funzionario-di-bellinzona-richiederebbe-prestazioni
Ti-Press
Nella stanza dei bottoni finora non sono giunte segnalazioni
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
8 ore

Covid e vacanze all’estero? ‘Paese che vai... regole che trovi’

Capire quali sono le norme all’estero non è sempre facile, e il sito della Confederazione non aiuta. Hotelplan: ‘i disagi con i voli problema del momento’
Locarnese
9 ore

Intragna, nullaosta al progetto forestale Corona dei Pinci

Il Patriziato centovallino autorizza gli interventi selvicolturali sui monti di Losone progettati dal confinante Patriziato. Ok al consuntivo
Locarnese
10 ore

Scontro fra auto e moto a Maggia: due 19enni gravemente feriti

Uno di loro rischia la vita. Per consentire i rilievi del caso la strada cantonale rimarrà chiusa almeno fino alle 18.
Bellinzonese
11 ore

Si introduce nelle scuole Semine e ruba due computer

È successo durante la notte. Il ladro ha forzato una delle entrate.
gallery
Ticino
15 ore

Verdetto storico e inappellabile: da Ppd a Il Centro

Il Congresso cantonale del partito ha appena deciso - a stragrande maggioranza - il cambiamento del nome
Locarnese
18 ore

Contone, contributi di canalizzazione attempati e indigesti

Malumore tra i cittadini della sezione gambarognese per la ‘pillola‘ (provvisoria). Presentato reclamo al Municipio, lunedì l’incontro per gli interessati
Ticino
22 ore

Speziali (Plr): ‘Noi un partito responsabile, non utili idioti’

Il presidente liberale radicale a pochi giorni dal finale thriller sulle imposte di circolazione, spiega il momento del suo partito e la sua prospettiva
Ticino
1 gior

TiSin, sindacati soddisfatti per la sanzione dell’Ispettorato

Daniel (Ocst): ‘Quel contratto era uno scheletro al quale hanno tolto una costola’. Gargantini (Unia): ‘Aldi e BIgnasca ci spieghino questa pagliacciata’
14.12.2021 - 19:27
Aggiornamento : 19:47

Funzionario di Bellinzona ‘richiederebbe prestazioni’

L’Mps interpella il Municipio parlando di un numero imprecisato di collaboratrici. Finora nessuna segnalazione diretta e indiretta

Un funzionario della Città di Bellinzona “utilizzerebbe la sua posizione” per “richiedere” a un numero imprecisato di collaboratrici “prestazioni che ledono l’integrità personale”. Lo segnala in un’interpellanza il Movimento per il socialismo. Secondo i consiglieri comunali Matteo Pronzini, Angelica Lepori e Giuseppe Sergi questa voce “circola da alcune settimane tra il personale dell’amministrazione comunale”. Da qui una serie di domande sottoposte al Municipio volte a capire se sia a conoscenza “di quanto si va dicendo” e in caso affermativo come abbia reagito e in caso negativo se intenda avviare un’inchiesta conoscitiva che permetta di far chiarezza; per quindi, se fosse il caso, intraprendere le necessarie misure disciplinari. Fino ad oggi – ha appreso la ‘Regione’ – non è giunta alcuna segnalazione diretta da parte di dipendenti, né indiretta proveniente da autorità o servizi esterni preposti a raccogliere testimonianze, richieste di consulenza e aiuto, oppure denunce. La Città di Bellinzona in questo ambito fa capo al Laboratorio di psicopatologia del lavoro: attivo in seno all’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale, è a disposizione dei dipendenti comunali che manifestano un disagio o presentano problemi sociali, familiari, economici, legali a causa di una situazione lavorativa difficile e/o problematica quale disoccupazione, precarietà, conflitti sul posto di lavoro, mobbing/molestie, burnout/stress e licenziamento. Pur riferendosi a una voce apparentemente in circolazione da tempo, l’Mps motiva la propria interpellanza con la necessità di “prendere sul serio ogni minimo segnale in ambito di tutela dell’integrità personale”, mentre i responsabili “devono agire tempestivamente”.

Direttiva antimolestie, ‘dirigenti formati?’

Sempre l’Mps segnala che “seppur con notevole e ingiustificato ritardo” da alcune settimane il Municipio ha messo in atto una direttiva sulla tutela dell’integrità del personale. Tale direttiva si prefigge di tutelare le collaboratrici e i collaboratori da qualsiasi tipo di violazione dell’integrità personale come mobbing, molestie sessuali, discriminazione, violenza. Essa ricorda che il datore di lavoro è tenuto per legge a tutelare l’integrità personale. Mente il Municipio nel comunicare al personale tale direttiva scriveva che essa “intende chiarire, per quanto ancora necessario, che comportamenti passibili di ledere la personalità di una collaboratrice o un collaboratore non sono tollerabili né tollerati”. All’esecutivo viene quindi chiesto cos’abbia organizzato per formare in tal senso il personale dirigente.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bellinzona collaboratrici funzionario integrità personale mps municipio prestazioni
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved