ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
15 min

La Sagra della castagna riparte ‘con il botto’

A Morbio Superiore sono pronti ad accogliere l’edizione numero 43 della manifestazione, che torna alla normalità
Mendrisiotto
1 ora

Mendrisio ritrova la ‘sua’ Fiera di San Martino

Da giovedì 10 a domenica 13 sui prati attorno alla chiesetta si rinnoverà l’incontro con il mondo agricolo
Mendrisiotto
1 ora

Disturbi dell’apprendimento, conferenza a Riva San Vitale

L’appuntamento è per mercoledì 19 ottobre nell’aula magna dello Steger Center Viginia Tech
Luganese
1 ora

‘Cambiare il sistema di nomina per i direttori delle scuole’

È quanto chiede, con un’interpellanza al Governo, l’Mps dopo l’arresto per atti sessuali con fanciulli del direttore di una scuola media di Lugano
Locarnese
2 ore

Locarno, la Mappo-Morettina chiusa di notte per lavori

Gli interventi di manutenzione degli impianti elettromeccanici si protrarranno da lunedì prossimo al 28 ottobre. Traffico deviato sulle cantonali
Luganese
2 ore

‘Lugano città universitaria?’, se ne parla in una conferenza

L’evento promosso da Lugano Forum 2030 è in programma lunedì 17 ottobre al palazzo dei Congressi
Mendrisiotto
2 ore

Risparmio energetico, ‘come si sta organizzando Mendrisio?’

Il consigliere comunale Massimiliano Robbiani (Lega-Udc-Udf) interroga il Municipio e lamenta il ritardo nell’annunciare le misure
Luganese
3 ore

Lugano, si misurano pressione e glicemia

Il controllo, gratuito, è organizzato dalla sezione del Sottoceneri della Croce Rossa Svizzera
Luganese
3 ore

Lugano, nell’amministrazione non ci sono differenze di salario

La Città ha pubblicato i risultati delle analisi effettuate sui collaboratori retribuiti secondo il Regolamento organico comunale
Mendrisiotto
3 ore

‘Ampliare le scuole? Un pilastro per attrarre famiglie’

Il Municipio di Breggia difende il progetto di ampliamento della sede di Lattecaldo. ‘Sostenibile per le finanze, necessario per la didattica’
10.12.2021 - 18:47
Aggiornamento: 23:23

Interinali messi alla porta da Lgi perché non vaccinati

Unia trova conferme fra il personale a Sant’Antonino. Cicero: ‘Agire non etico, potremmo attivarci se sollecitati dai lavoratori colpiti’

interinali-messi-alla-porta-da-lgi-perche-non-vaccinati
Ti-Press
Dipendenti del centro logistico Lgi di Sant’Antonino

‘Non sei vaccinato o non hai il pass che certifichi la guarigione dal Covid negli ultimi tot mesi? Non ti rinnovo il contratto a termine’. Per la prima volta in Ticino il mondo del lavoro è confrontato con una restrizione volta a incentivare – se la si vuole leggere così – la vaccinazione dei lavoratori. Obbligo imposto in taluni Paesi a determinate categorie di professionisti, ma non in Svizzera. In Ticino a perdere il posto – conferma alla ‘Regione’ il sindacato Unia attivatosi dopo una nostra segnalazione – è stato negli ultimi giorni un imprecisato numero di dipendenti interinali impiegati durante le passate settimane e mesi nei centri logistici del gruppo Luxury Goods International (Lgi) con sede amministrativa a Cadempino e attivo nel settore dello smistamento di beni di lusso a livello mondiale. La struttura più imponente è quella di Sant’Antonino cui si aggiungono i satelliti di Bioggio e Riazzino. Stando a verifiche sindacali la decisione arriva dai vertici del gruppo Lgi Ticino che ha incaricato di agire in tal senso le due agenzie di lavoro temporaneo cui si affida solitamente, in primis la Work and Work di Manno. Ai collaboratori giunti a fine missione viene consegnata una decisione scritta di non rinnovo priva di motivazioni. «Queste – spiega Vincenzo Cicero di Unia – vengono date solo oralmente e si rifanno appunto, stando a quanto ci è stato riferito, alla mancata vaccinazione. Lo confermano più dipendenti vaccinati che si vedono da un giorno all’altro privare di colleghi saltuari sostituiti da altri vaccinati». Peraltro una voce interna, non confermata, indica che i dipendenti fissi non vaccinati o non guariti potrebbero venire concentrati nella sede di Riazzino.


Il sindacalista Unia Vincenzo Cicero (Ti-Press)



«C’è ovviamente una netta differenza fra l’obbligo di Covid-Pass per le attività ricreative e per il lavoro», annota Vincenzo Cicero quando gli chiediamo una valutazione dal profilo legale e sindacale: «Si può scegliere di non andare allo stadio ma non di non andare a lavorare. Il diritto al lavoro va dunque difeso e il datore non può sostituirsi allo Stato nello stabilire l’obbligo vaccinale». Le attuali disposizioni della Confederazione «consentono al datore di richiedere il Covid-Pass a condizione che si assuma il costo dei tamponi ripetuti per i dipendenti non vaccinati. Purtroppo gli interinali sono sottoposti a condizioni peggiorative quali i contratti di breve durata. Il cui mancato rinnovo, essendo a termine, può non essere motivato». Oltralpe alcuni licenziamenti «sono stati impugnati con dei ricorsi. Poiché la giurisprudenza non è al momento sufficientemente solida, è difficile dire – annota Vincenzo Cicero – se il ‘precedente’ ticinese possa a sua volta sfociare in una battaglia giuridica. A nostro avviso l’agire di Lgi viola le direttive federali e non è etico. Potremmo attivarci qualora venissimo sollecitati dai lavoratori colpiti». A quel punto Unia e Ocst, i sindacati di riferimento nel settore logistico, potrebbero coinvolgere la Commissione paritetica degli interinali. Interpellata dalla redazione, Work and Work non ha fatto sapere nulla, mentre Lgi rimanda a un’eventuale presa di posizione a tempo debito.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved