svizzera-nuove-restrizioni-con-passaggio-a-2g
Keystone
Il ministro Alain Berset
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
39 min

Luce verde ai 286 convogli ‘firmati’ Stadler per le Ffs

Il Tribunale federale respinge il ricorso della francese Alstom e conferma l’appalto all’azienda elvetica
Svizzera
13 ore

Vaiolo delle scimmie, c’è un secondo caso in Svizzera

Dopo il contagio nel Canton Berna, è la volta di un ginevrino. Anche quest’ultimo reduce da un viaggio all’estero
Svizzera
14 ore

Cartella informatizzata del paziente, le autorità ci credono

Malgrado solo uno svizzero su mille la utilizzi, per Confederazione e Cantoni ‘siamo sulla buona strada’. E puntano al suo rilancio
Svizzera
15 ore

Profughi ucraini, la Svizzera ammicca alla banca dati Ue

Per Karin Keller-Sutter aderire alla piattaforma dell’Unione europea ‘eviterebbe doppie registrazioni e irregolarità. Ne guadagnerebbe la credibilità’
Svizzera
16 ore

Vuoi il booster per viaggiare? Lo paghi di tasca tua

Ufficio federale della sanità pubblica intenzionato a fatturare la somministrazione della quarta dose di vaccino per recarsi all’estero
Svizzera
16 ore

Luce verde al salvagente per le società elettriche

La maggioranza della commissione sposa il piano elaborato dal governo per sostenere le grandi aziende. Con lievi correttivi
Svizzera
16 ore

Coronavirus, sotto i diecimila casi in una settimana

Negli ultimi sette giorni le nuove infezioni in Svizzera sono state 8’125. In calo anche i decessi (da 12 a 10) e i ricoveri (da 150 a 100)
Svizzera
17 ore

‘Anche la società civile’ alla conferenza sull’Ucraina di Lugano

La Piattaforma delle Ong svizzere per i diritti umani scrive una lettera aperta al Consiglio federale
Svizzera
17 ore

‘Il Consiglio federale ha inizialmente sottovalutato il Covid’

È la posizione delle commissioni Gestione in un rapporto divulgato oggi. Eccessivo il peso del Dipartimento dell’interno rispetto agli altri dipartimenti
Svizzera
18 ore

Password rubate nel dark web, ecco le preferite degli svizzeri

‘Passwort‘, ’andrea’, ‘sunshine’, ’soleil’: queste le password più usate e più frequentemente rubate in Svizzera e messe in circolazione sulla Darknet
Svizzera
18 ore

Una maggiore collaborazione con la Nato è un’opzione

A Davos incontro tra la consigliera federale Viola Amherd e il segretario generale dell’Alleanza atlantica Jens Stoltenberg
Svizzera
18 ore

Monumento a Suvorov imbrattato: ‘È dei russi, lo puliscano loro’

Il governo urano annuncia in un comunicato che la Federazione russa, proprietaria del monumento, deve farsi carico della pulizia dell’opera
Svizzera
19 ore

Danni da intemperie per due miliardi di franchi nel 2021

È il ‘conto’ che devono pagare gli assicuratori; nel 63% dei casi a seguito di inondazioni. Ticino tra i cantoni più colpiti
Svizzera
20 ore

Il 50% degli svizzeri è insoddisfatto del proprio lavoro

Il 20% dei 1’000 intervistati in Svizzera nello studio realizzato a livello globale dalla società di consulenza PwC pensa di cambiare lavoro entro un anno
Svizzera
20 ore

L’Avs va sostenuta con gli utili della Banca nazionale

Lo chiede un’iniziativa popolare. Maillard (Uss): ‘Si rafforzerebbe la vecchiaia senza attingere ulteriormente al portafoglio dei lavoratori’
Svizzera
20 ore

La Confederazione contro i ricordi delle vacanze ‘invasivi’

La campagna ‘Non portare i rischi con te!’ invita chi viaggia all’estero a non importare in Svizzera animali o piante estranee al nostro ecosistema
Svizzera
21 ore

La Confederazione potrebbe ‘spiare’ le nostre chat?

Diversi i dubbi e le preoccupazioni sulla revisione delle ordinanze di attuazione della legge sulla sorveglianza delle telecomunicazioni
Svizzera
1 gior

Losanna, una petizione per revocare il dottorato a Mussolini

Più che a chiedere di cancellare la decisione dell’ateneo, i firmatari vogliono che essa venga riconsiderata
Svizzera
1 gior

Cinquantenne rinvenuto morto nel suo appartamento

Scomparso dal Canton Basilea il 16 maggio, l’uomo è stato trovato privo di vita, intossicato, nel Canton Grigioni
Svizzera
1 gior

Tanta Ucraina nella prima giornata del Forum di Davos

A inaugurarlo è stato il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, che a margine si è incontrato anche con lo statunitense John Kerry
Svizzera
1 gior

Imminente la visita di Maros Sefcovic in Svizzera

Il commissario europeo per le relazioni con la Confederazione potrebbe arrivare a giugno. Per discutere delle relazioni Berna-Bruxelles
10.12.2021 - 15:00
Aggiornamento : 18:57

Svizzera, nuove restrizioni con passaggio a 2G

Per arginare la diffusione del Covid-19, il governo ha posto in consultazione due varianti di provvedimenti più restrittivi. Decisione al 14 dicembre

Ats, a cura de laRegione

Nuove restrizioni in vista, soprattutto per i non vaccinati o non guariti, per combattere la pandemia di coronavirus. Oggi il Consiglio federale ha posto in consultazione due varianti che hanno in comune il passaggio alle “2G”. La prima variante prevede anche l’obbligo di consumare seduti e d’indossare la mascherina nelle aree interne. Qualora non fosse possibile (per esempio per le corali o nelle discoteche) verrebbe richiesto anche un test negativo (regola 2G-plus). Nella seconda queste attività sarebbero chiuse, aree interne dei ristoranti comprese.

In entrambe le varianti verrebbero rafforzate le misure protettive di base, con l’introduzione dell’obbligo del telelavoro e la limitazione degli incontri privati (a cinque in caso di presenza di non vaccinati o non guariti). La consultazione durerà fino a martedì prossimo. Parallelamente il Governo ha avviato la consultazione anche in merito al ritorno – parziale – della gratuità dei test.

La situazione epidemiologica è molto critica e si sta sviluppando in modo sfavorevole. Secondo la Task Force scientifica della Confederazione, una prima soglia critica di 300 pazienti con Covid-19 in unità di terapia intensiva potrebbe essere raggiunta a metà dicembre. A partire da quel momento non sarà più possibile garantire un’assistenza ottimale a tutti i pazienti ricoverati, poiché gli ospedali dovranno rinviare trattamenti. Se l’attuale tendenza non viene interrotta, i pazienti Covid in cure intense raggiungeranno quota 400 entro Natale.

A ciò si aggiunge l’arrivo della nuova variante altamente contagiosa “Omicron” che potrebbe diventare dominante già da metà o fine gennaio 2022. Non è ancora chiaro quanto sia pericolosa né in che misura i vaccini attualmente in uso proteggano dal contagio e da decorsi gravi della malattia.

Per essere pronto nel caso in cui fossero necessari provvedimenti più restrittivi di quelli annunciati finora, il Consiglio federale ha deciso di inviare in consultazione già oggi due varianti. Soltanto tra alcuni giorni si potrà infatti capire in che misura le misure adottate la settimana scorsa sono sufficienti per invertire la tendenza dei ricoveri.

Variante 1: 2G e 2G-plus

La prima variante prevede il passaggio al dispositivo “2G” (ossia accesso riservato solo alle persone vaccinate e guarite, dal tedesco “geimpft” o “genesen”) in tutte le aree al chiuso in cui attualmente si applica la regola “3G”. In caso di infezione queste persone – ossia i vaccinati e i guariti – hanno infatti una probabilità molto alta di essere protette da un decorso grave o dall’ospedalizzazione.

Allo stesso tempo sarà obbligatorio indossare una mascherina e le consumazioni sarebbero possibili solo restando seduti. Queste regole si applicano anche nelle aree di ristoro delle manifestazioni. Per gli eventi all’aperto con più di 300 persone continuerebbe invece a essere applicata la regola “3G” (accesso riservato anche ai testati, “getestet”).

In questa variante le attività senza mascherina e il consumo di bevande e cibi senza restare seduti rimarrebbe possibile, ma a una condizione: oltre a essere in possesso di un certificato “2G” sarebbe necessario anche disporre di un test negativo. Questa regola chiamata “2G-plus” interesserebbe, ad esempio, le discoteche, i bar e certe attività sportive e culturali del tempo libero, come ad esempio le prove di coro o di una banda ma anche i fitness. Grazie all’obbligo del test sarà garantito che nessuna persona positiva partecipi a tali manifestazioni.

Le strutture e manifestazioni soggette alla limitazione “2G”, per esempio palestre e ristoranti, potranno rinunciare all’obbligo della mascherina e all’obbligo di stare seduti durante le consumazioni se applicheranno volontariamente la regola "2G-plus”.

Variante 2: chiusura parziale

La seconda variante prevede anch’essa l’obbligo della mascherina e del certificato “2G”. A differenza della prima saranno chiusi tutti i luoghi in cui non è possibile portare la mascherina, compresi gli spazi interni dei ristoranti, delle palestre, delle discoteche e dei bar. Negli stadi chiusi, come nelle piste di ghiaccio, non sarebbe più permesso mangiare e bere.

Resteranno consentite le attività sportive o culturali del tempo libero al chiuso compatibili con l’uso della mascherina e le attività sportive o culturali per bambini e adolescenti al di sotto dei 16 anni.

Altre misure

Da notare che ambo le varianti saranno accompagnate dal rafforzamento dei provvedimenti di base, in particolare per gli incontri privati: se è presente una persona non vaccinata o guarita di più di 16 anni, questi saranno limitati a cinque persone, bambini inclusi.

Dovessero rivelarsi necessarie chiusure più restrittive, gli incontri privati saranno limitati a cinque persone, a prescindere dal fatto che i partecipanti siano vaccinati, guariti o non vaccinati. Questa regola ha lo scopo di evitare che riunioni e attività vengano spostate nella sfera privata per aggirare il lockdown.

Il governo rimette anche sul tavolo l’obbligo del telelavoro. Se l’home-working non dovesse essere possibile, continuerebbe a valere l’obbligo di indossare la mascherina nei locali in cui è presente più di una persona.

L’obbligo di portare la mascherina protettiva verrebbe inoltre esteso alle scuole del livello secondario II. L’esecutivo raccomanda però ai cantoni di estendere tale obbligo anche ai livelli inferiori. Nelle università e nelle scuole universitarie professionali si tornerebbe all’insegnamento a distanza. Gli esami si effettuerebbero invece in presenza.

Non sono invece previste misure per il commercio al dettaglio e le stazioni sciistiche. Questi settori hanno infatti annunciato volontariamente delle restrizioni di capacità per contenere la trasmissione del virus. Coop, Migros e Denner hanno annunciato la volontà di limitare il numero di clienti per punto vendita. L’associazione Funivie Svizzere ha detto che la capacità delle cabine che possono accogliere 25 persone o più sarà ridotta del 30%.

Rimborso dei test

In ossequio alle recenti decisioni del Parlamento, il Consiglio federale ha anche inviato in consultazione le disposizioni circa l’assunzione dei costi dei test anti-Covid. Queste entreranno in vigore il 18 dicembre, a condizione che la riveduta Legge Covid-19 venga approvata il giorno prima dalle Camere federali durante le votazioni finali.

In futuro saranno assunti i costi dei tamponi necessari per il rilascio di un certificato Covid. Saranno coperti i test antigenici rapidi e i test PCR salivari aggregati. Non saranno invece rimborsati i test PCR individuali, i test autodiagnostici e i test anticorpali eseguiti senza indicazione medica o epidemiologica.

A causa della crescente domanda, l’assunzione dei costi dei test PCR individuali comporterebbe infatti il sovraccarico dei laboratori. Per questa ragione resteranno prioritari i test PCR individuali per le persone sintomatiche e i loro contatti.

Viaggi internazionali

Il Consiglio federale ha infine discusso delle nuove regole d’entrata in Svizzera, in particolare del doppio test per i viaggiatori anche per le persone vaccinate o guarite. L’esecutivo annuncia la volontà di consultare i Cantoni e i settori interessati su possibili adeguamenti di questo regime.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
consiglio federale covid-19 svizzera
Ingrandisci l'immagine
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved