ULTIME NOTIZIE Cantone
Bellinzonese
6 ore

Sbarrata fino a nuovo avviso la strada cantonale Altanca-Ronco

L’abitato di Altanca e la zona del Piora saranno raggiungibili dalla strada cantonale Piotta-Altanca
Mendrisiotto
6 ore

Trompe l’oeil, ‘non c’è stato nessuno sfregio’

L’amministratrice dell’azienda di Besazio reagisce all’interpellanza dell’AlternativA. ‘La procedura? Tutto in regola’
Luganese
6 ore

Savosa, ricevuta la nuova giudice del Tribunale federale

Nei giorni scorsi, il Municipio ha accolto e si è complimentato con la sua concittadina Federica De Rossa, dopo la prestigiosa nomina
Mendrisiotto
6 ore

Sacchi dei rifiuti meno cari a Morbio Inferiore

Il Municipio rivede il prezzo dei rotoli da 17 e 35 litri. L’Ordinanza modificata sarà in vigore dal gennaio 2023
Ticino
6 ore

Calo pernottamenti, Pianezzi: ‘Investire su tutte le stagioni’

Il presidente di Hotelleriesuisse Ticino commenta i dati comunicati oggi: ‘2021 irripetibile, ora bisogna cercare margini dove ci sono: autunno e inverno’
Luganese
7 ore

Lugano, accoltellamento Manor: l’accusa annuncia l’appello

Il Ministero pubblico della Confederazione si tiene aperta la possibilità di dichiarare l’appello una volta ricevuta la sentenza motivata scritta
Luganese
7 ore

Barbengo, le Officine Cameroni celebrano sessant’anni

L’azienda, nel piazzale della sede, ha voluto condividere la ricorrenza con alcuni politici e ha omaggiato tre collaboratori storici
Mendrisiotto
7 ore

Risparmio energetico, il basso Mendrisiotto spegne la luce

I quattro Comuni serviti dall’Age Sa adottano misure per abbattere i consumi. Tra queste, spicca la rinuncia alle luminarie natalizie
Mendrisiotto
8 ore

‘Un giovedì da leoni’ a sostegno di tre associazioni

L’evento è stato organizzato dai quattro club di servizio del Mendrisiotto (Lions, Rotary, Kiwanis e Soroptimist International) e si è tenuto a maggio
Locarnese
8 ore

L’illuminazione pubblica non si può spegnere neanche volendo

‘No’ del Cantone, per motivi di sicurezza, alla proposta di Ses ai 38 Comuni del suo comprensorio. Intanto l’azienda si impegna per il risparmio
Ticino
8 ore

Fiscalità e telelavoro dei frontalieri, ‘attiviamoci subito’

Un’interrogazione di Maderni (Plr) e Gendotti (Centro/Ppd) chiede di muoversi come fatto dalla Confederazione con la Francia
Locarnese
9 ore

Restauro del giardino del Papio, lavori a buon punto

Prevista una presentazione pubblica del progetto che ridarà splendore a uno dei rari esempi di ‘arredamento verde’ di stile borromaico
Locarnese
9 ore

Karate, riconoscimento europeo per il 7° Dan Mario Campise

Già organizzatore del Campionato del mondo a Locarno e di due Wuko Day, ha avvicinato in modo decisivo la disciplina ai disabili
Locarnese
9 ore

Apprendisti vodesi in visita all’Ida Foce Ticino a Gordola

Una sessantina fra apprendisti operatori di edifici e infrastrutture e addetti alle pulizie in viaggio di studio
Bellinzonese
9 ore

Da oggi a Bellinzona i castelli si spengono alle 22

Il Municipio ha deciso di introdurre da subito misure per risparmiare energia: illuminazione pubblica più fioca e massimo 20 °C negli uffici comunali
Locarnese
9 ore

Vita e arte di Pierre Casè, genesi di una biografia

Intervista allo scrittore Martino Giovanettina, che ha pubblicato un libro sul pittore e curatore di mostre locarnese
laR
 
26.11.2021 - 05:20
Aggiornamento: 18:01

Decisivo passo avanti per l’antenna Usi ad Airolo

Casa della sostenibilità: il Municipio chiede al Cc di concedere un credito di 2,9 milioni per acquisto e ristrutturazione dell’ex stabile della Posta

decisivo-passo-avanti-per-l-antenna-usi-ad-airolo
Ti-Press)
Lo stabile dismesso dal 2018 è ubicato a ridosso della stazione

«Una grande e prestigiosa opportunità per Airolo». Così il sindaco Oscar Wolfisberg commenta l’accordo raggiunto tra il Comune e la Posta per l’acquisto dello stabile situato di fronte alla stazione, di proprietà dell’ex regia federale che lo ha occupato fino al 2019: negli spazi dell’ex ufficio postale è prevista la nascita dell’antenna dell’Università della Svizzera italiana (Usi), una struttura ricettiva finalizzata a ospitare gruppi di studenti per seminari incentrati sul tema della sostenibilità. A circa due anni dall’inizio degli approfondimenti con il Gigante giallo – supportati dall’Usi, dall’Ente regionale di sviluppo e dallo studio di fattibilità affidato allo studio di architettura e ingegneria civile locale –, negli scorsi giorni il Municipio ha licenziato due messaggi municipali che chiedono al Consiglio comunale – convocato in seduta il prossimo 20 dicembre – di concedere complessivamente un credito di 2,9 milioni di franchi: 450mila per l’acquisto dell’edificio e i rimanenti 2,45 milioni per gli interventi di ristrutturazione e l’inserimento dei nuovi contenuti. L’investimento potrà beneficiare di un importante sussidio da parte del Cantone, con il Municipio che punta a ricevere altri contributi da enti e fondazioni disposti a sostenere il progetto. Per l’utilizzo l’Usi verserà in futuro un affitto al Comune (la cifra è ancora da definire) e avrà il compito di occuparsi della gestione della struttura.

Arriveranno all’incirca 500 studenti ogni anno

Ciò che si prevede di realizzare ad Airolo è una Casa della sostenibilità orientata, in un contesto alpino come quello del Gottardo, allo sviluppo sostenibile: dai cambiamenti climatici alla produzione di energia, dai trasporti al turismo, fino all’aspetto della biodiversità e dell’architettura paesaggistica. L’obiettivo dell’Usi – “chiamata a svolgere il proprio ruolo nella sensibilizzazione allo sviluppo sostenibile” – non sarà quello di formare degli specialisti, ma fornire agli studenti un’esperienza per accrescere la loro sensibilità verso questa tematica, indipendentemente dalla facoltà di studi. «È previsto che gli studenti iscritti al secondo anno di Bachelor faranno un corso obbligatorio di due giorni e mezzo – spiega il sindaco –. Stimiamo che arriveranno ad Airolo all’incirca 500 giovani all’anno». Si prevede che la struttura potrà essere sfruttata dall’Usi anche per altre attività (come il Servizio Sport), così come potrà essere utilizzata da enti e associazioni locali. Ci sarà infine la possibilità di allestire esposizioni e organizzare eventi culturali.

Alta Leventina esempio virtuoso di sostenibilità

Oltre al prestigio di avere un’antenna universitaria sul territorio comunale, Wolfisberg sottolinea l’aspetto virtuoso e innovativo di una simile iniziativa: «Airolo potrà essere riconosciuto non più solo come un luogo periferico, ma come un paese che contribuisce alla formazione dei giovani. Inoltre, la presenza di studenti, professori e ricercatori potrebbe favorire una collaborazione per lo sviluppo di nuovi progetti sul territorio e contribuire così allo sviluppo della regione». Una regione «particolarmente adatta per questa iniziativa», aggiunge il sindaco, ricordando come il Rettorato dell’Usi abbia da subito individuato nell’Alta Leventina un esempio virtuoso di sostenibilità tenendo conto del Parco eolico e dei numerosi progetti avviati dal Municipio di Airolo (Comune certificato Città dell’energia nel 2020) puntando sull’efficienza energetica (l’ultimo in ordine di tempo la rete di teleriscaldamento dotata di nuova centrale termica alimentata a cippato di legno indigeno che peraltro alimenterà anche la Casa della sostenibilità). Non sono poi da meno gli aspetti legati alla biodiversità (di particolare interesse risulta la regione della Val Piora con la Fondazione del Centro di biologia alpina) e all’architettura paesaggistica (progetto di risanamento ambientale del fondovalle di Airolo). Tutti elementi che gli studenti dell’ateneo potranno toccare con mano e osservare da vicino, con la possibilità di instaurare interessanti collaborazioni, durante i soggiorni in Alta Leventina.

Progetto in sinergia con il paese

All’interno dello stabile – costruito negli anni 50 e che presenta una volumetria di circa 3’500 metri cubi – si profilano uno spazio modulabile per seminari didattici, un refettorio, una cucina, un dormitorio suddiviso in più camere con 25 posti letto, un magazzino per il deposito di materiale, un essiccatoio e una lavanderia. «L’idea – spiega Wolfisberg – è quella di creare delle sinergie tra la Casa della sostenibilità e gli altri stabili pubblici di Airolo, e penso in particolare alla possibilità di organizzare conferenze e altri eventi al Salone Olimpia, all’Infocentro del secondo tubo della galleria autostradale del San Gottardo e alla casa patriziale. Un altro obiettivo è quello di permettere agli esercizi pubblici di Airolo di trarre vantaggio dalla presenza degli studenti in paese». Se il Consiglio comunale darà il via libera al credito per il progetto (che dovrà comunque essere avallato dall’Usi), l’inizio dei lavori è ipotizzato per la prossima primavera. «Se tutto filerà liscio – conclude il sindaco – prevediamo di inaugurare la Casa della sostenibilità nell’autunno del 2023».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved