 ore

InkVivo vince l’edizione 2021 di Boldbrain Startup Challenge

Si è tenuta ieri la cerimonia di premiazione del programma di accelerazione per idee innovative organizzato da Fondazione Agire
Ticino
15 ore

Aperto il concorso per le nomine dei docenti in Ticino

È possibile candidarsi solo online. Le prime proposte di impiego saranno trasmesse al CdS a inizio luglio 2022
Ticino
26.11.2021 - 05:100
Aggiornamento : 19:22

‘Non ho coperto nessuno e la nota del 2004 lo dimostra’

Il caso dell’ex funzionario del Dss condannato per reati sessuali, parla Ivan Pau-Lessi. Che ha querelato ‘Falò’ per calunnia e diffamazione

Non ci sta, Ivan Pau-Lessi, a passare ancora una volta, dopo il servizio giornalistico di giovedì 18 di ‘Falò’ (Rsi), per colui che ha coperto, con il silenzio o la non adozione di provvedimenti, le nefandezze del collaboratore del Dipartimento sanità e socialità condannato anni dopo per coazione sessuale e violenza carnale con sentenza (aprile 2021), divenuta definitiva, della Corte d’appello e di revisione penale. Quel collaboratore macchiatosi, come accerteranno la magistratura inquirente e poi quella giudicante, di abusi a danno di ragazze, anche minorenni, conosciute nell’ambito della sua attività professionale nel settore delle politiche giovanili. Di quell’uomo Pau-Lessi era, quale funzionario responsabile dell’Ufficio famiglie e minorenni del Dss, il diretto superiore. «Che potesse aver commesso reati sessuali l’ho saputo – e con me tutti gli altri funzionari dirigenti della Divisione dell’azione sociale e delle famiglie – solo nel giugno 2018 quando si è appreso dell’apertura di un procedimento penale a suo carico, per la precisione quando il Consiglio di Stato ha comunicato di aver sospeso questa persona, spiegandone i motivi», dice alla ‘Regione’ Pau-Lessi, in pensione dalla fine del 2015. «Non ho mai coperto nessuno!», ripete. Tant’è che Pau-Lessi segnalò nel 2004 il collaboratore al responsabile della Sezione cantonale delle risorse umane Raniero Devaux. Lo segnalò, nero su bianco, il 2 agosto di quell’anno per una serie di intemperanze, fra cui quelle manifestate mesi prima, in occasione di un Forum cantonale dei giovani svoltosi a Bellinzona, nei riguardi di un deputato al Gran Consiglio. Intemperanze caratteriali che secondo Pau-Lessi avevano compromesso il “rapporto di fiducia” del collaboratore del Dss “con il suo datore di lavoro”, il Dipartimento.

Denuncia penale per il servizio giornalistico della Rsi

No, non ci sta Pau-Lessi a vedersi attribuire colpe «che non ho, come peraltro è stato appurato in sede giudiziaria e dagli accertamenti disposti dal Consiglio di Stato». Ed eseguiti dal Cancelliere e dal consulente giuridico del governo. Nella gestione del caso dell’ex funzionario l’Amministrazione cantonale, sulla base delle informazioni in suo possesso all’epoca dei fatti oggetto dell’indagine penale, aveva agito correttamente: è la conclusione alla quale sono giunti Arnoldo Coduri e Francesco Catenazzi. Agì quindi correttamente anche Pau-Lessi, come ha stabilito pure la sentenza di condanna dell’ex collaboratore, cresciuta in giudicato, pronunciata nella primavera di quest’anno dai giudici d’Appello. Che hanno così fatto chiarezza sul ruolo di Pau-Lessi, dopo le scuse a nome dello Stato presentate – al termine del processo di primo grado (29 gennaio 2019) che aveva riconosciuto colpevole di coazione sessuale l’ex collaboratore – dal presidente della Corte delle Assise criminali, il giudice Marco Villa. La cui esternazione è stata in seguito censurata dal Consiglio della magistratura. No, non ci sta, Pau-Lessi, a diventare nuovamente bersaglio di insinuazioni. Per il tramite del suo legale, l’avvocato Andrea Bersani, ha così querelato per calunnia e diffamazione i due autori del recente servizio di ‘Falò’, intitolato ‘Rompere il silenzio’. Ad averlo rotto pubblicamente – e con coraggio – sono state alcune delle vittime dell’ex collaboratore del Dss. Testimonianze, forti, sugli abusi subiti da quell’uomo.

Il legale: non ne era a conoscenza

La querela, indirizzata al Ministero pubblico e nella quale si preannuncia anche un reclamo al mediatore Rsi, contesta la parte del servizio in cui gli autori accennano a un episodio del 2007. La parte, riportata nella denuncia, è la seguente. “... nonostante il rapporto del 2004 e la segnalazione delle ragazze del 2005, due anni dopo, nel 2007, al funzionario viene assegnata una giovane in stage, i superiori sanno che ha fragilità psichiche. La ragazza denuncia a Marco Galli, nuovo capoufficio subentrato a Pau-Lessi, di subire molestie sessuali da parte del funzionario (l’ex collaboratore del Dss, ndr). Di questa situazione sono a conoscenza anche i tre alti funzionari già presenti gli anni precedenti: Roberto Sandrinelli, Martino Rossi e lo stesso Pau-Lessi. Questi ultimi due soccorrono la ragazza che aveva perso i sensi chiusa nel bagno dell’ufficio del Dipartimento e sono a conoscenza che il suo malessere aveva a che fare con problemi con l’ex funzionario...”. Scrive l’avvocato Bersani nella denuncia penale: “Simile affermazione – che distribuisce pesanti responsabilità al signor Pau-Lessi e lascia balenare il dubbio (per non dire la certezza) che egli sapesse, ma preferisse tacere, ma che non si fonda (né può d’altronde fondarsi) su elementi concreti e oggettivi – disattende manifestamente e palesemente quanto segue: a) Ivan Pau-Lessi non era a conoscenza del fatto che quella ragazza, che del resto non conosceva, avesse delle fragilità psichiche; b) Ivan Pau-Lessi non era a conoscenza del fatto che il malessere della ragazza avesse a che fare con i problemi del funzionario e soprattutto non era a conoscenza di molestie sessuali”. E ancora: Pau-Lessi “che il giorno in cui la stagista si è sentita male si trovava lì per caso, è stato messo al corrente del fatto che una ragazza si trovasse in bagno, ma non aveva idea di quanto potesse essere successo alla stessa con particolare riferimento ad atteggiamenti di natura sessuale ascrivibili” all’allora collaboratore del Dss, “ciò che del resto ha pure riferito alla pp Borelli (titolare del procedimento penale contro l’ex collaboratore, ndr) all’occasione del suo interrogatorio come testimone, senza che le sue dichiarazioni abbiano indotto il magistrato inquirente a compiere accertamenti sul suo conto in merito a questo episodio”.

‘Sulla razionalità ha prevalso l’emozione’

Il servizio giornalistico di ‘Falò’ ha intanto messo in agitazione la politica, quella rappresentata in Gran Consiglio. Mentre la sottocommissione parlamentare ‘Finanze’ è alle prese con la definizione del mandato per l’annunciato audit “esterno e indipendente”, Pau-Lessi accetta di parlare con la ‘Regione’.

«La dimensione della giustizia penale è quanto di più razionale possa esistere in quanto è chiamata ad accertare responsabilità in base a elementi oggettivi. Invece in questa vicenda è emersa e si è imposta nell’opinione pubblica la dimensione emotiva – ricorda il già funzionario dirigente –. Le parole del giudice Villa in sede di lettura della sentenza di primo grado (la famosa frase ‘chiedo scusa a nome dello Stato…’, ndr) esprimono delle critiche al mio operato. Il giudice in quel momento era però ignaro di ciò che era stato fatto per gestire l’allora collaboratore dell’Ufficio delle attività giovanili quale operatore sociale, non già quale predatore sessuale di cui non avevo sospetto alcuno. Quelle scuse sono diventate delle accuse da cui non ho potuto difendermi. Ci fosse stato un procedimento penale, avrei potuto dimostrare la mia estraneità. Il commento di Villa alla sentenza di primo grado – che aveva portato a parlare e scrivere di connivenze, di omertà, di abusi segnalati e mai denunciati in seno all’Amministrazione cantonale – non si basava su fatti ed elementi accertati e verificati. Fosse stato il caso, la Corte avrebbe potuto prendere conoscenza del rapporto da me trasmesso alla Sezione delle risorse umane nel 2004 e si sarebbe capito che non poteva sussistere una simile ipotesi».

In questi anni non si è espresso pubblicamente in prima persona. Perché ora ha deciso di parlare?

Non ho mai parlato pubblicamente di questa vicenda per prima cosa per rispetto delle vittime. Ma dopo tanti anni c’è ancora profonda tristezza e rabbia che alberga in me. Per decenni mi sono occupato della promozione delle attività giovanili e della protezione dei minori e degli adulti. Apprendere che uno dei collaboratori del mio ufficio chiamato a fare del bene ha invece fatto del male mi provoca ancora sentimenti di rabbia. Non era corretto uscire pubblicamente fino a oggi con questo sentimento alimentando ulteriore tensione emozionale. Ora che la vicenda penale è chiarita, è diverso. Non posso però far passare l’idea che io abbia in qualche modo coperto comportamenti inaccettabili da tutti i punti di vista, non solo penali, di un mio funzionario.

Nell’agosto del 2004 segnalò i problemi caratteriali di questo funzionario alla Sezione delle risorse umane. Per quale o quali motivi?

Già nell’estate del 2003 erano emerse delle forti perplessità circa le modalità d’intervento assicurate da questo collaboratore nell’esercizio delle sue funzioni. In particolare durante il Forum cantonale dei giovani del maggio di quell’anno alcuni suoi interventi sopra le righe nei riguardi di un deputato in Gran Consiglio avevano sollevato parecchi dubbi sulle sue capacità di gestire situazioni in cui erano presenti pareri diversi e aveva richiamato alla memoria altri episodi analoghi di intemperanza verbale. In quel momento si paventava la possibilità di sollevare questo collaboratore dalle mansioni di coordinatore del settore giovani, per attribuirgli compiti legati unicamente alla costruzione di pacchetti informativi di Infogiovani che avrebbero comportato minori relazioni verso l’esterno.

Nel rapporto che allestì all’attenzione di Devaux, responsabile delle Risorse umane, scrisse che ‘viene infine a mancare l’elemento principe costituito dal rapporto di fiducia che deve legare l’operatore che svolge un’attività pubblica con il suo datore di lavoro’. Secondo lei quel collaboratore andava dunque congedato? Il licenziamento comunque non scattò.

Al personaggio in questione veniva riconosciuta una buona disponibilità a intervenire anche al di fuori degli orari di ufficio. Denotava passione e generosità nel fare. Ma emergevano anche difficoltà nell’ascolto. Viveva eccessivamente su di sé le questioni giovanili e faticava a differenziarsi, a valutare in modo appropriato e distaccato gli elementi portati avanti dai giovani, interpretando spesso le loro posizioni come per principio assolutamente buone e giuste. Insomma, aveva sì dei pregi ma anche molti difetti caratteriali. Pur riconoscendo la generosità e la passione del funzionario, la conflittualità che emergeva nei confronti delle autorità comunali e di altri enti era tale che comprometteva il buon esito delle stesse politiche giovanili. Veniva così a mancare, come scrissi, l’elemento principe costituito dal rapporto di fiducia che deve legare l’operatore che svolge un’attività pubblica con il suo datore di lavoro. Quindi sì, ponevo la possibilità di licenziarlo. Cosa che non avvenne perché non c’erano – in quel momento – motivi ritenuti validi per una disdetta del rapporto di lavoro. Il funzionario tuttavia non venne più confermato quale segretario del Forum cantonale dei giovani, ovvero nel ruolo sensibile di animatore. Venne spostato a mansioni amministrative in appoggio al Forum, anche perché dai giovani non erano giunte critiche tali da interrompere completamente la collaborazione.

Nel febbraio del 2005 c’è però il ‘famoso’ incontro tra lei e le due ragazze che poi denunciarono il funzionario per reati sessuali.

Le incontrai quali rappresentanti del comitato del Forum dei giovani: le due ragazze avevano chiesto un colloquio confidenziale con il sottoscritto per problemi con l’allora collaboratore. Non volevano arrecare pregiudizio a lui, ma solo che lo si aiutasse e non fosse più un riferimento per il Forum, neppure per le questioni di ordine amministrativo. In quell’occasione e anche successivamente non ebbi la percezione che le due giovani fossero delle vittime. E mai avrei pensato che quel funzionario potesse fare del male a qualcuno, ancor meno ai giovani. Per me, in qualità di capo dell’Ufficio delle attività giovanili, si trattava di gestire un operatore sociale in quanto tale, non già quale predatore sessuale di cui non avevo sospetto alcuno. E così feci. Oggi risulta facile pronunciarsi criticamente su questa vicenda dopo aver scoperto ciò che faceva questo funzionario. Allora non era così.

Riguardo all’ipotesi di audit esterno attualmente al vaglio della Commissione della gestione, è pronto a ripercorrere ancora una volta l’intera vicenda?

Credevo che con la sentenza penale definitiva la questione fosse davvero chiusa. Qualunque cosa decida il parlamento, spero solo che non si tratti di un modo per ribaltare delle verità, per rimettere in discussione quanto stabilito dalle sentenze dei giudici.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved