funzionario-di-bellinzona-richiederebbe-prestazioni
Ti-Press
Nella stanza dei bottoni finora non sono giunte segnalazioni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
7 min

Comano, s’inaugura la Gra

Domenica 22 maggio festa al Parco San Bernardo con le autorità e il patriziato
Bellinzonese
37 min

Scoprire la biodiversità con il Festival della natura

Dal 18 al 22 maggio in tutto il cantone si terrà una manifestazione che porterà la popolazione a diretto contatto con l’ambiente
Locarnese
38 min

Delitto di Avegno, presunto autore trasferito alla Farera

Il ministero pubblico ha disposto una perizia psichiatrica, per chiarire lo stato di salute. Il 21enne avrebbe ucciso la madre colpendola ripetutamente
Grigioni
48 min

Gestione del bosco nell’Ottocento, se ne parla a Soazza

Appuntamento per sabato 21 maggio
Ticino
54 min

Imposte di circolazione, Dadò: ‘Siamo pronti ad andare in aula’

Il presidente del Ppd (e della Gestione) presenta il rapporto sulle iniziative popolari promosse nel 2017: ‘È ora di decidere’. Ma Plr e Ps nicchiano
Mendrisiotto
1 ora

Provvida Madre fa 50 e si regala Casa Ursula

La fondazione è attiva da anni nell’assistenza a persone con disabilità. ‘Servizi cambiati, ma non la passione’. Pubblicato un libro di testimonianze
Bellinzonese
1 ora

Anziani, anche De Rosa a Bodio per l’assemblea di GenerazionePiù

I delegati si riuniranno il 24 maggio. All’ordine del giorno pure la presentazione del consigliere di Stato su pianificazione integrata e cure a domicilio
Bellinzonese
1 ora

A Bellinzona niente prepensionamento né aiuto per premi malattia

Il Consiglio comunale boccia anche la mozione per la posa di un albero/figlio. Ma vota quella per migliorare gli ecocentri
14.12.2021 - 19:27
Aggiornamento : 19:47

Funzionario di Bellinzona ‘richiederebbe prestazioni’

L’Mps interpella il Municipio parlando di un numero imprecisato di collaboratrici. Finora nessuna segnalazione diretta e indiretta

Un funzionario della Città di Bellinzona “utilizzerebbe la sua posizione” per “richiedere” a un numero imprecisato di collaboratrici “prestazioni che ledono l’integrità personale”. Lo segnala in un’interpellanza il Movimento per il socialismo. Secondo i consiglieri comunali Matteo Pronzini, Angelica Lepori e Giuseppe Sergi questa voce “circola da alcune settimane tra il personale dell’amministrazione comunale”. Da qui una serie di domande sottoposte al Municipio volte a capire se sia a conoscenza “di quanto si va dicendo” e in caso affermativo come abbia reagito e in caso negativo se intenda avviare un’inchiesta conoscitiva che permetta di far chiarezza; per quindi, se fosse il caso, intraprendere le necessarie misure disciplinari. Fino ad oggi – ha appreso la ‘Regione’ – non è giunta alcuna segnalazione diretta da parte di dipendenti, né indiretta proveniente da autorità o servizi esterni preposti a raccogliere testimonianze, richieste di consulenza e aiuto, oppure denunce. La Città di Bellinzona in questo ambito fa capo al Laboratorio di psicopatologia del lavoro: attivo in seno all’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale, è a disposizione dei dipendenti comunali che manifestano un disagio o presentano problemi sociali, familiari, economici, legali a causa di una situazione lavorativa difficile e/o problematica quale disoccupazione, precarietà, conflitti sul posto di lavoro, mobbing/molestie, burnout/stress e licenziamento. Pur riferendosi a una voce apparentemente in circolazione da tempo, l’Mps motiva la propria interpellanza con la necessità di “prendere sul serio ogni minimo segnale in ambito di tutela dell’integrità personale”, mentre i responsabili “devono agire tempestivamente”.

Direttiva antimolestie, ‘dirigenti formati?’

Sempre l’Mps segnala che “seppur con notevole e ingiustificato ritardo” da alcune settimane il Municipio ha messo in atto una direttiva sulla tutela dell’integrità del personale. Tale direttiva si prefigge di tutelare le collaboratrici e i collaboratori da qualsiasi tipo di violazione dell’integrità personale come mobbing, molestie sessuali, discriminazione, violenza. Essa ricorda che il datore di lavoro è tenuto per legge a tutelare l’integrità personale. Mente il Municipio nel comunicare al personale tale direttiva scriveva che essa “intende chiarire, per quanto ancora necessario, che comportamenti passibili di ledere la personalità di una collaboratrice o un collaboratore non sono tollerabili né tollerati”. All’esecutivo viene quindi chiesto cos’abbia organizzato per formare in tal senso il personale dirigente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona collaboratrici funzionario integrità personale mps municipio prestazioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved